laRegione
Nuovo abbonamento
troppe-piante-invasive-e-pesci-rossi-nello-stagno-del-pa
Come nel 2018 (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
14 ore

Uno studio sui salari ticinesi, i più bassi in Svizzera

Un'analisi dell'Ustat aiuta a capire chi è più vulnerabile e come è cambiata la situazione nell'ultimo decennio
Gallery (9 foto)
Locarnese
16 ore

Losone a caccia delle opere 'perdute' di Otto Wyler

L'artista ebreo visse nella località locarnese dal 1940 al 1946. Il Comune è alla ricerca dei suoi lavori, conservati nelle case (o nelle soffitte)
Mendrisiotto
19 ore

I corsi d'acqua momò tornano a 'vivere'

Due milioni e mezzo per rinaturare il Müfeta a Morbio Inferiore. Nel Mendrisiotto è in atto un 'cambio di rotta'
Bellinzonese
20 ore

Morobbia Trail, nuovo percorso per gli appassionati del genere

Un gruppo di amici si è rimboccato le maniche pulendo un sentiero in disuso e organizzando una gara per professionisti e una popolare previste nel 2021
Bellinzonese
1 gior

I campeggi del Bellinzonese resistono al Covid

L’estate soleggiata ha permesso di registrare una buona affluenza. Da considerare perso il periodo primaverile del lockdown
Ticino
1 gior

Ex funzionario Dss, Dadò rilancia: ‘Audit esterno indipendente’

Dopo la bocciatura della proposta di commissione d'inchiesta il presidente del Ppd torna alla carica con una mozione. E sul dibattito è polemica col Plr
Ticino
1 gior

Mezzi pubblici sovraffollati, un problema per gli studenti

Il Sisa chiede 'di introdurre corse supplementari verso i principali centri formativi del cantone'
Bellinzonese
1 gior

'Mi gira la testa': serata sulle labirintiti

Si terrà alla Casa del popolo giovedì 1° ottobre con l'ATiDU
Ticino
1 gior

Radar, settimana prossima ce n'è per tutti

Ecco le località dove sono previsti i controlli di velocità da lunedì 28 settembre a domenica 4 ottobre.
Luganese
1 gior

Gentilino: se il pirata della strada è... un poliziotto

Un agente della Polizia cantonale, incappato in un radar in Collina d'Oro l'anno scorso durante il servizio, sarà giudicato alle Assise correzionali
Ticino
1 gior

I cinque pp chiedono gli atti e di essere sentiti

I magistrati sono però ancora in attesa di una risposta dal Consiglio della magistratura e dalla commissione parlamentare
Mendrisiotto
17.09.2020 - 07:470

Troppe piante invasive e pesci rossi nello stagno del Paü

A Coldrerio si interviene nel Parco comunale per eliminare canneti e ninfee in eccesso. Appello ai cittadini: 'Non immettete più quei pesciolini'

Per Coldrerio è un piccolo gioiello naturalistico. Il Parco del Paü, a due passi dal 'cuore' del paese, non solo è stato fortemente voluto, ma da ormai dieci anni rappresenta un motivo di orgoglio per Comune e popolazione. All'epoca a dare una mano era intervenuto puree il Fondo svizzero del paesaggio. Sarà per troppo affetto, sta di fatto, che gli abitanti hanno immesso nello stagno comunale quello che è a tutti gli effetti un 'intruso': il pesce rosso. Che si è moltiplicato (e più del previsto) modificando l'equilibrio delicato del biotopo. Tant'è che, come già successo un paio di anni fa, il Carassius auratus  dovrà essere catturato e portato in un habitat più idoneo al suo sguazzare quotidiano. Il problema, del resto, è meno banale di quanto si possa pensare.  In effetti il capo dicastero Ambiente Matteo Muschietti si è visto costretto a far sua una raccomandazione da rivolgere ai propri concittadini. «Tutti dobbiamo avere cura del Parco e del biotopo. Quindi - spiega a 'laRegione' - torno a lanciare un caldo appello a tutta la popolazione di Coldrerio. Quello di non immettere pesci rossi nello stagno».

Troppi canneti e ninfee: occorre intervenire

D'altro canto, poter vantare un prezioso «polmone verde sull'uscio di casa - ricorda ancora Muschietti - è una cosa grande». In questo caso il parco, situato in una zona d'interesse archeologico 'torbiera', è stato pensato come luogo di ritrovo e area di svago per la popolazione. Per altre realtà urbane è persino un lusso, che non si possono permettere. Chi, invece, ne può approfittare deve anche farsene carico. Ecco perché a Coldrerio ci si sta preparando a ripulire il Parco (e in particolare il biotopo). I lavori, ci conferma il capo dicastero, prenderanno il via in questi giorni. Interventi che si sommano alla consueta gestione annuale dell'area realizzata durante l'inverno. A certificare la necessità dell'operazione è d'altro canto un consulente, un biologo, interpellato dall'autorità locale e che a fine agosto ha effettuato un sopralluogo sul campo. Il verdetto? Oggi si impongono delle azioni straordinarie. Del resto, la vegetazione presente all'interno dello stagno ha preso piede più del dovuto.

A espandersi in modo particolare, rubando non poco spazio allo specchio d'acqua, sono stati i canneti, mentre i depositi organici sul fondale hanno creato l'habitat ideale per la proliferazione delle ninfee. Sia chiaro, come ribadito dal biologo, tutto questo è espressione di un fenomeno naturale: uno stagno, come si è spiegato nel rapporto di lavoro, con il tempo "tende a chiudersi e a evolvere verso una palude". Di conseguenza occorre intervenire. Ed è quello che si sta per fare, consapevoli, come annota il capo dicastero, che i lavori non comporteranno nessun disagio per la fauna e l'habitat del biotopo.

Il piano d'azione

Così in questi giorni gli addetti procederanno, sul lato destro, con lo sfalcio della Cannuccia di palude e la Lisca maggiore e altresì di alcune ninfee, con l'obiettivo di ridurre la colonizzazione di piante acquatiche. Agendo in questo periodo poi si riuscirà a indebolire queste presenze invasive. Per ottenere dei riscontri, in ogni caso, il consiglio dell'esperto è di ripetere questo tipo di gestione dell'oasi per alcuni anni, ben sapendo di operare in un ambiente sensibile. Ciò non deve impedire di intervenire anche in modo più incisivo laddove è indispensabile. È il caso della parte sinistra dello stagno, dove la situazione, si motiva, si mostra più problematica. In quell'area si è valutato, quindi, di utilizzare dei mezzi meccanici per estirpare i canneti su una superficie di circa 400 metri quadrati. Al contempo verranno dragati i sedimenti di materiali organici - da depositare in una discarica autorizzata - per contenere l'avanzata delle ninfee. Operazione che sarà compensata apportando ghiaia e ciotoli per aiutare a contenere il moltiplicarsi della vegetazione.

© Regiopress, All rights reserved