salvati-dalle-ruspe-cimeli-delle-ptt-danno-vita-a-un-museo
Tutta la soddisfazione di Kurt Baumgartner (Ti-Press/Benedetto Galli)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
3 ore

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
4 ore

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
4 ore

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
4 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
4 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
5 ore

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
5 ore

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
5 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
Locarnese
5 ore

Teatro Scintille, ‘Mille e una notte’ a Locarno

La rappresentazione è prevista nel giardino del Centro Sant’Antonio
Locarnese
5 ore

Festa patronale a Frasco, in Verzasca

Messa, processione e incanto dei doni
Mendrisiotto
6 ore

Ligornetto, binomio di poesia e musica antica al Museo Vela

Sabato 27, si terrà una serata dedicata al dialogo tra parola e suono dell’arte antica con Luca Pianca alla trioba e con Marcel Dupertuis e i propri poemi
22.07.2021 - 18:05
Aggiornamento: 18:38

Salvati dalle ruspe, cimeli delle Ptt danno vita a un museo

La Galleria Baumgartner ha inaugurato un'esposizione permanente dedicata agli oggetti che hanno segnato l'epopea del ‘Gigante giallo’.

Conoscere il mondo della Posta attraverso gli oggetti che per anni ne hanno fatto la storia. Con questo scopo è stato inaugurato oggi alla Galleria Baumgartner di Mendrisio un museo dei ricordi per rivivere l'epopea del ‘Gigante giallo’. «È un grande piacere poter offrire al pubblico un'esposizione di questo tipo, unica nel suo genere alle nostre latitudini. La storia delle Ptt, come amano chiamare la Posta ancora oggi tante persone, è infatti un capitolo importante della nostra società al quale sono personalmente molto affezionato», ha affermato il direttore Kurt Baumgartner a margine di un incontro con la stampa che ha preceduto il simbolico taglio del nastro. L'esposizione, che sarà permanente, occupa gli spazi della sala Monte Morello al primo piano della Galleria, che quest'anno festeggia il ventennale dalla sua inaugurazione. Al suo interno sono stati collocati oltre cinquecento oggetti, di varie epoche e dimensioni, tutti legati al mondo delle ‘Poste telefoni e telegrafi’. Per tutti, semplicemente, ‘Ptt’. 

‘Salvati dalle ruspe’

Ora finalmente in un posto che ne riconosce il giusto valore, i cimeli esposti hanno vissuto il pericolo di finire persi o addirittura distrutti. «Il materiale proviene in gran parte dalla Posta centrale di Lugano ed è stato raccolto negli anni da Peter Lüthi, un funzionario ora in pensione nostalgico delle vecchie cose. È stato infatti Peter, quando negli anni novanta lo storico palazzo delle Ptt fu venduto ai privati e sottoposto a ristrutturazioni, a salvare dalle ruspe e dalle benne numerosi oggetti storici che altrimenti sarebbero scomparsi». La collezione può quindi oggi contare su apparecchi, documenti, fotografie, uniformi e archivi. Cimeli che, oltre a un grande valore affettivo, ricoprono anche un ruolo didattico. «Figure come ‘il postiglione’ oggi non esistono più e magari non sono note alle generazioni più giovani. La loro funzione sociale è stata però importante per la nostra comunità. Documenti e foto possono inoltre rivelarsi utili a chi è interessato a fare ricerca», spiega Baumgartner. Per questo motivo il museo è stato voluto con un marcato approccio didattico, sono infatti presenti ben sette pannelli illustrativi che ripercorrono la storia del servizio postale sul nostro territorio, dai suoi albori sino a oggi. 

‘Nostalgia e rispetto’

A prendere la parola tra i vari oggetti ‘ingialliti’, dove il giallo non è però frutto dello scorrere del tempo, è stato anche il portavoce della Posta Marco Scossa: «Provo una certa emozione nel visitare queste stanze così ricche di storia. È la Posta di ieri che ha fatto quella di oggi, l'esposizione ci rende inoltre attenti su quanto sia importante avere un contatto diretto con la nostra utenza e stare al passo con i cambiamenti». Una storia, quelle delle Ptt e dell'odierna Posta, che continua ininterrottamente da 174 anni. «Ovviamente tutti i ricordi portano una certa nostalgia. Sta a noi trasformare l'energia che trasmettono gli oggetti esposti in stimolo per guardare avanti con impegno e fiducia». Durante la conferenza stampa si è messo l'accento anche sul carattere inovvatore della Posta. Sono infatti esposti biglietti per il trasporto passeggeri, vecchi di diverse decine d'anni, che proponevano già ai tempi il pacchetto composto da viaggio e soggiorno. «In poche parole, quello che è oggi il ‘Ticino ticket’». 

Un libro celebrativo

Per Kurt Baumgartner quella del collezionismo è una vera e propria passione, cresciuta negli anni e destinata a durare nel tempo. «Per alcune persone determinati oggetti possono magari sembrare inutili e privi di valore. Non è così per i collezionisti. Cimeli, ma anche documenti cartacei, nascondono al loro interno una storia che va tutta scoperta e ricostruita. Qual'è l'origine di un oggetto? A cosa è servito? Per quanto è stato utilizzato? Sono tutte domande alle quali non so resistere dal cercare di dare una risposta». Lo stesso direttore della Galleria è anche autore del libro ‘Ptt - il museo dei ricordi’ appena pubblicato, che funge sia da spiegazione che da guida all'esposizione. 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
galleria baumgartner kurt baumgartner marco scossa mendrisio peter lüthi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved