ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
2 ore

Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole

Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
4 ore

Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’

A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
4 ore

Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’

La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
5 ore

Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’

Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
5 ore

Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione

Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Mendrisiotto
5 ore

‘Goccia a goccia’, i primi vent’anni di Espérance Acti

Il documentario che testimonia l’attività dell’associazione di Balerna verrà presentato il 14 e 15 ottobre alla Torre dei Forni
Luganese
5 ore

Campo Marzio nord di Lugano, avviato l’iter senza variante di Pr

Polo turistico e congressuale: il Municipio chiede 306’000 franchi e la revoca della modifica pianificatoria votata dal Consiglio comunale nel 2017
Bellinzonese
5 ore

Pecore moribonde: ‘Chi avrebbe dovuto tutelare la loro salute?’

I Verdi (primo firmatario Marco Noi) interrogano il Consiglio di Stato in merito al gregge abbandonato a se stesso in zona diga del Lucendro
Locarnese
5 ore

Da ‘Stranociada a Strarisotada’, sempre di successo si tratta

Lasciata alle spalle (si spera) la pandemia, archiviata un’edizione 2022 gettonatissima dalla popolazione, si prepara il futuro dell’evento
Luganese
6 ore

Lugano, lotta alla povertà in tempi di crisi

Simposio con la Federazione delle Ong della Svizzera italiana sabato 22 ottobre nell’auditorio dell’Usi
Luganese
6 ore

Lugano, condividere e conoscere per progettare insieme

Il 25 ottobre al Palazzo dei Congressi un incontro promosso da Autismo Svizzera italiana e Fondazione Ares
Luganese
6 ore

Alambicco in funzione nel nucleo di Astano

La tradizionale sagra sarà proposta sabato 8 ottobre. Ad animare la giornata anche bancarelle, una mostra e l’alambicco in funzione
Locarnese
6 ore

Locarno, incontro in mediateca

Il primo del nuovo ciclo dedicato all’inconoscibilità. Relatore: il filosofo Raffele Scolari
laR
 
17.08.2021 - 05:15
Aggiornamento: 12:38

Il trasporto pubblico fa passi avanti. ‘Il nodo InterCity no’

Sul dossier dei treni a lunga percorrenza Astuti è delusa: ‘Siamo rimasti al palo’. Da cambiare è il ruolo del Distretto nella mappa della rete nazionale

il-trasporto-pubblico-fa-passi-avanti-il-nodo-intercity-no
'Non siamo un'appendice di Lugano' (Ti-Press)

Il Mendrisiotto non ci sta a fare la parte della Cenerentola. Neanche quando si tratta di politica della mobilità. Eppure è facile lasciarsi prendere da quella sindrome. Soprattutto ora che a livello cantonale si è lanciata una robusta campagna per convincere i cittadini ticinesi a passare al trasporto pubblico - se ancora non lo utilizzano - o a tornare alle vecchie buone abitudini, qualora le avessero perse per strada (ai tempi del Covid-19). L'invito esplicito è a provare per credere: farlo, del resto, non costa nulla (per davvero: https://www.trasportopubblico.ch/). Mai come ora il territorio cantonale è stato servito in modo efficace tanto su gomma che su rotaia - festivi e serate inclusi -; e ciò grazie alle riorganizzazioni e agli investimenti messi in campo e alla galleria ferroviaria del Ceneri che ha accorciato le distanze tra Sotto e Sopraceneri. Ed è qui la nota dolente agli occhi dei momò, che si sono sentiti tagliati fuori dai collegamenti a lunga percorrenza. Tant'è che nell'estate del 2020 istituzioni e forze politiche locali hanno deciso di fare fronte comune per dare voce alle rivendicazioni del Distretto. A un anno di distanza, però, nulla è cambiato.

‘Il Distretto merita un altro ruolo’

«In effetti, sul tema degli InterCity e degli EuroCity si sta discutendo dall'estate scorsa - conferma a 'laRegione' Fabio Canevascini, presidente di Astuti, l'Associazione ticinese utenti dei trasporti pubblici -. Ma al momento siamo al palo. Il nodo resta lo stesso: il Mendrisiotto non è una appendice di Lugano». Sui documenti, però, i poli della regione - Chiasso e Mendrisio - sono considerati dei 'centri minori'. Su questo punto il Progetto territoriale Svizzera parla chiaro. Di conseguenza o si interviene, modificando di fatto la collocazione dell'agglomerato a sud del Ponte diga di Melide, o da queste parti ci si dovrà accontentare di essere considerati una periferia. «Ed è proprio quello che non vogliamo», ribadisce il presidente di Astuti, il quale confessa di avere il sospetto che non vi sia l'intenzione di correggere la prospettiva. «Anche se - rilancia ancora - il concetto di base da cui si è partiti è sbagliato». Ecco perché l'Associazione avrebbe sperato di potersi sedere al tavolo di lavoro tematico - sui treni a lunga percorrenza, appunto - a cui partecipano rappresentanti delle Ffs, del Cantone e dell'Ufficio federale dei trasporti. Invece, ci fa sapere Canevascini, «la nostra richiesta non è stata accolta». Così non è rimasto che marcare stretto chi è parte del Gruppo.

‘Non parliamo di disservizio’

Negli uffici della Sezione della mobilità, al Dipartimento del territorio, l'obiettivo adesso è portare utenti al trasporto pubblico. L'auspicio, come ci mette a parte il responsabile Mirco Moser, è quello di veder crescere i numeri. La tendenza attuale? I passeggeri sono in ripresa dopo l'emergenza sanitaria, anche se il dato è ancora parziale. «La fiducia di tornare alla situazione precedente al Covid e di compiere dei passi avanti non manca», ci dice. Anzi, al Dt si confida di recuperare terreno prima del 2024, orizzonte ventilato a livello federale.

E per la situazione nel Mendrisiotto c'è un rimedio? «Premesso che la soluzione va individuata a un altro livello - in gioco ci sono pure Ferrovie e autorità federale, ndr -, da parte nostra - ci assicura - ci siamo fatti carico della tematica e del suo approfondimento. In ogni caso - tiene a ribadire Moser -, non si può parlare di un disservizio. Infatti, ogni ora ci sono cinque convogli che viaggiano verso Lugano, dove è possibile salire sugli InterCity, Insomma, basta cambiare treno. Situazioni analoghe si trovano in Ticino come in Svizzera: si tratta di un concetto acquisito». Per il caposezione, quindi, «l'offerta è più che buona. Su ciò che avverrà in futuro, lasciamoci sorprendere».

Sta di fatto che l'Astuti si attende molto di più. Sentir parlare di 'concetto acquisito' risulta alquanto indigesto all'Associazione. L'impressione, ammette Canevascini, è che se la tratta sud fosse redditizia, i problemi sarebbero già stati superati. Sullo stato dell'arte sulla rotta dei treni a lunga gittata, poi, chiosa, «ci siamo dati una spiegazione: si intende tutelare il bacino di utenti che fa capo alla rete Tilo, di competenza cantonale».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved