il-centro-culturale-chiasso-segnato-dal-covid-si-reinventa
Un 2020 fra luci e ombre (fonte Centro Culturale Chiasso/Carlo Pedroli)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
56 min

Valle di Muggio: spazio pubblico, benessere degli anziani

Summer School, studenti e architetti all’opera: un passo in più a favore dell’interazione degli abitanti di Campora, Casima, Muggio, Cabbio e Bruzella.
Mendrisiotto
3 ore

Arzo ritrova la ‘Fontana dei pesci’. Senza le carpe di Rossi

La Città si appresta a posare di nuovo in paese la vasca in marmo. Ma della scultura dell’artista si sono perse le tracce
Bellinzonese
3 ore

Giorgio Lotti nuovo presidente del Lions Club Bellinzona e Moesa

Sostituirà l’uscente Sergio Pedrazzini. Negli ultimi due anni la fondazione ha potuto svolgere un’intensa attività benefica, nonostante la pandemia
Ticino
3 ore

‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’

La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Bellinzonese
3 ore

‘Un problema’ ferma la funicolare del Ritom

L’impianto resterà chiuso fino al 5 luglio. Per i viaggiatori ancora presenti nella regione sarà a disposizione un servizio di bus navetta
Luganese
3 ore

Cadempino, gli aumenti di stipendio tornano in Municipio

Il Consiglio comunale rinvia all’esecutivo la proposta di modifica dell’articolo del Regolamento organico dei dipendenti. Approvato il consuntivo.
Locarnese
4 ore

Bosco Gurin, quei tesori spesso nascosti

Da sabato il via alla stagione estiva, con una ricca offerta di svaghi per il tempo libero. In funzione la seggiovia e la slittovia
Ticino
4 ore

Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’

L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
4 ore

Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura

Alla vigilia della Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Bellinzonese
4 ore

Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 6 dalle 11 alle 17. A seguire letture di racconti sulla Beat Generation al Bar Cervo
Mendrisiotto
4 ore

A Chiasso le opere dell’artista ucraino Ivan Turetskyy 

Fino al 24 luglio quattro oli e acrilico su tela saranno esposti a m.a.x. museo, Spazio Officina, Biblioteca e in Municipio
Locarnese
5 ore

‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’

Il capodicastero Sicurezza Zanchi e il comandante della Polcomunale di Locarno Bossalini difendono il proprio operato e quello dei loro agenti.
Luganese
5 ore

Pavimentazione fonoassorbente a Montagnola

I lavori si terranno nelle notti tra il 4 e il 9 luglio nella zona del nucleo, lungo un tratto di 300 metri
Bellinzonese
5 ore

La camminata Bellinzona-Locarno per celebrare Leonardo da Vinci

Il ‘Tour Leonardesco del Canton Ticino’ sarà inaugurato domenica 17 luglio con un facile percorso a piedi nel verde
Ticino
5 ore

‘Alla guida nessuna distrazione!’

Dipartimento istituzioni e Polizia cantonale rinnovano la raccomandazione
Mendrisiotto
5 ore

Coldrerio, in vigore l’ordinanza per gli incentivi energetici

Il documento segue l’approvazione del Regolamento. Un unico documento che permette al cittadino di farsi un’idea chiara sulle facilitazioni comunali.
Bellinzonese
6 ore

Airolo, visitabile il cantiere del secondo tubo del San Gottardo

Diverse possibilità per chi volesse saperne di più su questa ‘opera monumentale’ che trasformerà in parte il territorio comunale
Luganese
6 ore

Birra protagonista nel fine settimana in Capriasca

La quarta edizione di Birra in Capriasca si terrà l’1 e 2 luglio sul piazzale delle scuole elementari di Tesserete
Locarnese
6 ore

Feste di Comino, siamo al capolinea

Mancano i rincalzi per portare avanti anche in futuro l’evento sulla montagna centovallina. Il Gruppo promotore, a malincuore, costretto a rinunciare
Luganese
6 ore

Caslano, per il 1° agosto corteo patriottico e allocuzione

A pronunciarla, nella cornice di piazza Lago, sarà la deputata al Gran Consiglio e capogruppo Plr Alessandra Gianella
Locarnese
6 ore

Piano di Peccia, il calcio protagonista al Draione

Promosso dal Gruppo animazioni locale, si rinnova l’appuntamento con il fine settimana a caccia del pallone in alta quota. Poi notti di musica
17.07.2021 - 14:15
Aggiornamento: 18.07.2021 - 18:53

Il Centro Culturale Chiasso segnato dal Covid, si reinventa

Il pubblico perso nelle sale lo si è riconquistato sulle piattaforme web. Una modalità che entrerà a far parte del bagaglio di Teatro e museo

Platee desolatamente vuote, spazi espositivi deserti e quel silenzio irreale nelle sale di lettura della Biblioteca: per mesi nelle quattro realtà culturali di Chiasso è stata questa la quotidianità. La pandemia da Covid-19 ha spento i luoghi della Cultura, ma non ha arrestato le donne e gli uomini che, dietro le quinte, sono artefici delle stagioni a Teatro e delle programmazioni museali. Anzi. La crisi sanitaria ha dato forza al lavoro di squadra e dato sfogo alla creatività, spronando a esplorare altre strade e nuovi codici. E i risultati non sono mancati. Certo, nessuno se lo nasconde: messe le distanze, il calo del pubblico è stato inevitabile quanto tristemente evidente. Tirate le somme, nel 2020 si è lontani dagli oltre 40mila fruitori di media annua registrati nell'anno precedente. I numeri, di fatto, si sono più che dimezzati (12mila circa). Anche se tanto il Cinema Teatro che il m.a.x museo hanno scoperto di avere un pubblico social e internazionale, oltre che fedele.

'L'impegno è stato mantenuto'

Difficile, sofferto, faticoso: sono questi gli aggettivi che tornano quando si evoca l''annus horribilis' dell'emergenza sanitaria. A fare da contraltare, però, dalle parti del Centro Culturale Chiasso (Ccc) ci sono stati l'innovazione, l'inventiva e la tenacia di chi ha deciso che non si sarebbe arreso; che in un modo o nell'altro il legame con il pubblico non si sarebbe spezzato. E questo nonostante i sipari calati, le serrate obbligate, le cancellazioni forzate, come nel caso dei festival musicali. «Come ente pubblico - conferma il capo dicastero Attività culturali del Comune Davide Dosi - abbiamo mantenuto l'impegno preso: non abbiamo proceduto a tagli finanziari o a riduzioni di budget. Ciò che era stato iscritto a preventivo è rimasto». Chiasso, insomma, ha fatto una scelta politica ben precisa. E ha potuto contare su partner affidabili e sostegni vitali. «Direi fondamentali, come il contributo cantonale», riconosce Dosi. 

Dal canto loro, tiene a sottolineare ancora il capo dicastero, «le direzioni hanno avuto la possibilità di ideare qualcosa di nuovo, eventi mai organizzati prima, come la stagione estiva del Cinema Teatro - replicata quest'anno, ndr -, coronata da un grande successo. La pandemia ha portato a sviluppare un po' di inventiva. Chiasso può essere orgogliosa degli ottimi risultati ottenuti».

Tra filosofie vincenti e 'preveggenze inconsapevoli'

Nessuno, del resto, si è tirato indietro, mettendo in campo risorse e competenze. «Si è reagito e agito velocemente, Teatro e museo insieme - spiega la responsabile del Ccc Nicoletta Ossanna Cavadini - e si sono trovate le giuste sinergie. In questo modo la situazione economica non è andata in rosso e non ci si è trovati a far fronte a delle sorprese». E qui a dare una mano in una situazione eccezionale sono state certe scelte lungimiranti del passato recente. Un esempio su tutti, come rimarca la stessa direttrice, è quello del progetto integrato che accompagna alcune delle mostre proposte dagli spazi espositivi cittadini. «Mantenere questo progetto - ribadisce Ossanna Cavadini, alla guida di m.a.x. museo e Spazio Officina - è fondamentale. È espressione di una filosofia di relazione, di scambi e di crescita culturale che vale un'ulteriore capacità di visibilità e spese condivise tra i vari musei protagonisti».

Oltre che di politica, quindi, è anche una questione di visioni. L'essere una città di frontiera, annota la direttrice, ha portato persino a una «inconsapevole preveggenza», scegliendo i confini come filo conduttore della stagione scorsa e ritrovandosi davanti a un confine geografico che, con la pandemia, ha fatto da barriera e isolato le persone. Il che ha visto, da un lato, mancare il pubblico italiano, che rappresenta il 40 per cento delle presenze, e dall'altro consolidarsi i visitatori e le alleanze svizzere, come con il Canton Grigioni con la mostra dedicata a Giacometti.

Tra rete social e streaming

Le crisi portano, però, a galla anche ciò che di buono è in noi. E lo spirito di adattamento di cui si è fatto necessità e virtù al Centro Culturale Chiasso ha dato modo di ricercare, grazie ai nuovi canali digitali, un diverso sistema di comunicazione che ha visto ampliare il pubblico di riferimento. «Si tratta di una esperienza - conferma Nicoletta Ossanna Cavadini - che può continuare ad arricchirci. Non resterà solo una soluzione d'emergenza ma diventerà parte del nostro bagaglio culturale». Per il Cinema Teatro, nell'anno del suo ventennale, è stato un approccio rivelatore del potenziale di questa ribalta 'local'. Ben consapevoli, fa memoria il direttore Armando Calvia, che «il binomio fra arte e pubblico è inscindibile». Così, dopo aver serrato i ranghi, si sono messe in campo le strategie. E visto che gli spettatori non potevano recarsi a teatro, è stato il teatro a entrare nelle loro case. «Abbiamo rielaborato alcuni progetti, attinto dal nostro archivio storico e abbiamo messo in scena 'Il Cinema Teatro a casa mia', grazie altresì alla disponibilità di case di produzione e artisti, aprendoci quindi all'offerta online. Il riscontro è stato inaspettato anche per noi: i dati hanno rivelato che gli spettacoli sono stati visti in 32 Paesi de mondo. E questo è positivo».

Un'altra modalità interessante è stata la diretta streaming, che ha permesso di recuperare alcune delle proposte che altrimenti avrebbero dovuto essere annullate, come è capitato per taluni spettacoli. «Bisogna dire che Municipio e dicastero non hanno esitato a concedere la possibilità di investire nell'attrezzatura adeguata - facendo beneficiare il teatro come l'attività museale, ad esempio con 'Le stanze dell'arte' focalizzate sui giovani, ndr -. Una implementazione tecnica - commenta Calvia - che darà modo in futuro di aprirsi anche ad altri eventi, come le convention aziendali».

Biblioteca, utenti più fedeli

La clausura forzata ha cambiato pure l'approccio ai libri e alla lettura. «Anche in Biblioteca - ci dice Augusto Torriani - abbiamo lavorato sull'offerta digitale da una parte, e dietro le quinte dall'altra per migliorare le proposte all'utenza», che, per ovvi motivi, ha segnato una chiara flessione. «In effetti, tanto poco prima della chiusura che subito dopo la riapertura, si è notato un forte attaccamento dei frequentatori all'istituto e alla lettura, che ha riacquistato la sua importanza durante le giornate casalinghe. Chissà che non sia un punto di partenza».

Gli Amici della cultura chiassese rilanciano

Ricominciano da qui anche le due Associazioni di Amici del Cinema Teatro e del m.a.x. museo. «Adesso - richiama Vittorio Enderli, presidente dell'Associazione amici del Cinema Teatro - siamo a un bivio: vediamo cosa succederà e se la gente si riabituerà a uscire la sera per andare a vedere uno spettacolo, riacquistando la fiducia perduta». Covid permettendo, lo si verificherà nei prossimi mesi. Per l'Associazione amici del m.a.x. museo, si aggiunge il presidente Sandro Stadler, «si pone il problema di avviare una campagna per assumere nuovi soci o risvegliare l'interesse di chi lo è già». Del resto, in un modo o nell'altro bisognerà tornare alla vita, anche quella culturale.

 

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
centro culturale chiasso cinema teatro covid m.a.x museo pubblico
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved