ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
54 min

Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia

Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Mendrisiotto
1 ora

‘ProgettoAmore’ e i fondi per l’emergenza in Ucraina

I proventi della manifestazione sono stati donati all’associazione Insieme per la pace che grazie a due volontari ha portato provviste a Nikolaev
Ticino
1 ora

Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà

Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
1 ora

Marco Valli cittadino onorario di Comano

La proclamazione con il voto unanime del Consiglio comunale per il suo impegno: 40 anni dedicati alla collettività
Luganese
2 ore

Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole

Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
2 ore

Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps

A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Locarnese
3 ore

Conferenza sulla ‘casa che vogliamo’ allo Spazio Elle

Relatori di rilievo all’incontro gratuito previsto martedì 27 settembre dalle 20.30 a Locarno
Ticino
3 ore

Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’

Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Mendrisiotto
4 ore

Chiasso, l’English Film Club torna con quattro pellicole

La nuova stagione debutta il 6 ottobre al Cinema Excelsior. Cambia il giorno delle proiezioni, previste il giovedì alle 18.15
Luganese
4 ore

Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace

Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
4 ore

Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio

I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
5 ore

Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio

Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
Grigioni
8 ore

San Vittore, 2 votanti su 3 approvano il credito per la scuola

Passa alle urne l’investimento di 7,1 milioni. A Mesocco ratificata la pianificazione di Pian Doss. A Poschiavo confermato podestà Giovanni Jochum
Luganese
1 gior

Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni

L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
1 gior

Origlio, l’avventura di un negozietto di paese

Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
1 gior

Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’

Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
1 gior

‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’

Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
1 gior

Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’

A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
03.04.2021 - 12:41

Centro anziani e dintorni a Vacallo: luce verde dal Cantone

Il Consiglio di Stato promuove la variante di Pr e boccia i ricorsi. Ma con qualche avvertenza, a cominciare dalle ricadute finanziarie

centro-anziani-e-dintorni-a-vacallo-luce-verde-dal-cantone
Il luogo scelto? Per il CdS va bene (Ti-Press)

Coldrerio con il suo quartiere intergenerazionale è arrivato a tetto mesi fa. Vacallo si ritrova ancora ai blocchi di partenza. È bastata una variante di Piano regolatore - decisa ad aprire la strada al villaggio, pure lui intergenerazionale e in 'condominio' con Morbio Inferiore, del Comune - per creare subbuglio. Anche ora che la visione del Municipio ha superato, prima (era il novembre del 2018), la prova popolare del referendum, poi (e parliamo di qualche giorno fa) l'esame del Consiglio di Stato (CdS), il fronte dei contrari non sembra tanto disposto a darsi per vinto. Eppure nessuno dei quattro ricorsi (ciascuno firmato a più mani) l'ha spuntata. Insomma, il Cantone ha dato via libera alla variante pianificatoria, seppure non proprio a pienissimi voti. L'autorità cantonale non ha mancato, infatti, di rendere attento l'esecutivo su alcuni punti deboli da tenere sotto osservazione. A cominciare dagli effetti finanziari di una operazione che, nel suo complesso, non è lontana da un investimento di quasi 40 milioni di franchi, 7 e mezzo dei quali a carico di Vacallo.

L'ossatura della variante di Pr ha retto

Sia chiaro, l'ossatura del progetto, così come l'ha immaginata il Municipio di Vacallo (con il vicino di Morbio) nel 2016 ha retto. Sebbene le critiche mosse dai ricorrenti (cittadini di Morbio e di Vacallo) non fossero proprio all'acqua di rose. Obiettivo: far bocciare la proposta intercomunale di Pr, nella sua essenza così come nei suoi addentellati (dal collegamento pedonale, all'autosilo). Sta di fatto che agli occhi del CdS "le scelte effettuate si fondano su un interesse pubblico riconosciuto" e sono state "debitamente ponderate e proporzionate nelle loro ripercussioni sui fondi privati". Senza trascurare che la struttura prevista (la casa per anziani, per intenderci) e il suo dimensionamento "rientrano nella pianificazione cantonale e rispondono a un'esigenza della popolazione" con i suoi 60 posti letto, 18 dei quali a favore di pazienti affetti dal morbo di Alzheimer. Semmai il Cantone ha fatto sentire il suo peso sulle opere collaterali, come i percorsi pedonali e ciclabili, non approvati nelle rete prefigurata. Fatta eccezione per il camminamento che collega le aree di parcheggio e il nuovo centro, "compatibile", si ribadisce, con la zona agricola esistente.  Posteggi a loro volta rivisti nei numeri: i posti auto pubblici non saranno 134 bensì 27 (come ora).

Lo snodo? Il concorso pubblico

Concentrandosi sul progetto, un ruolo importante per definire la rotta da seguire e mettere i giusti paletti, rimarca ancora il Cantone, lo giocherà il concorso pubblico, da cui scaturirà la proposta definitiva. In quel contesto si creeranno "le adeguate premesse per l'insediamento di una struttura di qualità, sebbene importante nella sua mole volumetrica, integrata in modo ordinato e armonioso nel paesaggio". In realtà, al drappello di ricorrenti di Vacallo - che potrebbe non fermarsi al CdS e appellarsi al Tribunale cantonale amministrativo - a non piacere, di principio, è il luogo - la zona del campo sportivo - scelta per insediare il complesso intergenerazionale, che nei piani si intende completare con altri spazi da dedicare alla cura degli anziani e altri ancora aperti alla popolazione, senza trascurare gli impianti sportivi (palestre coperte per la pratica di attività sportive e ricreative) e le occasioni didattiche e culturali a favore della comunità. In più, come si ricorda nella decisione dello stesso CdS, è previsto un ostello con 50 posti letto.

Il punto controverso? L'ubicazione

La scelta del luogo designato, per dirla con il Consiglio di Stato, "è scaturita dalla comparazione di più alternative". Del resto, rimarca, non è previsto l'aumento della zona edificabile, inoltre "il comparto prescelto adempie alla funzionalità richiesta dalla particolarità del nuovo centro polifunzionale". Nella loro visione, invece, i contrari ritenevamo maggiormente ragionevole l'area delle scuole. Opzione che non ha però fatto breccia, nemmeno davanti al Cantone. Autorità superiore che vede bene anche l'integrazione della struttura residenziale - che sarà affidata in gestione alla Fondazione San Rocco, che già si occupa della casa di Morbio, alla quale è stato concesso un diritto di superficie e con la quale si è già stretto un accordo - con altre presenze nel solco dello spirito intergenerazionale. Un carattere "garantito dalla diversificazione delle attività previste e ancorate in norma, che convogliano utenti di differenti fasce d'età e interessi (sportivi, culturali, commerciali, scolastici)". Per finire, l'autorità cantonale valuta come "pretestuoso" evocare la sostenibilità ambientale visto l'attuale utilizzo e l'urbanizzazione dell'area: si è arrivati sin qui dopo "una ponderazione di più criteri, urbanistici/funzionali/paesaggistici/finanziari, che hanno interessato tre potenziali ubicazioni".

Le ricadute finanziarie

I ricorrenti trovano, per contro, soddisfazione nelle parole che il CdS destina a un investimento imponente che si potrà riverberare sui conti di Vacallo. Amministrazione che dovrà sorreggere una parte importante dei costi pianificati (considerato pure l'intervento a carattere sportivo). Al Comune, infatti, si chiede oggi "cautela e un aggiornamento del Piano finanziario". Valutazioni che daranno modo di pensare (fin dal bando) anche a una realizzazione a tappe, "in linea con la sopportabilità degli oneri a suo carico". Il Cantone, d'altro canto, lo dice a chiare lettere: la spesa potrebbe rivelarsi problematica se si considera che al seguito dei 7 milioni e mezzo in programma vi sarà un aumento del debito pubblico pro capite "di ben 2'20 franchi" a fronte di una popolazione di 3'398 abitanti.

Quelle zone di pericolo

Il Cantone non manca di pronunciarsi pure su un altro aspetto urticante (almeno per i ricorrenti): le zone di pericolo. Il punto di riferimento? Il Piano delle zone di pericolo, appunto, già pubblicato ma non ancora adottato in veste formale dal CdS. "Dagli studi effettuati - si fa notare nella decisione - emerge che la presenza di zone di pericolo sull'area, di grado medio o basso, non mette in discussione la possibilità di edificare il centro nei termini prospettati, bensì determina esclusivamente dei condizionamenti". Una analisi geotecnica del terreno e delle condizioni idrogeologiche si impone.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved