ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 min

Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar

L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
Luganese
6 min

‘Casinisti’ attenti, a Lugano arriva il ‘rumorometro’

Il nuovo dispositivo, già testato nei primi due mesi di quest’anno, ha lo scopo di ridurre preventivamente il rumore causato dagli automobilisti
Bellinzonese
6 min

A Osogna un albero di Natale alimentato a pedali

L’inaugurazione si terrà martedì 6 dicembre alle 15.45 davanti alle scuole elementari
Luganese
7 min

A Curio l’8 dicembre si terrà il tradizionale mercatino

Un’occasione per scoprire l’artigianato locale, insieme a tante proposte gastronomiche e idee regalo
Ticino
24 min

Livelli, Sirica furioso: ‘Speziali inaffidabile e pavido’

Il copresidente Ps critica duramente la ‘sfiducia’ del Plr al messaggio governativo per la sperimentazione del loro superamento alle Medie
Bellinzonese
46 min

La Fondazione Idea di Helvetia sostiene la ginnastica cantonale

Consegnato un contributo di 5’000 franchi a favore del Galà 2023
Ticino
1 ora

BancaStato crede nelle start-up e investe (altri) 5 milioni

I fondi sono desinati a idee nel digitale, high-tech e biomedicina. Fabrizio Cieslakiewicz: ‘In un periodo di difficoltà crediamo nell’innovazione’
Bellinzonese
1 ora

Il Coro Alto Ticino in concerto a Faido

Appuntamento per il 10 dicembre alle 17.30 nella chiesa dei Frati Cappuccini
Ticino
1 ora

Diocesi in rosso: previsto deficit di 1,8 milioni

Chiusura del 2021 in negativo di oltre 31mila franchi, ma per il 2023 il deficit di gestione previsto è da capogiro
Locarnese
1 ora

Locarno: realtà giovanili, oltre la superficie

Conferenza al Centro professionale (Spai) con sei relatori per affrontare diversi temi
Luganese
1 ora

Pregassona, una panettonata contro la violenza sulle donne

Martedì 6 dicembre, l’associazione Mai più sola organizza una panettonata al Capannone di Pregassona
Mendrisiotto
1 ora

Annullato il mercatino di Castel San Pietro

L’evento, previsto domenica 4 dicembre, è stato cancellato a causa delle previsioni meteo
Bellinzonese
1 ora

Lampeggianti a Castelgrande, ma è solo uno shooting fotografico

Hanno fatto subito temere il peggio le luci blu nel prato del maniero di Bellinzona. Fortunatamente non si è trattato di nulla di preoccupante
Mendrisiotto
1 ora

Chiasso, la Legislazione dà l’accordo alla lite con l’Fc

La decisione definitiva sarà presa dal Consiglio comunale il 19 dicembre. Oggetto del contendere quasi 123mila franchi non versati per l’uso dello stadio
Bellinzonese
1 ora

Meno costruzioni a Bellinzona? Attese le valutazioni del Cantone

Il Municipio risponde a un’interpellanza del gruppo Verdi/Mps/Fa: terrà conto della revisione del Piano direttore cantonale decisa dal Consiglio federale
Bellinzonese
1 ora

Giubiasco, furgone urta un’auto e si rovescia sul fianco

L’incidente è avvenuto nel pomeriggio di oggi attorno alle 13.30. Il bilancio, fornito da Rescue Media, parla di due feriti apparentemente non gravi
Bellinzonese
2 ore

Nuova area Tir di Giornico, molto più di un centro di controllo

Inaugurato il Ccvp: costato 250 milioni, verifica le anomalie dei camion diretti verso il Gottardo. Con lo svincolo opportunità per l’area industriale
Locarnese
2 ore

Verzasca, premiati i vincitori del nuovo stemma

Gli elaborati erano stati valutati da una giuria e avallati dal legislativo. Prossimamente verrà allestita una mostra di tutte le 107 proposte inoltrate
Mendrisiotto
2 ore

Pedrinate avrà il suo nodo del trasporto pubblico

Il Municipio di Chiasso chiede al Consiglio comunale un credito di 1’051’000 franchi per creare la fermata ‘Pedrinate paese’
Bellinzonese
2 ore

Bambino in bici urtato da un’auto a Bellinzona: ferite non gravi

L’incidente oggi pomeriggio intorno alle 13 su viale Portone
Locarnese
2 ore

Locarno, glicemia e pressione

La Croce Rossa propone la misurazione gratuita
Locarnese
2 ore

Cavigliano, bancarelle natalizie (al coperto)

Mercatino e momenti conviviali in Piazza della Gioventù
Locarnese
2 ore

Lavizzara, il marmo è più vivo che mai e va riorientato

Municipio, enti pubblici e sponsor pronti a sostenere la Fondazione per la scultura e il suo braccio operativo per affinare nuove strategie promozionali
Locarnese
3 ore

Ascona, messa di Natale in finlandese

Appuntamento alla chiesa evangelica riformata, in viale Monte Verità
Mendrisiotto
3 ore

Morbio Inferiore, la solennità dell’Immacolata

Nel Santuario di Santa Maria dei Miracoli, giovedì 8 dicembre, sono previsti tre appuntamenti di preghiera
Luganese
3 ore

Prostituzione illegale nei centri massaggi, due gli arresti

In stato di fermo una 50enne cittadina ungherese residente in Italia e un 47enne cittadino italiano residente nel Luganese
Locarnese
3 ore

Ronco sopra Ascona, mercatino annullato

Niente bancarelle natalizie per il maltempo annunciato
laR
 
19.07.2021 - 05:25
Aggiornamento: 10:53

Il Covid non frena l’imprenditoria. L'Ers premia venti progetti

La presidente Pantani Tettamanti: 'Il Distretto si è rivelato propositivo e vivace'. Messe in campo due misure e 250mila franchi per fronteggiare la crisi

il-covid-non-frena-l-imprenditoria-l-ers-premia-venti-progetti
Stanziati 630mila franchi a favore di progetti locali (Ti-Press)

Essere piccoli o grandi imprenditori ai tempi del Covid-19 ha fatto poca differenza. La crisi sanitaria ha messo tutti a dura prova. Nel Mendrisiotto e Basso Ceresio, però, le microattività sapevano di avere un alleato prezioso, l'Ente regionale per lo sviluppo (Ers). Un tandem che ha permesso di reagire alle avversità e passare all'azione. Chiusure e pause forzate hanno finito, infatti, per alimentare l'inventiva e la creatività delle persone: progetti rimasti magari per anni a dormire in un cassetto sono stati rispolverati, trasformando degli aspiranti titolari di impresa in padroni di se stessi e datori di lavoro. A tal punto da accompagnare al varo venti progetti e registrare una delle cifre più importanti alla voce 'Fondo promozione regionale' da quando l'Ers esiste. Del resto, anche per lo stesso Ente il 2020 è stato un anno singolare, e non solo perché la pandemia lo ha chiamato a fare la sua parte. Dal primo agosto dell'anno scorso alla sua testa c'è un nuovo direttore. In effetti, Claudio Guidotti ha raccolto il testimone da Bettina Stark. Un passaggio di consegne avvenuto un po' in sordina a causa della crisi sanitaria, ma che non ha rallentato le attività dell'Ente; anzi. «È stato un momento importante nella vita dell'Ers, che ha saputo fare fronte a tutte le contingenze del caso, compatibilmente con la situazione», assicura la neo presidente Roberta Pantani Tettamanti. Alle spalle il sigillo dell'assemblea dei delegati, riunita il 17 giugno scorso di nuovo in presenza.

Due misure anti crisi da Covid-19

«Il plenum ha coronato un quinquennio importante - sottolinea la presidente -. I primi tre anni e mezzo ci hanno visti impegnati nel nostro ambito naturale di sostegno alle nuove attività economiche e turistiche con ricadute sul territorio, da statuti; con un occhio alle realtà delle zone periferiche e più discoste, che non hanno accesso ad altri aiuti. Poi, però, nell'ultimo anno e mezzo abbiamo dovuto, come tutti, occuparci di gestire la crisi dovuta alla pandemia». Come vi avete fatto fronte? «Attivando due misure in particolare. Dapprima abbiamo messo in piedi, in collaborazione con l'Otr - l'Organizzazione turistica regionale, ndr -, un soluzione che prevedeva dei buoni sulla falsa riga della campagna 'Vivi il tuo Ticino'. Quindi ci siamo dedicati al settore vitivinicolo». Il tutto per una sovvenzione di circa 250mila franchi.

Con quali risultati? «In entrambi i casi - ci risponde il direttore Guidotti - abbiamo ottenuto un buon riscontro». E spiega: «Con il primo intervento ci siamo rivolti alle strutture alberghiere del Mendrisiotto e Basso Ceresio, unica condizione che l'ospite pernottasse almeno tre notti. A quel punto veniva consegnato un carnet del valore di 50 franchi con dei voucher a favore di ristoranti e commerci della regione. Ha riscosso un buon successo, anche a fronte del fatto che, non potendo recarsi all'estero, si è registrato un aumento dei pernottamenti - uno dei pochi effetti positivi della pandemia -. Ciò ha permesso di diffondere il messaggio d'invogliare le persone a spendere sul posto. La seconda misura ha pensato, invece, a un supporto per il mondo della vitivinicoltura locale, con l'effetto finale di creare posto nelle cantine per accogliere il surplus di uva prodotto, a seguito della riduzione del quantitativo a 500 grammi il metro quadro. Abbiamo fatto così in modo che si distillasse il vino vecchio a un costo ragionevole, permettendo di applicare dei prezzi dignitosi a chi consegnava quantitativi superiori a quanto fissato».

Una annata (difficile), venti progetti

Non si è trascurata, comunque, la 'ordinaria amministrazione', che fa leva soprattutto sul Fondo promozione regionale (Fpr). Nella lista per il 2020 si contano una ventina di proposte. «Tutti progetti di aziende, enti o associazioni del territorio», come ricorda Pantani Tettamanti. Tirate le somme si sono concessi contributi per quasi 630mila franchi. «In ordine di grandezza - fa notare dal canto suo Guidotti -, si tratta della seconda cifra erogata dall'Ers dall'inizio del suo operato. Già nel 2019, in ogni caso negli ultimi due anni, vi è stata, alfine, un'inversione di tendenza e hanno preso una certa prevalenza i progetti e i sostegni in ambito economico, rispetto a quello turistico - da subito il settore principale dell'Ers, ndr -. Stiamo effettivamente traghettando lentamente il Distretto verso un effetto di mantenimento e creazione di posti di lavoro, di ricadute dirette sul territorio, senza trascurare la parte turistica visto l'eccellente cooperazione con l'Otr». Ciò che conta, d'altra parte, come rimarca la presidente, è capirsi e utilizzare al meglio le risorse, perseguendo l'obiettivo comune di promuovere la realtà regionale.

‘Si è reagito con creatività e coraggio’

Ciò che ha colpito tanto il direttore che Roberta Pantani Tettamanti è lo spirito di resilienza dimostrato dagli operatori economici. «Malgrado la pandemia - annota Guidotti -, la propositività e la progettualità nel Mendrisiotto non sono venute meno. Anzi. Ho quasi l'impressione che la pausa forzata causata dalla pandemia abbia dato modo alle persone di fermarsi, pensare, rielaborare le idee, di riorientarsi e riprendere in mano i progetti. Infatti, arrivano proposte dai vari ambiti, che accogliamo ed esaminiamo con interesse». Un modello ce lo fornisce la stessa presidente. «Viviamo in un Distretto vivace non c'è che dire. A Chiasso, ad esempio, la signora Rita Laudato ha dato vita (e il nome, ndr) a un caseificio nella zona Sottopenz. Ha iniziato in modo un po' hobbystico. Poi si è formata, si è certificata e ora ha una attività di tutto rispetto che gode di un bel successo. Da queste realtà, scaturite da una aspirazione e partite in sordina, sono nate delle professioni. Abbiamo sostenuto proprio questo tipo di attività». Un altro caso, si aggiunge Guidotti, «è quello della sartoria aperta a Mendrisio in piena pandemia, ricreata da un vecchio laboratorio: sono partiti con tre dipendenti, oggi ne hanno dodici». Un buon viatico per un 2021 iniziato, per dirla con il direttore, «con il botto» e 14 progetti già approvati in sei mesi. Certo, fanno presente a una voce, diverse volte si è costretti anche a dire di 'no'. Ma i criteri di scelta sono rigorosi: «Parliamo di denaro pubblico», rammenta Pantani Tettamanti.

Masseria di Vigino: ‘Il Cantone era informato’

In questo bilancio positivo e incoraggiante dell'Ers c'è, però, un neo. «In effetti, tra tanti progetti che sono partiti, uno è stato affossato brutalmente», dice a chiare lettere Roberta Pantani Tettamanti. Il riferimento, non di certo casuale, è alla masseria di Vigino a Castel San Pietro. Un dossier sul quale, a dieci anni di distanza, l'Ente ha rimesso il mandato nelle mani del Cantone dopo aver visto naufragare la possibilità di salvare questa testimonianza rurale della regione. «Ci ha un po' sorpreso - ammette subito la presidente - la risposta recente del Consiglio di Stato - all'atto parlamentare firmato da Daniele Caverzasio, ndr -». La presidente rifugge dalla polemica, ma è evidente che, agli orecchi momò, il governo non l'ha raccontata tutta giusta. 

«Quello sulla Masseria di Vigino è stato uno dei primi progetti condotti dall'Ers - ricorda -. E sino a fine 2020, inizio 2021 è stato il più importante a cui ci siamo dedicati. Del resto, ci credevamo molto: questo edificio meritava di essere recuperato. In tutti questi anni il Cantone è sempre stato coinvolto, essendo un partner principale - con Dipartimento del territorio e Dipartimento finanze ed economia, ndr -. Dal canto nostro, dal 2011 abbiamo lavorato moltissimo, innanzitutto cercando persone e aziende interessate a ritirare la masseria e a farne, come previsto, una struttura dedicata al nostro territorio e aperta al pubblico. Infatti, a suo tempo il governo aveva assicurato un finanziamento di 1,5 milioni e la cessione, in origine, a 1 franco simbolico dell'immobile. Stiamo parlando di un edificio che tra poco non sarà più nemmeno tale visto lo stato precario in cui versa: sarà un ammasso di sassi, protetti.

«Poi nel 2018 - rimarca ancora Pantani Tettamanti - l'Ufficio dello sviluppo economico ci conferma la volontà di sostenere il progetto da parte del Consiglio di Stato. Quindi sentivamo di avere le spalle coperte». E qui arriviamo agli ultimi accadimenti: alla proposta avanzata da un promotore privato, pronto a farsi carico del restauro tramite una fondazione, e al fallimento dell'operazione; di cui il Cantone ha detto di non sapere nulla. «Il Cantone è sempre stato informato dell'avanzamento dei lavori e del fatto che si era palesata una costituenda fondazione interessata. Abbiamo scritto sia all'Ufficio che al CdS il 26 luglio 2019, anche per sapere come procedere con le trattative. Lì c'era la possibilità di imprimere una svolta: eravamo in attesa di una risposta alla missiva, che non è mai arrivata». Seguono degli incontri del Gruppo di lavoro, come a ottobre 2019, e inizia il balletto di cifre: la valutazione del bene a 1,7 milioni, poi il valore di stima a quasi 170mila franchi («accettabile») e infine la richiesta di una cessione per 800mila franchi. «A quel punto si parlava di una somma spropositata». Segue un nuovo scritto nel 2020, un incontro (l'aprile scorso, ndr) e la scelta del promotore di gettare la spugna («visto l'atteggiamento di chiusura totale del Cantone»). L'ultimo atto? Qui ci risponde Guidotti: «La lettera del 28 maggio al Cantone in cui informavamo della rinuncia del promotore». Più chiaro di così.

Leggi anche:

Naufraga il recupero della Masseria di Vigino

'Su Vigino lo Stato era disponibile a trattare con i privati'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved