ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica

Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
2 ore

La comunità cripto trova casa in centro città

L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
2 ore

Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe

Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
11 ore

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Mendrisiotto
11 ore

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
12 ore

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
12 ore

Lugano, arte postale in campo a favore della diversità

L’associazione socioculturale Kosmos promuove una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione di razzismo e discriminazione
Luganese
13 ore

Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma

Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Grigioni
13 ore

Raveglia nuovo presidente della Conferenza dei sindaci moesani

Approvato il Piano direttore regionale concernente il Parco naturale Val Calanca
Bellinzonese
13 ore

Ad Airolo-Pesciüm ciaspolare degustando

Domenica 26 febbraio la seconda edizione della Gastroracchettata: iscrizioni aperte
Bellinzonese
13 ore

Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?

I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Luganese
13 ore

L’incendio boschivo sul Monte Brè è stato domato

Buone notizie, ma i Pompieri rimarranno tutta la notte a monitorare la situazione e continuare a gettare acqua
Ticino
14 ore

Radar: questa settimana sono in un comune su due

L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
14 ore

Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini

L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
Luganese
14 ore

Confermato lo spostamento del circo Knie ad Agno

Lo spiega il Municipio di Lugano sollecitato da un’interrogazione. Una soluzione valida per il 2023 e che potrebbe continuare fino a fine 2030
Luganese
15 ore

Una tariffa unica per i trasporti pubblici a Lugano

È quanto chiede una mozione interpartitica presentata al Municipio, invitato ad avere coraggio
Luganese
16 ore

Non cambia la viabilità lungo le vie di Cassarate

Il Municipio di Lugano boccia la proposta formulata dalla consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) per migliorare traffico e sicurezza
Locarnese
16 ore

Acqua potabile per tutti: Locarno, Losone e Muralto solidali

Raccolti e devoluti a favore delle popolazioni dell’Africa occidentale oltre 28mila franchi. Serviranno alla realizzazione d’infrastrutture idriche
Luganese
16 ore

‘Il sistema di designazione dei pretori di Lugano è adeguato’

Il Consiglio di Stato esprime parere negativo su una delle due proposte formulate in un’iniziativa elaborata presentata nel 2019
14.12.2020 - 06:00
Aggiornamento: 10:32

L'orgoglio di diventare una Guardia Svizzera

Alessandro Coroneo, 20enne di Ligornetto, lo ha deciso quando aveva 5 anni. Il prossimo 3 gennaio inizierà la sua avventura a Roma

l-orgoglio-di-diventare-una-guardia-svizzera
Alessandro Coroneo impegnato nel giro di consegna (Ti-Press/Pablo Gianinazzi)
+1

Il sogno nel cassetto che diventa realtà. Non senza un pizzico di «orgoglio, perché avevo questo sogno ma non credevo di arrivarci». Si potrebbe riassumere così la storia di Alessandro Coroneo, 20enne di Ligornetto, che il prossimo 3 gennaio partirà alla volta del Vaticano per diventare Guardia Svizzera. Alessandro è quindi pronto a lasciare le sue due attuali divise – da addetto al recapito della Posta e da pompiere del Centro Soccorso Cantonale Pompieri Mendrisiotto, seguendo le orme del papà e del fratello – per vestire quella che sogna sin dall'infanzia. «Avevo 5 anni e stavo giocando con i Lego sotto la televisione – ricorda Alessandro Coroneo –. Era il periodo che ha preceduto la morte di papa Wojtyla e, alzando lo sguardo verso lo schermo, ho visto questi uomini colorati, vestiti da cavalieri e mi sono innamorato. I miei genitori mi hanno spiegato che erano le Guardie Svizzere e mi sono detto che lo volevo fare anche io».

Tra documenti e colloqui

Alessandro ha aspettato la fine del servizio militare, lo scorso mese di maggio, per avviare la trafila – «anche se non avevo la certezza di essere selezionato» – che tra poche settimane lo porterà a Roma. «Sono andato sul sito della Guardia Svizzera per capire quali fossero i documenti necessari per candidarmi – racconta –. I requisiti necessari non sono pochi: oltre ai dati personali, documenti scolastici e libretti di famiglia, servono anche una visita medica e una lettera del parroco (che a sua volta l'ha domandata al Vescovo)». Un paio di mesi dopo aver inviato la documentazione, «sono stato convocato a Glarona per un colloquio con il reclutatore e per sostenere degli esami a livello matematico e logico e per rispondere a domande personali». Il secondo colloquio si è invece tenuto a Zurigo con il comandante della Guardia Svizzera, il colonnello Christoph Graf, e con il cappellano Thomas Widmer. «Una settimana dopo, era il 25 settembre, ho ricevuto una lettera da Città del Vaticano che confermava la mia ammissione al Corpo». Parlando di quel giorno, Alessandro ricorda che «è stata una giornata durissima caratterizzata dal maltempo: dopo il giro di consegna come postino, sono stato impegnato anche con diversi interventi con i pompieri. Appena iniziavo a leggere, suonava un allarme... Quando finalmente ci sono riuscito, è stata una grande gioia».

Il giuramento il 6 maggio

Alessandro è stato a Roma quando aveva 12 anni. «Durante la visita a Città del Vaticano ho visto dal vivo alcune Guardie davanti ai portoni di bronzo». Il percorso per diventare una di loro inizierà, come detto, il 3 gennaio. «Il primo mese sarà a Roma, dove sosterremo altri test fisici e altri esami e inizieremo la formazione sui saluti e sul comportamento di una Guardia. In febbraio saremo invece a Isone, dove saremo formati dalla Polizia cantonale: oggi la Guardia svizzera è un poliziotto a tutti gli effetti». La scuola reclute proseguirà in seguito a Roma fino al giuramento del 6 maggio. Come si legge sul sito della Guardia svizzera, il 6 maggio 1527 la Città Eterna venne attaccata dai lanzichenecchi dell'imperatore Carlo V, un avvenimento storico oggi conosciuto come il ‘Sacco di Roma’. Durante questo saccheggio gli svizzeri tentarono, invano, di resistere all'assalto. Solo 42 delle 189 Guardie Svizzere Pontifice sopravvissero al massacro. Esse riuscirono, all’ultimo momento, a portare Papa Clemente VII al sicuro a Castel Sant’Angelo, passando attraverso un passaggio segreto, il cosiddetto ‘Passetto’. In ricordo di questo avvenimento storico, il giuramento annuale delle nuove reclute si svolge il 6 maggio (quest'anno, causa Covid, si è tenuto in ottobre).

‘Mi mancheranno i personaggi di paese’

Cosa mancherà di più ad Alessandro Coroneo del Ticino? Partendo dalla famiglia, «mi mancherà soprattutto il nonno: so che è contento per me, ma anche che gli dispiace che parto». Passando alla sua professione di postino, il 20enne di Ligornetto afferma che «mi mancherà il contatto con i personaggi di paese. Una categoria a sé con la quale ogni giorno mi fermo a chiacchierare». Alessandro tiene a precisare che «naturalmente mi dispiace allontanarmi anche dai pompieri, ma tornerò». Uno degli ultimi interventi che lo ha visto impegnato sul campo è stato il terribile incendio al Mulino di Maroggia. «Mi è dispiaciuto perché era un edificio storico della nostra regione e perché la polenta era fantastica. Sono rimasto una settimana sul posto: nella mia carriera non ho fatto tantissimi interventi, arrivare su un incendio del genere lascia davvero qualcosa». Così come rimarrà nella memoria di Alessandro un'esperienza vissuta durante il servizio militare, nelle settimane della prima ondata della pandemia. «Visto il periodo molto duro che i miei colleghi postini hanno dovuto sopportare, La Posta ha chiesto all'Esercito un permesso per farmi tornare a consegnare la posta». Ottenuto il permesso, il 20enne è tornato in servizio. «Ho dovuto lavorare vestito da militare e alcune persone si sono preoccupate, chiedendosi come mai l'esercito stesse consegnano la posta, e si sono chieste se la Posta avesse cambiato divisa». Vista la particolarità della situazione, «l'esercito mi ha chiesto delle foto, ora esposte al Museo della Posta alla Galleria Baumgartner di Mendrisio». 

Le coincidenze... numeriche

La strada di Alessandro Coroneo verso Roma sembra essere stata scritta sin da subito. «C'è chi ci crede e chi no, ma le coincidenze sono troppe», ammette con un sorriso la futura Guardia. «Sono nato a Mendrisio, città a cui sono molto legato, il 21 aprile, la stessa data della fondazione di Roma (oltre che della nascita della Regina Elisabetta), alle 15 di Venerdì Santo». Ma non è tutto. «La lettera che mi ha confermato di essere stato arruolato è arrivata il 25 settembre, giorno di San Nicolao della Flüe, uno dei patroni della Guardia Svizzera Pontificia e anniversario della scomparsa di nonna Marilena, alla quale ero, e sono, molto legato». La passione di Alessandro Coroneo per quella che diventerà la sua professione è emersa anche durante la scuola professionale («ho fatto parte di una ricerca su questo tema e l'altra parte sui pompieri di Mendrisio») e sta continuando con la lettura di libri sulle Guardie. E chissà che nel corso della sua carriera – l'esperienza a Roma durerà almeno due anni e due mesi al termine dei quali «si puo continuare fino a che non si vuole rientrare in Svizzera» – i numeri e le date non gli riservino ulteriori coincidenze.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved