BUF Sabres
Seattle Kraken
01:00
 
MON Canadiens
VAN Canucks
01:30
 
WIN Jets
ARI Coyotes
01:30
 
PHI Flyers
0
NY Islanders
0
fine
su-vigino-lo-stato-era-disponibile-a-trattare-con-i-privati
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Lugano, niente quote rosa nell’Amministrazione

Bocciata la mozione Ps. Il Municipio garantisce di monitorare la situazione sulla parità di genere e assicura di voler migliorare
Mendrisiotto
1 ora

Il Ppd di Mendrisio rilancia con una doppia presidenza

A guidare la sezione sono l’ex municipale Manuel Aostalli e una donna, la consigliera Davina Fitas
Bellinzonese
2 ore

Anche Cima Piazza a Giubiasco sarà Zona d’incontro a 20 km/h

Lo ha deciso il Cc di Bellinzona accogliendo la mozione Minotti-Orlandi. Parco giochi nel frattempo già arricchito di scivolo e altalena-cestone
Bellinzonese
2 ore

Bellinzona si doterà di un Regolamento sociale

Il Consiglio comunale approva la mozione Lucchini. Il Municipio si era dichiarato contrario
Bellinzonese
3 ore

Aiuto alla nuova Valascia, da Bellinzona 250’000 franchi

Il Cc ha votato il compromesso indicato dal Ppd, con l’accordo anche del Municipio che proponeva mezzo milione
Bellinzonese
3 ore

Proteste contro Gobbi alla biblioteca cantonale

Una decina di persone ha manifestato in occasione di una conferenza pubblica sul tema violenza domestica
Ticino
3 ore

‘Misure occupazionali che siano rinnovabili nel tempo’

Mozione di Gina La Mantia (Ps) per le persone che non possono essere ricollocate o riqualificate
Luganese
4 ore

Capriasca, panettonata offerta e accensione dell’albero

Mercoledì sono in programma due appuntamenti all’interno del ricco programma ‘Natale in Capriasca’
Ticino
4 ore

Partito comunista, Massimiliano Ay confermato segretario

Rinnovato il comitato centrale con l’entrata di quattro ventenni. Votata una risoluzione di solidarietà a favore dei drivers
Luganese
4 ore

Tresa, Contrappunti in concerto per Natale

Il coro si esibirà sabato 4 dicembre alla chiesa San Bernardino di Ponte Tresa e per sabato 11 dicembre alla chiesa San Martino di Sessa
Luganese
5 ore

‘Il suo sogno era girare il mondo con uno zaino in spalla’

Scomparso tragicamente in Spagna il 23enne Thomas Grimaldi del Malcantone. Numerosi i messaggi di cordoglio da parte dei conoscenti sui social e non
Ticino
5 ore

Giornata del viticoltore, posti solo online

Sarà possibile seguire i lavori in remoto collegandosi in diretta al canale YouTube dell’evento
Mendrisiotto
 
08.07.2021 - 17:560

'Su Vigino lo Stato era disponibile a trattare con i privati'

Il Cantone dice la sua sulla mancata operazione di recupero della Masseria di Castel San Pietro. Questione di cifre e di Legge sulle commesse pubbliche

Il Consiglio di Stato (CdS) non ne sapeva nulla, non in veste formale almeno. Dalla "facoltosa famiglia" pronta a farsi carico del recupero della Masseria di Vigino, a Castel San Pietro, l'autorità cantonale "non ha ricevuto comunicazioni". In ogni caso non sulla sua decisione di abbandonare idea e progetto dopo una transazione finita male. Il CdS lo ribadisce due volte nel rispondere al gran consigliere della Lega Daniele Caverzasio, interessato (in una interrogazione) a sapere di chi fosse la colpa dell'operazione mancata. Insomma, si motiva fra le righe, i promotori ne hanno parlato con l'Ente regionale per lo sviluppo (Ers), con il Comune ma non con Palazzo dell Orsoline. Sta di fatto che a livello locale veder naufragare l'iniziativa, la sola in campo per salvare quello che, dal 2007, è un bene culturale di interesse cantonale, ha lasciato tutti interdetti. A tal punto da puntare l'indice proprio verso il Cantone, criticato su queste pagine dagli attori locali - in primis l'Ers, che ha rimesso il mandato per il restauro di Vigino - proprio per aver cambiato le carte in tavola al momento di quantificare finanziariamente la trattativa con il privato, rincarando semmai il valore del complesso rurale.

'Lo Stato era ben disposto'

Il Consiglio di Stato, però, non ci sta. "Lo Stato - si chiarisce - ha dato la sua piena disponibilità, accettando le condizioni poste dai promotori privati e, in particolare, la cessione a condizioni di favore a una costituenda fondazione della proprietà dell’edificio con un’adeguata superficie di disimpegno – in totale circa 4’100 metri quadri – e confermando la propria disponibilità a proporre al Gran Consiglio lo stanziamento di un contributo finanziario per l’esecuzione dei lavori". Quindi, come mai non se ne è fatto più nulla? Nella ricostruzione dell'autorità cantonale, "la trattativa è divenuta problematica allorché è stato segnalato agli interessati che la Legge sui sussidi equipara la donazione di un fondo dello Stato a un sussidio e che, qualora la somma del valore della donazione immobiliare e dei sussidi aggiuntivi avesse superato 1 milione di franchi o la metà della spesa, sarebbe divenuta applicabile alla fattispecie la Legge sulle commesse pubbliche, con il conseguente obbligo di un concorso di appalto pubblico per le opere di ristrutturazione e il correlato obbligo di aggiudicazione a ditte elvetiche, con divieto di subappalto".

Questione di cifre

Il Cds entra nel merito e dà anche altre cifre. "Il Cantone - si spiega - avrebbe ceduto gratuitamente l’edificio e il terreno annesso, e inoltre avrebbe sussidiato i lavori per 700mila franchi, per un totale di 1,5 milioni di franchi di sussidio, valutando quindi molto prudentemente in 800mila franchi il valore della cessione immobiliare, da computarsi nel sussidio complessivo". Una somma eccessiva agli occhi dei privati, visto da dove si era partiti, ovvero qualche migliaio di franchi, come ci aveva rivelato l'allora presidente dell'Ente Corrado Solcà. In effetti, come annota lo stesso Cantone, "i due Enti chiedevano sostanzialmente di pressoché azzerare il valore della cessione immobiliare, atto peraltro di competenza formale del Gran Consiglio, in modo di aumentare il contributo finanziario alla fondazione e nel contempo escludere l’applicazione della Legge sulle commesse pubbliche". Va detto che, da nostre informazioni, i promotori, che si sono fatti avanti nel 2018 dichiarando la disponibilità a seguire il progetto selezionato da un concorso e dunque ad accettare i vincoli di un restauro conservativo, erano anche disposti a rinunciare in parte al contributo cantonale a fronte di un investimento di circa 10 milioni, più che altro, come ci era stato illustrato, per snellire le procedure. In ogni caso, la proposta di creare una 'Maison du terroir', vetrina dei prodotti locali, è rimasta sulla carta.

È invece visibile a tutti lo stato di degrado della Masseria, che il Mendrisiotto teme di perdere. Tant'è che a inizio giugno i consiglieri comunali di Castel San Pietro hanno indirizzato un appello al Consiglio di Stato e ai parlamentari, affinché si riprendano le trattative con la famiglia interessata sino a qualche mese fa. Infatti, il loro timore, fondato, è di veder andare tutto in rovina.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved