NJ Devils
ARI Coyotes
01:00
 
passa-la-terza-corsia-dell-a2-e-c-e-chi-deve-cambiare-casa
L'ampliamento della galleria non sarà indolore (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Per le cantonali si cerca in tutta l’area progressista

Il Partito socialista ha costituito la Commissione incaricata di trovare i candidati per la doppia tornata elettorale del 2023
Ticino
4 ore

‘Proscioglimento o al massimo pene pecuniarie sospese’

Sono le richieste dei legali di Eduardo Tartaglia e Alfonso Mattei nel processo per il caso Fec-Hottinger in corso al Tpf di Bellinzona
Bellinzonese
4 ore

‘L’aggregazione porta forza progettuale e maggiori competenze’

In vista del voto in Bassa Leventina, intervista a Roland David e Alberto Pellanda coinvolti in prima persona nelle fusioni di Faido e Riviera
Ticino
5 ore

Test superamento livelli: costo, valutazione, logistica...

Sperimentazione in terza media: ecco la proposta di emendamento (sei pagine) del Consiglio di Stato in vista del dibattito parlamentare sul Preventivo
Luganese
5 ore

Incendio allo Speedy Pizza di Massagno, due intossicati

Dopo l’esplosione di due batterie vi è stato un principio d’incendio, domato dai pompieri di Lugano. La polizia scientifica indaga sulle cause
Gallery
Locarnese
5 ore

Il ‘padel-graben’ che divide Sopra e Sottoceneri

La nuova disciplina, affine al tennis, conosce un crescente successo in Ticino. Ma nella nostra regione l’interesse per simili infrastrutture è scarso
Locarnese
6 ore

Ascona, nuovo parco giochi in via Delta

Presentata la domanda di costruzione. Nel frattempo vengono risanate anche le altre dieci aree attrezzate per i bimbi
Ticino
6 ore

Caso India, Biscossa (Ps): ‘Macché burro e ferrovia’

La prima firmataria della petizione che chiedeva lumi al governo respinge le accuse di Gobbi sui dati utilizzati: ‘Manca una risposta soddisfacente’
Locarnese
7 ore

Brione sopra Minusio, calano gli abitanti

Nel corso del 2021 le partenze hanno superato gli arrivi
Luganese
7 ore

Liceo diocesano di Breganzona, aperte le iscrizioni

Serate di presentazione pubblica, tra i percorsi possibili anche quelli per musicisti e sportivi
Luganese
7 ore

Apre il 26 gennaio il Casinò di Campione d’Italia

La sala da gioco riapre i battenti con la formula ‘Tutto in un Touch’
Locarnese
7 ore

Ronco s/Ascona, posteggi gratuiti

Fino al 28 febbraio non si dovranno pagare gli stalli pubblici comunali muniti di parchimetro
Ticino
7 ore

Visita di cortesia del console d’Italia a Lugano

Gabriele Meucci, appena entrato in carica, ha incontrato per la prima volta le autorità cantonali
Locarnese
7 ore

Losone, lavori Ses e interruzione corrente

Il 28 gennaio l’erogazione sarà brevemente sospesa, nel corso del pomeriggio, tra Caraa Servetta e via San Materno
Locarnese
7 ore

Annullato il Carnevale di Ribellonia a Solduno

Il comitato sta valutando di organizzare al suo posto un evento estivo
Locarnese
8 ore

Riapre la Bottega del Mondo a Cavergno

Dopo la pausa natalizia, riprende l’attività benefica della sede alto-valmaggese
 
05.06.2021 - 05:300

Passa la terza corsia dell'A2. E c'è chi deve cambiare casa

Primo incontro a Maroggia tra rappresentanti dell'Ustra e i proprietari toccati dal potenziamento dell'autostrada fra Mendrisio e Lugano

La via è tracciata. E i piani parlano chiaro: entro il 2035 si potenzierà il tratto sud dell'autostrada, fra Mendrisio e Lugano. Al di là che piaccia o meno (e da queste parti le voci critiche non sono poche), il cosiddetto progetto PoLuMe non solo fluidificherà il traffico (nelle intenzioni), ma cambierà altresì la vita delle persone. L'opera da oltre un miliardo e 800 milioni di franchi - questo il costo globale generale - ha una faccia nascosta. In effetti, oltre a modificare il profilo del paesaggio, inciderà nella quotidianità di chi si ritrova sulla traiettoria di quello che, di fatto, è un nuovo tracciato dell'A2, fra una terza corsia dinamica (nelle ore di punta), gallerie e svincoli. Rivisto l'uso dell'arteria principale e spostata la strada cantonale per liberare i nuclei, vi è chi, in particolare sul territorio di Maroggia, o si è scoperto essere in rotta di collisione con le nuove infrastrutture o per lo meno destinato ad avere un incontro ravvicinato con il collegamento cantonale. In un modo o nell'altro questi residenti potrebbero vedersi costretti a cambiare casa. È vero, oggi non siamo che ai piedi della scala di una procedura complessa e che vedrà affinare il dossier con le autorità locali dopo l'autunno 2022, ma è bastato uno schizzo alla presentazione pubblica, l'ottobre scorso, per rovinare il sonno a un drappello di abitanti del Comune sul Ceresio. Una ragione più che sufficiente per chiedere al Municipio di saperne di più si quanto l'attende. E l'autorità comunale, rispondendo alle preoccupazioni di questi suoi cittadini, ha organizzato una serata-incontro che il primo giugno corso ha messo faccia a faccia un cinquantina di proprietari e rappresentati dell'Ustra, l'Ufficio federale delle strade. Una prima dopo che alla presentazione dell'incarto, il 27 maggio scorso a Bellinzona, a una domanda de 'laRegione' i vertici avevano confermato di non aver avuto ancora dei contatti e che di espropri si parlerà nella fase successiva del progetto.

Primo incontro fra Ustra e proprietari

Il terreno è di quelli delicati, se non minati. Soprattutto se oltre a degli espropri, l'intervento include pure delle demolizioni. A Maroggia sono di sicuro due gli edifici che dovranno lasciare il passo a PoLuMe. Per altri cambierà il panorama. Sia chiaro, non tutto è ancora stato deciso. E le parole del responsabile del progetto Filippo Civetta e del capo Settore gestione progetti sud Francesco Caggia, affiancati da due tecnici che accompagnano l'Ustra in questa impresa, sembrano aver rasserenato un poco gli animi. Come è andata martedì scorso? «Diciamo che la serata è finita meglio di come è iniziata - dice a 'laRegione' il sindaco di Maroggia Jean-Claude Binaghi -. Al loro arrivo i partecipanti - due gli esponenti per ogni famiglia che hanno potuto iscriversi, ndr - avevano addosso molta rabbia e delusione. Ma oltre a ricevere delle risposte sui loro singoli casi, hanno avuto delle informazioni un po' più puntuali anche sulla tempistica, necessarie per affrontare la situazione. E qualche dubbio si è sciolto».

C'è chi perde la casa e chi si ritrova la Cantonale fuori alla porta

Il sindaco Binaghi non nasconde di appoggiare il progetto. A maggior ragione adesso che l'Ustra, davanti alle osservazioni dei Municipi e sulla spinta del Cantone, ha accettato di riconsiderare la realizzazione di uno dei nuovi svincoli, quello di Melano. «Se si troveranno altre soluzioni - ci spiega - lo scenario dovrebbe migliorare, anche per i proprietari interessati. Sono moderatamente positivo». Ciò, in ogni caso, non attenua l'attenzione verso le persone che si ritroveranno a fare i conti con il progetto. «Per chi è toccato molto da vicino da questa operazione è dura, senz'altro - riconosce Binaghi -. Infatti, martedì c'erano tutti. Del resto, in due casi si vedranno demolire lo stabile, in altri casi chi ha appena ristrutturato l'abitazione si ritroverà con la strada cantonale davanti. E allora ti si stringe il cuore. Senza contare coloro che già al passaggio della prima autostrada hanno già dovuto cedere dei terreni, e ora capita di nuovo». Persone nate e cresciute a Maroggia o che hanno scelto questo paese anni fa per vivere qui con la famiglia.

Uno dei nodi, la revisione dello svincolo

Certo chi avrà più da perdere sono i propietari dell'immobile da sempre adibito a locale notturno-discoteca e le famiglie dell'abitazione vicina: lì saranno realizzate, infatti, le infrastrutture tecniche della galleria Bissone-Maroggia, che sarà ampliata (come la Melide-Grancia). Ergo traslocare sarà inevitabile. Resta, invece, ancora da chiarire il destino delle case e delle cantine che si trovano dietro al cimitero, in direzione di Melano. E qui un ruolo importante lo potrà giocare la revisione dello svincolo di Melano. «In effetti - conferma il sindaco -, in questo caso i proprietari oggi sono un po' più tranquilli». L'Ustra, dal canto suo, rimane convinta della soluzione proposta, ma l'impegno a verificare di nuovo quel passaggio con il supporto di uno specialista del traffico è preso. E se emergerà la necessità di ripensare l'intervento fra Maroggia e Melano, si agirà in modo da prestare maggiore attenzione all'impatto territoriale e ambientale nella fase di progettazione successiva.

Inutile dire che nel prossimo futuro ad avere gli occhi puntati non sarà solo l'evoluzione del progetto PoLuMe, ma pure gli sviluppi dell'iter legato agli espropri, in particolare nella seconda tappa, ovvero quando si definiranno piani e tracciato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved