laRegione
all-obv-e-aperta-la-caccia-all-origine-del-contagio
A metà novembre i casi erano isolati (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 min

‘Ndrangheta, al maxi processo di Lamezia c’è pure Pulice

Killer giovanissimo, il collaboratore di giustizia ha trascorsi anche in Ticino dove avrebbe riciclato denaro per conto del clan Mancuso
Luganese
18 min

Ponte Marca a Gola di lago, si ristruttura

Il Consorzio prevede lavori di manutenzione e un ristoro
Luganese
31 min

Edilizia privata a Lugano, serve più personale

Ghisletta chiede alla Città di incrementare il personale, altrimenti si rischiano problemi di varia natura, come la disparità di trattamento
Grigioni
34 min

Mesocco, 2020 positivo per la centralina Nan Ros

L'anno scorso l'impianto ha prodotto 1,4 milioni di kWh. Si tratta del 2,9% in più rispetto alla media decennale
Ticino
36 min

I Verdi: ‘Test rapidi a tappeto nelle scuole’

Con un'interpellanza di Marco Noi gli ecologisti chiedono anche di inserire i docenti nella categoria prioritaria per il vaccino
Ticino
51 min

Circolazione, Camorino aperta solo su appuntamento

La misura è legata all'emergenza coronavirus. Esami di guida e collaudi si svolgeranno regolarmente
Bellinzonese
55 min

Covid-19, servizi comunali a domicilio

Arbedo-Castione, consegna della spesa, di farmaci urgenti e ritiro della spazzatura per persone in quarantena, in isolamento o vulnerabili
Mendrisiotto
1 ora

Delitto di via Valdani a Chiasso, in aula dal 15 marzo

Davanti alla Corte delle Assise criminali presieduta dal giudice Marco Villa compariranno padre e figlio per rispondere del delitto di Angelo Falconi
Luganese
1 ora

Alto Malcantone, petizione contro la chiusura della Posta

Preoccupa la decisione de La Posta che quando pose fine all'attività di Breno, promise il mantenimento del servizio ad Arosio-Mugena
Luganese
1 ora

Campione d'Italia, 51enne arrestato e incarcerato

I carabinieri lo hanno rintracciato nella sua casa. L'uomo deve scontare 5 anni e otto mesi per furto, possesso di armi, minaccia, calunnia e diffamazione
Locarnese
2 ore

Locarno, strumenti gratuiti con l'Atm

Aperte le iscrizioni per il secondo semestre dei corsi di musica
Locarnese
2 ore

Brione sopra Minusio, il Plr scalda i motori

Assemblea virtuale per l'approvazione delle liste in vista delle elezioni del prossimo 18 aprile
Mendrisiotto
2 ore

Biblioteca di Breggia chiusa fino al 28 febbraio

Sarà comunque possibile consegnare i libri e avere nuovi prestiti previo appuntamento telefonico
Mendrisiotto
2 ore

Monte verso un territorio per la 'quarta generazione'

Un milione di franchi per finanziare un progetto atto a migliorare la qualità di vita degli anziani: non 'muri', ma lo spazio del paese nel quale vivono
Mendrisiotto
2 ore

Novazzano perde un residente e vincono le donne

Leggero saldo negativo per la statistica 2020 della popolazione che si attesa a 2'337 (1'906 gli svizzeri). Meglio rappresentati i 50enni.
Mendrisiotto
2 ore

Popolazione in calo a Morbio Inferiore

Il Comune ha chiuso il 2020 con 52 abitanti in meno. I decessi hanno superato le nascite
Luganese
2 ore

Campione d'Italia incluso nella campagna di vaccinazione

Una quarantina di residenti nell'enclave si sono già prenotati. La crisi del governo italiano preoccupa il sindaco Roberto Canesi.
Bellinzonese
3 ore

Tre volti nuovi nella lista Plr per il Municipio di Bellinzona

Fra gli uscenti resta solo Gianini, in corsa con Käppeli, Bison, Zaharulko, Stroppini, Gada e Pini
Gallery
Mendrisiotto
3 ore

In 350 alunni gireranno il mondo in Pedibus

Il progetto pilota della Supsi coinvolge bambini delle scuole di Balerna e Novazzano. Obiettivo: spingere l'acceleratore sulla mobilità sostenibile
Mendrisiotto
29.11.2020 - 20:200
Aggiornamento : 22:52

All'Obv è aperta la 'caccia' all'origine del contagio

Aumentati i casi di Covid fra pazienti e personale, la chiusura ai famigliari è una misura obbligata. Intanto, le strutture ospedaliere sentono la pressione

Solo fino a un paio di settimane fa si trattava di due casi isolati, lì in Medicina2. Ora all’Ospedale regionale di Mendrisio si parla di focolai: i test positivi al Covid-19 si sono moltiplicati, il virus ha contagiato pazienti e collaboratori e si è diffuso in “diversi reparti”. Un quadro che ha convinto l’Ente ospedaliero cantonale (Eoc) a chiudere da subito - “e fino a nuovo avviso” - la struttura alle visite dei famigliari (e a distanziare i letti). Una misura che era stata esclusa a metà novembre e, più di recente, anche dal prontuario dei provvedimenti anti-coronavirus introdotto in tutta la rete sanitaria pubblica per fare muro all’invadenza del Sars-Cov-2. Ma, si sa, a mali estremi, estremi rimedi. E adesso è 'caccia' alla fonte del contagio.

'La prima domanda? Capire qual è l'origine'

Il Covid-19 sembra essersi diffuso come il fuoco fra le sterpaglie al Beata Vergine. “In effetti, oggi abbiamo più di due casi - conferma a ‘laRegione’ il dottor Paolo Ferrari, capo dell'Area medica dell'Ente -. In questo momento il problema è capire da dove provengono. Ovvero se il virus è arrivato dall’esterno o è da far risalire a un contagio all’interno dell’ospedale, che sia da pazienti o collaboratori. Infatti, vi sono casi tanto fra i degenti che fra il personale curante, il quale ai primi sintomi viene testato e isolato”.

Non si fanno cifre, si fa riferimento a “diversi” casi e reparti. Di che numeri si tratta? Il virus ha colpito più pazienti o dipendenti? “Tutto è ancora in fase di accertamento. Sino a quando non saranno terminate le verifiche è molto difficile dare dei numeri - ci illustra il capo Area medica -. All’impronta, direi che a essere interessati sono più i collaboratori. Per i reparti, il dato induce a dire che non è una contaminazione interna e a pensare che con tutta probabilità sia un fattore esogeno”.

In primavera l'Obv non aveva avuto contagi fra i degenti

Sta di fatto che lo scenario appare serio. “Certo, l’attuale situazione cambia completamente quella che è stata l’esperienza della primavera scorsa - ondata, la prima, dalla quale, come precisa Ferrari, l’Obv è uscito praticamente indenne, quasi senza contagi, primo della classe anche per assenza di infezioni nosocomiali, ndr -. Oggi, però, il virus è molto più diffuso come ci dicono i numeri dei contagi giornalieri: fra la popolazione il tasso è molto più alto rispetto a marzo-aprile. Quindi è inevitabile che anche negli ospedali si riscontrino dei casi. La prima domanda - ribadisce Ferrari - ora è sapere se quei due casi iniziali siano stati la causa degli altri contagi. Per il momento sembra di no, secondo gli accertamenti fatti sin qui. Va detto che quello dei pazienti che entrano in ospedale per motivi non legati al Covid e che non hanno sintomi rappresenta un problema”.

Adesso, però, l’Eoc ha introdotto i tamponi. “Da settimana scorsa testiamo tutti i pazienti che vengono ricoverati, tanto in urgenza che per interventi già programmati - annota il capo Area medica -. Ci sono comunque altri vettori. I visitatori all’ingresso firmano una autocertificazione nella quale dichiarano di non avere sintomi. Ma non dimentichiamo che il 50 per cento di coloro che vengono testati positivi risultano essere asintomatici. Purtroppo questi ultimi non si possono escludere”.

Misure e tempistiche

Quanto accaduto all’Obv vi ha convinto della necessità di sospendere le visite. “Vietare tutte le visite è una misura estrema. In questa fase a Mendrisio l’abbiamo dovuta prendere per evitare che vi siano dei contagi provenienti dall'esterno a tutela di pazienti e collaboratori e per poter effettuare l’indagine ambientale utile a risalire alla catena del contagio”. E ricostruire contatti e contagi, come ci fa capire Ferrari, sarà un lavoro assai complesso. Dovranno essere raggiunti persino i pazienti già dimessi per poter avere un quadro completo della situazione.

Ci si è chiesti se non fosse il caso di chiudere prima ai visitatori? “Le nostre riflessioni le abbiamo fatte. Abbiamo già introdotto misure stringenti per le partorienti in quarantena, ad esempio. Sinceramente - ammette il dottor Ferrari -, è probabile che se testassimo a tappeto tutti i reparti, giocoforza di contagi ne troveremmo ancora altrove. Magari, è una mia riflessione, dovremo vedere se tornare alla prassi di aprile. Domani (lunedì), in occasione di una delle riunioni regolari della cellula di crisi dell’Eoc, ne discuteremo e faremo una valutazione in merito. Occorrono però dei dati oggettivi, come nel caso dell’Obv”. Nel caso del San Giovanni - con 16 contagi fra pazienti e dipendenti - non lo si è ritenuto necessario, come mai? “Nella sfortuna, si è avuta la fortuna che i casi fossero circoscritti a un solo reparto”.

Sanità sotto pressione

Tornando al Beata Vergine, questa situazione mette in difficoltà la consueta attività ospedaliera? “Sicuramente. Il rischio che un collaboratore si contagi, al di là della fonte, aumenta - sottolinea Ferrari -. E questo ha un effetto sul numero di persone che dobbiamo mettere in isolamento o in quarantena”. Potrebbero essere ridimensionati dei settori, come chirurgia? “Lo abbiamo già fatto: Abbiamo chiuso delle sale operatorie per mettere a disposizione il personale per l’ospedale Covid - a Locarno, ndr -: le cure intense richiedono risorse. Quindi, si cerca di sopperire al personale mancante, ridistribuendo le risorse. Certo questo porta una pressione sulla presa a carico dei pazienti non-Covid e che necessitano di cure. Del resto, dobbiamo poter garantire quegli interventi chirurgici che non possono essere procrastinati. Di conseguenza, dosiamo le forze a disposizione per riuscire a gestire le diverse casistiche. L’impegno è grande. Tant'è che, di giorno in giorno, occorre rivedere l'attribuzione del personale. Per il momento ci riusciamo ancora. Certo se durerà a lungo, rischia di essere molto logorante, soprattutto per il personale”.

'Non abbassate la guardia'

Restate sul chi va là, dunque. “Il numero di contagi stanno diminuendo e questo potrebbe veicolare anche un falso messaggio. E indurre ad abbassare la guardia nel periodo pre natalizio. Questo mi preoccupa: se ciò accade sarebbe un disastro. C’è il rischio di non permettere alle strutture ospedaliere di far fronte al carico di pazienti”. E il prezzo da pagare sarebbe alto.

© Regiopress, All rights reserved