SHAPOVALOV D. (CAN)
0
NADAL R. (ESP)
0
1 set
(2-5)
MIN Wild
8
MON Canadiens
2
fine
(2-1 : 3-0 : 3-1)
COL Avalanche
1
CHI Blackhawks
0
2. tempo
(0-0 : 1-0)
CAL Flames
7
STL Blues
1
2. tempo
(3-1 : 4-0)
covid-19-tanti-aiuti-poche-richieste-ma-il-distretto-regge
Si preferisce guardare al bicchiere mezzo pieno (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
7 ore

Pestaggio di Cadempino, slitta ancora il processo

Si sarebbe dovuto aprire domani alle 9.30. Il motivo è il medesimo del primo rinvio: uno dei sei imputati è risultato positivo al Covid.
Luganese
8 ore

Lugano, ‘i giovani vengono ascoltati’

Il Municipio assicura il loro coinvolgimento, mantiene attivi i canali di comunicazione e annuncia la possibile riattivazione del Parlamento
Mendrisiotto
8 ore

Mendrisio riapre lo Sportello energia

In presenza o a distanza per saperne di più su vettori e impianti efficienti e sul mercato
Bellinzonese
9 ore

‘Pensare in grande altrimenti la Bassa Leventina resterà debole’

Il sindaco di Pollegio Igor Righini ribadisce la contrarietà alla fusione. ‘Per contare davvero qualcosa serve un Comune unico delle Tre Valli’
Luganese
9 ore

Campione d’Italia, il casinò apre ai residenti

Venerdì pomeriggio alle 16 i residenti del Comune e i cittadini Aire potranno accedere alla casa da gioco che riaprirà mercoledì
Ticino
10 ore

‘BancaStato abbandoni gli investimenti nelle energie fossili’

Lo chiede il collettivo Campo Climatico che questa sera ha tenuto una breve manifestazione a Bellinzona davanti a Palazzo delle Orsoline
Luganese
10 ore

Aggregazione Malcantone est, Cademario in sala d’attesa

Si è risolto in un nulla di fatto l’incontro con il Dipartimento delle istituzioni: la palla torna ai Comuni di Aranno, Bioggio, Neggio e Vernate
Mendrisiotto
10 ore

Cataloghi civici di Mendrisio, ricorso al Consiglio di Stato

Il consigliere comunale Massimiliano Robbiani chiede di modificarli perché sono stati pubblicati incompleti
Bellinzonese
10 ore

Airolo-Lüina, un pomeriggio sugli sci rivolto ai più piccoli

TiSki e la Scuola Svizzera di Sci di Airolo-S. Gottardo hanno confermato per il 2 febbraio il Raiffeisen Kids Ski Day, nonostante lo scarso innevamento
Mendrisiotto
11 ore

Mendrisio, sedute commissionali anche a distanza

Il Municipio si dice favorevole. Ma prima di modificare il Regolamento comunale, si attenderanno le indicazioni cantonali
Locarnese
11 ore

Gordola, intervento alla rete causerà interruzione di corrente

Interruzione dell’erogazione energetica mercoledì 26 gennaio, dalle 8 alle 11.15 e dalle 13.15 alle 15
Ticino
11 ore

Cdm ad hoc: eletti Torricelli, Crivelli e Pezzati

Il parlamento ha designato tre dei quattro membri non togati del Consiglio della magistratura straordinario, dopo la ricusazione di quello in carica
Locarnese
11 ore

Brissago premierà i suoi giovani sportivi e artisti

Decisa l’assegnazione, annua, di un riconoscimento ai domiciliati e alle società che si distingueranno nella pratica di attività in questi ambiti
Locarnese
11 ore

Locarno diversifica le tasse per i proprietari di cani

I 100 franchi annui finora richiesti per tutte le razze rimangono solo per quelle soggette a restrizione. Sconti per tutti gli altri
Mendrisiotto
11 ore

Monte Generoso, quando si saprà l’ente gestore del parco?

Il deputato Matteo Quadranti chiede spiegazioni al Consiglio di Stato sulla tempistica di presentazione del messaggio atteso dal 2018
Locarnese
11 ore

Cugnasco-Gerra, lavori stradali e possibili disagi

Domattina, martedì 25 gennaio, il traffico veicolare potrebbe essere perturbato a causa di lavori
Luganese
11 ore

Lugano, legislativo diviso sui tempi delle risposte

Due rapporti contrastanti dalla Commissione delle petizioni sulla mozione intitolata “Anche gli atti parlamentari hanno un costo”
Grigioni
11 ore

Moesano, crescono i nuovi casi Covid ma non le ospedalizzazioni

Anche la regione grigionese ha registrato un aumento esponenziale dei contagi in particolare nel periodo dal Natale all’Epifania
20.07.2021 - 22:010

Covid-19: tanti aiuti, poche richieste. Ma il Distretto regge

Tanto all'Ente regionale per lo sviluppo che ai due poli sono giunte un numero esiguo di domande. Le ragioni? Pudore e poca informazione

Nel Mendrisiotto anche le istituzioni locali hanno fatto la loro parte. Con la pandemia da Covid-19 che minacciava piccoli commerci e microaziende, i Comuni e l'Ente regionale per lo sviluppo (Ers) si sono attivati per dare una rete di sicurezza al tessuto economico del Distretto. Da subito, accanto agli aiuti assicurati tanto a livello federale che cantonale, gli enti locali non solo hanno alleggerito i balzelli, mettendo in campo tutta una serie di misure puntuali - ancora operative -, ma hanno attinto altresì al fondo cassa per arrivare là dove altre prestazioni non potevano essere ridistribuite. Chi si aspettava la classica fila agli sportelli è stato, però, smentito. Sono davvero poche le richieste arrivate sul tavolo dei poli urbani - come Mendrisio - o dello stesso Ers nei mesi dell'emergenza pandemica e ancora meno sono i contributi staccati. Le ragioni? Chi ha toccato con mano la situazione ne ipotizza varie. C'è chi per pudore od orgoglio ha cercato di farcela con le sue sole forze; chi non rientrava nei criteri previsti; e chi non si è informato o l'ha fatto troppo tardi. I responsabili di settore preferiscono, comunque, vedere il bicchiere mezzo pieno e pensare che la nostra realtà imprenditoriale è sana.

Commercianti, due le richieste avallate dall'Ers

Certo, i timori che la crisi sanitaria potesse falcidiare anche le piccole imprese e i negozianti del posto c'era, eccome. Tant'è che l'appello salito dalla Società commercianti del Mendrisiotto (Scm) all'indirizzo dell'Ente regionale per lo sviluppo era dolente. Appello che non è rimasto inascoltato, sebbene i risultati della campagna di solidarietà lanciata a giugno e promossa dall'Ers a favore di questo settore siano stati, ammette la presidente Roberta Pantani Tettamanti, deludenti. «Accolto il suggerimento della Scm - spiega -, abbiamo stanziato un fondo di 200mila franchi per dare una mano a tutte quelle piccole realtà che non hanno potuto accedere ad altri aiuti». Con quale esito? «Sono state presentate dodici richieste; ne abbiamo accettate due», ci risponde la presidente. In totale il contributo concesso è stato di 6'700 franchi: la somma rimasta nelle casse dell'Ers sarà messa disposizione di altre iniziative o progetti. «In ogni caso, vogliamo leggere tutto ciò in modo positivo».

'Guardiamo al bicchiere mezzo pieno'

Agli occhi del direttore Claudio Guidotti, il numero ridotto di domande è la spia che gli aiuti attivati hanno funzionato. «D'altro canto - annota -, va detto che la sollecitazione dei Commercianti era stata abbastanza accorata: c'era il timore di essere lasciati soli. Andando alle cifre, c'è da chiedersi quale sia la reale situazione». Si è detto: dodici pratiche, due sole concessioni. Come ci si è spiegati questi dati? «In alcuni casi i commerci avevano già ricevuto altre forme di sovvenzione, in altri le attività non rientravano nei canoni di legge e nei parametri da noi fissati. Per essere chiari: alla fine ci è arrivato di tutto e di più».

Di fatto, Pantani Tettamanti ha ritrovato lo stesso scenario che si è presentato per la prestazione ponte Covid. «In quel caso a suo tempo a livello istituzionale ci aspettavamo un bel numero di richieste, in realtà non è stato così - ci illustra -. Chi aveva diritto a ricevere qualcosa, l'ha ricevuto. Ma non possiamo elargire aiuti in determinate circostanze, ad esempio se i titolari di una attività sono già al beneficio dell'Avs. Non possiamo sostenere chi non ottempera i criteri o a chi dichiara in tutta semplicità di non districarsi nella materia e dunque bussa alla nostra porta».

'Serviva l'aiuto di un professionista'

In effetti, le scarse competenze e la disattenzione hanno giocato un ruolo non secondario. Se ne è resa conto anche Agnès Pierret dal suo osservatorio dell'Ufficio sviluppo economico della Città di Mendrisio. «Si è vista una grossa differenza tra chi si è affidato a un fiduciario, dunque a un professionista, e chi ha fatto da sé. In questa situazione era necessario farsi guidare tra le varie prestazioni». D'altra parte, tanto Mendrisio che Chiasso erano pronti ad accompagnare pure su questo versante. Le richieste giunte a Mendrisio, comunque, sono state «pochissime», conferma Pierret. Sintomo, però, tiene a ribadire la responsabile, di una «grande dignità» delle piccole aziende che hanno cercato di far fronte alle difficoltà con le loro uniche forze.

Volendo tradurre questa analisi in numeri, come già riferito dallo stesso Municipio di Mendrisio, del milione di franchi ancorato a un fondo a sostegno delle microattività e del rilancio dell'economia è stato utilizzato solo il 21 per cento e in gran parte è stato destinato al finanziamento di buoni nell'ambito di 'MendrisioVIVA'. Ciò che conta, come fa notare la capo dicastero Economia, Francesca Luisoni, è che l'ente pubblico ha dimostrato di essere presente in un momento difficile per la comunità intera.

Commercianti

'Il 2020 bene, il 2021 zoppica'

E al di là delle cifre e dei riscontri la realtà dei commercianti del Distretto ha sentito il supporto delle istituzioni e riconosciuto gli sforzi profusi. Oggi, però, com'è il morale dei negozianti? «Abbiamo notato una grossa differenza fra l'anno scorso e quest'anno - ci dice il presidente della Scm Carlo Coen -. Quando nel 2020 siamo usciti dal lockdown stretto, una volta riaperto i battenti, la gente si è riversata sui commerci, oltre che sulle strutture turistiche: l'estate scorsa si è venduto molto bene». E nel 2021? «Saranno gli acquisti online, saranno altri fattori, il ritorno - fa sapere - è stato un po' più zoppicante. Insomma, si sta andando avanti a fatica. C'è un settore che fa buoni affari, è quello del tempo libero e tutto ciò che gli ruota attorno, anche sul piano dei commerci. La clientela preferisce spendere in quell'ambito piuttosto che, ad esempio, nell'abbigliamento. E anche le persone di passaggio, i turisti occasionali, comprano molto meno rispetto al passato. In buona sostanza non siamo riusciti a riprenderci come nel 2020».

Coen poi va dritto al punto. «Gli aiuti sono importanti, oggi come ieri - ribadisce -. Parliamoci chiaro: senza un sostegno, senza misure di accompagnamento come il lavoro ridotto, rischiamo di dover licenziare del personale». Come dire che il momento è ancora difficile.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved