ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
51 sec

Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni

Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
2 ore

In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea

Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Luganese
3 ore

Troppe zanzare tigre, Magliaso corre ai ripari

Nel 2022 è stata registrata un’importante espansione. L’istituto di microbiologia ha suggerito al Comune ulteriori misure
Luganese
3 ore

Carnevale in arrivo nei quartieri di Lugano

Da Villa Luganese a Davesco-Soragno, nei prossimi giorni si festeggerà in vari luoghi
Mendrisiotto
3 ore

Un’esplosione di colore in mostra al Parco San Rocco

Nella sede di Morbio Inferiore verranno esposte le opere dell’artista Vera Segre
Ticino
3 ore

La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano

È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
3 ore

Al Nara c’è una fune da sostituire

Il Municipio chiede di concedere 240mila franchi per rimpiazzare, dopo 26 anni di servizio, il cavo portante-traente della seggiovia Leontica-Cancorì
Mendrisiotto
3 ore

Giornata mondiale contro il cancro infantile alla Filanda

Tre ore di incontri ed eventi sul tema, in programma il 15 febbraio al centro culturale di Mendrisio
Bellinzonese
4 ore

Raccolta di beni di prima necessità per la Turchia

La merce si potrà portare all’ingresso dell’Espocentro da domani a mezzogiorno. I primi furgoni partiranno già giovedì
Ticino
4 ore

‘Quel silenzio verso chi pedala’, Pro Velo sprona i candidati

L’associazione che difende i diritti dei ciclisti lamenta il fatto che nella campagna elettorale in corso sia assente il tema della mobilità lenta
Bellinzonese
4 ore

A Castione tre giorni di festa con il Carnevaa di Sciatt

55esima edizione da giovedì 16 a sabato 18 febbraio. Novità di quest’anno la cena offerta del sabato a base di polenta e formaggio o mortadella
Ticino
5 ore

Torna in aprile l’appuntamento con slowUp Ticino

Come di consueto lungo il percorso chiuso al traffico tra Locarno e Bellinzona ci si potrà muovere con mezzi non motorizzati godendosi natura e animazioni
Luganese
5 ore

Sorpresa per i 18enni di Bissone: Norman Gobbi in visita

Il consigliere di Stato ha partecipato alla tradizionale cerimonia di accoglienza dei neomaggiorenni svoltasi il 29 gennaio
Locarnese
6 ore

La formazione dei docenti in Ticino compie 150 anni

Nel 2023 l’anniversario dell’istituzione della Scuola magistrale, oggi Dipartimento formazione e apprendimento, verrà sottolineato con diverse iniziative
12.12.2020 - 05:50

Telefono Sos Infanzia fra abusi e disagio nell’anno del Covid

Sempre più sollecitato il centralino di Chiasso dell'Associazione. Preoccupa l’aumento dei casi: ‘Noi siamo lì per loro’

telefono-sos-infanzia-fra-abusi-e-disagio-nell-anno-del-covid
Da 32 anni in linea (Ti-Press)

Maltrattamenti, abusi e storie di disagio e dipendenze non sono spariti nel nulla. Anzi. L'essere confinati a casa dal Covid-19 li ha solo tolti dalla vista, non cancellati dalla realtà cantonticinese. Così gli squilli del Telefono Sos Infanzia, al centralino storico di Chiasso, in questi mesi si sono fatti più dolenti e frequenti; e non hanno mai smesso. La linea è quanto mai sollecitata, allo 091 682 33 33, da ogni angolo del Ticino. I volontari forti della loro formazione, e in aggiornamento continuo, sono sempre pronti a rispondere, dalle 8 alle 20. Che i casi fossero in deciso aumento, del resto, lo si era capito già nel corso dell'estate, in occasione dell'assemblea. La conferma adesso la si attende dai numeri a gennaio. Si può dire comunque che all'Associazione coordinata da Paolo Frangi non si è andati certo in 'lockdown'. Si continua a metterci il cuore come il primo giorno, ormai 32 anni orsono.

'Ogni chiamata è unica'

In questi anni, infatti, il rapporto di fiducia tra chi chiama e chi risponde si è consolidato. «Quando un minore o un adulto ci telefonano per fare una segnalazione sanno di trovare ascolto, una voce amica - spiega a 'laRegione' Tina Mantovani, volontaria della prima ora e oggi più che mai in prima linea -. D'altro canto, ciò che raccontano il più delle volte è stato vissuto in prima persona. Ogni chiamata è unica e come tale va trattata, senza avere dei pregiudizi». Convincere queste persone, soprattutto i ragazzi, ad aprirsi non è facile, però. «Capita che all'inizio dicano che quanto accaduto riguarda una famiglia che conoscono. Poi si innescano l'empatia e delle dinamiche di fiducia (che non vogliamo svelare) e allora diventano veri - ci conferma Tina Mantovani -. A quel punto raccontano i fatti, gravi e circostanziati. Ci confidano dettagli che omettono di dire alle autorità, per vergogna. Per loro è più facile parlare con noi al telefono».

'Serve l'intesa con i servizi'

E qui entrate in gioco. «Il nostro ruolo, e la nostra responsabilità, è quello di avvicinare chi segnala ai servizi. Ogni informazione è preziosa per assicurare una presa a carico adeguata. Da questo punto di vista possiamo dire di avere un'ottima collaborazione con le autorità locali, di Polizia, con le Arp, le Autorità regionali di protezione, e la Magistratura dei minorenni. Una intesa - ci fa notare - che ha permesso di rivalutare la figura del segretario comunale, in particolare nei paesi. Il nostro obiettivo primario, d'altro canto, è tutelare il minore e chi ci telefona». Ricostruire il mosaico delle sofferenze, però, non appare semplice e alcuni casi di cronaca hanno mostrato anche delle lacune. «Il turnista che per primo entra in contatto con chi segnala si rende conto, a volte, che le istituzioni non sono in possesso di tutte le informazioni e gli strumenti utili a calibrare l'intervento - fa capire Tina Mantovani -. Ecco perché noi invogliamo le persone ad affidarsi alle autorità». In ogni caso, una regola che vale per tutti, ribadisce, è quella di prendersi il tempo per fare il bene di un bambino.

Effetto pandemia

A preoccupare, oggi, come ieri, è la gravità dei casi. «Gravità che si fa urgente - rivela Tina Mantovani -, quando uno stesso caso viene segnalato da più persone». E quando una famiglia si sente gli occhi addosso non è raro che cambi domicilio, costringendo gli operatori a inseguire caso e problema. Di storie da raccontare ce ne sarebbero tante, a dimostrazione che abusi e disagio sono sulla porta di casa nostra. E la percezione è che questo anno segnato dalla pandemia non abbia fatto altro che acuire situazioni già problematiche. «Per averne la conferma attendiamo di visionare i dati definitivi di questo 2020». Per ora il dato di riferimento è quello registrato dalla Gendarmeria della Polizia cantonale nel 2019, che alla voce 'violenza domestica' parla di oltre un migliaio di interventi. «Ciò che è certo è che questa condizione nuoce al minore - non nasconde Tina -. Di conseguenza il disagio aumenta e rischia di esplodere».

Storie dal 'lockdown'

Una storia in particolare è rimasta impressa in questi mesi nella mente dei volontari di Telefono Sos Infanzia, che in questo caso, come in altri, ha potuto appoggiarsi all'Associazione La Sorgente di Lidia Canonica. Associazione che spesso si fa carico di seguire alcuni minorenni in difficoltà. In pieno confinamento ci si è ritrovati, infatti, a dare una mano a una giovinetta rimasta sola a casa. Il padre, in apparenza scomparso, ha dovuto essere ricoverato d'urgenza: nessuno ha saputo che lasciava una figlia senza supporto. Lanciato l'sos al Telefono, la ragazza ha potuto ritrovare affetti e serenità: una vicenda a lieto fine. Una boccata d'ossigeno in una quotidianità che per i volontari dell'Associazione si scontra con vite difficili e giovani che ricorrono ad alcol e droghe. «Il dolore - chiosano Tina Mantovani e il coordinatore Paolo Frangi - si anestetizza anche così, purtroppo».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved