lavori-al-palapenz-comuni-vicini-disposti-a-collaborare
La ristrutturazione totale costerà 5,5 milioni di franchi (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
10 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
11 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
15 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
17 ore

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
19 ore

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
19 ore

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
1 gior

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
1 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
1 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
1 gior

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
2 gior

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
07.11.2020 - 14:30

Lavori al Palapenz, Comuni vicini disposti a collaborare

Il Municipio di Chiasso ha chiesto un contributo di 200mila franchi a Balerna, Morbio Inferiore, Novazzano e Vacallo. I pareri dei sindaci

Il Basso Mendrisiotto si muove in soccorso del Palapenz e della sua ristrutturazione. Non sembra infatti caduta nel vuoto la richiesta indirizzata dal Municipio di Chiasso a Balerna, Novazzano, Morbio Inferiore e Vacallo – cioè i comuni che utilizzano in modo attivo la struttura – chiamati a contribuire con 200mila franchi ciascuno alla ristrutturazione del Palapenz. Il messaggio con la richiesta di credito totale di 5,5 milioni chiesto dal Municipio della cittadina di confine non ha mai fatto l'unanimità ed è tuttora fermo sui banchi della Commissione della Gestione. Proprio su sollecitazione dei commissari, convinti della valenza regionale della struttura, l'esecutivo guidato da Bruno Arrigoni ha chiesto l'aiuto dei comuni limitrofi. L'ultima parola sui crediti spetterà ai rispettivi Consigli comunali. «Il Municipio ci ha informato che ci sono buone possibilità di ottenere questi contributi. La Commissione della Gestione non può che vedere in modo positivo la volontà di collaborare degli altri comuni – spiega il presidente Luca Bacciarini (Plr) –. È un segno di apertura e correttezza nei confronti dei contribuenti di Chiasso, chiamati a pagare una struttura di interesse regionale». Per la stesura del rapporto commissionale, Bacciarini attende le risposte dei Comuni limitrofi. «Se queste risposte saranno positive – aggiunge – penso che il rapporto potrà essere favorevole. Se ci saranno Comuni che dimostreranno chiusura, chiederemo al Municipio di rivedere le convenzioni di utilizzo». Nelle prossime settimane la Commissione si chinerà sul rapporto. «La speranza è di averlo entro la prossima seduta di Consiglio comunale – prevista verosimilmente alla metà di dicembre, ndr – anche se non sarà evidente», conclude Luca Bacciarini. 

I pareri dei Comuni

Abbiamo chiesto un parere sul contributo di 200mila franchi ai sindaci dei Comuni sollecitati. «In linea di massima il Municipio di Balerna è favorevole – risponde il sindaco Luca Pagani –. Chiederemo che la somma sia il tetto massimo di spesa, che i nostri cittadini possano essere favoriti nella messa a disposizione e nelle condizioni d'utilizzo degli spazi e di avere tempistiche e modalità operative coordinate per il messaggio da sottoporre al Consiglio comunale». Pagani riconosce che «il Palapenz è una struttura a valenza regionale che se serve è a disposizione: magari non viene utilizzato direttamente dalle società di Balerna, ma ci sono comunque nostri cittadini che fanno parte delle altre associazioni». Novazzano ha già fatto avere il suo parere al Municipio di Chiasso. «Siamo favorevoli – commenta il sindaco Sergio Bernasconi –. Abbiamo suggerito di inserire il Palapenz nello studio degli impianti sportivi regionali e che i cittadini di Novazzano possano avere delle agevolazioni». Il Municipio di Morbio Inferiore, ci spiega il sindaco Claudia Canova, ha risposto a Chiasso che «siamo disponibili a prendere in considerazione una nostra possibile partecipazione ai costi di investimento. Per meglio quantificare un eventuale contributo e per giustificare la richiesta al Consiglio comunale, abbiamo bisogno che Chiasso ci fornisca dati relativi all'utilizzo di enti o persone di Morbio Inferiore che utilizzano l'infrastruttura». Vacallo, ci dice il sindaco Marco Rizza, si è detto «possibilista anche perché la sopravvivenza della Sav, che ci ha scritto evidenziando il problema della mancanza di spazi, passa anche attraverso, ma non solo, al poter contare su questa struttura». Il Municipio aspetta però una risposta da Chiasso in merito ad alcune precisazioni richieste durante i primi incontri tra i comuni. Tra questi, aggiunge il sindaco, ci sono «le differenze di trattamento per le società che usufruiranno del Palapenz appartenenti ai comuni co-finanziatori e quelle di altri comuni; i tariffari futuri sull'utilizzo e le tempistiche».

Una struttura di 37 anni

I segni dei tempi all'interno del Palapenz sono evidenti da tempo. Il centro polivalente sportivo è stato edificato nei primi anni '80 e inaugurato nel 1983. Al suo interno, come si legge nel messaggio municipale, si trova un salone con pavimento uniforme in parquet (di circa 1700 mq), suddiviso in due superfici simmetriche, di cui una attrezzata con quattro viali per il gioco delle bocce. Nei suoi primi 37 anni di vita, la struttura ha riscosso vivo apprezzamento da parte degli utilizzatori e, ancora oggi, risulta costantemente occupato da associazioni sportive di ogni tipo. Il progetto presentato dal Municipio di Chiasso prevede opere di consolidamento della struttura portante e interventi di rinnovamento e ammodernamento che accrescono il valore intrinseco della struttura e parallelamente ne migliorano le relative condizioni di utilizzazione. Il milione diviso tra Chiasso e i Comuni vicini, precisa il sindaco Bruno Arrigoni, «servirà per le strutture sportive come parquet, spogliatoi e altre infrastrutture da sostituire, ovvero quanto usato dagli utenti – spiega –. Il Municipio ha preso atto delle prime indicazioni: un ottimo segnale politico da parte dei Comuni vicini». Una delle richieste principali è sapere se, una volta stanziato il contributo, le società dei rispettivi comuni che utilizzano il Palapenz avranno le medesime condizioni di quelle di Chiasso. «Sarà così – risponde Arrigoni –. Al termine dei lavori rivedremo l'ordinanza».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved