ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 min

Bissone diventa il paese degli scacchi per due giorni

Il prossimo fine settimana ci saranno tornei riservati ai ragazzi e il Trofeo semi-lampo con il maestro di levatura intersezionale Damir Levacic
Locarnese
15 min

Locarno, auto contro un palo. Conducente all’ospedale

Incidente stamane in via Vela: la donna al volante è stata ricoverata con l’ambulanza
Locarnese
16 min

‘Una possibilità’ è quella che vedrà la luce a Solduno

IIl gruppo interdisciplinare capitanato dallo studio Lopes Brenna di Chiasso ha vinto il concorso per ristrutturazione e ampliamento delle Scuole comunali
Bellinzonese
38 min

Incidente sul viadotto del Ceneri, disagi sulla A2

L’incidente si è verificato poco dopo la galleria, sull’asse di percorrenza sud-nord, provocando la momentanea chiusura della corsia di destra
Luganese
51 min

Piscina di Carona, snellito il progetto di rilancio

Abbattuti i costi, razionalizzato l’intervento ma restano l’intenzione dell’autorità di rivalutare il comparto e le perplessità dei critici
Ticino
4 ore

Parità per l’età Avs? ‘Allora parità in tutti gli ambiti’

Secondo i contrari alla riforma avallata per pochi voti, ora è ancora più urgente combattere le disuguaglianze di genere. ‘Il no del Ticino è un segnale’
Ticino
4 ore

Giovani nei partiti, tra ‘buone alleanze’ e ‘spine nel fianco’

Parola ai responsabili dei movimenti politici giovanili: i temi, i rapporti con gli schieramenti di riferimento, come intercettano le nuove generazioni
Bellinzonese
4 ore

Val d’Ambra 2, Pro Natura ribadisce il proprio ‘niet’

L’associazione ambientalista sempre contraria a un secondo bacino in Bassa Leventina, rispolverato da alcuni parlamentari vista la penuria energetica
Locarnese
4 ore

Hotel Arcadia, ‘il malessere è reale’: cade la Direzione

Confermato dall’audit dell’Ispettorato del lavoro il profondo disagio in albergo per i metodi di conduzione. Inevitabili i provvedimenti della casa madre
Luganese
11 ore

Lugano, scontro tra un automobilista e un motociclista

Ad avere la peggio il secondo, un 47enne che ha riportato ferite di media gravità. È successo a inizio serata in via Ciani
Luganese
13 ore

50 anni di Fondazione Ipt, 50 anni di aiuto nel lavoro

Domani all’Hotel Splendide Royal di Lugano un evento. Il direttore di Ipt Ticino Marco Romano: ‘Importante opportunità di networking’.
Locarnese
13 ore

Lupi in Rovana, si teme ‘seguano’ le prede al piano

Incontro a Bellinzona tra mondo agricolo, istituzioni locali, Associazione contro i grandi predatori e Cantone per cercare possibili soluzioni al problema
Mendrisiotto
13 ore

Servizio idrico, c’è il sigillo degli Enti locali

Via libera della Sezione alle fondamenta del Consorzio che vede unire le forze del Basso Mendrisiotto
Luganese
14 ore

Lugano, all’ex asilo Ciani arriva il festival Satori

La manifestazione del benessere olistico ‘slegata dalla pura vendita’ e a chilometro zero propone una due giorni con terapisti e prodotti ticinesi
Bellinzonese
14 ore

Villaggio di Natale e pista di ghiaccio confermati a Bellinzona

Il Municipio ha fissato le misure di risparmio energetico ma senza rinunciare alle principali attrattive per le famiglie. Salvo anche il Rabadan
Grigioni
15 ore

Festa del vino con Luis Landrini Trio a Grono

Appuntamento per sabato 8 ottobre dalle 11 alle 18 nella piazzetta Birraria al B Atelier Bistrôt
laR
 
05.06.2021 - 05:30

Passa la terza corsia dell'A2. E c'è chi deve cambiare casa

Primo incontro a Maroggia tra rappresentanti dell'Ustra e i proprietari toccati dal potenziamento dell'autostrada fra Mendrisio e Lugano

passa-la-terza-corsia-dell-a2-e-c-e-chi-deve-cambiare-casa
L'ampliamento della galleria non sarà indolore (Ti-Press)

La via è tracciata. E i piani parlano chiaro: entro il 2035 si potenzierà il tratto sud dell'autostrada, fra Mendrisio e Lugano. Al di là che piaccia o meno (e da queste parti le voci critiche non sono poche), il cosiddetto progetto PoLuMe non solo fluidificherà il traffico (nelle intenzioni), ma cambierà altresì la vita delle persone. L'opera da oltre un miliardo e 800 milioni di franchi - questo il costo globale generale - ha una faccia nascosta. In effetti, oltre a modificare il profilo del paesaggio, inciderà nella quotidianità di chi si ritrova sulla traiettoria di quello che, di fatto, è un nuovo tracciato dell'A2, fra una terza corsia dinamica (nelle ore di punta), gallerie e svincoli. Rivisto l'uso dell'arteria principale e spostata la strada cantonale per liberare i nuclei, vi è chi, in particolare sul territorio di Maroggia, o si è scoperto essere in rotta di collisione con le nuove infrastrutture o per lo meno destinato ad avere un incontro ravvicinato con il collegamento cantonale. In un modo o nell'altro questi residenti potrebbero vedersi costretti a cambiare casa. È vero, oggi non siamo che ai piedi della scala di una procedura complessa e che vedrà affinare il dossier con le autorità locali dopo l'autunno 2022, ma è bastato uno schizzo alla presentazione pubblica, l'ottobre scorso, per rovinare il sonno a un drappello di abitanti del Comune sul Ceresio. Una ragione più che sufficiente per chiedere al Municipio di saperne di più si quanto l'attende. E l'autorità comunale, rispondendo alle preoccupazioni di questi suoi cittadini, ha organizzato una serata-incontro che il primo giugno corso ha messo faccia a faccia un cinquantina di proprietari e rappresentati dell'Ustra, l'Ufficio federale delle strade. Una prima dopo che alla presentazione dell'incarto, il 27 maggio scorso a Bellinzona, a una domanda de 'laRegione' i vertici avevano confermato di non aver avuto ancora dei contatti e che di espropri si parlerà nella fase successiva del progetto.

Primo incontro fra Ustra e proprietari

Il terreno è di quelli delicati, se non minati. Soprattutto se oltre a degli espropri, l'intervento include pure delle demolizioni. A Maroggia sono di sicuro due gli edifici che dovranno lasciare il passo a PoLuMe. Per altri cambierà il panorama. Sia chiaro, non tutto è ancora stato deciso. E le parole del responsabile del progetto Filippo Civetta e del capo Settore gestione progetti sud Francesco Caggia, affiancati da due tecnici che accompagnano l'Ustra in questa impresa, sembrano aver rasserenato un poco gli animi. Come è andata martedì scorso? «Diciamo che la serata è finita meglio di come è iniziata - dice a 'laRegione' il sindaco di Maroggia Jean-Claude Binaghi -. Al loro arrivo i partecipanti - due gli esponenti per ogni famiglia che hanno potuto iscriversi, ndr - avevano addosso molta rabbia e delusione. Ma oltre a ricevere delle risposte sui loro singoli casi, hanno avuto delle informazioni un po' più puntuali anche sulla tempistica, necessarie per affrontare la situazione. E qualche dubbio si è sciolto».

C'è chi perde la casa e chi si ritrova la Cantonale fuori alla porta

Il sindaco Binaghi non nasconde di appoggiare il progetto. A maggior ragione adesso che l'Ustra, davanti alle osservazioni dei Municipi e sulla spinta del Cantone, ha accettato di riconsiderare la realizzazione di uno dei nuovi svincoli, quello di Melano. «Se si troveranno altre soluzioni - ci spiega - lo scenario dovrebbe migliorare, anche per i proprietari interessati. Sono moderatamente positivo». Ciò, in ogni caso, non attenua l'attenzione verso le persone che si ritroveranno a fare i conti con il progetto. «Per chi è toccato molto da vicino da questa operazione è dura, senz'altro - riconosce Binaghi -. Infatti, martedì c'erano tutti. Del resto, in due casi si vedranno demolire lo stabile, in altri casi chi ha appena ristrutturato l'abitazione si ritroverà con la strada cantonale davanti. E allora ti si stringe il cuore. Senza contare coloro che già al passaggio della prima autostrada hanno già dovuto cedere dei terreni, e ora capita di nuovo». Persone nate e cresciute a Maroggia o che hanno scelto questo paese anni fa per vivere qui con la famiglia.

Uno dei nodi, la revisione dello svincolo

Certo chi avrà più da perdere sono i propietari dell'immobile da sempre adibito a locale notturno-discoteca e le famiglie dell'abitazione vicina: lì saranno realizzate, infatti, le infrastrutture tecniche della galleria Bissone-Maroggia, che sarà ampliata (come la Melide-Grancia). Ergo traslocare sarà inevitabile. Resta, invece, ancora da chiarire il destino delle case e delle cantine che si trovano dietro al cimitero, in direzione di Melano. E qui un ruolo importante lo potrà giocare la revisione dello svincolo di Melano. «In effetti - conferma il sindaco -, in questo caso i proprietari oggi sono un po' più tranquilli». L'Ustra, dal canto suo, rimane convinta della soluzione proposta, ma l'impegno a verificare di nuovo quel passaggio con il supporto di uno specialista del traffico è preso. E se emergerà la necessità di ripensare l'intervento fra Maroggia e Melano, si agirà in modo da prestare maggiore attenzione all'impatto territoriale e ambientale nella fase di progettazione successiva.

Inutile dire che nel prossimo futuro ad avere gli occhi puntati non sarà solo l'evoluzione del progetto PoLuMe, ma pure gli sviluppi dell'iter legato agli espropri, in particolare nella seconda tappa, ovvero quando si definiranno piani e tracciato.

Leggi anche:

La terza corsia sull'A2? 'È la sola risposta al traffico'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved