mendrisio-il-plr-alza-l-asticella-e-punta-al-terzo-municipale
Riconfermata la squadra per il Municipio (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
9 min

La sperimentazione? ‘Ci sono diversi punti da chiarire’

Superamento livelli in terza media, il capogruppo del Ppd Agustoni: senza risposte soddisfacenti non potremo sostenere l’emendamento governativo
Luganese
1 ora

Migranti e centri di accoglienza: ‘È questo fare casa?’

Due testimonianze riportano al tema degli asilanti in Ticino. Dalla struttura provvisoria di Pasture all’intensa attività dell’associazione DaRe.
Mendrisiotto
2 ore

Più fotovoltaico a Mendrisio grazie a tariffe agevolate

L’AlternativA lancia una proposta per incrementare la diffusione di impianti a vettore solare nella Città dell’Energia
Luganese
4 ore

Da Caslano: ‘Terza media senza livelli? Grosso vantaggio’

In vista del voto in Gran Consiglio sul superamento dei corsi A/B in matematica e tedesco, reportage dalla scuola ticinese pioniera nella sperimentazione
Ticino
4 ore

‘Siamo una delle voci della scuola, no alla sperimentazione’

Il presidente del Plr Alessandro Speziali boccia la proposta di emendamento del governo al Preventivo per partire col test sul superamento dei livelli
Locarnese
4 ore

Brissago-Locarno in bus, ci sono margini di miglioramento

Incontro nel borgo di confine con Fart, Cit e Ufficio dei trasporti pubblici per vedere di risolvere le criticità dei collegamenti con il centro
Luganese
13 ore

Lugano, rissa al Parco Ciani: due feriti

La dinamica esatta non è ancora nota, sono intervenuti la Polizia cantonale e la Polizia comunale. I fatti sono avvenuti vicino all’entrata lato Casinò
Ticino
13 ore

La sinistra politica in strada contro i licenziamenti Dpd

Presidio di solidarietà coi lavoratori del colosso dei pacchi, accusato di condotta antisindacale. Spunta un quinto licenziamento.
Ticino
14 ore

Mauro Antonini a processo settimana prossima

L’ex comandante delle Guardie di confine deve rispondere delle presunte irregolarità nella gestione di fondi finanziari emerse in seno al corpo federale
Locarnese
14 ore

Locarno, gesto di solidarietà per Casa Martini

Donazione destinata al centro di accoglienza per persone in difficoltà
Luganese
15 ore

Campione, causa Covid slittano le aste dei beni in vendita

‘L’interesse per gli immobili non manca’, assicura il sindaco Roberto Canesi che conta di chiudere la partita dei debiti con i dipendenti comunali
Ticino
15 ore

Aiuti ai media, Viscom Ticino: ‘Sì con convinzione al pacchetto’

L’Associazione svizzera per la comunicazione visiva: per la democrazia diretta è indispensabile un paesaggio mediatico ben diversificato
Bellinzonese
15 ore

Infortunio sul lavoro a Bellinzona, gravi ferite per un operaio

L’uomo, un 42enne residente nella Provincia di Varese, ha battuto la testa mentre scendeva da una scala a chiocciola. La sua vita è in pericolo
Ticino
15 ore

‘Il Conservatorio è una scuola, deve essere accessibile a tutti’

Una mozione chiede di modificare la qualifica di due parti dell’istituto che attualmente sottostanno all’obbligo del certificato 2G
Mendrisiotto
15 ore

Vacallo ha perso 19 abitanti in un anno

Lieve calo della popolazione che ora è di 3’343 cittadini. Fanno ben sperare le 20 nascite registrate.
Luganese
15 ore

Via Nassa, Benedetto Antonini: ‘Un intervento osceno’

Il vicepresidente della Società per l’arte e la natura critica pesantemente le nuove vetrate posate nel centro cittadino protetto
Locarnese
16 ore

I semafori intelligenti sull’A2-A13 piacciono a Tcs e Acs

L’Ustra propone un impianto di autoregolazione del traffico per risolvere il grave problema sul Piano di Magadino, in attesa del nuovo collegamento
Luganese
16 ore

Lugano, per la mobilità scolastica ‘servono interventi mirati’

È quanto emerge da uno studio pubblicato sul sito della Città. Coinvolti 52 edifici scolastici e 5’813 allievi.
13.01.2021 - 22:540
Aggiornamento : 19.01.2021 - 15:40

Mendrisio, il Plr alza l'asticella e punta al terzo municipale

Si va alle elezioni comunali con la stessa squadra, guidata dal sindaco Cavadini e dal municipale Maffi. Bordate al Ppd

Per il Plr di Mendrisio non è (solo) questione di campagna elettorale. ‘È Mendrisio’ ogni giorno e non solo durante la corsa verso le elezioni comunali, si ammicca dal manifesto che restituisce un collage dei candidati all'esecutivo. La donna e gli uomini che danno un volto alla squadra che mira al Municipio non sono cambiati. E anche la strategia è rimasta la stessa. Un anno dopo, di mezzo la pandemia e il rinvio del voto (al 18 aprile prossimo), il gruppo che oggi in Città vanta il sindacato è rimasto fedele a sé stesso. Consapevole di dover difendere i posti occupati dal sindaco Samuele Cavadini e dal municipale Samuel Maffi. L'obiettivo della Sezione, del resto, è quello di consolidare le proprie posizioni tanto al tavolo dell'esecutivo che fra i banchi del Consiglio comunale. A essere straniante è, semmai, la distanza che ha messo il Covid-19: l’assemblea del 2020 aveva affollato l’aula magna delle scuole comunali di Rancate, il plenum straordinario del 2021 va via Zoom.

A distanza, ma battaglieri

«È un po’ che non ci vediamo di persona», esordisce il presidente sezionale Tiziano Calderari. Una vicinanza fisica che manca, ma che non ha allontanato i militanti del Plr dall'appuntamento assembleare: questa sera, mercoledì, erano una settantina a far parte della comunità digitale; tra loro anche il presidente cantonale Alessandro Speziali e la presidente distrettuale Sonia Meier, che da fresca vice presidente cantonale è pronta a fare da ponte per dare voce alla regione.

L’essere virtuali non ha impedito, del resto, a Calderari di perorare la causa liberale radicale, ma soprattutto di lanciare una bordata all’indirizzo del partito di maggioranza relativa, il Ppd. «Nell'arco di una legislatura - esplicita il presidente - hanno cambiato l’intera rappresentanza e tre volte il responsabile delle finanze - l'esecutivo è mutato per i suoi sei settimi, ndr -. Ciò che ha messo in difficoltà il Municipio. Hanno avviato persino una azione di opposizione, sfruttando la pandemia a fini politici. Per contro il Plr ha garantito continuità e proposto temi concreti», rintuzza. Quella concretezza legata alla quotidianità locale invocata anche dal presidente cantonale Speziali.

Il sindaco: 'Dovremo essere resilienti'

D'altro canto, come ha fatto bene presente il sindaco Samuele Cavadini, quello alle spalle è stato un anno alquanto travagliato. Prendere delle decisioni, insomma, non è stato semplice. «Ci siamo riusciti, portando avanti una serie di progetti». Cavadini è consapevole che la campagna che li attende non sarà facile; che richiederà pure nuovi modo di comunicare. «Dovremo - esorta - essere resilienti, cavalcando il cambiamento». Un cambiamento inteso, fra le righe, non di persone, bensì di approccio alla realtà segnata dal Covid. Le riflessioni richiamate da Cavadini sono almeno due. «La prima - spiega - riguarda la pianificazione del territorio che vogliamo immaginare. Ci vorrà, infatti, un cambio di rotta e il coraggio di pensare a qualcosa di diverso. La seconda richiama la situazione socio-economica. Siamo entrati, in effetti, in un nuovo paradigma, che comporterà discussioni anche accese. Dovremo porre attenzione a fragilità acuite dalla pandemia”.

Maffi: 'Quando passerà, saremo all'Anno zero'

Ad andare ulteriormente al sodo ci ha pensato il municipale in carica Samuel Maffi. «Quando usciremo da questa pandemia saremo all’Anno zero. Dovremo tirare la cinghia - chiarisce -. Di conseguenza i futuri sette municipali dovranno mostrare la capacità di trovare un patto per uscire dalla crisi. Darò una brutta notizia, ma molto probabilmente il moltiplicatore sarà rivisto al rialzo. Sarà nostro compito, quindi, far sì che l'aumento sia contenuto, cercando l’equilibrio e favorendo un dialogo con la Destra e la Sinistra», ribadisce il municipale uscente.

Si sogna il terzo municipale

Motivazioni più che sufficienti, quelle lanciate da sindaco e municipale, a spronare la squadra, che appare compatta. «Si tratta - conferma il presidente Calderari - di una lista ancora più forte e responsabile dell’anno scorso: tutti hanno riconfermato la loro disponibilità». A dar man forte a Samuele Cavadini e Samuel Maffi saranno Massimo Cerutti, Beatrice Engeler, Daniele Fumagalli, Matteo Lordelli e Marco Tela, tutti agguerriti. Questa rosadi candidati, d'altra parte, crede nella possibilità di riaffermare i suoi seggi e persino di poter ambire a fare tris in Municipio. Una rosa che l’assemblea digitale ha fatto sua all'unanimità. Calderari, svela, punta a fare del Plr il primo partito di Mendrisio, anche se occorre procedere un «passo alla volta». Nicola Rezzonico, consigliere comunale uscente, osa di più; e fa capire che bisogna crederci. «Dobbiamo puntare al terzo municipale, abbiamo i numeri per farlo», si sbilancia. La sensazione, certo, è che l’elezione sarà 'tirata'. Il diktat, come ha ricordato il capogruppo Giovanni Poloni, è dunque “non regalare voti fuori lista”.

Promossa altresì a pieni voti pure la lista per il Consiglio comunale, forte di 60 candidati - «con nuovi innesti», un numero significativo di donne e parecchi giovani - e rappresentativa di tutti i Quartieri, decisa a far crescere il numero di esponenti del legislativo (17 i consiglieri uscenti).

Un programma in tre punti

Quali sono gli argomenti con i quali si intende centrare il risultato? Sono stati sintetizzati sullo schermo in tre punti: lavorare per "un Comune moderno, polo regionale che deve saper consolidare la propria crescita"; favorire il "dialogo fra istituzioni e cittadini, fra Comune e Quartieri"; e "migliorare la qualità di vita sull'intero territorio, avendone cura e pianificando con lungimiranza".  Un programma, ha chiosato Calderari, oggi «ancora più vero e che fa leva su socialità, scuola e sanità - l'attenzione è sul destino dell'Obv e la sua Maternità, ndr -, temi che hanno acquisito maggiore importanza e forza».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved