ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
25 min

Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita

Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
12 ore

La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023

Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
15 ore

Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista

L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
15 ore

Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico

La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
16 ore

Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista

L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
19 ore

A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa

Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
21 ore

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
1 gior

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
1 gior

Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica

Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
1 gior

La comunità cripto trova casa in centro città

L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
1 gior

Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe

Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
1 gior

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Mendrisiotto
1 gior

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
1 gior

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
1 gior

Lugano, arte postale in campo a favore della diversità

L’associazione socioculturale Kosmos promuove una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione di razzismo e discriminazione
Luganese
1 gior

Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma

Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
laR
 
15.06.2021 - 20:11

Mendrisio: 'In via Vela non si vive dal rumore'

Un residente nella parte alta della strada chiede da tempo al Municipio di introdurre una zona 30. 'Oggi c'è troppo traffico, senza contare i bus'

mendrisio-in-via-vela-non-si-vive-dal-rumore
Troppi i decibel nella parte alta della via (Ti-Press)

Mendrisio avrà il suo 'Rumorometro'. Saperlo, però, non basta a placare gli animi di chi, in Città, abita nella parte alta di via Vela. Da troppo tempo, infatti, chi affaccia sul tratto di strada fra l'incrocio con via Lanz e piazza San Giovanni (lì a due passi dal Museo d'arte) deve convivere con i rumori di fondo del traffico motorizzato e degli autobus che passano, da mattina a sera inoltrata, da quelle parti. E il baccano ha superato da un po' il limite di sopportazione. Ormai ne va della qualità di vita, soprattutto per uno dei residenti in zona. Ai suoi orecchi quel collegamento cittadino si è guadagnato, in effetti, la palma della «peggiore» arteria locale. A tal punto che dal 2016 sta rendendo partecipe del problema autorità comunale e cantonale e persino la Commissione regionale de trasporti (Crtm). Le missive si sono susseguite - l'ultima a Dipartimento del territorio e Crtm è del marzo scorso -, ma la situazione, quella, lamenta, non è cambiata di un decibel. Ecco che mese dopo mese questo cittadino ha sperato in quello che, al momento, ha tutta l'aria di essere un sogno: trasformare la parte alta di via Vela in una zona a 30 chilometri orari, inserendola tra gli interventi a priorità '1'. Richiesta rilanciata nell'ultimo scritto indirizzato all'esecutivo.

'L'asfalto fonoassorbente non basta'

Per ora, in ogni caso, nell'elenco delle vie dei vari Quartieri in cui è prevista l'introduzione dei 30 orari, via Vela non c'è. Non è inserita nel pacchetto di opere parte del credito quadro di un milione e 250mila franchi votato dal Consiglio comunale e da spendere entro fine anno. Per chi ci abita, però, l'urgenza c'è eccome. L'impressione, ci spiega il residente, è che sin qui si sia data la precedenza alla sicurezza stradale rispetto alla tutela degli abitanti dal rumore. In realtà, aggiunge, un rimedio è previsto: la posa di uno strato di asfalto fonoassorbente. Una soluzione ritenuta inadeguata, fa capire. «Il Municipio - esplicita oggi come in una lettera all'esecutivo di qualche mese fa - sta usando i residenti come cavie per vedere se l'asfalto fonoassorbente è sufficiente, sta giocando con la preziosa salute delle persone».

'Ignorato il criterio della qualità di vita'

Anche se il residente vede nella 'sua' strada la candidata ideale per farne una zona 30, l'autorità non sembra proprio pensarla allo stesso modo. «Mi hanno spiegato che via Vela è una strada collettrice principale, un asse di scorrimento. Di conseguenza la circolazione deve restare funzionale. A mio modo di vedere, però - rilancia -, i criteri per iscriverla fra i collegamenti a 30 orari sussistono». Come dire che si sarebbe dovuto effettuare un esame più attento degli interessi in gioco. Invece, lamenta ancora, gli aspetti legati al rumore e alla qualità della vita sono stati «ignorati».

E poi c'è il passaggio di un centinaio di bus

A favore della sua causa, del resto, questo cittadino porta dati e numeri. La prima cifra fa riferimento ai decibel misurati lungo la via, che superano, fa notare, la soglia di legge, Catasto dei rumori alla mano. La seconda richiama il traffico giornaliero medio, che nella parte alta si attesta su circa 5mila veicoli: aspetto, osserva, che ne fa una 'strada orientata all'insediamento. Ergo, conclude, «una buona candidata» ai 30 orari stando alle definizioni delle nuove linee guida cantonali. Poi, richiama, accanto ai mezzi pesanti (non pochi), «c'è il passaggio di un centinaio e oltre di bus (Autolinea Mendrisiense e Autopostale) quotidiani», e questo dalle cinque del mattino all'una di notte. Un andirivieni, quest'ultimo, al centro, come detto, di un'altra missiva inviata a Dipartimento del territorio e Crtm. Perché, scrive l'abitante di via Vela, anche i «mezzi pubblici contribuiscono in modo importante all'inquinamento fonico e al disturbo dei residenti» e con il nuovo orario, da dicembre, potenziata l'offerta, è cresciuto pure il disagio.

Lo conforta nelle sue argomentazioni l'osservazione del via vai che lo ha portato a concludere come durante i giorni feriali dalla strada transitano 248 autobus al giorno, il sabato e i festivi 166. A conti fatti, ribadisce, si parla di 12 bus all'ora, restituendo una «frequenza molto alta»; e se si calcola, insiste il residente, che «ogni mezzo pesante fa rumore come dieci auto», la quotidianità non è tranquilla pur abitando in un quartiere residenziale.

'Immaginate di abitare qui'

Il cittadino non lo manda a dire: «Bisogna immaginare di vivere qui». Così chiama in soccorso le indicazioni federali. In effetti, motiva, «con una zona 30 si sarebbe sicuri, lo dicono diversi studi della Confederazione, che il rumore diminuirebbe durevolmente e ci sarebbero anche molte altre conseguenze positive, anche sul traffico». Senza trascurare il fatto, rincara, che nelle ultime sentenze del Tribunale federale la protezione della salute ha assunto un peso maggiore. E ridurre la velocità (anche solo da 50 a 30 orari) darebbe modo, come fatto presente nella missiva al Municipio citando sempre documenti federali, di fluidificare il traffico e di diminuire le emissioni sonore di circa tre decibel. Alla fine, ricorda, andare un po' più piano in quel tratto di strada non è un gran sacrificio e attutirebbe tanti problemi. Tanto più, conferma il residente, che altre vie, anche vicine, sono state inserite nell'elenco delle zone 30; allora quella riservata è «una palese discriminazione e disparità di trattamento che pesa sulla salute dei residenti di via Vela alta». Purtroppo, però, chiosa, «sin qui le autorità sono rimaste sorde».

Leggi anche:

A Mendrisio entra in azione il 'Rumorometro'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved