laRegione
vacallo-le-piante-cadute-hanno-rotto-una-canalizzazione
Dopo le raffiche di vento di inizio mese (Municipio Vacallo)
Mendrisiotto
23.10.2020 - 17:010

Vacallo, le piante cadute hanno rotto una canalizzazione

I danni sono stati provocati dal vento di inizio mese. I lavori di risanamento sono già in corso

Il forte vento di inizio mese ha lasciato il segno a Vacallo. Le violenti raffiche che hanno colpito la regione nella notte tra venerdì 2 e sabato 3 ottobre hanno abbattuto alcune piante di grandi dimensioni ubicate vicino e nell'alveo del riale Codriga, a valle del nucleo di Roggiana, causando la rottura della canalizzazione comune acque miste che scende sulla via John Noseda per allacciarsi a valle, in zona Cassina, nel collettore consortile. Per il risanamento della canalizzazione, il Municipio ha presentato una richiesta di credito di 68mila franchi con la clausola dell'urgenza. “Considerata l'urgenza degli interventi”, il Municipio ha già deliberato i lavori. Il cantiere è già iniziato e durerà 2-3 settimane.

In una prima fase, l'Afor di Morbio Superiore ha spostato il materiale con l'elicottero. La priorità era infatti quella di “liberare l'alveo del riale, per scongiurare problemi al deflusso naturale delle acque nel caso di nuove forti precipitazioni, sia la sovrastante via Catconga completamente ostruita dalla parte superiore delle piante cadute da un lato e dall'altro poter verificare gli effettivi danni subiti dalla canalizzazione comunale”. In queste settimane, dopo un intervento provvisorio di sistemazione della condotta per impedire nuov fuoriuscite di acque inquinate, si procederà all'esecuzione di una canalizzazione provvisoria parallela all'esistente “per permettere lo scorrimento delle acque luride durante il rifacimento della canalizzazione danneggiata”, alla demolizione della vecchia tubazione danneggiata e “allontanamento del materiale eccedente alle discariche autorizzate”, alla preparazione del piano di posa della nuova canalizzazione e posa della nuova tubazione. 

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved