canapa-nascosta-dal-figlio-la-guardia-infedele-sapeva
La Mary (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

Telethon sollecita la generosità dei ticinesi

La raccolta fondi per la ricerca sulle malattie genetiche rare torna nel finesettimana in piazza. Eventi su tutto il territorio
Ticino
3 ore

Il braccialetto elettronico? Lo paga (pure) lo stalker

Il Consiglio di Stato: la partecipazione ai costi anche come deterrente. Allestito il regolamento per applicare la nuova norma del Codice civile
Locarnese
3 ore

Centro balneare, quella perizia che promuove la gestione

È ‘nelle primissime posizioni’ in Svizzera secondo l’esperto. Eppure la Città con un colpo di mano ha liquidato l’amministratore delegato (e non solo lui)
Luganese
3 ore

Beltraminelli torna in pista: ‘La mia, una malattia cronica’

Dalla passione per la politica alla positività al coronavirus, dallo sport all’aut aut della moglie: il neo presidente Ppd di Lugano a 360 gradi
Ticino
11 ore

Stranieri, Michela Trisconi nuova Delegata all’integrazione

L’ha nominata oggi il Consiglio di Stato. Succede ad Attilio Cometta, in pensione dopo oltre trent’anni nell’Amministrazione
Mendrisiotto
11 ore

Nel bunker Pci per il richiamo? È una soluzione provvisoria

Non a tutti piace andare a vaccinarsi al rifugio: ‘Scelta cantonale’. Ma a Mendrisio si stanno valutando delle alternative
Ticino
11 ore

‘Salario minimo, i controlli siano rigorosi’

Così i Verdi in occasione dell’entrata in vigore della legge cantonale, figlia della loro iniziativa popolare costituzionale
Locarnese
12 ore

Muralto, s’illumina il Grand Hotel della rinascita

Spettacolare scenario natalizio sulla facciata est dell’albergo da anni in disuso. Domani il via ufficiale al nuovo corso di Artioli
Ticino
13 ore

‘Quei doppioni burocratici sono da eliminare’

Cristina Maderni (Plr) torna a sollecitare il governo, questa volta con una mozione, sulle semplificazioni amministrative
Ticino
13 ore

Mascherine in quarta e quinta elementare da lunedì

Questa la principale novità per contrastare la nuova ondata. No, invece, ai test a tappeto giudicati poco utili e troppo onerosi
Ticino
13 ore

‘Pandemia dei dati’. Evento annullato

L’incontro pubblico organizzato dall’Acsi non si terrà né in presenza, né in streaming
Luganese
14 ore

Incendio a Lugano, palazzo evacuato

In via Maderno, non dovrebbero esserci stati feriti o intossicati
Luganese
14 ore

Agno, la filarmonica in concerto di gala

L’appuntamento è per domenica pomeriggio alle scuole comunali. Ingresso gratuito, con Certificato Covid e mascherina
Mendrisiotto
12.05.2021 - 12:000
Aggiornamento : 13.05.2021 - 14:35

Canapa nascosta dal figlio, la guardia 'infedele' sapeva

Il Tribunale amministrativo federale respinge il ricorso del capoposto del Mendrisiotto che non aveva denunciato la coltivazione indoor nella propria casa

Una lunga carriera in seno all'Amministrazione federale delle dogane: da aspirante a capogruppo. Più di trent'anni ai valichi da dove, spesso, 'la Mary' viaggia, fortunatamente, non sempre indisturbata. E proprio di 'erba' parla la sentenza del Tribunale amministrativo federale che ha respinto il ricorso della guardia di confine, residente nel Mendrisiotto, contro una decisione disciplinare irrogatagli dal Comando Regione IV.

Il tutto era cominciato giusto cinque anni fa quando alcuni agenti della Polizia cantonale si erano recati nella casa dell'uomo per reperire alcuni mezzi di prova per identificare un gruppo di tifosi ultras del Chiasso, a cui sembrava appartenere anche il figlio. Durante la perquisizione il giovane aveva consegnato agli agenti alcuni barattoli di marijuana che teneva nascosti nella sua camera e li aveva accompagnati nella mansarda dove in un box coltivava 5 piccole piante. Il tutto di nascosto dal padre? No, il genitore, come da lui stesso riferito, era a conoscenza dell'hobby del figlio. Il Comando delle guardie di confine, in un primo tempo, si era limitato a un avvertimento, in attesa della procedura penale da parte del Ministero pubblico che si era concluso circa dieci mesi dopo con una condanna per infrazione alla Legge federale sugli stupefacenti e sulle sostanze psicotrope. La Pretura penale però un anno dopo lo proscioglie. Non di questo avviso i suoi superiori che gli intimano una multa disciplinare in quanto "il collaboratore ha inequivocabilmente tollerato e non denunciato alle competenti autorità una situazione non regolare". La guardia a sua volta sostiene che non aveva alcun obbligo legale di denuncia trattandosi di un familiare; afferma comunque di accettare la decisione con l'invito a rivedere il tenore della multa, che il Comando accetta di fissare al ribasso. Ma il tutto non finisce qui, l'uomo ricorre "in quanto non si capirebbe quale atteggiamento egli avrebbe dovuto adottare verso il figlio".

Infranto l'obbligo di fedeltà

A spiegarglielo è appunto il Tribunale amministrativo federale. E la parola che riassume il tutto è 'fedeltà'. "L'impiegato – si legge nella sentenza che ne respinge il ricorso – è tenuto a svolgere con diligenza il lavoro impartito nonché di tutelare gli interessi del suo datore di lavoro. La loro violazione sussiste in particolare in presenza di comportamenti illegali e penalmente reprensibili, ma anche di comportamenti sconvenevoli nei confronti dei superiori o dei colleghi di lavoro". In gioco vi è dunque il concetto di 'doppio obbligo di fedeltà', "nella misura in cui il lavoratore, oltre alla tutela degli interessi pubblici del proprio datore di lavoro, ha parimenti l'obbligo di fedeltà, nella veste di cittadino, nei confronti dello Stato". Non solo, il Tribunale amministrativo va ben più a fondo: "I rappresentanti delle forze dell'ordine di polizia, a cui vanno parificate le guardie di confine, i cui corpi sono chiamati a svolgere compiti di ordine pubblico e di sicurezza, hanno l'obbligo accresciuto, rispetto agli altri funzionari dell'amministrazione, di mantenere, sia durante il servizio sia nel tempo libero, un comportamento impeccabile".

Per il Tribunale, dunque, la guardia di confine "ha tollerato la coltivazione e la detenzione di piante di canapa nella propria abitazione da parte del figlio convivente. Il fatto, come invocato dal ricorrente, che a livello penale, egli non sia stato sottoposto all'obbligo di denunciare suo figlio in quanto famigliare, non significa comunque che la tolleranza della coltivazione di canapa a casa sua non sia da ritenersi come contraria ai suoi doveri professionali. Il ricorrente aveva quindi il dovere di intervenire in modo che non vi sia più niente di reprensibile a casa sua. Sapere se, come denunciato con enfasi, questo significava mettere il figlio fuori da casa, denunciarlo o semplicemente distruggere le piante di cui conosceva la presenza, non compete a questo Tribunale".

Per i giudici 'violazione grave'

Per i giudici la guardia di confine ha così "violato gravemente, almeno per negligenza, i propri doveri professionali di fedeltà e diligenza. Il tollerare la coltivazione di piante di marijuana compromette la fiducia dell'autorità riposta nel collaboratore, ma sono soprattutto l'immagine e la fiducia riposta dal pubblico o altre istituzioni nell'amministrazione ad essere lese. Mal si vede come potrebbe rapportarsi con efficacia e credibilità nei confronti dell'utenza e delle autorità con cui collabora, segnatamente le autorità di polizia". Del resto lui stesso aveva riferito: "Sono consapevole che ho tradito i principi del mio lavoro".

 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved