si-restaura-il-mulino-del-daniello-fra-memoria-e-didattica
Un'oasi inaspettata (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
21 min

Cantiere in centro a Chiasso: si riapre a fine luglio

I lavori su via Livio termineranno con due settimane d’anticipo. Resta chiuso il parcheggio di viale Volta
Mendrisiotto
1 ora

Si riunisce l’Associazione dei Comuni del Generoso

Assemblea annuale alla Masseria Cuntitt a Castel San Pietro. Piatto forte saranno i consuntivi 2021
Mendrisiotto
1 ora

Due incontri per introdurre alle formazioni sociosanitarie

La Fondazione youLabor di Chiasso presenta cinque profili professionali per il reinserimento sociale
Ticino
2 ore

Da TiSin a Sindacato Libero della Svizzera italiana (Slsi)

Dopo l’uscita di Sabrina Aldi e Boris Bignasca, il sindacato cambia nome e direttivo e attacca: ‘Controlli delle Paritetiche senza senso e vessatori’
Ticino
3 ore

Finiscono le vacanze, ricominciano le colonne al Gottardo

Il rientro dal ponte dell’Ascensione sta causando colonne fino a 11 km fra Faido e Airolo con tempi di attesa intorno alle 2 ore
Locarnese
4 ore

Monte Verità, presentazione libraria

Martedì alle 18.30 sarà illustrato il romanzo storico di Mattia Bertoldi ‘Il coraggio di Lilly’
Mendrisiotto
4 ore

Il Plr di Mendrisio si riunisce in assemblea

Tempo di bilanci per la Sezione locale. In programma le relazioni del sindaco e dei municipali
Mendrisiotto
4 ore

Il racconto della mafia negli occhi delle donne

A Vacallo va in scena uno spettacolo di teatro-canzone nel trentesimo delle stragi di Capaci e via D’Amelio a Palermo
Luganese
21 ore

Incidente con un ferito a Bioggio

Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
22 ore

In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano

Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
1 gior

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
1 gior

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
1 gior

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
1 gior

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
1 gior

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
1 gior

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
laR
 
24.02.2021 - 19:59
Aggiornamento : 20:28

Si restaura il Mulino del Daniello, fra memoria e didattica

Partita l'operazione al Parco della Valle della Motta: si investiranno un milione e 400mila franchi. Sarà creata una grande aula per un centinaio di persone

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Il Mendrisiotto sa essere una regione stupefacente. In un attimo ti catapulta dai rumori di sottofondo del traffico ai suoni della natura. Succede se fra Novazzano e Coldrerio si lascia la strada conosciuta per seguire (a ritroso) il corso del Roncaglia, ritrovandosi così davanti il Mulino del Daniello. Anzi, il 'Mulino casale di Coldrerio, 1801', come recita la targa affissa sulla parete gialla. Da lunedì l'edificio è un cantiere in fermento. Dopo averli tanto desiderati, alfine i lavori di restauro e assieme di ristrutturazione del complesso sono iniziati. Si è dovuto attraversare un processo che ci dicono lungo e laborioso per approdare sin qui. Ora, però, la Fondazione Luigi e Teresa Galli - che ha in custodia il Piano di utilizzazione cantonale (Puc) Parco della Valle della Motta - sa di esserci riuscita.

Un restauro 'lieve', una trasformazione importante

Glielo si legge sul viso al presidente Marco Tela. «Questa mattina (mercoledì, ndr) - esordisce - sono passato di qua e ho letto quella scritta. E mi è venuto di rivolgermi direttamente al Mulino, come a rassicurarlo che cercheremo di essere i più lievi possibile in questo intervento, convinti della necessità di creare qualcosa di importante e lasciare un segno per la popolazione». È un decennio, del resto, che la Fondazione sta lavorando attorno a questa idea: restituire alla comunità una testimonianza viva di ciò che era la vita rurale di questa regione. Un atto dovuto se si pensa, poi, che il Mulino è inserito in quello che oggi è un Parco, ma in un passato recente veniva identificato con la discarica di rifiuti. Tant'è che fra gli alleati di questa iniziativa - in prima linea i Comuni di Coldrerio e Novazzano, al loro fianco progettisti, imprese e artigiani - c'è anche l'Acr, l'Azienda cantonale dei rifiuti, pronta a dare una mano (un po' per obbligo di legge, un po' per piacere). «Ciò che vogliamo - chiarisce ancora Tela - è qualità e sicurezza».

Novazzano e Coldrerio ci credono

L'investimento globale è di quelli significativi nelle cifre - si parla di un milione e 400mila franchi -, ma con pazienza e tenacia ha trovato per intero una copertura. Adesso, tempo nove mesi, le opere saranno ultimate, con la speranza di poter inaugurare nel 2022 il Mulino ritrovato con una grande festa. I due Comuni, in effetti, hanno ben chiaro l'obiettivo. Tant'è che non si sono tirati indietro, garantendo 300mila franchi ciascuno, mentre a livello cantonale si sono stanziati 600mila franchi. Certo, far passare il messaggio alle istanze superiori, fa capire Sergio Bernasconi, sindaco di Novazzano, non è stato evidente. In un certo senso, annota, «ora recuperiamo il tempo che se ne è andato in burocrazia». Che ci si creda in questa operazione, comunque, non c'è alcun dubbio, anche per la sua valenza intergenerazionale, richiama dal canto suo Alain Bianchi, sindaco di Coldrerio. Il Daniello, ribadisce, è e sarà «un luogo di incontro e un punto di riferimento per la popolazione, nell'ottica di una valorizzazione storica, ambientale e didattica».

Una grande aula per cento persone

Per gli alunni dei due istituti scolastici comunali, infatti, il Mulino è un luogo prezioso. Non a caso il valore didattico del complesso sarà consolidato in modo (forse) inatteso. Al piano superiore, infatti, lì dove oggi c'è il fienile, si ricaverà una grande aula capace di accogliere fino a un centinaio di persone; e non sarà il solo luogo con questa funzione. Mentre al piano terra si realizzeranno uno spazio per attività di workshop e un negozio. Tutto ciò senza scalfire il locale che ospita le macine, tornate a funzionare.; restituendo, come nei tempi andati, una farina quanto mai apprezzata.

Nello stabile, spiega l'architetto Enrico Sassi - affiancato in questo intervento dal direttore dei lavori ingegner Eraldo Pianetti - conviveranno un'operazione di restauro e una trasformazione dello stabile. «Per me - ci dice - questo progetto rappresenta un'avventura abbastanza straordinaria. Siamo giunti fin qui dopo una serie di valutazioni e ripensamenti. Sta di fatto che ora la soluzione scelta tiene conto della memoria del territorio che l'edificio incarna, con il suo passato agricolo». Il Mulino, sottolinea ancora, si candida a offrire una struttura polivalente, conservando la sua importanza storica nel mezzo della natura. «Se pensiamo - richiama l'architetto - che a pochi metri passa l'autostrada e si trova l'area di servizio di Coldrerio...». Una tale realtà geografica, non a caso, stimola quanti stanno partecipando al progetto con non poco orgoglio.

Una testimonianza che travalica i confini regionali

Uno degli uomini sul campo, referente per la Fondazione, Pierluigi Rezzonico, sa bene qual è la posta in gioco. «Se, una volta ultimati i lavori, si farà un uso intelligente del Daniello, diventerà una meta interessante non solo per i ragazzi e gli abitanti del Mendrisiotto». Le potenzialità questo luogo le possiede senz'altro, sebbene non si tratti di un bene protetto. La sua testimonianza storica, d'altro canto, ha un valore importante per questa regione. Lì nel Parco si potranno tramandare ai più giovani attività e vissuto della gente del posto, con il mulino e le sue macine, con la cava d'argilla, gancio, suggerisce Rezzonico, per spostarsi alle Fornaci a Riva San Vitale (destinate a loro volta a tornare a nuova vita), con la 'bigatera' occasione per riparlare di ciò che ruotava attorno ai gelsi che cingono il complesso. In fondo, basta aprire il libro della memoria.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coldrerio daniello mulino novazzano
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved