ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
5 ore

A Mendrisio Massimo Cerutti lascia il Plr

Il municipale divorzia dalla sezione del partito. Sarà indipendente. La settimana scorsa il Municipio lo ha esonerato dalla regia del dicastero Aim
Ticino
5 ore

Giudice supplente, proposta l’elezione di Federica Dell’Oro

Così la commissione Giustizia e diritti. La parola al plenum del Gran Consiglio
Gallery
Mendrisiotto
6 ore

Mendrisio fa un passo avanti sul sentiero del Laveggio

Il Consiglio comunale vota all’unanimità i fondi per completare i camminamenti lungo il fiume, nel solco di un parco intercomunale
Ticino
6 ore

Rielezione toghe, correttivi per scongiurare un nuovo 2020

La commissione firma il rapporto stilato da Pagani: ‘Il Consiglio della magistratura si doti di un regolamento ed espliciti il diritto di essere sentito’
Mendrisiotto
7 ore

Coldrerio, un 18enne aggredito e picchiato da due persone

Funziona il dispositivo di ricerca della polizia: fermati gli autori del tentativo di rapina. La loro posizione è al vaglio degli inquirenti
Luganese
7 ore

La Città lancia un percorso formativo rivolto ai commercianti

Lugano Living Lab promuove un incontro all’ex asilo Ciani per far conoscere le ‘opportunità’ e favorire una digitalizzazione alla portata di tutti
Ticino
8 ore

Superamento dei livelli, un accordo che sembra avere i numeri

Firmato a maggioranza il rapporto commissionale che propone una sperimentazione su base volontaria con vari modelli di codocenza. In parlamento a febbraio
Luganese
8 ore

Christian Vitta e Raffaele De Rosa a confronto a Massagno

I due consiglieri di Stato parleranno delle sfide dei rispettivi Dipartimenti. L’evento è in agenda il 5 febbraio al Cinema Lux e al Salone Cosmo
Luganese
9 ore

Caslano incontra i propri 18enni

Ventidue i giovani nati nel 2005 che hanno partecipato all’evento organizzato con l’autorità comunale
Mendrisiotto
9 ore

Parco Villa Argentina, un gruppo di lavoro per la riqualifica

Lo fa sapere il Municipio rispondendo a un’interrogazione di Tiziano Fontana, precisando che l’Ufficio dei beni culturali attende un progetto definitivo
Ticino
9 ore

Al via il programma cantonale di screening colorettale

Il Dipartimento sanità e socialità offre, da febbraio, un test gratuito e volontario per una patologia dove la prevenzione è fondamentale
Ticino
10 ore

Raccolte firme sui costi della salute, allarme rosso in casa Ps

Riget e Sirica agli iscritti: rischiamo di fallire su referendum contro la deduzione per i premi dei figli e iniziativa per i premi al 10% del reddito
24.02.2021 - 14:42
Aggiornamento: 18:49

Mendrisio, le Processioni storiche tornano in forma inedita

Le sfilate tradizionali non ci saranno, ma da metà marzo all'11 aprile il patrimonio Unesco sarà comunque presente nelle vie del Borgo

mendrisio-le-processioni-storiche-tornano-in-forma-inedita
Dopo l'annullamento dell'edizione 2020 (archivio Ti-Press)

«Abbiamo bisogno di normalità e di rivivere le nostre tradizioni». Gabriele Ponti, presidente del Consiglio di Fondazione delle Processioni della Settimana Santa di Mendrisio, si definisce un presidente «contento». Dopo lo stop imposto dal coronavirus lo scorso anno, le Processioni storiche torneranno ad animare il cuore del Borgo di Mendrisio. Un evento che «si terrà in forma inedita – precisa subito Ponti –. L'iscrizione al Patrimonio immateriale culturale dell'Unesco che abbiamo ottenuto nel dicembre 2019 impone il coinvolgimento della comunità e questo nuovo progetto è stato costruito grazie all'apporto di giovani legati al mondo delle Processioni e di chi partecipa a questo evento da una vita». I dettagli di questa nuova versione delle Processioni saranno definiti nel dettaglio nelle prossime settimane (e saranno adattati alle disposizioni sanitarie che saranno in vigore). L'unica cosa certa è che la durata degli eventi sarà prolungata. «La pandemia ci obbliga a dilatare i nostri tempi: gli assembramenti non sono permessi e, di conseguenza, l'attenzione deve essere massima». Per il momento si sa solo che da metà marzo, e fino all'11 aprile, lungo le vie della città saranno posati i Trasparenti e trasformate le vetrine dei commerci in palcoscenico per gli abiti e gli ornamenti dei figuranti. Le chiese di San Giovanni, Santa Maria, Santissimi Cosma e Damiano e Cappuccini saranno aperte al pubblico e allestite come tradizione.

La nuova veste delle sfilate

Ma cosa succederà nei giorni a ridosso della Pasqua che, ricordiamo, verrà celebrata il 4 aprile? «Le Processioni così come le conosciamo non potranno sfilare – commenta ancora Gabriele Ponti –, ma saranno comunque presenti nelle vie del Borgo in un modo alternativo che coinvolgerà la macchina dei volontari. L'entusiasmo è grande e questo non può che farmi piacere perché testimonia la voglia di perpetrare le tradizioni e l'attaccamento di tutti quanti alle nostre Processioni». La decisione di procedere con il nuovo progetto è diventata definitiva ieri, quando sono arrivati gli ultimi nullaosta che mettono definitivamente in moto la macchina organizzativa. «Il rinvio dell'anno scorso, arrivato proprio a ridosso dell'evento, è stato un colpo per tutti – ammette il presidente –. Per quest'anno aspettavamo il miracolo e così, come tutti, una diversa evoluzione della situazione sanitaria. Ma non ci siamo adagiati e abbiamo cercato idee alternative».

Idee di giovani e meno giovani

Una telefonata di scambio d'auguri natalizi tra Gabriele Ponti e i presidenti delle tre Commissioni coinvolte nelle Processioni – Giovedì Santo, Venerdì Santo e Cavalli – è stata l'occasione per fare il punto della situazione. «Durante la chiacchierata è nata una delle idee che svilupperemo – aggiunge Ponti –. A questa si è aggiunto un gruppo di giovani legati alle Processioni che ci ha detto che avrebbero voluto sviluppare un loro progetto». Il dossier relativo all'iniziativa è stato sviluppato a partire dalla metà di febbraio. Dopo la conferma, arrivata ieri, che il progetto ha ottenuto l'accesso a fondi messi a disposizione da Confederazione e Cantone, «lo sprint finale» è iniziato. «La tempistica ci ha portato fino a oggi – annota il presidente –, ma tutti quanti non vediamo l'ora di essere ai blocchi di partenza: in questi giorni contatteremo le tante persone coinvolte». In una forma nuova e innovativa, ma le Processioni torneranno nuovamente a essere un momento di comunione tra storia e attualità, tradizione e innovazione, luoghi e persone, nel pieno rispetto delle caratteristiche che hanno permesso a questa manifestazione di entrare a far parte del patrimonio mondiale dell'umanità. «Ho sempre parlato di tradizione e innovazione e questo sarà un chiaro esempio pratico – conclude Gabriele Ponti –. È stato bello vedere che sono arrivate idee da tutti e soprattutto constatare come anche chi per anni ha perpetrato le tradizioni, si è subito adattato a qualcosa di nuovo».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved