chiasso-conferma-la-squadra-il-risultato-che-ci-aspettavamo
L'attesa è finita: Bruno Arrigoni confermato sindaco di Chiasso (Ti-Press/Francesca Agosta)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 min

Biasca, firmacopie con Gianluca Grossi

Sabato dalle 14 alle 17 con discussione del nuovo libro ‘La libertà è una parola. Sul giornalismo apocalittico’
Bellinzonese
4 min

Morti a Sementina: ‘vicinanza’ ma non scuse dal Municipio

Il capodicastero Giorgio Soldini ribadisce il sostegno ai vertici che andranno a processo nei prossimi mesi
Ticino
15 min

TiSin, i leghisti Aldi e Bignasca lasciano il ‘sindacato’

Capogruppo e vicecapogruppo in Gran Consiglio della Lega si dimettono e ritirano la firma dall‘associazione. Ceruso: ’No comment, daremo comunicazioni’
Locarnese
16 min

Aurigeno, una Chiazza viva ricettacolo di storia e tradizioni

Il Patriziato locale ha promosso recupero e valorizzazione del poggio che si estende sopra la frazione Terra di Fuori. Inaugurazione domenica 22 maggio.
Ticino
18 min

Nelle case anziani nessun contagio di coronavirus da ieri

Nelle ultime 24 ore registrati in Ticino 113 casi e zero decessi. Negli ospedali si contano 69 pazienti Covid, di cui tre nei reparti di terapia intensiva
Luganese
22 min

Franklin College, laurea ad honorem e altre lauree

Cerimonia di consegna per 61 studenti al Palazzo dei Congressi di Lugano
Locarnese
46 min

Locarno, ferite lievi per uno scooterista urtatosi con un’auto

L’incidente della circolazione è successo poco prima delle 11, all’incrocio fra via Varesi e via Ballerini
Mendrisiotto
51 min

A Brusino il film festival dove le immagini parlano

La terza edizione del Momòhill Film Fair si terrà dal 19 al 21 maggio nella sala multiuso. I film in concorso sono 27
Bellinzonese
51 min

Pronta a scattare la Giubiasco-Carena

Gara ciclistica e podistica in programma durante il prossimo fine settimana. Previste anche categorie popolari non competitive
Ticino
53 min

Il Passo del Gottardo sarà riaperto al traffico da venerdì sera

La strada tra Göschenen e Airolo via Andermatt sarà transitabile a partire dalle 16. Attesa almeno fino a fine maggio per il Furka e giugno per il Susten
Locarnese
58 min

Locarno, strada ferrata e costruzione dell’identità cantonale

Conferenza dello storico Orazio Martinetti domani, mercoledì 18 maggio, alle 18 al Fevi
Luganese
1 ora

Voci di donne contro la guerra in Ucraina a Lugano

Conferenza il 19 maggio al Palazzo dei Congressi. Collegate in remoto due donne costrette all’esilio
Mendrisiotto
3 ore

‘Forse la Diocesi avrebbe potuto fare di più per aiutarlo’

La parrocchia di Vacallo si trova in difficoltà, dopo che la Curia ha rimosso il suo sacerdote per i comportamenti inopportuni avuti negli ultimi mesi
Luganese
6 ore

Plr di Lugano, ‘Bertini è una scelta vincente’

L’ex sindaco Giorgio Giudici critica il Municipio che ‘ha vissuto di rendita’. E non ha dubbi sull’ex vicesindaco ’è l’unica figura forte’
Ticino
6 ore

La sinistra che non mobilita (più)

Dopo il sì al decreto sul contenimento della spesa, l’area progressista si interroga sulle ragioni della sconfitta. Con preoccupazione
Mendrisiotto
7 ore

Corsia per i Tir, sull’A2 spuntano i picchetti

Una missiva del Datec ha annunciato ai Municipi del Basso Mendrisiotto l’avvio dell’iter verso il varo del cantiere tra Coldrerio e Balerna
laR
 
19.04.2021 - 16:50

Chiasso conferma la squadra: ‘Il risultato che ci aspettavamo’

Dalle urne emerge un Municipio fotocopia. Il più votato, e sindaco di quindicina, è il Plr Bruno Arrigoni

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Sarà un triennio all'insegna della continuità quello scelto dai cittadini di Chiasso. Le urne hanno infatti restituito alla cittadina di confine gli stessi membri dell'esecutivo. Nessuno scossone, quindi, con Bruno Arrigoni che rimane sindaco (di quindicina), con 1’787 voti personali. Restando in casa Plr, Sonia Colombo-Regazzoni è stata confermata per la sua seconda legislatura con 1'538 voti. In casa Lega-Udc, Roberta Pantani ha conquistato 1'159 voti. Rieletti pure Davide Dosi (958 voti) per l’Unità di Sinistra-I Verdi-Indipenenti e Davide Lurati (860 voti) per il Ppd-Gg-Verdi liberali-Indipendenti. Percentuali di lista alla mano, si sono rafforzati Plr (dal 36,8 del 2016 al 38,3 per cento), Sinistra e Verdi (dal 20,9 al 21,4) e Ppd (dal 15,7 al 16,2). La Lega ha invece registrato un calo (dal 26,6 ottenuto 5 anni fa al 24,1 per cento). Dopo l'insediamento, il Municipio si chinerà sul vicesindacato e sulla ripartizione dei dicasteri: gli eletti non nascondono di voler continuare con i dossier avviati in questa legislatura allungata dal coronavirus, ma sorprese non possono essere escluse. Uno dei nodi principali che impegnerà Chiasso (e non solo) nel prossimo triennio sarà la ripartenza dopo l'emergenza sanitaria.  

La soddisfazione del sindaco

Bruno Arrigoni non nasconde la sua soddisfazione. «Sono contento, è il risultato che ci aspettavamo – commenta a ‘laRegione’ pochi istanti dopo la pubblicazione dei risultati, inizialmente attesa per la tarda serata di domenica –. Non posso quindi che essere soddisfatto per questo risultato». Quale sarà il primo passo che vorrà concretizzare? «In ambito politico, nei prossimi mesi vorrei sondare in modo approfondito la tematica dell'aggregazione nel Basso Mendrisiotto – risponde Arrigoni –. Dobbiamo inoltre continuare con il nostro piano degli investimenti che, tra gli altri, comprende il comparto della stazione, la ristrutturazione del Palapenz, gli asili e le palestre».

Obiettivo fallito per la Lega

Roberta Pantani non aveva nascosto le sue ambizioni di raddoppio in Municipio del gruppo Lega-Udc e di sindacato. «Obiettivo che non abbiamo raggiunto – analizza la municipale –. A livello generale abbiamo comunque tenuto: in altri tempi per un 24per cento saremmo stati super felici. Anche a livello personale non ho nulla da recriminare e non posso che ringraziare i cittadini per il loro sostegno». Come analizzare il calo percentuale? «È stata una lotta tre a uno. Nelle interviste ai singoli candidati e al sindaco è stata evidente la coalizione contro di noi per evitare il nostro raddoppio e, di conseguenza, aiutare il Ppd». Come vede Roberta Pantani il lavoro che la attende nei prossimi anni, anche alla luce della recente segnalazione agli Enti locali da parte dei colleghi di Municipio? «Se la squadra non è cambiata, non cambierà nemmeno la modalità di lavoro», risponde Pantani.

Campagna ‘come una volta’ per il Ppd

«Sono contento, non era assolutamente scontato». Stando alle analisi della vigilia, il seggio del Ppd era a rischio. Davide Lurati è riuscito a difenderlo. «È stato un lavoro d squadra, ringrazio la sezione per il lavoro micidiale svolto. È stata una campagna come una volta». Parlando del suo risultato, l'esponente del Ppd annota che «in questi 5 anni ho lavorato e proposto cose concrete a sostegno di tutti i cittadini. I cittadini di Chiasso hanno capito che non era il caso di raddoppiare in Municipio un certo modo di intendere la politica. E questo è successo per la seconda legislatura: a Chiasso può iniziare una nuova prospettiva».

‘La prossimità’ fa la differenza

Sonia Colombo-Regazzoni ha incrementato di 107 voti il suo ‘bottino’ di personali. «Sono felicissima per il risultato, per Chiasso e per il partito – spiega la rappresentante del Plr –. Il mio successo personale deriva dal modo che ho sempre avuto di operare vicino alla gente perché la prossimità è il fattore principale per qualcuno che opera a livello comunale: le persone vogliono potersi approcciare ed esprimere osservazioni e problematiche. Sono contenta di poter continuare a lavorare con questo Municipio, visto che per i cittadini non è stato il momento di cambiare».

‘Abbiamo sempre lavorato bene’

La «riconferma della squadra» soddisfa anche Davide Dosi, che sottolinea il «buon lavoro e la crescita interessante» del gruppo Us-I Verdi. «Abbiamo lavorato bene fino all'altro giorno e non vedo perché non dovremo continuare a farlo: non vedo come le scaramucce possano intaccare i rapporti professionali». Il riferimento di Davide Dosi è alla sua recente segnalazione della collega Pantani agli Enti locali per violazione della collegialità. «La segnalazione è un atto dovuto nel momento in cui ritieni che qualcuno ha fatto qualcosa di sbagliato: non si tratta di una sentenza. Se mi risponderanno che quanto fatto è corretto, ne prenderò atto e ne farò tesoro». Guardando ai dicasteri, come si diceva in apertura, Dosi non nasconde di «essere incuriosito da tanti temi. Ma ci sono anche tante cose iniziare nell'ambito dell'Educazione e della Cultura che mi piacerebbe portare avanti».

Leggi anche:

Pantani segnalata agli Enti Locali. ‘È stata trasparenza’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved