ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Due condanne in tribunale per il ‘caso targhe’

Inflitti 14 mesi con la condizionale all’ex funzionario della Sezione della circolazione, reo confesso. Dieci mesi all’assicuratore
Locarnese
2 ore

Influenza aviaria in un cigno nel Locarnese

Si tratta del secondo caso in Svizzera dopo quello in un’azienda a Zurigo. Il virus si trasmette all’uomo solo in casi rari e per contatto stretto
Ticino
3 ore

Cantonali ’23, candidati del Forum alternativo nella lista Ps

L’assemblea del movimento ha deciso ‘di non voler essere l’ennesimo partitino di sinistra, ma di lavorare a un movimento eco-socialista’. Sirica: ‘Felice’
Luganese
3 ore

Comano ha il suo Mercatino di Natale

Il prossimo martedì 6 dicembre il nucleo Tèra d’súra si vestirà con le atmosfere delle festività
video
Bellinzonese
3 ore

Un amico della 19enne morta: ‘Aveva un grande problema’

Roveredo/Bellinzona, un testimone presente al rave party abusivo parla di ketamina e dice di aver invano proposto al gruppo di allertare l’ambulanza
Luganese
3 ore

A Grancia la Posta cambia sede e ‘vestito’

Inaugurati i nuovi spazi, centrali e accessibili. Obiettivo del Gigante giallo creare dei ‘veri e propri centri di servizi’
Locarnese
4 ore

‘Vento di vita vera’, la storia culturale della Val Bavona

Il film di Kurt Koller verrà proiettato al Cinema Otello di Ascona martedì 29 novembre alle 20.30
Locarnese
4 ore

Consegnato il premio ‘Prenditi cura anche con il cuore’

Il Soroptimist Club Locarno ha deciso di premiare Annick Artaria, che ha svolto la sua formazione presso la Clinica Fondazione Varini a Orselina
11.04.2021 - 15:10
Aggiornamento: 15:48

Chiasso, contributo finanziario per la nascita di un figlio

La proposta arriva con una mozione presentata da tre consiglieri comunali del Ppd: ‘il calo demografico ci preoccupa’

chiasso-contributo-finanziario-per-la-nascita-di-un-figlio
Un contributo per favorire le nascite (archivio Ti-Press)

Introdurre un contributo finanziario di almeno 500 franchi per i domiciliati a Chiasso per ogni figlio nato o adottato. È quanto propongono i consiglieri comunali del Ppd Giorgio Fonio, Davide De Donatis e Patricia Wasser in una mozione al Municipio di Chiasso. “Siamo coscienti che questa misura, da sola, non risolverà il problema della denatalità nel nostro comune – spiegano –. Siamo però convinti che se vogliamo che Chiasso continui a essere una cittadina attrattiva per le famiglie, bisognerà mettere in atto tutta una serie di misure che la rendano attrattiva”. Negli ultimi anni la cittadina di confine sta registrando un calo demografico. Una situazione che “ci preoccupa, ancora di più se messo in correlazione alla diminuzione delle nascite, che da anni risulta essere uno dei mali del nostro cantone”. Numeri (tratti dai bilanci demografici diffusi dal Municipio di Chiasso a inizio anno) alla mano, la cittadina di confine è passata da 7'874 abitanti del 2019 ai 7'727 registrati a dicembre 2020. “Ha perso in sostanza 147 abitanti in un anno. Se prendiamo il 2018 come riferimento, il dato è ancora peggiore dal momento in cui la popolazione chiassese era di 8'114 unità”. Lo scorso anno a Chiasso ci sono state 41 nascite, due in meno al 2019 e 15 in meno rispetto al 2018.

L'esempio cantonale

La mozione prende spunto da quanto effettuato a livello cantonale dove, per frenare la diminuzione delle nascite, è stato introdotto un assegno del valore di tremila franchi per ogni bambino venuto al mondo. Richiesta che è stata estesa anche ai nuclei familiari che adottano un bambino o un ragazzo minorenne. “Il bonus bebè è riservato ai cittadini del Canton Ticino e non può essere richiesto da tutti. Il provvedimento stabilisce che per poter usufruire di questo incentivo, il nucleo familiare non debba contare su un guadagno annuo superiore ai 110mila franchi”. Solo le famiglie meno abbienti “possono avere accesso a questo benefit, che in molti casi di rivela fondamentale”. Le altre condizioni da rispettare sono il domicilio (o la residenza) dei genitori in Ticino al momento della nascita o dell'adozione del bambino fino a sei mesi dopo di questa, oltre che nei tre o nei cinque anni precedenti. A sei mesi dall'accoglimento del bambino, la sostanza netta deve essere inferiore a 400mila franchi.

La proposta per Chiasso

Come introdurre questo incentivo a Chiasso? Fonio, De Donatis e Wasser suggeriscono che “al momento della nascita o adozione del bambino, entrambi i genitori devono essere domiciliati a Chiasso”. Mentre per le altre condizioni “potrebbero essere applicate per analogia le relative disposizioni previste dal diritto cantonale”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved