un-polo-del-trasparente-a-mendrisio-e-le-processioni-vivono
Si ragionerà sul comparto di San Giovanni (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
11 min

Il Plr di Bellinzona: ‘Rifare la parte alta di viale Stazione’

Stando a una mozione (primo firmatario Vito Lo Russo) la sistemazione di questo tratto porterà vantaggi ai cittadini, ai turisti e ai commercianti
Ticino
29 min

Atan e Kibesuisse, azione comune a favore della prima infanzia

Le due Associazioni che rappresentano le strutture per l’accoglienza dell’infanzia hanno sottoscritto un accordo di collaborazione
Ticino
44 min

Apertura negozi, la legge resterà in vigore senza Ccl

il Tribunale federale ha accolto parzialmente due ricorsi. Bocciata la creazione della commissione consultiva
Mendrisiotto
59 min

Breggia, sì unanime ai preventivi 2022 in attivo

Il Consiglio comunale dà luce verde al bilancio. Il moltiplicatore d’imposta rimane al 95%
Ticino
1 ora

La Supsi potrà avere diritto ai sussidi federali

Il Consiglio federale ha concesso ufficialmente il riconoscimento previsto dalla legge sulla promozione e coordinamento del settore universitario svizzero
Mendrisiotto
1 ora

Un Percorso letterario per non dimenticare la Shoah

Realizzato lungo il Sottopenz dalla scuola media di Chiasso, con la collaborazione del Comune di Chiasso
Luganese
1 ora

Paradiso sempre più... Paradiso: 190 abitanti in più

I nuovi dati sullo stato annuale della popolazione evidenziano al 31 dicembre 4’531 residenti stabili rispetto ai 4’341 di un anno prima
Ticino
2 ore

In Ticino un decesso e altri 3 pazienti Covid in meno

Il numero dei contagi, come accade nei giorni centrali della settimana, torna a salire, non i ricoveri. Nelle case anziani più guariti che contagiati
Mendrisiotto
2 ore

Una Valle di Muggio virtuale all’Infopoint di Mendrisio

Il “tavolo digitale” permette d’interagire con le informazioni raccolte e ordinate in maniera intrigante, proponendo una vera “escursione”
Locarnese
4 ore

Locarnese, mai più ciclisti allo sbaraglio

Il PaLoc3 prevede per quest’anno la distribuzione di cartine (probabilmente in concomitanza con SlowUp) dedicate alla mobilità lenta
Mendrisiotto
4 ore

Mendrisio, il Palio lancia l’appello: ‘mancano asinelli’

Quest’anno la manifestazione compie 40 anni ma ‘non si trovano esemplari con le caratteristiche giuste per partecipare’. A settembre un evento speciale
Mendrisiotto
7 ore

In mountain bike sul San Giorgio. Ma l’idea non piace a tutti

Da un anno il progetto è fermo. Tra la decina di opposizioni vi sono anche le censure di Pro Natura e della Stan
Luganese
7 ore

Melide entra nella videosorveglianza di Lugano

Sottoscritta una convenzione fra i due Comuni. L’accordo è provvisorio: l’adeguamento della base legale è in corso. Telecamere posate in primavera
Ticino
14 ore

Livelli e sperimentazione, domani il giorno del giudizio

Oggi in Gran Consiglio i gruppi hanno anticipato quanto andrà in scena con l’emendamento del governo: sarà tirata, con possibili sorprese
Luganese
15 ore

Parlamento dei giovani di Lugano, eppur qualcosa si muove

Inattivo dal 2017, giovedì quattro ‘aspiranti politici’ incontreranno la responsabile delle politiche giovanili: ‘Si sono proposti loro’
Bellinzonese
16 ore

A Castione idee alternative per la ciclopista intercantonale

Il co-fondatore dell’Amica, Fabrizio Falconi, nella propria opposizione suggerisce un tracciato più sicuro e l’inserimento di strutture per la popolazione
Luganese
16 ore

Bedano, Stella Maris in rete con la struttura di Mezzovico

Pronto il preventivo 2022 della casa per anziani consorziata. Piace la proposta di accogliere una ventina di utenti per i lavori in Al Vedeggio
03.05.2021 - 18:480

Un Polo del trasparente a Mendrisio. E le Processioni vivono

Stretta una collaborazione fra la Città e studenti e ricercatori della Supsi. Avviato lo studio, i risultati si vedranno fra due anni

La prima a farsi avanti, l'estate scorsa, è stata proprio la Supsi. E la Città di Mendrisio non se l'è fatto ripetere due volte, afferrando al volo l'occasione di una collaborazione importante. Di mezzo, del resto, c'erano le Processioni della Settimana santa, parte integrante dell'identità locale. Da tempo, dentro e fuori le stanze del Comune, si evocava la necessità di creare un Museo del trasparente, oggi accolto negli spazi di Casa Croci. Ebbene, con l'aiuto del Dipartimento ambiente costruzioni e design (Dacd), il Comune (e con esso la comunità) avrà ben di più: un luogo dove mostrare un unicum come i quadri di luce e, al contempo, dove tramandare questo sapere. Tempo un paio di anni e le aspirazioni acquisteranno in concretezza.

La Supsi, presenza fruttuosa

Tra la Città e il campus Supsi c'è ben più che una scelta logistica. Dall'apertura ufficiale del Dacd è trascorsa poco più di una settimana e già l'intesa con Palazzo civico sta dando i primi frutti. E se è vero che l'unione fa la forza, l'intesa fra l'Istituto, il Comune e la Fondazione Processioni storiche (guidata da Gabriele Ponti) è determinata a dare vita a un Polo del trasparente, già ribattezzato 'Archi di luce'. Il progetto, oggi allo studio, intende concretizzare un centro di competenza definito "dinamico e innovativo", ma soprattutto "interamente dedicato alla salvaguardia delle tele dei trasparenti e alla valorizzazione del patrimonio immateriale" delle Processioni, iscritte tra i beni Unesco nel 2019.

Scendono in campo studenti e ricercatori

Il tema è di quelli significativi per Mendrisio e sarà affrontato per fasi. La vera novità è che si avrà a disposizione una squadra interdisciplinare che non solo coinvolge studenti e docenti del Dacd, ma altresì i ricercatori del Laboratorio cultura visiva e dell’Istituto materiali e costruzioni del Dipartimento ambiente costruzioni e design. E se valorizzazione è la parola chiave, tra le questioni sul tavolo ci saranno pure la necessità di poter contare su una sede fisica - da tempo, come detto, evocata per dare una collocazione adeguata ai trasparenti - e l'importanza di mettere in campo la mediazione culturale. D'altro, canto non capita tutti i giorni di poter lavorare con dei professionisti in un'operazione che mette in primo piano il lavoro degli studenti.

«L'idea di un Museo del trasparente già c'era - conferma a 'laRegione' il capo dicastero Museo e cultura Paolo Danielli -. Quindi abbiamo colto volentieri l'invito della Supsi per la sua valenza didattica e per la possibilità di ricevere spunti e idee utili a capire in che direzione andare per il futuro». Lo studio appena avviato restituirà le sue conclusioni fra circa due anni, ma già oggi, annota Danielli, per la Città è stimolante pensare ai risultati che ne scaturiranno.

Tra museo e atelier

Cosa sarà in buon sostanza il Polo del trasparente?  La nota congiunta degli attori in campo recita: "Un luogo di ricerca dedicato alla conservazione e tutela del patrimonio e futuro centro propulsore per lo sviluppo di attività di formazione e di iniziative di mediazione culturale a favore della popolazione locale, ma anche in prospettiva nazionale e internazionale". In effetti, il centro di competenza avrà più anime. «In questo caso - ci spiega il capo dicastero - non si tratta di poter contare solo su uno spazio espositivo. Sarà un luogo dove, da una parte, si avrà il valore museale (dando agio pure alla catalogazione digitale del nostro patrimonio) e dall'altra un atelier di restauro e didattica, così da perpetuare l'arte del trasparente e poterne ammirare di nuovi». Come ha colto l'Unesco si è di fronte, d'altra parte, a una tradizione vivente e che guarda pure alle giovani generazioni.

Il mandato? Studiare il comparto di San Giovanni

Il Municipio di Mendrisio ripone, infatti, non poche speranze nell'operato degli studenti, affiancati da docenti e ricercatori. «Da questi progetti se ne trarrà un bel beneficio: la possibilità di valorizzare e conservare al meglio il patrimonio storico e culturale», commenta soddisfatto Danielli. Anche l'esecutivo, però, ha messo sul tavolo una sfida interessante per gli alunni del Dacd: rivalutare il comparto di San Giovanni, lì dove le Processioni sono nate. «Abbiamo dato l'indicazione di studiare l'intero comparto storico, che include il Museo d'arte (dove sono custoditi i trasparenti antichi), la chiesa di San Giovanni, e Casa Maggi (sede delle Processioni storiche, ndr), al fine di riorganizzare gli spazi a disposizione». Sarà in quel contesto che si potrà dare una sede fisica al Polo del trasparente. La Città, come ci fa capire Danielli, all'idea di costruire un nuovo edificio ha preferito l'opportunità di inserire il centro di competenza in quello che è considerato un «cuore pulsante», recuperando gli spazi esistenti. In questo modo, ribadisce il municipale, «da un lato si farà dell'atelier esistente un punto di restauro anche per imparare, appunto, l'arte del trasparente e dall'altro si creeranno spazi per incontri, forum scientifico-artistici - e qui si guarda anche al di là delle frontiere cantonali e nazionali, ndr - oltre a un punto di riferimento per visitatori e turisti».

Giunti sin qui, la speranza a cui dà voce anche il capo dicastero Museo e cultura è quella di continuare a coltivare questa forma di collaborazioni con la Supsi, la cui presenza a Mendrisio si fa già vedere. Per cominciare, accanto al Polo del trasparente, si sta pensando, come si annuncia, a un "progetto di allestimento per la nuova collocazione di Porta Realini in piazza del Ponte, che considererà il posizionamento della Porta, la sistemazione della tribuna e degli elementi compositivi della piazza". Un passo alla volta si darà così continuità alla tradizione.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved