PHI Flyers
1
NY Islanders
2
2. tempo
(1-1 : 0-1)
BOS Bruins
1
CAR Hurricanes
5
1. tempo
(1-5)
WAS Capitals
2
WIN Jets
2
2. tempo
(1-2 : 1-0)
OTT Senators
1
BUF Sabres
1
2. tempo
(0-1 : 1-0)
DAL Stars
MON Canadiens
02:30
 
CAL Flames
FLO Panthers
03:00
 
troppi-cantieri-fra-capolago-e-bissone-viabilita-al-collasso
Code quotidiane (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

L’accusa: ‘Erano mossi da intenti egoistici e avidità di denaro’

Caso Fec-Hottinger, chiesti quattro anni di reclusione per Rocco Zullino e due anni e nove mesi per Alfonso Mattei. Venti mesi per Tartaglia
Ticino
5 ore

‘Riforma tutorie, ora bisogna accelerare’

Preture di protezione, la presidente della commissione Giustizia: ‘Come deputati non dobbiamo perdere tempo’. Agna intanto propone dei correttivi
Bellinzonese
5 ore

Lupo in alta Valle, la Società agricola Bleniese scrive al CdS

Gli allevatori lamentano carenze nella comunicazione e sollecitano un incontro per definire una strategia da adottare in caso di presenza del predatore
Luganese
7 ore

Presunto stupro di gruppo, in tre a processo

Rinviati a giudizio tre uomini che lo scorso 25 settembre avrebbero abusato di una donna dopo una serata in un locale del Sottoceneri
Locarnese
7 ore

Lungolago di Muralto, stop alla progettazione ‘totale’

Ritirato il messaggio per moderazione del traffico e riassetto urbano perché due dei tre comparti sono “troppo” legati alle incertezze in stazione
Ticino
7 ore

Scuole di musica e obbligo 2G: ‘Non ci sono margini di manovra’

Il Consiglio di Stato risponde al Conservatorio sulle novità introdotte a fine dicembre: formazioni non equiparate a scuola dell’obbligo o secondario II
Luganese
7 ore

Campione, ricorso al Tar contro il taglio della sanità ticinese

La delibera del Consiglio regionale della Lombardia è in vigore dal 15 dicembre. Un’avvocata chiede l’intervento del Tribunale amministrativo regionale
Mendrisiotto
7 ore

Piazza del Ponte, progetto in sospeso. ‘Che delusione’

La Lista civica torna alla carica con il Municipio di Mendrisio. ‘A che punto è il bando di concorso?’
Luganese
7 ore

Guasto risolto, i treni da Lugano al nord tornano in viaggio

Dopo due ore di disagi, le Ffs sono riuscite a ripristinare ‘la perturbazione tecnica agli impianti ferroviari’
Bellinzonese
8 ore

Anche Sant’Antonino si doterà di un custode sociale di paese

Il Municipio risponde positivamente alla richiesta Plr. Valutazioni in corso sulla proposta Ppd per un centro extrascolastico
Ticino
8 ore

Quote rosa ai vertici dell’Amministrazione? Commissione divisa

La ‘Costituzione e leggi’ ha firmato due rapporti di Filippini (Udc) e Lepori (Ps), tra monitoraggio e richieste di azione. Firme non ancora definitive
Locarnese
8 ore

Curling, ‘Torneo Camelie’ ad Ascona

Iscritte 14 squadre provenienti da tutta la Svizzera
Luganese
8 ore

Guasto alla stazione di Lugano, bloccati i treni verso nord

Emergenza ferroviaria. Dalle 16.30 attivati i bus navetta per Taverne e Giubiasco. Si indaga sulle cause della panne, ancora irrisolta
Bellinzonese
9 ore

Nuovo ospedale di Bellinzona: comprato il terreno

Firmato l’atto di compravendita tra Cantone e Armasuisse per la Saleggina e l’atto di servitù per l’Infocentro di Pollegio
Locarnese
9 ore

Verzasca, annullato l’incontro con Flavio Zappa

La causa: spazi stretti al Castello Marcacci di Brione non permettono il rispetto del distanziamento sociale
Luganese
9 ore

Tresa, la popolazione ha scelto il nuovo stemma comunale

Il sondaggio pubblico ha premiato ‘Tre-/-isca’ realizzato da Marco Andina. Sarà ora sottoposto a Municipio e Consiglio comunale per l’adozione
Luganese
10 ore

Agno, San Provino annullato per il terzo anno

La decisione è stata presa dal Municipio. Le formule alternative studiate non avrebbero permesso di vivere spensieratezza, allegria e spontaneità tipiche
Locarnese
10 ore

Lo svuotamento del lago Vogorno ha intorpidito l’acqua potabile

Problemi a Minusio e Tenero-Contra. Chiusa la captazione alle Brere e creati collegamenti con le reti idriche dei comuni vicini
Bellinzonese
10 ore

Faido-Carì, non c’è la neve ma c’è l’hockey in alternativa

Impossibile sciare sulle piste della località leventinese. Per creare ambiente e allegria ecco allora un quadrangolare di disco su ghiaccio amatoriale
Locarnese
10 ore

Passerella sulla Melezza, argini da consolidare

Nei pressi del ponte ciclo-pedonale tra Tegna e Losone, l’erosione delle piene ha minato la tenuta dei ripari. Sarà necessario intervenire a breve
Grigioni
10 ore

Passeggiando (e scrivendo) con la Pro Grigioni italiano

Riproposto il concorso letterario ampliando la partecipazione a tutte le fasce d’età dai 13 anni
 
18.06.2021 - 05:100
Aggiornamento : 17:50

Troppi cantieri fra Capolago e Bissone: viabilità al collasso

Il Municipio di Mendrisio chiede migliorie al Cantone. E due consiglieri Plr interrogano l’esecutivo. Maffi: 'Serve il lavoro notturno', Unia è 'combattuta'

Per chi si ritrova giorno dopo giorno sulla strada cantonale tra Capolago e Bissone (e viceversa) da un po' ormai è come misurarsi con un percorso a ostacoli, senza contare le lunghe colonne nelle ore di punta. Così la capacità di sopportazione di chi è al volante, fra una autostrada congestionata e le arterie interne sollecitate, è messa a dura prova. Troppi cantieri, che dureranno i più sino a luglio, in un caso fino all'autunno. Troppi i disagi da sopportare e ai quali non ci si abitua mai. Una situazione che ha raggiunto anche le stanze del Municipio di Mendrisio, che già nelle settimane scorse si è messo in contatto con l'autorità cantonale e gli uffici interessati. Anzi, prese carta e penna, l'esecutivo ha scritto all'indirizzo di Palazzo delle Orsoline per saperne di più sulle modalità con cui si sono coordinati i lavori - modi che sembrano aver escluso la possibilità di operare in notturna -, e per sollecitare un miglioramento della gestione delle opere (e a quanto pare dal Cantone è già arrivata una risposta). Una mossa, quella della Città, che si aspettavano pure due consiglieri comunali del Plr di Mendrisio, Giovanni Poloni, primo firmatario di una interrogazione, e il capogruppo Vincenzo Crimaldi.

Poco personale, tempi lunghi

Toccata con mano la quotidianità in zona, i due esponenti liberali radicali sono preoccupati, infatti, per come procedono i cantieri, sui quali, fanno presente richiamando l'attenzione dell'esecutivo, si vede "poco personale" e solo in "orari convenzionali". Un approccio, lamentano ancora, che ha "compromesso la viabilità, portando le colonne fino a Mendrisio". Code di auto aumentate sulle strade cantonali, concludono, proprio con l'apertura di cantieri "mal coordinati, con avanzamento lavori lento". Il punto, agli occhi di Poloni e Crimaldi, non è "l’urgenza degli interventi per la sicurezza degli utenti", ma piuttosto "la scarsa pianificazione, la mancanza di personale sul cantiere e le tempistiche dei cantieri su primarie vie di comunicazioni", che sono, dicono a chiare lettere, "imbarazzanti".

La mappa dei cantieri stradali

Nessuno, insomma, mette in discussione la bontà delle opere in corso. Il nodo da sciogliere, fanno presente i due consiglieri, è semmai quello delle ricadute di questi lavori, da una strada all'altra. Basta dare un'occhiata alla mappa dei cantieri stradali. "A Riva San Vitale - spiegano - è stato aperto nel mese di marzo-aprile un cantiere sulla strada principale che collega Brusino con Mendrisio, obbligando parte del traffico pendolare e transfrontaliero sulla strada cantonale che transita per Capolago". Mentre proprio a Capolago, Quartiere di Mendrisio, ci vorrà sino a fine luglio per ultimare la realizzazione del nuovo interscambio per i bus. Questo ha comportato "la chiusura parziale di una corsia e installazione di impianti semaforici. Semafori – rincarano Poloni e Crimaldi – che alla sera già dalle 19 vengono attivati con code fino a sera inoltrata".

D'altra parte, però, "il cantiere è deserto, e di giorno vi è poca manovalanza – rimarcano –. Ciò ha creato un collo di bottiglia con la formazione di code, dovute anche al traffico transfrontaliero, costretto a percorrere questa unica via per raggiungere la zona Industriale di Mendrisio". Senza trascurare che a Bissone – dove si sta intervenendo sulle infrastrutture, ndr –, a Maroggia – dove è in corso il risanamento del ponte sul Mara, ndr – e a Melano e Capolago sono stati aperti altri cantieri che limitano il transito a una corsia".

Interrogativi aperti

Ai due Plr viene, quindi, da chiedere al Municipio se queste opere siano state notificate in modo tempestivo, informando "sui potenziali rischi di aumento del traffico in mancanza di alternative". E nello specifico, "il cantiere alla fermata dei mezzi pubblici a Capolago, zona stazione Ffs, non poteva essere rimandato dopo l’ultimazione dei lavori a Riva San Vitale sulla strada principale (o viceversa)?". Inoltre, "il Municipio era a conoscenza di questo mancato coordinamento che ha comportato la chiusura (totale e poi parziale) di un importante e strategica via di comunicazione?". A Mendrisio ci si interroga, in altre parole, sul fatto se si siano profusi tutti gli sforzi necessari per scongiurare una situazione che pure al tavolo del Municipio si definisce "insostenibile".

Altri lavori in vista

L'autorità cittadina, d'altro canto, sa che nel prossimo futuro altre interruzioni metteranno ancora a dura prova Comune e popolazione di Mendrisio. «In effetti – conferma a 'laRegione' Samuel Maffi, capo dicastero Sicurezza pubblica –, sono previsti altri lavori sulla strada cantonale, di competenza, però, comunale. Dovremo infatti intervenire sulle sottostrutture fra la rotonda di Segoma e i semafori in centro paese a Capolago; e ciò comporterà un anno di cantiere». Opere improrogabili per poter veder stendere un manto d'asfalto fonoassorbente.

‘Ho chiesto di sollecitare interventi in notturna’

«Di conseguenza – annota ancora Maffi –, siamo già all'erta. Per ridurre al massimo i disagi per il traffico ed evitare il rischio di intasare le strade verso Mendrisio e Stabio c'è una sola possibilità». Quale? «Chiedere di poter lavorare di notte. A titolo personale – ci conferma il capo dicastero –, ho chiesto a chi gestisce il progetto di domandare di poter operare in notturna e mantenere la bidirezionalità della strada. In fondo si tratta di una questione strategica e fondamentale per gestire il traffico». Non a caso anche per i cantieri attuali Poloni e Crimaldi si interrogano sulle ragioni che hanno portato a non mettere in campo tutte le opzioni lavorative possibili. O "vi sono difficoltà da parte dell’impresa appaltatrice dei lavori?".

Il punto di vista sindacale: ‘Lavoro notturno? Siamo combattuti’

La crescita esponenziale del traffico, in ogni caso, in questi anni non ha messo a dura prova solo gli automobilisti. Anche i lavoratori dell'edilizia occupati nei cantieri stradali si sono ritrovati sempre più spesso a scambiare letteralmente il giorno con la notte. Le stesse istituzioni, del resto, come abbiamo visto, per bypassare i disagi di colonne e tempi d'attesa spingono affinché si lavori pure di notte. «In effetti – ci spiega Dario Cadenazzi, responsabile del settore edilizia di Unia – in Ticino il lavoro notturno è esploso proprio a causa del traffico, un problema quest'ultimo che non appartiene solo al Sottoceneri. Siamo confrontati giornalmente pure nel Sopraceneri con le code su alcune arterie».

Sia chiaro, per poter aprire un cantiere di notte servono, come ci ricorda lo stesso Cadenazzi, due autorizzazioni: la prima dall'Ispettorato del lavoro, la seconda dalla Commissione paritetica. Come dire che di paletti non ne mancano. Resta, poi, la viabilità caotica con la quale fare i conti. Ecco che per un sindacato che si batte per tutelare i lavoratori dal lavoro festivo e ha sollevato un velo sulla pressione esercitata sui tempi di consegna è arduo digerire questa situazione. «Non possiamo dire che non esista una sensibilità in tal senso sul piano istituzionale. Da parte nostra – ammette Cadenazzi –, siamo comunque combattuti tra quella che è la realtà viaria attuale e i principi dei diritti dei lavoratori». Bel dilemma.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved