chiasso-apertura-per-il-buono-da-20-franchi-per-i-cittadini
Poche le differenze tra oggi e il marzo scorso (archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina

Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
Gallery
Bellinzonese
2 ore

Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito

L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
Ticino
8 ore

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
10 ore

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
14 ore

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
14 ore

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
14 ore

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
19 ore

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
21 ore

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
22 ore

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
23 ore

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
23 ore

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
12.01.2021 - 20:12
Aggiornamento: 21:13

Chiasso, apertura per il buono da 20 franchi per i cittadini

Municipio, Società commercianti del Mendrisiotto e Gastro si sono seduti al tavolo per studiare un aiuto concreto per popolazione e attività commerciali

I cittadini di Chiasso potrebbero ricevere un buono acquisto di 20 franchi. È questo l'esito dell'incontro andato in scena nel tardo pomeriggio di oggi che ha portato allo stesso tavolo l'esecutivo guidato da Bruno Arrigoni, la Società commercianti del Mendrisiotto (presente il comitato guidato da Carlo Coen), Gastromendrisiotto (rappresentata da Maria Jose Soler) e alcuni consiglieri comunali di Chiasso che, a più riprese e con varie proposte, hanno chiesto all'autorità comunale di introdurre un aiuto tangibile per la popolazione e a sostegno del commercio locale. A margine dell'ultima seduta di Consiglio comunale, il presidente della Scm ha consegnato al Municipio di Chiasso anche una petizione firmata da 280 persone. La scorsa estate, come si ricorderà, l'autorità comunale si era fatta promotrice di una tessera di raccolta bollini che non ha però avuto l'esito sperato. Da qui la richiesta di mettere a disposizione la somma non utilizzata con questa iniziativa (il credito totale era di 100mila franchi) a favore della popolazione e la ‘promessa’ del sindaco di presentare una proposta nel corso del mese di gennaio. Dopo una discussione tra i presenti, la via scelta è caduta sul buono acquisto, come richiesto dalla petizione e, in precedenza, da un'interrogazione del Plr, e come attuato da diversi comuni in Ticino. «C'è una forte apertura verso questo progetto, che abbiamo chiesto di destinare a ogni cittadino maggiorenne – commenta il presidente della Scm Carlo Coen –. Procederemo verso questa direzione, con l'intenzione di coinvolgere anche gli alimentari, intesi come piccole realtà locali, per aiutare la popolazione anche nella spesa, anche se si preferirebbe un utilizzo nei bar, ristoranti e attività commerciali». Carlo Coen si ritiene «assolutamente soddisfatto, la serata è andata bene e ringrazio il Municipio per averci accolto, ascoltato e per esserci venuto incontro». Sulla stessa lunghezza d'onda Maria Jose Soler. «Sono soddisfatta per le proposte arrivate dall'autorità comunale», ci conferma la responsabile del bar Indipendenza. All'incontro era presente anche il consigliere comunale Stefano Tonini (Lega-Udc). «Sono soddisfatto – ha dichiarato a 'laRegione' al termine della riunione – perché si tratta di una proposta che va ad aiutare i cittadini che potranno usare i buoni dove vogliono, anche nei negozi di alimentari. A causa della pandemia, la gente fa fatica a mettere in tavola due pasti al giorno e i nostri esercizi fanno fatica a pagare le fatture. È nostro dovere di politici trovare soluzioni per aiutare queste realtà». Covid e restrizioni permettendo, i buoni dovrebbero essere distribuiti in primavera.

 

Il mercato del venerdì sarà valorizzato

Altro tema all'ordine del giorno dell'incontro odierno era il mercato del venerdì. «Qualcosa di buono e da valorizzare – continua Coen –. La Scm sostiene grossi investimenti per la gestione, la promozione, aperitivi o eventi collaterali organizzati per renderlo più accattivante». A causa della pandemia, però, «la situazione è in deficit e questo rende la gestione difficoltosa». Consapevole della necessità di valorizzare l'appuntamento del venerdì – «un evento importante nel tempo e che, speriamo, durerà per molto tempo e anni» –, il Municipio «ci ha chiesto di presentare loro un rapporto, che analizzeranno per valutare i possibili aiuti finanziari appunto per valorizzare ulteriormente questo appuntamento che piace alla popolazione e che va a vantaggio anche delle attività su Corso San Gottardo».

Food truck da limitare

Durante l'incontro, Scm e GastroMendrisiotto hanno chiesto al Municipio di creare un rapporto più equilibrato con i food truck che settimanalmente occupano Corso San Gottardo. «Abbiamo chiesto di non congestionare troppo queste attività per non penalizzare le attività del centro, fatta eccezione per il venerdì, cioè il giorno del mercato – puntualizza e conclude Carlo Coen –. Il Municipio ci ha assicurato che elaborerà una proposta per adeguare i costi della tassa del suolo pubblico, oggi molto bassi, e che non accetterà ulteriori adesioni».

Leggi anche:

Chiasso, 280 persone chiedono aiuti tangibili

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
carlo coen gastromendrisiotto società commercianti
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved