in-ricordo-di-patrizia-zanini-la-postina-di-morbio-superiore
Patrizia Zanini
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

Pandemia, sette persone in più negli ospedali ticinesi

Due in più nei reparti di cure intensive. Stabile il numero di nuovi casi nelle ultime 24 ore: aumentati di quattro unità (1’266)
Luganese
4 ore

‘Campione era un deserto. Ora è tornato il sorriso in paese’

Reportage dall’enclave a due giorni dalla riapertura del casinò. E intanto l’amministratore delegato Ambrosini: ‘Debiti rimborsati entro cinque anni’.
Mendrisiotto
8 ore

Il sacerdote denunciato torna a dire messa

Anche se l’inchiesta è ancora in corso, il vescovo Lazzeri ha ritenuto che ci sono i presupposti per il ritorno, nel fine settimana, in parrocchia
Locarnese
8 ore

Ronco s/Ascona: e vissero tutti felici e contenti

Col progetto ‘Comune sano’ lanciato dalla Confederazione, il Municipio intende migliorare la qualità della vita e soddisfare le aspettative dei cittadini
Ticino
8 ore

Sergi: ‘Livelli, il no all’emendamento è stato coerente’

I tre voti contrari alla sperimentazione dell’Mps sono stati decisivi. Il coordinatore ribatte colpo su colpo alle accuse da sinistra: serve vera riforma
Ticino
16 ore

Antonini colpevole di uno solo dei tre reati prospettati

L’ex comandante delle Guardie di confine, ‘licenziato prima che si giungesse a una sentenza’, è stato condannato per falsità in documenti
Ticino
18 ore

La Lega: è giunta l’ora di abolire le restrizioni

‘La situazione pandemica è sotto controllo, quella economica è invece preoccupante’. Mozione urgente al Consiglio di Stato
21.07.2021 - 14:410
Aggiornamento : 17:27

In ricordo di Patrizia Zanini, la postina di Morbio Superiore

La Valle di Muggio si congeda da una figura molto conosciuta. Il ricordo di una vicina di casa e amica

a cura de laRegione

È passata qualche settimana dalla prematura scomparsa di Patrizia Zanini, la Postina di Morbio Superiore e Sagno, ma nella comunità il ricordo e il cordoglio sono più vivi che mai. “La si sentiva arrivare annunciata spesso dalla sua risata argentina – la ricorda Mariella Tagliabue –. Aveva il contatto facile, era svelta e precisa e amava tanto il suo lavoro. Nell’ultimo anno aveva sofferto tanto di non poter più andare di casa in casa, ma qualche volta aveva dato una mano alla Patti (una delle sue colleghe) a distribuire la posta nel nostro quartiere”. La malattia l’aveva già colpita duramente qualche anno fa, “ma lei era riuscita a sconfiggerla e tornare al lavoro come prima. L’anno scorso di nuovo all’improvviso, il ricovero in ospedale, un intervento delicato e difficile, ma la settimana successiva era di nuovo a casa sua e poi grazie alle terapie pesanti e impegnative che aveva affrontato con grande coraggio, era rinata come fenice dalle ceneri e aveva ripreso a dedicarsi alle attività quotidiane e al suo giardino”. Mariella Tagliabue ricorda di avere conosciuto Patrizia “dieci anni fa, quando sono tornata a vivere nel Mendrisiotto”. E non solo per il suo lavoro di postina. “Era anche la mia vicina di casa e siamo diventate amiche. Nel corso dell’anno scorso ho avuto un paio di incidenti che mi hanno limitata nei movimenti e lei mi ha generosamente aiutata. Era curiosa e desiderosa di capire e d'imparare cose nuove, le piaceva il fatto che io fossi maestra e ci scambiavamo riflessioni sul significato delle parole e su tanti argomenti che le interessavano a tutto tondo. Mi piaceva tanto la sua parlata che tradiva le sue origini toscane, diceva il ‘babbo’ riferendosi al papà delle sue figlie e i suoi nipotini chiamano il loro, babbo. Alcuni suoi modi di dire mi facevano sorridere, spesso diceva “Io, alla mi nonna le avrei portata l’acqua con le orecchie” e così ricordava la sua gratitudine incondizionata per la nonna che l’aveva cresciuta dopo la morte molto prematuro della sua mamma“. Patrizia Zanini “non ha avuto una vita facile e ha affrontato tante difficolta venendone fuori sempre a testa alta, con una tenacia incredibile. Mancherà molto a tutti”, conclude Mariella Tagliabue.

Anche Cristina, una delle figlie di Patrizia Zanini, ha voluto ricordare la mamma. «Quando eravamo piccole e lei lavorava anche il sabato mattina portando le lettere con il carrettino, se tardava la aspettavamo sul balcone – ci racconta –. Sentivamo la sua risata e riuscivamo a capire dove si trovava. Mia mamma adorava il suo lavoro, era la sua vita e non voleva andare in pensione».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved