ULTIME NOTIZIE Cantone
Video
Ticino
1 ora

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
5 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
5 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
5 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
13 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
13 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
14 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
14 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
14 ore

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
14 ore

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
15 ore

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
15 ore

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
laR
 
28.02.2021 - 20:28

Il piatto di gnocchi (Ppd) resta sullo stomaco ai ristoratori

A Mendrisio l'iniziativa elettorale dei giovani del partito ha suscitato le reazioni social di alcuni esercenti del Mendrisiotto

il-piatto-di-gnocchi-ppd-resta-sullo-stomaco-ai-ristoratori
Per un pugno di,,, gnocchi (Ti-Press)

Cancellati comizi e pranzi, la campagna elettorale organizzata forzatamente a distanza (causa Covid-19) si è spostata (in parte) sui social. Un terreno che, spesso e volentieri, si rivela scivoloso. E capita che ci scappi un pasticcio, goloso a tavola ma spinoso in politica. Così succede che un piatto di gnocchi finisca per risultare indigesto agli 'avversari' politici - e fa parte del gioco -, ma soprattutto resti addirittura sullo stomaco di una categoria che sta soffrendo in modo particolare le ricadute della crisi sanitaria.

Ad avere l'idea, a Mendrisio, di avvicinare candidati ed elettori attraverso la cucina, dopo aver rinunciato alla risottata pre-elettorale di sempre, sono stati i giovani del Ppd. Legittimo, si dirà. Certo, il punto però è che in questo tempo sospeso le sensibilità si sono acuite; e il problema è quello di sbarcare il lunario. Così ancora prima di riuscire, letteralmente, a buttare gli gnocchi - o meglio a farli buttare a chi sta già pensando di prenotarsi -, pietanza promessa per il pranzo di domenica 14 marzo, a far fiondare ristoratori e non solo sulla tastiera è bastata una locandina pubblicata su Instagram.

Quando la polemica è gastronomicopolitica

L'iniziativa, come detto, non è proprio andata giù. Insomma, dai politici locali ci si aspettava qualcosa di più, si è fatto capire nel fine settimana un post dopo l'altro; soprattutto in un momento tanto difficile per chi è stato costretto a chiudere l'attività a seguito delle misure messe in campo per contenere i contagi. Quindi la polemica gastronomicopolitica si è spostata su facebook, dove sono fioccati i commenti. Il titolare di un grotto nel Distretto ha cominciato postando la fatidica locandina; e altri gli sono andati dietro. Perché, si sono chiesti subito i più, offrire degli gnocchi al ragù, da riservare e cucinare ciascuno a casa propria, e non appoggiarsi a un ristorante (chiuso) del posto?

Eppure la Città di Mendrisio è stata fra i primi Comuni del Mendrisiotto ad attivare agevolazioni e aiuti a sostegno delle realtà economiche locali. E proprio per questo, forse, l'azione del Ppd ha colpito i commentatori dei social. Le voci della categoria si sono levate in particolare per far sentire la loro delusione. È stato chiaro, infatti, che dalla politica nostrana ci si attendeva un supporto incondizionato: a volte anche un gesto fa la differenza. L'impressione, a dirla tutta, è stata che si è pronti a 'vendersi' - o sarebbe meglio dire a conquistare voti - per un piatto di gnocchi; come si legge neanche troppo velatamente fra le righe.

Il Ppd si difende: coinvolti i commerci locali

Dal Ppd, va detto, non ci si è sottratti al confronto. A metterci la faccia in facebook è stato Davide Dada Rossi, candidato al Municipio di Mendrisio. Rossi che ha cercato di motivare la scelta di partito: "In mancanza del tradizionale appuntamento elettorale dove Generazione Giovani offriva una risottata - ha cercato di difendersi -, si è optato per l’acquisto presso i commerci di Mendrisio dei prodotti che verranno distribuiti". Il punto è, si è fatto notare subito di rimbalzo, che non sono i negozi di alimentari ad assere in affanno, bensì gli esercizi pubblici.

'Questa è concorrenza'

Di fatto, si è lasciato intendere, la si è vissuta come una concorrenza sleale. Ciò che si è organizzato, ha ribadito il ristoratore che ha dato il là al botta e risposta, è stato fatto "a scapito di chi è costretto a stare chiuso". Sarebbe stato auspicabile, gli ha fatto eco un collega, essere coerenti e rinunciare del tutto agli eventi elettorali. Come dire, che non è tempo di marketing politico; il vero discrimine è quanto si fa per il territorio e la popolazione, si insiste da un post.

Anche gli esercenti, in ogni caso, lo sanno che i politici della Città (di qualsiasi colore) non mancano di approfittare del servizio di asporto assicurato da alcuni pure nel Mendrisiotto. Ma come si è visto non è sufficiente: il sostegno ha tante facce. "Mi toccherà - chiosa un altro ristoratore - offrire le consegne di domenica 14 marzo...". Per la serie, hashtag sosteniamolaristorazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved