meno-di-60-consiglieri-a-mendrisio-il-municipio-boccia-l-idea
'Questione di rappresentatività' (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

Tenero, nuovo annegamento nelle acque lacustri

Un 54enne confederato è scomparso dalla visuale attorno alle 17, mentre nuotava poco distante dalla riva. Il cadavere recuperato verso le 20
Locarnese
3 ore

Festa Madonna della Neve a Terra Vecchia

La località centovallina accoglie domenica la tradizionale ricorrenza religiosa
Locarnese
4 ore

Cavigliano, Plr in festa ‘al Lambic’

La locale sezione propone un incontro con i propri simpatizzanti domenica 28 agosto
Grigioni
5 ore

Condanna bis al comandante della polizia William Kloter

Pena ridotta ma confermata in Appello la grave infrazione alle norme della circolazione: l’ufficiale era stato pizzicato da un radar sull’A13 a Soazza
Mendrisiotto
5 ore

Cloro in falda a Vacallo, riaffiora il problema

Vuotare la vasca quadrata non è bastato. Il Municipio chiede a Chiasso di chiudere anzitempo la piscina comunale
Luganese
5 ore

Riconoscete il luogo: un altro quiz estivo sul Luganese

Dopo la sorprendente immagine di Mezzovico-Vira negli anni Cinquanta, ecco una seconda immagine per voi. Sapreste riconoscere questa zona?
Bellinzonese
5 ore

Scarsità di acqua, il Centro di Lumino critica l’ex Municipio

In tre interrogazioni i consiglieri comunali chiedono se vi sono perdite nelle condutture, sorgenti alternative e se l’approvvigionamento sarà garantito
Mendrisiotto
5 ore

Coldrerio, torna la Sagra da l’Asan

L’evento, organizzato dalla locale Associazione sportiva, si terrà il 25, 26 e 27 agosto al Capannone del campo sportivo
Ticino
5 ore

Atti sessuali con fanciulli, 77enne rinviato a giudizio

L’uomo avrebbe abusato di sette bambini sull’arco di 20 anni, recandosi apposta anche in Thailandia. È parzialmente reo confesso.
Bellinzonese
6 ore

Scelto il progetto per la riqualifica del comparto Aet di Bodio

L’Azienda elettrica ticinese vuole rendere la zona fruibile agli abitanti e offrire servizi moderni ai centri interaziendali. Investimento di 10 milioni
Luganese
6 ore

Potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio: ‘No’ comunista

Al grido di ‘No al degrado del territorio’, un’altra voce si leva contro il controverso progetto PoLuMe: quella del Partito comunista
07.05.2021 - 16:06
Aggiornamento: 17:40

Meno di 60 consiglieri a Mendrisio? Il Municipio boccia l'idea

A cinque anni di distanza la proposta bis di Massimiliano Robbiani non fa breccia. Divise anche le Petizioni

Per la seconda volta a distanza di cinque anni il consigliere comunale Massimiliano Robbiani (Lega-Udc-Udf) si è visto rispondere di 'no'. Il Municipio di Mendrisio - e prima di lui la maggioranza della Commissione delle petizioni - non vede di buon occhio, infatti, la riduzione da 60 a 45 del numero di consiglieri comunali, e di pari passo la contrazione dei membri delle Commissioni permanenti e speciali (da 11 a 9). L'argomentazione più forte? Per l'esecutivo ne va della rappresentatività di una Città oggi composta da dieci Quartieri. Sotto i riflettori, di nuovo, due articoli del Regolamento comunale: l'articolo 6 (al capoverso uno) e l'articolo 38 (al capoverso uno).

'Questione di equità'

C'è la questione della difficoltà di trovare candidati alle elezioni, superabile per l'esecutivo cittadino. Ma soprattutto vi è il rischio - se la mozione firmata dal consigliere della Lega venisse accolta - di veder "disatteso uno degli obiettivi strategici" di Mendrisio. Mantenere statu quo (e i 60 rappresentanti eletti) significa, ribadisce l'autorità comunale nel messaggio che accompagna la proposta, "permettere un’equa rappresentatività dei Quartieri, che potrebbe invece essere messa in discussione con una diminuzione a 45 membri".

Non si discosta dal pensiero dell'esecutivo, la maggioranza delle Petizioni, convinta che l'eterogenità del legislativo, o meglio, di "tutte le realtà della Città", sia un "fattore imprescindibile". Al contempo, anche la diminuzione dei commissari, si osserva,"non porterebbe a una accelerazione dei tempi di decisione, poiché comunque dipendenti dall’iter burocratico della politica".

'C'è disaffezione'

Vi è poi, come detto, l'argomentazione sollevata da Robbiani già nel 2016, che punta dritta alla "disaffezione da parte dei cittadini di partecipare in prima persona e mettersi a disposizione per la cosa pubblica". Il che, si corrobora, mette in difficoltà i gruppi politici di Mendrisio nella ricerca di candidati per le elezioni comunali. Ecco che per il consigliere rivedere l'assetto consiliare permetterà di "dare una maggior concretezza e dinamicità al legislativo", senza trascurare il risparmio legato alle diarie. A dar man forte a Robbiani c'è la minoranza delle Petizioni (per voce, quali firmatari, di Fabrizio Visparelli e Simona Rossini, colleghi di partito di Robbiani) propensa a dare l'opportunità "di rinnovare il legislativo con dei candidati più motivati e meno assenteisti, garantendo comunque la ripartizione tra Quartieri". L'attenzione va, una volta di più, sul "progressivo e costante aumento dei cittadini che si astengono dal voto, la disaffezione verso i partiti storici e una insofferenza verso un modo ormai obsoleto di gestire la politica".

Sulle candidature c'è 'autonomia'

Non la vede così, per contro, la maggioranza delle Petizioni (il cui rapporto a febbraio è stato firmato da Alessandro Polo, Ppd), che non concorda, come si ricorda nel messaggio municipale, "sulla difficoltà dei gruppi politici di trovare persone che siano disposte a candidarsi per i poteri comunali". Anche perché, segnalano, "non vi è un obbligo legale che imponga il numero di candidati da proporre per il rinnovo del legislativo; pertanto i partiti politici possono decidere in merito in modo autonomo" il numero di candidati da presentare alle urne. Tanto più, si rilancia, che "la domanda di ridurre i membri porterebbe all’esclusione di alcuni consiglieri comunali residenti nei Quartieri più piccoli".

Chiarite posizioni e schieramenti, adesso toccherà al neo eletto Consiglio comunale dire la sua sulla mozione Robbiani. Legislativo che siederà per la prima volta tra i banchi per la sua seduta costitutiva il prossimo 17 maggio. Nel 2017 l'aula consiliare posta di fronte alla stessa proposta, l'aveva bocciata.

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglieri comunali massimiliano robbiani mendrisio municipio petizioni
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved