ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

Lavori forestali, nelle selve degli appalti

Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
3 ore

Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’

Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
9 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
10 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
12 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
12 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
13 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
13 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
13 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
13 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
14 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
14 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
27.07.2021 - 17:53
Aggiornamento: 19:50

Licenziamenti alla Burberry, bocche cucite sulle trattative

Sindacati soddisfatti che si sia avviato un dialogo. I contenuti delle discussioni restano però segreti nell'interesse dei lavoratori coinvolti.

licenziamenti-alla-burberry-bocche-cucite-sulle-trattative
L'arrivo di Giorgio Fonio, Ocst (Ti-Press/Pablo Gianinazzi)

Non trapelano informazioni dopo il primo incontro, tra i sindacati (Unia e Ocst) e i rappresentanti della Burberry, in merito al licenziamento collettivo previsto presso i due punti vendita al Fox Town di Mendrisio. Le parti si sono trovate questa mattina presso la sede dell'Ocst, a Lugano. Oggetto della discussione i 15 tagli che l'azienda vorrebbe effettuare al personale, composto attualmente da 35 collaboratori. Stando a nostre informazioni, inoltre, si tratterebbe d'impiegati da diversi anni al servizio del noto marchio di moda britannico. «Le discussioni sono state avviate e questo è senza ombra di dubbio un primo punto positivo – ha affermato al termine del confronto Giorgio Fonio, segretario regionale Ocst Mendrisiotto –. In merito a quanto è stato discusso invece preferiamo non esprimerci. La trattativa è ancora in corso e per tutelare gli interessi dei lavoratori rinviamo ogni giudizio a quando sarà trovato un accordo». Una fumata bianca che non sembra comunque essere prevista in tempi brevi, gli stessi che avevano invece portato dalla mancata apertura dei negozi avvenuta lunedì mattina a un primo colloquio tra le parti stamane. «La prossima tappa sarà quella di confrontarci con i lavoratori e le lavoratrici. A fissare il ritmo di marcia della trattativa non sono i sindacati, ma i collaboratori e le collaboratrici coinvolti nella vicenda», ha invece dichiarato Giangiorgio Gargantini, segretario regionale di Unia per la regione Ticino e Moesano. Già domani è previsto un incontro tra i sindacati e i dipendenti per fare il punto della situazione e decidere quali sono i prossimi passi da intraprendere. 

Incontro a distanza

Il primo colloquio, a cui sicuramente ne seguiranno altri, si è tenuto a distanza. Presenti presso l'edificio di via Serafino Balestra vi erano infatti solo i sindacati e i rappresentanti legali dell'azienda. I responsabili di Burberry erano invece collegati da remoto. Al termine dell'incontro, durato circa tre ore, gli avvocati del marchio con sede centrale a Londra hanno fatto sapere che avrebbero dovuto consultarsi con i propri assistiti prima di rilasciare dichiarazioni alla stampa. Una presa di posizione che non ci è però stata fatta pervenire. 

‘Incontro franco’

Si è invece potuto capire quali sono stati i toni utilizzati durante il faccia a faccia tra chi si è seduto al tavolo della discussione. «Il confronto è stato lungo e franco. Era importante per noi poter incontrare fisicamente un rappresentante dell'azienda e parlare guardandoci negli occhi. Il percorso ora si concentra sul poter evitare il maggior numero possibile di disagi ai lavoratori», ha commentato Fonio. Non è invece ancora il momento per sbilanciarsi su quale piega potranno prendere le discussioni in futuro. «Al momento è presto per dare un giudizio sulla trattativa. In ogni caso questo genere di valutazioni vanno fatte dai lavoratori e non dai sindacati», ha proseguito Gargantini.

Braccio di ferro

La vicenda, va ricordato, era cominciato lo scorso 28 giugno quando ai dipendenti era stata comunicata da parte dell'azienda l'intenzione di ridurre il personale. Una misura, avviata attraverso l'apertura di una procedura di consultazione a seguito di un possibile licenziamento collettivo, che aveva subito fatto intervenire i sindacati. A loro era stato infatti dato incarico da parte dei lavoratori d'intavolare una discussione con l'azienda. La mancanza di dialogo, denunciata da parte di Unia e Ocst attraverso un comunicato, ha raggiunto il suo apice lo scorso venerdì quando il brand ha comunicato la conclusione della procedura attraverso una mail fatta recapitare ai dipendenti. Da qui la conseguente mancata apertura dei due negozi avvenuta ieri per forzare la mano e aprire una trattativa. Una mossa che si è rivelata vincente e ha permesso di arrivare ora a un dialogo che, si spera, possa risolversi positivamente. 

Leggi anche:

‘Abbiamo una trattativa’, Burberry rialza le serrande

Mendrisio, Burberry licenzia. A rischio 15 posti di lavoro

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved