il-ps-unisce-le-forze-e-rilancia-il-tema-dell-aggregazione
Marco D'Erchie fra i due copresidenti cantonali
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
7 min

Nel weekend test Covid al ‘drive-in’ a Rivera e in 3 check-point

Disponibili anche diverse farmacie sul territorio cantonale. Necessaria la prenotazione online
Bellinzonese
15 min

Riviera ha più abitanti e attività economiche

Nel 2021 la popolazione è cresciuta di 65 unità mentre i nuovi insediamenti sono stati 36
Ticino
1 ora

In Ticino -13 ricoverati (-2 in cure intense) e un decesso

Calano anche i casi giornalieri. Altri 17 contagi registrati in case anziani, con 22 strutture attualmente con residenti positivi al virus
Locarnese
3 ore

Centovalli, il passaggio di consegne slitta

Armando Maggetti, municipale a interim, proseguirà con il proprio mandato fino alla prossima primavera, prima di cedere il testimone a Cristina Tanghetti
Luganese
3 ore

Carabbia, e i lavori nel nucleo e la ‘riqualifica mancata’

Una cinquantina di proprietari criticano il Municipio di Lugano, per gli interventi squalificanti e non vuole pagare gli ‘esosi’ contributi di miglioria
Luganese
6 ore

Lugano, contestato intervento edilizio in via Nassa

C’è un ricorso pendente al Tribunale amministrativo ma i finestroni son già stati posati al numero civico 54 del salotto cittadino
Mendrisiotto
6 ore

Aggregazione, il Distretto prende due strade parallele

Basso e Alto Mendrisiotto si accingono a procedere con studi separati. A seguire Vacallo sono altri quattro Comuni. Novazzano resta indeciso
Ticino
12 ore

Per le cantonali si cerca in tutta l’area progressista

Il Partito socialista ha costituito la Commissione incaricata di trovare i candidati per la doppia tornata elettorale del 2023
Ticino
15 ore

‘Proscioglimento o al massimo pene pecuniarie sospese’

Sono le richieste dei legali di Eduardo Tartaglia e Alfonso Mattei nel processo per il caso Fec-Hottinger in corso al Tpf di Bellinzona
Bellinzonese
15 ore

‘L’aggregazione porta forza progettuale e maggiori competenze’

In vista del voto in Bassa Leventina, intervista a Roland David e Alberto Pellanda coinvolti in prima persona nelle fusioni di Faido e Riviera
Ticino
16 ore

Test superamento livelli: costo, valutazione, logistica...

Sperimentazione in terza media: ecco la proposta di emendamento (sei pagine) del Consiglio di Stato in vista del dibattito parlamentare sul Preventivo
Luganese
16 ore

Incendio allo Speedy Pizza di Massagno, due intossicati

Dopo l’esplosione di due batterie vi è stato un principio d’incendio, domato dai pompieri di Lugano. La polizia scientifica indaga sulle cause
Gallery
Locarnese
16 ore

Il ‘padel-graben’ che divide Sopra e Sottoceneri

La nuova disciplina, affine al tennis, conosce un crescente successo in Ticino. Ma nella nostra regione l’interesse per simili infrastrutture è scarso
Locarnese
17 ore

Ascona, nuovo parco giochi in via Delta

Presentata la domanda di costruzione. Nel frattempo vengono risanate anche le altre dieci aree attrezzate per i bimbi
Ticino
17 ore

Caso India, Biscossa (Ps): ‘Macché burro e ferrovia’

La prima firmataria della petizione che chiedeva lumi al governo respinge le accuse di Gobbi sui dati utilizzati: ‘Manca una risposta soddisfacente’
Locarnese
18 ore

Brione sopra Minusio, calano gli abitanti

Nel corso del 2021 le partenze hanno superato gli arrivi
Luganese
18 ore

Liceo diocesano di Breganzona, aperte le iscrizioni

Serate di presentazione pubblica, tra i percorsi possibili anche quelli per musicisti e sportivi
Luganese
18 ore

Apre il 26 gennaio il Casinò di Campione d’Italia

La sala da gioco riapre i battenti con la formula ‘Tutto in un Touch’
09.06.2021 - 19:220
Aggiornamento : 21:21

Il Ps unisce le forze e rilancia il tema dell'aggregazione

Nasce la Sezione Mendrisiotto e Basso Ceresio. Il neo presidente Marco D'Erchie: 'Aperti al dialogo, anche con gli altri partiti'

Sul Distretto (soprattutto a sud) torna a soffiare il vento dell'aggregazione. All'improvviso (almeno in apparenza) si è tolto di nuovo dal cassetto il dossier. Con la consapevolezza che, nel Basso Mendrisiotto, a Chiasso si confidava da tempo di riallacciare i nodi di un discorso interrotto anni fa; ma con l'elemento nuovo che stavolta a rompere il ghiaccio è stato un Comune della sua cintura, Vacallo. È stato quest'ultimo, infatti, a lanciare l'invito ai vicini (Breggia incluso). Come andrà a finire? Molto conteranno gli orientamenti dei partiti locali. Detto, fatto: sarà intuito politico, ma non è un caso che giusto sabato scorso a Sinistra si è deciso di rinsaldare i legami territoriali e di dare forma alla Sezione del Partito socialista del Mendrisiotto e Basso Ceresio. Formalizzato il passo di creare una sezione, lo si è voluto compiere, infatti, con respiro regionale. E la tempistica, come detto, non sembra casuale. Anche perché ci si lavorava da mesi e qualche voce era corsa. A (ri)dare slancio i risultati positivi inanellati, grazie anche all'alleanza consolidata con i Verdi, in occasione delle ultime elezioni comunali di aprile.

'Il Ps guarda già al futuro'

Si (ri)parla di aggregazione, dunque? Lo chiediamo a Giancarlo Nava, che al posto di coordinatore ci si è trovato più volte e che è riconosciuto come una figura storica della Sinistra. «Prestiamo molta attenzione e interesse all'aggregazione generale del Mendrisiotto - ci risponde -. Si può dire che in prospettiva la neonata sezione è la sezione del Mendrisiotto unito: si guarda già avanti, al futuro». Se poi si dovesse cominciare dal Basso Mendrisiotto, fa capire Nava, sarebbe già qualcosa. E il Ps quindi si prepara. Ecco che gli equilibri politici saranno quanto mai importanti per riuscire a concretizzare il progetto. Tanto più sapendo che la guida Ppd dei Comuni che circondano la cittadina ha sempre frenato in questi anni.

Il neo presidente eletto della Sezione, Marco D'Erchie - che sarà affiancato da un Comitato composto da diciotto membri e due revisori -, lo dichiara subito: «Io sono favorevole al concetto di aggregazione». Adesso, in ogni caso, ciò che si prefigge il Ps momò è di aprire un dibattito, coinvolgendo l'area progressista ma pure le altre forze politiche, assicura il presidente. «L'idea - ci spiega - è quella di far ripartire la discussione alla luce del progetto della Valmara, di quanto sta cominciando a muoversi nel Basso Mendrisiotto e del discorso aperto con Mendrisio dei Comuni vicini. Parlarne e arrivare anche a formulare delle proposte». E non è detto che ci si fermi lì. «Non escludo che si possa anche lanciare una petizione sul tema - chiarisce D'Erchie -. Tutto dipenderà da cosa uscirà dal confronto». Poi rende attenti: «Tutti abbiamo a cuore i paesi, ma per ottenere delle risposte a livello cantonale e federale occorre unire le forze e dare voce alle istanze in modo compatto». E di nodi da sciogliere - a cominciare da quelli che stanno tenendo banco, come la terza corsia autostradale o AlpTransit a sud - non ne mancano.

In cima alla lista il lavoro

Certo non si è che all'inizio del nuovo cammino. Il piano d'azione, comunque, è già stato stilato. Il primo atto, si anticipa in una nota, sarà dare il via a una "consultazione con i gruppi locali unitari, al fine di definire le problematiche che dovranno essere trattate con priorità". Sul tavolo, si riconosce, ci sono tutta una serie di punti da affrontare, come i "temi del lavoro, della socialità, del primo impiego giovanile e dei salari". Il che lascia intendere che in cima alla lista ci sono i nodi dei diritti sociali. Non si trascureranno, in ogni caso, nemmeno, le questioni legate al traffico, alla mobilità lenta, all'inquinamento e ai problemi ambientali. Per D'Erchie si partirà da territorio e socialità, dalla realtà giovanile e dal bisogno di prossimità, misurandosi grazie a tavole rotonde e serate tematiche. Da lì si attingerà per promuovere azioni coordinate nei gremi comunali e «indicare la rotta all'area progressista, nel segno della propositività e dell'inclusività verso tutti».

Una delle più grandi del Ticino

Volgendo lo sguardo in casa socialista, la decisione presa "a larga maggioranza" dall'assemblea di sabato, presenti i rappresentanti dei quattordici Comuni e realtà del Mendrisiotto e Basso Ceresio, ha fatto della sezione regionale una delle più grandi del Ticino con i suoi 170 membri, assimilabile a Lugano e Bellinzona. Nonostante la crisi sanitaria da Covid-19 e dopo quello che è stato definito in una nota un "lungo lavoro preparatorio", si è dunque tagliato il traguardo. Cogliendo altresì l'occasione per festeggiare il responso delle urne di aprile. Del resto, una delle parole d'ordine declinate dal neo presidente è «rafforzare la base» nella regione. Senza nascondere l'intenzione di avvicinare di nuovo persone di ogni età alla politica attiva, staccando qualche iscrizione in più. «Perché per dare continuità a un partito - annota D'Erchie - ci vogliono le persone». Il Mendrisiotto, richiama, è «una realtà complessa e con molteplici aspetti da valutare». Ed è in questo contesto che si è deciso di «unire le vecchie sezioni del partito che, nel tempo, si erano in gran parte un po' 'arenate'». Come dire che il Ps c'è e lotta con le sue donne e i suoi uomini.

Una formula che fa scuola

Aver creato una Sezione regionale sortirà anche un altro aspetto positivo, come rilevato nella nota e testimoniato dalle parole dei due copresidenti cantonali Fabrizio Sirica e Laura Righet. "Lo sviluppo delle tematiche regionali e la ramificazione sul territorio faranno sì - si conferma - che i legami tra i vertici della Sezione e la base del Partito si rafforzeranno: un aspetto fondamentale perché il Ps affronti in modo concreto ed efficace le sfide che lo attendono". In effetti, come il Mendrisiotto e Basso Ceresio pure il Locarnese sta pensando di unire le forze socialiste. «Si stanno muovendo in quella direzione - ci dice Nava -. Ormai è un processo generalizzato». Come dire che a Sinistra ci si sta organizzando.

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved