Ginevra
1
Friborgo
1
2. tempo
(0-0 : 1-1)
Turgovia
1
Kloten
1
1. tempo
(1-1)
videosorveglianza-nei-quartieri-a-che-punto-siamo
Il credito per l'estensione ai Quartieri è stato votato nel 2018 (archivio Ti-Press)
22.02.2021 - 18:400
Aggiornamento : 25.02.2021 - 16:33

Videosorveglianza nei Quartieri, a che punto siamo?

Il Ppd di Mendrisio interroga il Municipio su rinnovo e ampliamento del sistema di videocamere

a cura de laRegione

A che punto sono il rinnovo e l'ampliamento della videosorveglianza nei Quartieri di Mendrisio? A sollevare l'interrogativo è il Ppd (primo firmatario Alessandro Polo), con un'interrogazione ‘bis’ appena presentata al Municipio. “A più di cinque anni di distanza, le principali vie di transito per accedere ai nostri Quartieri non sono ancora videosorvegliate – si legge nel testo –. Un sistema di videosorveglianza all'avanguardia è uno strumento indispensabile per la nostra Polizia che, al momento, fuori da Mendrisio Borgo è cieca”. Nel marzo 2018 il Consiglio comunale aveva approvato la richiesta di credito di 1'330'000 franchi per opere di estensione e ammodernamento dell'impianto della Città. “I lavori d'installazione del nuovo sistema di videosorveglianza e dell'anello informatico della Città – si ricorda – era previsti per l'inizio del 2019”.

Due anni dopo, il Ppd vuole sapere se la videosorveglianza è stata estesa o no (“a cosa è dovuto il ritardo?”). Al Municipio viene inoltre chiesto in che stato si trova l'attuale sistema della Città e se ci sono dei problemi. Un'analisi effettuata a suo tempo aveva indicato la necessità di “operare su più fronti” e in particolare su “ammodernamento dell'attuale sistema di videocamere, estensione del comprensorio videosorvegliato e della rete informatica verso le nuove posizioni richieste e aumento della velocità ‘dell'autostrada informatica’ della Città”. L'interrogazione chiede di fare il punto anche su questi interventi. All'esecutivo viene infine chiesto quando saranno ultimati i lavori di ammodernamento ed estensione e se, nel frattempo, sono state avviate le procedure per la modifica dei regolamenti “alfine di poter ad esempio utilizzare le tecnologie contenute nelle nuove videocamere quali la lettura delle targhe”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved