l-ostello-di-scudellate-e-pronto-per-nuove-sfide
Una veduta del paese dall'alto (Archivio Ti-Press)
Mendrisiotto
01.09.2021 - 11:450
Aggiornamento : 05.09.2021 - 15:59

L'ostello di Scudellate è pronto per nuove sfide

Terminati i lavori di ristrutturazione dell'edificio, che fa parte del progetto ‘albergo diffuso del Monte Generoso’

Sono terminati gli importanti lavori di ristrutturazione all'ostello di Scudellate, in valle di Muggio. Il cantiere è durato oltre un anno è ha permesso di mettere a nuovo un edifico che è anche un pezzo di storia per la regione. Edificato nel 1907, l'ostello ha ospitato per alcune decine d'anni una scuola e un asilo, per essere poi trasformato dalla società Pro Asilo Infantile in una struttura per l'accoglienza a partire dal 1982. La necessità di una ristrutturazione è apparsa necessaria nel 2018, quando i promotori del progetto ‘albergo diffuso Monte Generoso’ hanno avviato le discussioni con i propietari dell'immobile per integrarlo nell'iniziativa. Un suo recupero, insieme a quello dell'osteria Manciana (riaperta da qualche settimana), è infatti apparso subito un tassello fondamentale. Per questo motivo nel 2019 è stata costituita la Fondazione per la salvaguardia dell'alta valle di Muggio. Lo scorso mese di luglio è inoltre stata lanciata una campagna di crowfunding, con il duplice obiettivo di sensibilizzare e raccogliere fondi. Oltre 70 persone hanno donato, a testimonianza di quanto la popolazione sia sensibile al tema. La ristrutturazione ha avuto particolare attenzione alla sostenibilità e all'utilizzo di energie rinnovabili. La facciata esterna è stata rinnovata con un fresco tinteggio, al piano terra si trovano spazi per momenti conviviali mentre al piano superiore ci sono tre ampie camere da letto con tre letti a castello in ognuna. In un'altra stanza ci saranno 4 posti letto, con bagno e terrazza personali. Inoltre è stata integrata la struttura della vecchia Coop, dove oggi si trovano bagni e docce separate al primo piano e ampie cantine al pian terreno. 

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved