rapinatore-di-chiasso-incastrato-dalla-videocamera
La vittima è stata sotto la costate minaccia di un'arma (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

Il moltiplicatore non si tocca, i balzelli causali sì

Per i cittadini di Mendrisio si annuncia un rincaro della tassa sul sacco (e non solo). Si monitorano i bisogni, che cambiano. L’analisi della Gestione
Ticino
3 ore

Altra ‘manif’ di protesta sabato a Bellinzona

Gli Amici della Costituzione sfilano contro gli inasprimenti decisi oggi dal Consiglio federale
Ticino
4 ore

Tassazione frontalieri, Roma dà luce verde alla ratifica

Il Consiglio dei ministri ha dato via libera all’esecuzione dell’accordo italo-svizzero. Un iter analogo è in corso a Berna
Bellinzonese
4 ore

Mercatino di Natale sulla piana di Ambrì

Appuntamento per mercoledì 8 dicembre sul piazzale esterno dello stadio multifunzionale
Luganese
5 ore

Lugano: tornano i corsi d’italiano per stranieri de ‘Il Centro’

Le lezioni dell’associazione, organizzate nell’ambito delle attività a favore dell’integrazione, si svolgeranno da febbraio a giugno 2022
Bellinzonese
5 ore

‘Music on Ice’ pronto a incantare i ticinesi

Lo spettacolo proporrà un viaggio nel tempo il 21 e 22 gennaio al Centro sportivo di Bellinzona
Luganese
5 ore

Tesserete: la Bottega del Mondo cambia orari sotto Natale

Durante il periodo festivo il negozio resterà aperto durante giorni e fasce orarie un po’ diversi dal solito
Luganese
5 ore

A Lugano l’acqua costerà il 20% in più. ‘Giù gli sprechi’

Un’interpellanza interpartitica chiede al Municipio di valutare l’introduzione di tasse progressive basate sul consumo domestico dell’oro blu
Luganese
5 ore

Lugano: ‘Al Conza attesa incredibile per il vaccino’

Lunghe code anche al freddo. ‘Tanti si sono presentati per la terza dose senza appuntamento’. Segnalata anche una carenza di personale sanitario
Luganese
5 ore

Lugano: aperture straordinarie dei negozi e mega show

In programma diverse aperture eccezionali dal 5 al 19 dicembre e lo spettacolo ‘Effimero & Balocchi di Huma Show’ il 16 dicembre
Ticino
5 ore

Tutte le caselline dei... radar

La prossima settimana i controlli si svolgeranno nei distretti di Bellinzona, Blenio, Locarno, Lugano e Mendrisio
Bellinzonese
5 ore

Colpo grosso in un chiosco di Bellinzona

Un affezionato cliente dell’edicola Ramarro ha vinto 250’000 franchi con un biglietto di Swisslos
Mendrisiotto
02.07.2021 - 18:030

Rapinatore di Chiasso incastrato dalla videocamera

Lo si è individuato grazie alla sorveglianza locale. L'autore del 'colpo' con sequestro era arrivato in Ticino in treno ed era già noto alle autorità italiane

L'occhio discreto della videocamera qui ha fatto la differenza. Solo così, infatti, la Polizia comunale di Chiasso ha potuto dare una identità al 42enne cittadino croato senza fissa dimora autore, la sera del 2 giugno scorso, in piena settimana, di una rapina con sequestro di persona a Chiasso, poi sconfinata fino a Milano. Un 'modus operandi' decisamente nuovo il suo, almeno da queste parti, a ridosso della frontiera, che ha colpito l'opinione pubblica. Tanto più dopo un anno che ha visto calare il numero di 'colpi' messi a segno sul territorio. A rassicurare, però, c'è il fatto che l'uomo, a distanza di un paio di settimane, il 18 giugno scorso è stato fermato e poi arrestato a Zurigo. Di primo acchito il controllo è scattato per soggiorno illegale; salvo poi scoprire, grazie agli accertamenti d'indagine, che si trattava del rapinatore di Chiasso.

Le rapine avrebbero potuto essere tre

Di lui, il 42enne, non c'era traccia, sin qui, nel casellario della Polizia cantonale. Era noto, invece, alle forze dell'ordine italiane: intercettato oltreconfine è venuto a galla che era ricercato. Stando a nostre informazioni, l'uomo sarebbe dedito al furto e all'abuso di alcol. In effetti, gli episodi, in totale, avrebbero potuto essere tre. Dopo il primo 'colpo andato a buon segno, pistola in pugno, ai danni di un residente nella regione, il 42enne ha tentato di avvicinare altre due persone qualche giorno dopo, il 5 giugno, tentando di rapinarle, senza però riuscirci. Muovendosi con rapidità, l'uomo aveva raggiunto il Ticino in treno, fermandosi poi a dormire sul posto (resta da capire se possa avere qualche appoggio su questo lato della frontiera). Infatti, per darsi alla fuga - peraltro non da solo -, il 2 giugno scorso ha rubato l'auto alla sua vittima.

Il 2 giugno è andata così

Torniamo, però, ai fatti di quel mercoledì sera. Sono circa le 20 quando il 42enne croato mette gli occhi sulla sua vittima, con tutta probabilità scelta in modo casuale. Ha una pistola con sé, con la quale minaccia l'uomo e lo costringe a prelevare del denaro da due bancomat. A quel punto l'obiettivo è centrato. Bisogna far perdere le proprie tracce ed evitare che il rapinato dia l'allarme. E allora, pur essendo sprovvisto di patente, si impossessa dell'auto del derubato e si mette al volante, obbligando però l'uomo, sempre sotto la minaccia dell'arma, a salire a bordo e ad accompagnarlo in questo suo piano di fuga. Piano che li porta fino a Milano. Ed è lì che il rapinatore abbandona la sua vittima e scappa con il veicolo rubato. Approderà quindi a Zurigo, dove si metterà fine alle sue scorribande. Un risultato raggiunto grazie alla collaborazione di istituzioni su entrambi versanti del confine. All'operazione hanno partecipato, infatti, oltre alla Polizia cantonale e zurighese, la Sezione volanti della Questura di Milano, il Centro di cooperazione di Polizia e Doganale di Chiasso e la Polizia comunale di Chiasso. A questo punto il 42enne dovrà rispondere dei suoi atti alla giustizia. I reati che gli vengono contestati sono rapina aggravata e ripetuta, sequestro di persona, infrazione alla Legge federale sulle armi, grave infrazione alla Legge federale sulla circolazione stradale e furto. L'inchiesta è coordinata dal procuratore pubblico capo Arturo Garzoni.

Le videocamere? Preziose

Di rapine di strada se ne erano già viste in Ticino, ma non con un epilogo simile a quello che si è consumato a Chiasso. Anche in questo caso, però, le telecamere della sorveglianza, come detto, si sono rivelate preziose. «Annualmente - ci spiega il comandante della Polizia comunale cittadina Nicolas Poncini - sono una cinquantina i casi con una rilevanza penale che si contribuisce a risolvere grazie al sistema di videosorveglianza». C'è anche un altro dato che, sul piano cantonale, corrobora l'efficacia del lavoro investigativo: in 4 casi su 5 l'autore viene identificato. Quanto alla statistica: fra il 2019 e il 2020 sul fronte delle rapine si è registrata una diminuzione del 32 per cento. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved