ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
8 min

Patriziati, il Tram dice no alle deleghe di competenze

L’Assemblea patriziale non può delegare decisioni – come sugli investimenti – all’Ufficio patriziale. Respinto il ricorso a Carona. ‘Ma c’è un problema’
Luganese
18 min

‘Anno sabbatico’ per il giornalino di Carnevale di Tesserete

I festeggiamenti che si terranno dal 23 al 25 febbraio non saranno accompagnati dalla satira. Or Penagin è alla ricerca di nuovi redattori
Locarnese
7 ore

A Riazzino si discute della ‘metafisica dopo Kant’

Orizzonti filosofici propone una conferenza con Massimo Marassi, professore di Filosofia teoretica dell’Università Cattolica di Milano
Ticino
7 ore

Alleanza Lega-Udc: Zali attacca, Marchesi imperturbabile

Alla festa elettorale leghista volano parole roventi. Ma il presidente democentrista replica: ‘Non intendo alimentare sterili polemiche’
Mendrisiotto
8 ore

Il Nebiopoli 2023? ‘Un Carnevale da grandi numeri’

Il presidente Alessandro Gazzani tira le somme di quest‘ultima edizione chiassese. ’Il villaggio è diventato troppo stretto’
Locarnese
10 ore

Per la Stranociada un successo… incontenibile

Organizzatori soddisfatti per le 10mila persone sulle due serate, ma qualcuno lamenta ‘caos organizzativo’ alla risottata della domenica
Ticino
12 ore

Interpellanza sul caso del pianista ucraino sostituito

Ay e Ferrari (Pc) chiedono fra l’altro al governo se ‘simili misure dal sapore censorio non giovino alla credibilità della politica culturale del Cantone’
Locarnese
13 ore

Plr e Verdi Liberali di Gordola: ‘Moltiplicatore fisso all’84%’

Il gruppo in Cc si esprime in vista della seduta di martedì sostenendo il rapporto di maggioranza. Municipio e minoranza propongono un aumento
Bellinzonese
13 ore

Valle di Blenio, ultime settimane per distillare a Motto

Il Consorzio Alambicco comunica che l’attività terminerà il 28 febbraio
Bellinzonese
15 ore

Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla

Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Mendrisiotto
16 ore

Castel San Pietro celebra i 100 anni di Elena Solcà

Per sottolineare l’importante traguardo familiari e comunità della casa anziani don Guanella si sono stretti attorno alla festeggiata
Luganese
17 ore

Consegnato alla Fondazione Vanoni l’incasso della riffa

L’iniziativa benefica delle sezioni Plr Centro+Loreto e Molino Nuovo ha permesso di sostenere il progetto ‘Appartamento protetto’ con 900 franchi
Luganese
17 ore

Una serata per parlare di inclusione scolastica

L’appuntamento è per martedì 14 febbraio al cinema Lux di Massagno. Verrà inoltre proiettato il film ‘Tutto il mio folle amore’
Locarnese
20 ore

Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita

Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
1 gior

La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023

Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista

L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
laR
 
07.04.2021 - 05:30
Aggiornamento: 07:43

Caro acqua a Balerna? In futuro sarà ‘inevitabile’

Fronteggiare l’inquinamento del Pozzo Prà Tiro ha un costo, ma il ritocco alle tariffe sarà inferiore al previsto

caro-acqua-a-balerna-in-futuro-sara-inevitabile
Il Pozzo Prà Tiro e i silos-filtro anti Pfos (Ti-Press)

Prima o poi i cittadini di Balerna si vedranno ritoccare le tariffe dell'acqua. A oggi, con sullo sfondo le misure prese per contrastare la contaminazione da Pfos (perfluoroottano sulfonato) del Pozzo Prà Tiro, un rincaro appare inevitabile. Parola del capo dicastero Fabio Canevascini. Di fatto, se ne parlerà nel corso dell'estate: toccherà, in effetti, al Municipio che sarà espresso il 18 aprile prossimo dalle urne riaprire il dossier e decidere se e come procedere, e soprattutto il tenore dell'eventuale aumento. In tempi di Covid-19, l'esecutivo locale ha, infatti, preferito soprassedere. «Tenuto conto dell'importante capitale proprio del Servizio approvvigionamento idrico e dell'attuale situazione sanitaria, si è valutato di non intervenire nell'immediato a un adeguamento tariffale a copertura dei costi straordinari», la conferma è giunta in occasione dell'ultima seduta di legislatura del Consiglio comunale dallo stesso Canevascini. E qualora ci sarà un ripensamento, sarà contenuto e si aggirerà attorno ai 15 centesimi al metro cubo.

Timori e alternative

Certo qualche timore serpeggiava. Tant'è che per voce del capogruppo Michele Fürst dai banchi del Ppd si sono levati alcuni interrogativi. Leggendo tra le righe dei Preventivi 2021 era apparsa chiara l'intenzione dell'autorità comunale di ipotizzare una revisione tariffaria per fronteggiare i costi straordinari determinati dall'imperativo di assicurare la potabilità dell'acqua pompata dal Prà Tiro - a cui attingono in particolare Chiasso e Balerna -, al centro di un inquinamento chimico. La situazione è tale da vedere rosso a bilancio - prospettato un disavanzo di 200mila franchi - e da prefigurare una ordinanza e (all'epoca) un possibile aumento di 25 centesimi. E allora, ha suggerito il Ppd, perché non riequilibrare i conti 'pescando' dal capitale proprio del Servizio? In fondo, si è fatto capire, si tratta di 1 milione e 270mila franchi. Oppure per quale motivo non orientarsi solo verso "i grandi consumatori di acqua a scopi industriali, aumentando le tariffe causali o di base soltanto per questo tipo di utenza"? Far leva, per contro, sul costo di un bene primario come l'acqua, adesso sarebbe, ha ribadito Fürst, "poco opportuno". A maggior ragione, ha ricordato, dopo la revisione a inizio anno della tassa base per la raccolta dei rifiuti urbani, degli ingombranti e del verde.

Obiettivo, l'autofinanziamento

Il punto, ha spiegato, dal canto suo, il capo dicastero, è che il capitale proprio si è già dimostrato provvidenziale in questi anni. Oggi, ha corretto Canevascini, ammonta a poco più di un milione (un milione e 70mila franchi), che rappresenta un importo provvisorio sino al sigillo definitivo del legislativo al consuntivo 2020. D'altra parte, ha ribadito, «nel corso degli ultimi anni i disavanzi strutturali, fra spese e ricavi, sono andati in diminuzione progressivamente del cospicuo capitale proprio. Questo modo di procedere permette di diminuire l'importante capitale proprio nel rispetto della causalità».

Gli esempi, del resto, non mancano. Come nel 2019 (quindi prima del caso Pfos), quando la copertura di un disavanzo strutturale di 120mila franchi sarebbe potuto coincidere con un supplemento tariffario di 27 centesimi al metro cubo. Fatti due calcoli, insomma, «la tariffa per consentire il pareggio dei costi corrisponderebbe a circa 1 franco al metro cubo». Di conseguenza, ha reso attenti il capo dicastero, «a medio termine, con la diminuzione del capitale proprio, ciò dovrà essere preso in considerazione per perseguire l'autofinanziamento del servizio idrico».

A Balerna tariffe basse

Occorre, però, anche contestualizzare un possibile rincaro. «Già oggi - ha tenuto a chiarire Canevascini - il costo fatturato dell'acqua è troppo basso rispetto a quello effettivo. E questo è possibile grazie al capitale proprio accumulato nel corso degli anni». Come dire che l'impatto non sarebbe così importante come altrove. In effetti, il costo medio dell'acqua di Balerna risulta essere inferiore ai costi medi in Ticino e ampiamente al di sotto di quelli applicati in Svizzera, che variano tra il franco e 70 e i 2.50 al metro cubo. Volendo fare un paragone, Chiasso prevede 90-95 centesimo, Stabio un franco, Lugano un franco e 20, Morbio inferiore due franchi e 10 il metro cubo e Vacallo un franco e 50.

Rincaro... ridotto

Appare inevitabile, quindi, dover tirare le somme tra un po'. Anche perché, come ha richiamato Canevascini, tempo 4 o 5 anni e il capitale proprio del Servizio su cui si fa tanto affidamento potrebbe azzerarsi. In più le previsioni indicano che gli effetti dell'inquinamento si sentiranno (a bilancio) fino all'entrata in servizio dell'Acquedotto regionale del Mendrisiotto (Arm), programmata per il 2025/2026. In ogni caso, se vi sarà un rincaro, questo sarà inferiore rispetto alle previsioni. «In sede di Preventivo 2020 - ha fatto sapere ancora il municipale - le indicazioni da parte del Consorzio (Pozzo Prà Tiro, ndr) ipotizzavano un possibile aggravio pari a 25 centesimi al metro cubo. Da un recente aggiornamento sugli effettivi costi, tale aggravio si contiene in circa 15 centesimi al metro cubo».

Volendo essere pratici e «visualizzare gli importi di cui stiamo discutendo - ha esemplificato Canevascini -, per una famiglia media (genitori e due figli) che consuma statisticamente circa 120 metro cubi l'anno si traduce in un aumento di 18 franchi l'anno». Non resta che prenderne atto. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved