telefono-sos-infanzia-fra-abusi-e-disagio-nell-anno-del-covid
Da 32 anni in linea (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Analisi della violenza giovanile, tra malessere ed emulazione

Diversi episodi nel Locarnese. Le chiavi di lettura in un’intervista con Loredana Guscetti, operatrice sociale che lavora sul territorio
Luganese
2 ore

‘La città si spopola? Riduciamo i costi degli asili nido’

Interpellanza al Municipio di Lugano della liberale Viscardi propone un contributo erogato dalla Città
Ticino
2 ore

Case anziani, come sta uscendo il settore da 2 anni di pandemia

Dalla gestione del virus, allo stato d’animo di ospiti e personale, fino alle sfide future. Una panoramica con Eliano Catelli, presidente Adicasi
Luganese
11 ore

Lidi, riaprono Carona, San Domenico e Riva Caccia

Le strutture balneari all’aperto pronte per la nuova stagione a Lugano
Luganese
12 ore

Le Pleiadi, assemblea in vetta al Monte Lema

Dopo i lavori possibilità di assistere a una visita guidata dell’osservatorio
Luganese
12 ore

‘Benvenuti in Paradiso’, il Comune accoglie i suoi residenti

I nuovi arrivi salutati alla manifestazione ‘Incontriamoci’ indetta dal Municipio
Luganese
13 ore

Banca Notenstein, in aula buco da 15 milioni

Tre rinvii a giudizio per truffa e malversazioni compiute da un ex alto funzionario dell’istituto di credito. In aula pure due persone del ramo dei cambi
Luganese
13 ore

Al Palacongressi i primi 90 anni dei Canterini di Lugano

Concerto e ospiti per il prestigioso traguardo del complesso musicale
Locarnese
14 ore

È morto uno dei promotori della chiesa di Mogno

L’architetto Giovan Luigi Dazio è stato un maestro nella riattazione di rustici in pietra
Mendrisiotto
14 ore

Riva San Vitale, festa e torneo al campo di calcio

L’appuntamento è per il fine settimana dell’8-11 giugno. Oltre alle partite in programma festa e musica per la popolazione
Ticino
15 ore

Atte, nuovo Comitato e bilanci prudenti

L’assemblea dell’Associazione ticinese terza età ha saputo affrontare il colpo della pandemia sulle attività. Preoccupa il calo di iscritti
Mendrisiotto
15 ore

Una Giornata ai mulini della regione

Porte aperte sabato agli impianti storici di Bruzella in Valle di Muggio, del Ghitello a Morbio e de La Tana a Rancate
Mendrisiotto
15 ore

A Mendrisio si alza il sipario su Progetto amore

Tanti artisti sul palco del Mercato coperto per una ‘tre giorni’ – tra giovedì e domenica – solidale con l’Ucraina
Locarnese
15 ore

Giornata dei Mulini a Fusio, Corippo e Frasco

Macine in azione e farine nostrane in vendita
12.12.2020 - 05:50

Telefono Sos Infanzia fra abusi e disagio nell’anno del Covid

Sempre più sollecitato il centralino di Chiasso dell'Associazione. Preoccupa l’aumento dei casi: ‘Noi siamo lì per loro’

Maltrattamenti, abusi e storie di disagio e dipendenze non sono spariti nel nulla. Anzi. L'essere confinati a casa dal Covid-19 li ha solo tolti dalla vista, non cancellati dalla realtà cantonticinese. Così gli squilli del Telefono Sos Infanzia, al centralino storico di Chiasso, in questi mesi si sono fatti più dolenti e frequenti; e non hanno mai smesso. La linea è quanto mai sollecitata, allo 091 682 33 33, da ogni angolo del Ticino. I volontari forti della loro formazione, e in aggiornamento continuo, sono sempre pronti a rispondere, dalle 8 alle 20. Che i casi fossero in deciso aumento, del resto, lo si era capito già nel corso dell'estate, in occasione dell'assemblea. La conferma adesso la si attende dai numeri a gennaio. Si può dire comunque che all'Associazione coordinata da Paolo Frangi non si è andati certo in 'lockdown'. Si continua a metterci il cuore come il primo giorno, ormai 32 anni orsono.

'Ogni chiamata è unica'

In questi anni, infatti, il rapporto di fiducia tra chi chiama e chi risponde si è consolidato. «Quando un minore o un adulto ci telefonano per fare una segnalazione sanno di trovare ascolto, una voce amica - spiega a 'laRegione' Tina Mantovani, volontaria della prima ora e oggi più che mai in prima linea -. D'altro canto, ciò che raccontano il più delle volte è stato vissuto in prima persona. Ogni chiamata è unica e come tale va trattata, senza avere dei pregiudizi». Convincere queste persone, soprattutto i ragazzi, ad aprirsi non è facile, però. «Capita che all'inizio dicano che quanto accaduto riguarda una famiglia che conoscono. Poi si innescano l'empatia e delle dinamiche di fiducia (che non vogliamo svelare) e allora diventano veri - ci conferma Tina Mantovani -. A quel punto raccontano i fatti, gravi e circostanziati. Ci confidano dettagli che omettono di dire alle autorità, per vergogna. Per loro è più facile parlare con noi al telefono».

'Serve l'intesa con i servizi'

E qui entrate in gioco. «Il nostro ruolo, e la nostra responsabilità, è quello di avvicinare chi segnala ai servizi. Ogni informazione è preziosa per assicurare una presa a carico adeguata. Da questo punto di vista possiamo dire di avere un'ottima collaborazione con le autorità locali, di Polizia, con le Arp, le Autorità regionali di protezione, e la Magistratura dei minorenni. Una intesa - ci fa notare - che ha permesso di rivalutare la figura del segretario comunale, in particolare nei paesi. Il nostro obiettivo primario, d'altro canto, è tutelare il minore e chi ci telefona». Ricostruire il mosaico delle sofferenze, però, non appare semplice e alcuni casi di cronaca hanno mostrato anche delle lacune. «Il turnista che per primo entra in contatto con chi segnala si rende conto, a volte, che le istituzioni non sono in possesso di tutte le informazioni e gli strumenti utili a calibrare l'intervento - fa capire Tina Mantovani -. Ecco perché noi invogliamo le persone ad affidarsi alle autorità». In ogni caso, una regola che vale per tutti, ribadisce, è quella di prendersi il tempo per fare il bene di un bambino.

Effetto pandemia

A preoccupare, oggi, come ieri, è la gravità dei casi. «Gravità che si fa urgente - rivela Tina Mantovani -, quando uno stesso caso viene segnalato da più persone». E quando una famiglia si sente gli occhi addosso non è raro che cambi domicilio, costringendo gli operatori a inseguire caso e problema. Di storie da raccontare ce ne sarebbero tante, a dimostrazione che abusi e disagio sono sulla porta di casa nostra. E la percezione è che questo anno segnato dalla pandemia non abbia fatto altro che acuire situazioni già problematiche. «Per averne la conferma attendiamo di visionare i dati definitivi di questo 2020». Per ora il dato di riferimento è quello registrato dalla Gendarmeria della Polizia cantonale nel 2019, che alla voce 'violenza domestica' parla di oltre un migliaio di interventi. «Ciò che è certo è che questa condizione nuoce al minore - non nasconde Tina -. Di conseguenza il disagio aumenta e rischia di esplodere».

Storie dal 'lockdown'

Una storia in particolare è rimasta impressa in questi mesi nella mente dei volontari di Telefono Sos Infanzia, che in questo caso, come in altri, ha potuto appoggiarsi all'Associazione La Sorgente di Lidia Canonica. Associazione che spesso si fa carico di seguire alcuni minorenni in difficoltà. In pieno confinamento ci si è ritrovati, infatti, a dare una mano a una giovinetta rimasta sola a casa. Il padre, in apparenza scomparso, ha dovuto essere ricoverato d'urgenza: nessuno ha saputo che lasciava una figlia senza supporto. Lanciato l'sos al Telefono, la ragazza ha potuto ritrovare affetti e serenità: una vicenda a lieto fine. Una boccata d'ossigeno in una quotidianità che per i volontari dell'Associazione si scontra con vite difficili e giovani che ricorrono ad alcol e droghe. «Il dolore - chiosano Tina Mantovani e il coordinatore Paolo Frangi - si anestetizza anche così, purtroppo».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
abusi sos infanzia tina mantovani
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved