Losanna
0
Young Boys
2
1. tempo
(0-2)
SC Kriens
0
Yverdon-sport Fc
1
1. tempo
(0-1)
Salernitana
0
Verona
1
1. tempo
(0-1)
Spezia
0
Juventus
0
1. tempo
(0-0)
JANVIER M. (FRA)
STRICKER D. (SUI)
19:10
 
licenziamenti-alla-burberry-bocche-cucite-sulle-trattative
L'arrivo di Giorgio Fonio, Ocst (Ti-Press/Pablo Gianinazzi)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
13 min

Film, degustazione e dibattito sulla caccia ad Augio

Appuntamento per sabato 9 ottobre dalle 17 al ristorante La cascata. Sarà proiettato il documentario di Mario Theus ‘Wild- Cacciatore & raccoglitore’
Luganese
37 min

Lugano, fece perdere tanti soldi a un’amica: condannato

Dieci mesi di prigione sospesi per due anni a un 78enne ritenuto colpevole di truffa. In fumo 340’000 euro versati a una società nel frattempo fallita
Bellinzonese
52 min

Quartiere Officine, è la Città ad aver chiesto i terreni

Insieme al Cantone ha sollecitato le Ffs affinché riconosca un diritto di prelazione per eventuali bisogni scolastici, o di ricerca, d’ordine terziario
Bellinzonese
52 min

Case di vacanza, puntare sui rustici per soddisfare la domanda

Con un marchio distinto, una piattaforma rinnovata e un contributo finanziario l’Otr-Bat vuole incentivare la messa in affitto di questo tipo di abitazioni
Mendrisiotto
1 ora

Cambia la viabilità nel cuore di Chiasso

In vista del nuovo assetto viario, il 4 ottobre inizierà un importante cantiere legato alle sottostrutture nel comparto di via Livio
Luganese
1 ora

‘Non conoscevo bene i leasing’, condannato venditore di auto

A un cittadino svizzero sono invece stati inflitti 3 anni, di cui 6 mesi da scontare, per aver collaborato in una truffa di oltre 1 milione e mezzo di euro
Ticino
1 ora

Scuola, ‘i livelli creano più problemi che soluzioni’

Bertoli si esprime sulla proposta, posta oggi in consultazione, di sostituire in terza media i corsi A e B con laboratori a classi dimezzate
Ticino
1 ora

Permessi di soggiorno, una prassi più lasca

Il criterio del centro di interessi non è prevalente. Per il Tribunale federale conta la presenza continuativa dello straniero Ue sul territorio
Mendrisiotto
1 ora

Colonne di Tir sull’A2, il tema rimbalza a Berna

A sollevare la questione davanti al Consiglio federale è il deputato Ppd Marco Romano nel solco di due interrogazioni Plr a Chiasso e Mendrisio
Ticino
2 ore

Ricerca con l’Eoc su anticorpi anomali nei decessi per Covid-19

Lo studio chiarisce le cause che portano alcuni pazienti a presentare decorsi molto gravi o letali
Locarnese
2 ore

Brissago, ultimo tiro obbligatorio

Allo stand di Piodina sabato si spara dalle 14 alle 17. Organizzano i Tiratori delle Isole
Locarnese
2 ore

Dal Consiglio nazionale ‘ok’ al credito per il Cst Tenero

Tra i progetti della Confederazione a favore dello sport anche quello da 91,8 milioni per il Centro sportivo di nuoto nel Locarnese
Mendrisiotto
27.07.2021 - 17:530
Aggiornamento : 19:50

Licenziamenti alla Burberry, bocche cucite sulle trattative

Sindacati soddisfatti che si sia avviato un dialogo. I contenuti delle discussioni restano però segreti nell'interesse dei lavoratori coinvolti.

Non trapelano informazioni dopo il primo incontro, tra i sindacati (Unia e Ocst) e i rappresentanti della Burberry, in merito al licenziamento collettivo previsto presso i due punti vendita al Fox Town di Mendrisio. Le parti si sono trovate questa mattina presso la sede dell'Ocst, a Lugano. Oggetto della discussione i 15 tagli che l'azienda vorrebbe effettuare al personale, composto attualmente da 35 collaboratori. Stando a nostre informazioni, inoltre, si tratterebbe d'impiegati da diversi anni al servizio del noto marchio di moda britannico. «Le discussioni sono state avviate e questo è senza ombra di dubbio un primo punto positivo – ha affermato al termine del confronto Giorgio Fonio, segretario regionale Ocst Mendrisiotto –. In merito a quanto è stato discusso invece preferiamo non esprimerci. La trattativa è ancora in corso e per tutelare gli interessi dei lavoratori rinviamo ogni giudizio a quando sarà trovato un accordo». Una fumata bianca che non sembra comunque essere prevista in tempi brevi, gli stessi che avevano invece portato dalla mancata apertura dei negozi avvenuta lunedì mattina a un primo colloquio tra le parti stamane. «La prossima tappa sarà quella di confrontarci con i lavoratori e le lavoratrici. A fissare il ritmo di marcia della trattativa non sono i sindacati, ma i collaboratori e le collaboratrici coinvolti nella vicenda», ha invece dichiarato Giangiorgio Gargantini, segretario regionale di Unia per la regione Ticino e Moesano. Già domani è previsto un incontro tra i sindacati e i dipendenti per fare il punto della situazione e decidere quali sono i prossimi passi da intraprendere. 

Incontro a distanza

Il primo colloquio, a cui sicuramente ne seguiranno altri, si è tenuto a distanza. Presenti presso l'edificio di via Serafino Balestra vi erano infatti solo i sindacati e i rappresentanti legali dell'azienda. I responsabili di Burberry erano invece collegati da remoto. Al termine dell'incontro, durato circa tre ore, gli avvocati del marchio con sede centrale a Londra hanno fatto sapere che avrebbero dovuto consultarsi con i propri assistiti prima di rilasciare dichiarazioni alla stampa. Una presa di posizione che non ci è però stata fatta pervenire. 

‘Incontro franco’

Si è invece potuto capire quali sono stati i toni utilizzati durante il faccia a faccia tra chi si è seduto al tavolo della discussione. «Il confronto è stato lungo e franco. Era importante per noi poter incontrare fisicamente un rappresentante dell'azienda e parlare guardandoci negli occhi. Il percorso ora si concentra sul poter evitare il maggior numero possibile di disagi ai lavoratori», ha commentato Fonio. Non è invece ancora il momento per sbilanciarsi su quale piega potranno prendere le discussioni in futuro. «Al momento è presto per dare un giudizio sulla trattativa. In ogni caso questo genere di valutazioni vanno fatte dai lavoratori e non dai sindacati», ha proseguito Gargantini.

Braccio di ferro

La vicenda, va ricordato, era cominciato lo scorso 28 giugno quando ai dipendenti era stata comunicata da parte dell'azienda l'intenzione di ridurre il personale. Una misura, avviata attraverso l'apertura di una procedura di consultazione a seguito di un possibile licenziamento collettivo, che aveva subito fatto intervenire i sindacati. A loro era stato infatti dato incarico da parte dei lavoratori d'intavolare una discussione con l'azienda. La mancanza di dialogo, denunciata da parte di Unia e Ocst attraverso un comunicato, ha raggiunto il suo apice lo scorso venerdì quando il brand ha comunicato la conclusione della procedura attraverso una mail fatta recapitare ai dipendenti. Da qui la conseguente mancata apertura dei due negozi avvenuta ieri per forzare la mano e aprire una trattativa. Una mossa che si è rivelata vincente e ha permesso di arrivare ora a un dialogo che, si spera, possa risolversi positivamente. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved