ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
58 min

Al Campus Supsi a Mendrisio si parla di zanzare e altro

In programma per venerdì una conferenza della Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino
2 ore

‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’

La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari
Ticino
3 ore

‘Avanti’, la porta è aperta a tutti

Presentato il nuovo movimento fondato da Mirante e Roncelli dopo le dimissioni dal Partito socialista. ‘Una forza di centro sinistra, moderna e aperta’
Luganese
3 ore

Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito

La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
4 ore

Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati

Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Ticino
4 ore

Tirocinio, ‘i contratti sciolti non allungano la formazione’

Lo fa sapere il Dipartimento dell’educazione cultura e sport (Decs), che ha anche aperto il concorso per la nomina dei docenti per il prossimo anno
Grigioni
4 ore

Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend

Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
5 ore

Il Convento del Bigorio apre le sue porte per una giornata

L’8 dicembre sarà possibile visitare gli spazi di un monumento cantonale protetto, dal coro dei frati alla cappella Botta
Luganese
5 ore

Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio

Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
6 ore

Corsi di potatura secca di alberi da frutta

Sabato 10 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Malvaglia e sabato 17 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Stabio
Bellinzonese
6 ore

Ultima tappa per completare la fibra ottica nel Bellinzonese

Amb e Swisscom comunicano che l’anno prossimo saranno connessi anche a Pianezzo, Paudo, Claro, Gudo, Moleno e Preonzo
Locarnese
6 ore

Museo e atelier Remo Rossi, è ‘BIANCA’ l’idea vincente

Lo studio Buzzi Architetti ha vinto il concorso a inviti per la progettazione di complesso e spazio espositivo dedicati allo scultore morto 40 anni fa
Bellinzonese
6 ore

‘Via Roggia dei Mulini rimarrà sicura anche con le palazzine’

Il Municipio di Bellinzona risponde all’interpellanza di Boscolo e Sansossio, confermando che il comparto rientra nella mobilità sostenibile
Bellinzonese
6 ore

Patriziato di Carasso in assemblea

Giovedì 15 dicembre alle 20.15 nella sala patriziale sarà, fra l’altro, discusso il preventivo 2023 che prevede un avanzo d’esercizio di 260mila franchi
Mendrisiotto
6 ore

Stabio, consegnate le Menzioni comunali 2022

Il Municipio incontra la popolazione per lo scambio di auguri e premia sportivi e cittadini meritevoli. Oltre a un edificio ecosostenibile
Ticino
6 ore

‘Il nuovo accordo fiscale è molto favorevole per i frontalieri’

Lo scrive in una lettera ai giornali lombardi il ministro dell’Economia italiano Giorgetti, che fa il punto della situazione sull’annoso dossier
25.03.2021 - 18:44
Aggiornamento: 19:27

Oltre la campagna di Meride c'è una cerreta preziosa

L'alleanza di istituzioni, enti, Cacciatori e Wwf ha permesso di recuperare alla vita un bosco luminoso alle pendici del San Giorgio

oltre-la-campagna-di-meride-c-e-una-cerreta-preziosa
Premoran, recuperato un pezzo di habitat (Ti-Press/Elia Bianchi)
+2

Agli occhi dei più è di sicuro sfuggita. Chi da Meride dirige verso il Serpiano su due o quattro ruote non se ne accorge neppure. Invece, poco fuori l'abitato del Quartiere di Mendrisio, oltre la fontana-lavatoio, c'è una selva non di certo oscura (anzi), ma senz'altro sconosciuta. Solo chi vive il territorio e lo percorre con passione conosce, infatti, l'esistenza della cerreta di Premoran, alla quale veniamo guidati. Gli esperti la chiamano bosco luminoso. In effetti, basta lasciare la strada per essere colti d'un tratto di sorpresa da una radura semiaperta circondata da cerri - una specie di quercia tipica solo di aree circoscritte del Sottoceneri -, secolari come appena piantati, oltre a grosse roveri e peri selvatici. Giunti lì, quanti abitano la realtà urbana del Distretto hanno una ragione in più per riconciliarsi con il nostro ambiente. Per la fauna e la flora locali è un rifugio. Un angolo di Mendrisiotto, due ettari di territorio, che grazie all'intuizione del forestale di zona (Sanzio Guidali) oggi, a oltre tre anni di distanza, esprime tutto il suo valore. Un progetto di recupero che è riuscito a mettere d'accordo persino cacciatori e ambientalisti, uniti in questa missione.

La terza tappa di un grande progetto

Del resto, la Società cacciatori del Mendrisiotto non è nuova a interventi del genere. Il progetto concretizzato a Premoran, grazie all'intesa stretta fra Comune, Cantone e vari enti anche privati - tra cui si annoverano la Fondazione Doninelli e la Fondazione Blue Planet -, non è che la terza tappa di un piano d'azione ben più ampio in cinque fasi, mirato alla valorizzazione dell'habitat regionale. Dall'autunno prossimo ci si sposterà, infatti, sul Poncione d'Arzo e ci si concentrerà su un comprensorio di circa quattro ettari al 'Gerun da Merat', a ridosso di un prato secco di importanza nazionale. Sì, perché da queste parti ci si muove, appunto, fra testimonianze naturalistiche inserite nell'Inventario federale del paesaggio e dei monumenti naturali di importanza nazionale e specie rare oltre che caratteristiche di questi luoghi (dal gladiolo alla 'Filipendula vulgaris'): d'altro canto siamo sul Monte San Giorgio, bene Unesco. Diego Allio, alla testa della Società cacciatori, mostra il risultato (quasi finale) dello sforzo profuso con una punta d'orgoglio. In fondo, i 90 mila franchi cofinanziati per il recupero della cerreta non sono che un'ulteriore dimostrazione degli obiettivi di un'operazione che sin qui ha visto investire quasi mezzo milione, prendendo il 'la' nel 2015.

Un contesto pregevole

Il contesto in cui ci si immerge, richiama a tutti Lorenzo Schmid, responsabile del progetto, è notevole. Si parla di bolle (per gli anfibi), prati secchi e radure di riconosciuto pregio. Non per nulla, il progetto messo in campo per la cerreta porta con sé «molteplici obiettivi e funzionalità. Da un lato - spiega - ci siamo impegnati a preservare i cerri, che non si trovano di frequente in Ticino e in Svizzera, ragionando in termini di selva - come per i castagni -, dall'altro, a livello ecologico e ambientale, si va a tutelare un'area, fra la campagna di Meride e il bosco chiuso, che è l'habitat di specie rare e anche minacciate. Senza trascurare la valenza storica, culturale e paesaggistica di questo bosco luminoso».

In un certo senso è un ritorno al passato. A Premoran, infatti, richiama ancora Schmid, si è riguadagnato il terreno perso con l'abbandono dell'agricoltura tradizionale e l'avanzamento del bosco, che dalla metà del secolo scorso hanno ridotto in modo drastico gli habitat per fauna e flora. Un fenomeno, si rilancia, che non ha risparmiato neppure le pendici del San Giorgio e del Poncione d'Arzo. Senza dimenticare che nella cerreta un tempo si allevavano i maiali, ghiotti di ghiande. L'intervento, quindi, è stato particolarmente attento e restituirà il comparto alla gestione di un agricoltore della regione.

Non solo cacciatori

Per Giorgio Moretti, capo dell'Ufficio della selvicoltura e degli organismi pericolosi del Dipartimento del territorio, si può dire che questo luogo rappresenta «un unicum a livello subalpino». E trovare nella Società cacciatori un alleato è stato importante. Anche l'immagine dei cacciatori, fa presente Enzo Barenco della Federazione cacciatori ticinesi, non va associata solo alla carabina, non più. E a dirlo sono fatti e numeri: in questo inizio di 2021, enumera Barenco, 17 società hanno presentato 24 progetti di recupero dell'habitat per 60 ettari, 30 giorni di lavoro e 60mila franchi di costo. Tutti argomenti che sono riusciti ad abbattere le barriere tra la categoria e gli ambientalisti. «Potrà sembrare strano - concede Marta Falabrino a nome del Wwf e della Alleanza Territorio e Biodiversità - che il Wwf abbia un progetto in comune, ma qui chi ci guadagna è la natura», sgombra il campo. Soprattutto davanti a progetti «interessanti e utili».

Territorio e biodiversità: 'Mendrisio c'è'

Di motivi per non tirarsi indietro, visto la posta in gioco, ne avevano pure le istituzioni. E se il Cantone ha accolto di buon grado l'idea del suo forestale, accompagnando la realizzazione dell'intervento. La Città non è stata da meno. «Per questo tipo di progetti Mendrisio c'è», fa sapere il sindaco Samuele Cavadini. A fronte dell'esigenza di preservare le biodiversità, ribadisce poi, «è questa la visione della Città che vogliamo dare e mantenere. Tant'è che presto arriverà la risposta del Municipio sul nuovo progetto al Poncione d'Arzo». Se ne vedranno ancora delle belle, insomma. All'avvocato Graziano Papa, e a coloro che, come lui, si sono battuti una vita per questo nostro territorio, la 'nuova' cerreta sarebbe piaciuta.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved