caro-acqua-a-balerna-in-futuro-sara-inevitabile
Il Pozzo Prà Tiro e i silos-filtro anti Pfos (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Che cosa ci dice il lavoro? Risponde Marazzi

La lectio magistralis dell’economista Supsi è un’occasione per fare il punto con lui su senso e cambiamenti della realtà locale e globale
Mendrisiotto
1 ora

‘Mettiamo un tetto alle auto sulle strade trafficate’

L’Ata dice ‘no’ a PoLuMe e corsia per i Tir e rilancia proponendo di trasferire i pendolari sul trasporto pubblico. Come si è fatto con i camion
Luganese
8 ore

Archibugieri ticinesi agli onori in Italia

Importanti risultati anche per i ticinesi Denys Gianora di Pregassona e Giordano Rossi di Brusino Arsizio
Mendrisiotto
8 ore

Il Camping Monte Generoso di Melano amico dei cani

Riconosciuto come ‘the best campsite for your dog’ di tutta la Svizzera da parte dell’Acsi, il maggior specialista europeo dei campeggi
Bellinzonese
8 ore

Depurazione a Giubiasco, nel Ticino acqua sei volte più pulita

È il risultato del nuovo sistema di filtrazione attivo da otto mesi presso l’impianto dell’Azienda multiservizi Bellinzona
Mendrisiotto
10 ore

Presenza insolita fuori scuola ad Arzo: ‘Situazione monitorata’

Istituto e Polizia sono al corrente e restano vigili. Aperto dialogo con gli alunni. L’invito è a non creare allarmismo
Ticino
11 ore

Torna la Giornata mondiale senza tabacco, #maforselosaigià

Lo slogan della campagna vuol stuzzicare l’attenzione del pubblico e farlo riflettere sui molteplici danni che l’industria del tabacco arreca all’ambiente
Mendrisiotto
11 ore

Balerna festeggia il suo concittadino Mattia (Crus) Croci-Torti

Incontro con la popolazione giovedì 2 giugno alle 18.30 per celebrare il successo di Coppa dell’allenatore del Lugano
Luganese
11 ore

Corsi di italiano per stranieri: iscrizioni aperte a Lugano

Li organizza nell’ambito delle proprie attività in favore dell’integrazione l’Associazione Il Centro
Locarnese
11 ore

Pestaggio in rotonda, ‘tentato omicidio intenzionale’

Promossa l’accusa per i due fratelli, in carcere da cinque mesi, che lo scorso dicembre a Locarno picchiarono un 18enne
Luganese
11 ore

I modi di dire: origini, significati e curiosità

Incontro alla Biblioteca cantonale di Lugano con il linguista Ottavio Lurati e Luca Saltini
Ticino
11 ore

Riduzione tasso di conversione Ipct, ‘mobiliteremo il personale’

Il passaggio dal 6,3 al 5 comunicato dalla Cassa pensioni cantonale non piace affatto al sindacato Vpod, che annuncia battaglia
Mendrisiotto
11 ore

Prima tappa momò dello Street Food Village

L’evento organizzato dal team di saporiedissapori.ch si terrà venerdì 27 e sabato 28 maggio sul posteggio di viale Volta a Chiasso
Luganese
12 ore

Il Circo Knie e il futuro: quale terreno per il carrozzone?

Interrogazione al Municipio di Lugano del consigliere comunale Ppd Luca Campana per conoscere la prossima destinazione degli spettacoli
Luganese
12 ore

Scollinando in compagnia per la dodicesima volta

Si terrà domenica 12 giugno l’evento enogastronomico che si dispiega in undici comuni della collina Nord di Lugano
Bellinzonese
12 ore

Altro passo avanti per il nuovo quartiere Officine di Bellinzona

La documentazione relativa alla variante di Piano regolatore sarà consultabile dal 30 maggio al 28 giugno al Dicastero territorio e mobilità di Sementina
laR
 
07.04.2021 - 05:30
Aggiornamento : 07:43

Caro acqua a Balerna? In futuro sarà ‘inevitabile’

Fronteggiare l’inquinamento del Pozzo Prà Tiro ha un costo, ma il ritocco alle tariffe sarà inferiore al previsto

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Prima o poi i cittadini di Balerna si vedranno ritoccare le tariffe dell'acqua. A oggi, con sullo sfondo le misure prese per contrastare la contaminazione da Pfos (perfluoroottano sulfonato) del Pozzo Prà Tiro, un rincaro appare inevitabile. Parola del capo dicastero Fabio Canevascini. Di fatto, se ne parlerà nel corso dell'estate: toccherà, in effetti, al Municipio che sarà espresso il 18 aprile prossimo dalle urne riaprire il dossier e decidere se e come procedere, e soprattutto il tenore dell'eventuale aumento. In tempi di Covid-19, l'esecutivo locale ha, infatti, preferito soprassedere. «Tenuto conto dell'importante capitale proprio del Servizio approvvigionamento idrico e dell'attuale situazione sanitaria, si è valutato di non intervenire nell'immediato a un adeguamento tariffale a copertura dei costi straordinari», la conferma è giunta in occasione dell'ultima seduta di legislatura del Consiglio comunale dallo stesso Canevascini. E qualora ci sarà un ripensamento, sarà contenuto e si aggirerà attorno ai 15 centesimi al metro cubo.

Timori e alternative

Certo qualche timore serpeggiava. Tant'è che per voce del capogruppo Michele Fürst dai banchi del Ppd si sono levati alcuni interrogativi. Leggendo tra le righe dei Preventivi 2021 era apparsa chiara l'intenzione dell'autorità comunale di ipotizzare una revisione tariffaria per fronteggiare i costi straordinari determinati dall'imperativo di assicurare la potabilità dell'acqua pompata dal Prà Tiro - a cui attingono in particolare Chiasso e Balerna -, al centro di un inquinamento chimico. La situazione è tale da vedere rosso a bilancio - prospettato un disavanzo di 200mila franchi - e da prefigurare una ordinanza e (all'epoca) un possibile aumento di 25 centesimi. E allora, ha suggerito il Ppd, perché non riequilibrare i conti 'pescando' dal capitale proprio del Servizio? In fondo, si è fatto capire, si tratta di 1 milione e 270mila franchi. Oppure per quale motivo non orientarsi solo verso "i grandi consumatori di acqua a scopi industriali, aumentando le tariffe causali o di base soltanto per questo tipo di utenza"? Far leva, per contro, sul costo di un bene primario come l'acqua, adesso sarebbe, ha ribadito Fürst, "poco opportuno". A maggior ragione, ha ricordato, dopo la revisione a inizio anno della tassa base per la raccolta dei rifiuti urbani, degli ingombranti e del verde.

Obiettivo, l'autofinanziamento

Il punto, ha spiegato, dal canto suo, il capo dicastero, è che il capitale proprio si è già dimostrato provvidenziale in questi anni. Oggi, ha corretto Canevascini, ammonta a poco più di un milione (un milione e 70mila franchi), che rappresenta un importo provvisorio sino al sigillo definitivo del legislativo al consuntivo 2020. D'altra parte, ha ribadito, «nel corso degli ultimi anni i disavanzi strutturali, fra spese e ricavi, sono andati in diminuzione progressivamente del cospicuo capitale proprio. Questo modo di procedere permette di diminuire l'importante capitale proprio nel rispetto della causalità».

Gli esempi, del resto, non mancano. Come nel 2019 (quindi prima del caso Pfos), quando la copertura di un disavanzo strutturale di 120mila franchi sarebbe potuto coincidere con un supplemento tariffario di 27 centesimi al metro cubo. Fatti due calcoli, insomma, «la tariffa per consentire il pareggio dei costi corrisponderebbe a circa 1 franco al metro cubo». Di conseguenza, ha reso attenti il capo dicastero, «a medio termine, con la diminuzione del capitale proprio, ciò dovrà essere preso in considerazione per perseguire l'autofinanziamento del servizio idrico».

A Balerna tariffe basse

Occorre, però, anche contestualizzare un possibile rincaro. «Già oggi - ha tenuto a chiarire Canevascini - il costo fatturato dell'acqua è troppo basso rispetto a quello effettivo. E questo è possibile grazie al capitale proprio accumulato nel corso degli anni». Come dire che l'impatto non sarebbe così importante come altrove. In effetti, il costo medio dell'acqua di Balerna risulta essere inferiore ai costi medi in Ticino e ampiamente al di sotto di quelli applicati in Svizzera, che variano tra il franco e 70 e i 2.50 al metro cubo. Volendo fare un paragone, Chiasso prevede 90-95 centesimo, Stabio un franco, Lugano un franco e 20, Morbio inferiore due franchi e 10 il metro cubo e Vacallo un franco e 50.

Rincaro... ridotto

Appare inevitabile, quindi, dover tirare le somme tra un po'. Anche perché, come ha richiamato Canevascini, tempo 4 o 5 anni e il capitale proprio del Servizio su cui si fa tanto affidamento potrebbe azzerarsi. In più le previsioni indicano che gli effetti dell'inquinamento si sentiranno (a bilancio) fino all'entrata in servizio dell'Acquedotto regionale del Mendrisiotto (Arm), programmata per il 2025/2026. In ogni caso, se vi sarà un rincaro, questo sarà inferiore rispetto alle previsioni. «In sede di Preventivo 2020 - ha fatto sapere ancora il municipale - le indicazioni da parte del Consorzio (Pozzo Prà Tiro, ndr) ipotizzavano un possibile aggravio pari a 25 centesimi al metro cubo. Da un recente aggiornamento sugli effettivi costi, tale aggravio si contiene in circa 15 centesimi al metro cubo».

Volendo essere pratici e «visualizzare gli importi di cui stiamo discutendo - ha esemplificato Canevascini -, per una famiglia media (genitori e due figli) che consuma statisticamente circa 120 metro cubi l'anno si traduce in un aumento di 18 franchi l'anno». Non resta che prenderne atto. 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
acqua balerna capitale proprio pozzo prà tiro tariffe
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved