chiasso-andiamo-oltre-la-ristrutturazione-del-palapenz
L'infrastruttura è stata inaugurata nel 1983 (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

Tenero, nuovo annegamento nelle acque lacustri

Un 54enne confederato è scomparso dalla visuale attorno alle 17, mentre nuotava poco distante dalla riva. Il cadavere recuperato verso le 20
Locarnese
3 ore

Festa Madonna della Neve a Terra Vecchia

La località centovallina accoglie domenica la tradizionale ricorrenza religiosa
Locarnese
4 ore

Cavigliano, Plr in festa ‘al Lambic’

La locale sezione propone un incontro con i propri simpatizzanti domenica 28 agosto
Grigioni
4 ore

Condanna bis al comandante della polizia William Kloter

Pena ridotta ma confermata in Appello la grave infrazione alle norme della circolazione: l’ufficiale era stato pizzicato da un radar sull’A13 a Soazza
Mendrisiotto
5 ore

Cloro in falda a Vacallo, riaffiora il problema

Vuotare la vasca quadrata non è bastato. Il Municipio chiede a Chiasso di chiudere anzitempo la piscina comunale
Luganese
5 ore

Riconoscete il luogo: un altro quiz estivo sul Luganese

Dopo la sorprendente immagine di Mezzovico-Vira negli anni Cinquanta, ecco una seconda immagine per voi. Sapreste riconoscere questa zona?
Bellinzonese
5 ore

Scarsità di acqua, il Centro di Lumino critica l’ex Municipio

In tre interrogazioni i consiglieri comunali chiedono se vi sono perdite nelle condutture, sorgenti alternative e se l’approvvigionamento sarà garantito
Mendrisiotto
5 ore

Coldrerio, torna la Sagra da l’Asan

L’evento, organizzato dalla locale Associazione sportiva, si terrà il 25, 26 e 27 agosto al Capannone del campo sportivo
Ticino
5 ore

Atti sessuali con fanciulli, 77enne rinviato a giudizio

L’uomo avrebbe abusato di sette bambini sull’arco di 20 anni, recandosi apposta anche in Thailandia. È parzialmente reo confesso.
Bellinzonese
6 ore

Scelto il progetto per la riqualifica del comparto Aet di Bodio

L’Azienda elettrica ticinese vuole rendere la zona fruibile agli abitanti e offrire servizi moderni ai centri interaziendali. Investimento di 10 milioni
Luganese
6 ore

Potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio: ‘No’ comunista

Al grido di ‘No al degrado del territorio’, un’altra voce si leva contro il controverso progetto PoLuMe: quella del Partito comunista
Gallery e video
Luganese
6 ore

‘Trasloco’ di 40 metri per un edificio di 600 tonnellate

Spostamento necessario per la realizzazione del futuro sottopasso pedonale di Besso. Le operazioni sono durate tutta la mattinata
Luganese
6 ore

Funghi e fungiatt, a Rivera un corso

Si svolgerà a fine settembre alla Casa patriziale la formazione per esperti in micologia. Iscrizioni entro il 5 settembre.
Locarnese
6 ore

Allerta meteo sul Locarnese: forti temporali

Pericolo di grandine, piogge torrenziali e raffiche burrascose. Il fronte del maltempo procede a una velocità di 25 km/h
Mendrisiotto
6 ore

Mendrisio: pedalata popolare e sensibilizzazione sulle bici

La Polizia della Città dà il via all’azione ‘Pedalare +Sicuri’, cominciando dal 20 agosto, quando si svolgerà il ‘GP La Belvedere, gara MTB Eliminator’
Mendrisiotto
6 ore

A Breggia in 333 sono per il referendum sulle scuole

Il Comitato promotore consegna le firme in Cancelleria: ‘Obiettivo raggiunto’. Il nodo del problema, non i servizi didattici ma l’investimento
Locarnese
7 ore

A Brissago le opere dell’artista locarnese Vanna Alberti

Sabato 20 agosto alle 17 presso la Galleria Amici dell’Arte il vernissage con presentazione di Dario Bianchi. Esposti pitture, assemblaggi e sculture.
Bellinzonese
7 ore

Festa dell’alpe in Pian Nara

L’evento organizzato dai patriziati di Prugiasco e Castro si terrà sabato 20 agosto
laR
 
21.09.2020 - 05:50

Chiasso, ‘Andiamo oltre la ristrutturazione del Palapenz’

Il consigliere comunale Giorgio Fonio (Ppd) lascia una proposta alternativa che guarda alla creazione di una cittadella dello sport

È uno dei dossier aperti che sta impegnando le commissioni del Consiglio comunale di Chiasso. La ristrutturazione del Palapenz, e il rispettivo credito di 5,5 milioni, faticano a trovare il consenso. Gli esami effettuati sullo stabile non lasciano dubbi: se non verranno effettuati i lavori, a fine giugno 2021 Chiasso dovrà chiudere l'infrastruttura sportiva inaugurata nel 1983. Per provare a rispondere ai dubbi – che oltre al degrado e alle incognite finanziarie includono anche la riduzione dei parcheggi ipotizzata da Balerna nell'ambito della revisione del suo Piano regolatore –, il Municipio ha di recente incontrato le due commissioni, spiegando di aver elaborato un piano degli interventi diluiti su 5 anni. «I soldi vanno comunque spesi – spiega, da noi contattato, il capodicastero Sport e Pianificazione di Chiasso Davide Lurati –. Da parte nostra abbiamo ribadito che sarebbe meglio effettuare subito tutti i lavori necessari. Non ci resta che aspettare i rapporti». La speranza del Municipio è quella di avere il voto del Consiglio comunale prima di Natale.

‘Pensiamo a un centro sportivo’

Il messaggio è stato licenziato nel novembre scorso. Con Giorgio Fonio, già commissario della Gestione e attuale capogruppo Ppd in Consiglio comunale, proviamo ad analizzare le ragioni di questi tempi lunghi. «Chiasso sta vivendo una situazione particolare – commenta Fonio –. Le commissioni stanno sicuramente facendo le loro valutazioni per arrivare a rapporti il più possibile condivisi. Ma siamo anche in una fase dove l'ente pubblico deve essere proattivo nei suoi investimenti, proponendone anche di anticiclici per aiutare l'economia». A mente di Fonio, però, sarebbe opportuno effettuare un passo successivo. «Mi spingo oltre – spiega –. Abbiamo una struttura come il Palapenz, in passato sicuramente frequentata anche da chi oggi è critico, e non possiamo far finta di non vederla, in un territorio ricco di infrastrutture sportive. Chiediamoci se quanto propone il Municipio è sufficiente». Quale, quindi, la visione di Fonio? Il suo partito, lo ricordiamo, in passato ha chiesto di far diventare la piscina comunale un'attrazione turistica e, a livello cantonale, con un'interrogazione interpartitica, di edificare a Chiasso una palestra tripla (invece che doppia). «Perché non valutiamo la possibilità di creare un piccolo centro sportivo a livello regionale, se non addirittura di Sottoceneri, mettendo in rete lo stadio Riva IV, la pista del ghiaccio, il Palapenz e la palestra naturale del Sottopenz?»

Anche un ostello della gioventù

Nel disegno «forse grande, ma bisogna avere una certa visione» di Giorgio Fonio c'è spazio anche per un ostello della gioventù. «Una struttura che potrà ospitare i turisti sportivi nella nostra cittadina, con anche la possibilità di generare indotto economico nella regione, che ha tanto da offrire». Il bacino d'utenza «non mancherebbe» e l'intero distretto «rivendica infrastrutture sportive». A livello regionale è in corso la creazione di un ente sportivo – atteso entro la fine della legislatura allargata – che ha visto quali promotori i responsabili dei dicasteri Sport e tempo libero di Chiasso, Mendrisio e Coldrerio. Questa messa in rete, chiediamo a Giorgio Fonio, non andrebbe a creare un doppione? «Premetto che i capidicastero stanno facendo un lavoro grandissimo – sottolinea ancora il consigliere comunale del Ppd –. L'ipotesi chiassese andrebbe ad aggiungere un tassello a qualcosa che già si farà, rendendo il discorso ancora più regionale».

‘Cinque milioni solo per stare in piedi’

Con la proposta del Municipio, aggiunge ancora Fonio, «Chiasso dovrà investire 5,5 milioni solo per mantenere in piedi la struttura. Intervenendo sull'intonaco che cade, sulle pareti incrostate o sulle piastrelle, ci ritroveremo con la stessa struttura che abbiamo adesso». L'investimento, Giorgio Fonio non lo nega, è di quelli importanti. «Stiamo terminando una legislatura durante la quale il Municipio ha sostanzialmente amministrato: se Chiasso vuole continuare a giocare un ruolo nella regione, deve essere un leader ed essere progettuale. Questo è il momento di essere proattivi e lanciare delle idee, perché una potenziale aggregazione deve essere accompagnata da progettualità». L'invito al Municipio guidato da Bruno Arrigoni è quindi quello di «spingersi oltre, perché a Chiasso abbiamo già uno stabile chiuso (il Centro Ovale, ndr.) che non è un belvedere per nessuno». L'esempio, del resto, Chiasso lo ha in casa: la cittadella della cultura – «che in passato ho criticato» – «oggi ha un suo ruolo ben definito: perché, quindi, non pensare a una cittadella dello sport?».

Zona sportiva di interesse regionale

Abbiamo sottoposto l'idea di Giorgio Fonio al capodicastero Sport Davide Lurati. «Una delle 11 zone sportive di interesse regionale definite dal progetto distrettuale è proprio il comparto che comprende Palapenz, stadio del ghiaccio, stadio comunale e pista di atletica – ci spiega il municipale –. L'idea è quindi buona, e già identificata dal progetto». Con la citata creazione dell'ente gestore regionale, a breve verrà elaborata la bozza del messaggio municipale che verrà sottoposto ai consigli comunali della regione, «mancherà un ostello per il turismo sportivo. Quella del Palapenz sarebbe una bella zona, bisognerà valutare se ci sarà il posto». Uno studio in merito era già stato avviato negli anni scorsi dall'Ente regionale di sviluppo del Mendrisiotto.

Leggi anche:

Le magagne del Palapenz in immagini

Senza lavori il Palapenz di Chiasso chiuderà nel giugno 2021

Palapenz: dentro degrado, fuori un parcheggio che sarà ristretto

Chiasso (ri)mette mano al Palapenz. E spende 5 milioni e mezzo

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved