medicina-2-a-mendrisio-ancora-chiuso-ma-nessun-nuovo-caso-covid
L'Obv (Ti-Press)
Mendrisiotto
20.01.2021 - 09:380
Aggiornamento : 15:43

Medicina 2 a Mendrisio ancora 'chiuso', ma nessun nuovo caso Covid

All'Ospedale regionale della Beata Vergine nel reparto del focolaio Covid-19 dello scorso novembre permane l'invito ai pazienti di non uscire dalle camere

Non la volontà di isolare i pazienti, ma la necessità di difenderli dal contagio di coronavirus. È, dunque, una direttiva che va nel senso di evitare contatti che potrebbero mettere in pericolo le persone degenti all'Ospedale regionale della Beata Vergine di Mendrisio, la decisione di invitare chi è ricoverato al reparto di Medicina 2 a rimanere nelle proprie camere, senza la possibilità, per esempio, di sgranchirsi le gambe nei corridoi. «L'azione – ci ha spiegato la portavoce ad interim dell'Ente ospedaliero cantonale Adriana Degiorgi – rientra nelle necessarie indagini di cosiddetta prevalenza, che segue ai focolai riscontrati proprio all'Obv lo scorso novembre. Sono indagini che intervengono quanto è necessario monitorare o circoscrivere la presenza di casi di Covid-19».

Il reparto, quindi, viene 'blindato' per evitare ogni forma di contatto non strettamente necessaria, mentre vengono eseguiti test a tappeto nei confronti sia di collaboratori sia di pazienti. Nel contempo, come anticipato, ai pazienti stessi viene chiesto di rimanere, per quanto possibile, nelle proprie camere: «L'azione è rivolta a Mendrisio solo al reparto di Medicina 2 – ci conferma la portavoce – così che in tutti gli altri reparti, le persone ricoverate possono muoversi negli spazi loro adibiti. L'unico ambiente che, ad oggi, non può essere frequentato dai pazienti, e dagli esterni in generale, è la mensa, mentre è possibile accedere agli spazi comuni ai piani, indossando la mascherina, mantenendo le necessarie distanze e in generale rispettando le regole in relazione al divieto di assembramenti. Sulla tempistica in merito alle misure in atto in Medicina 2, dove ad oggi non sono più registrati casi positivi, posso confermare che appena si sarà conclusa l’indagine, il reparto potrà essere 'riaperto'. Le persone ricoverate vengono sempre prontamente informate su questa misura e sul motivo della stessa. Misura che viene attuata anche in altre strutture dell'Eoc laddove necessario».

© Regiopress, All rights reserved