bagni-di-arzo-il-patriziato-contesta-il-municipio
'Così si fa concorrenza alle Cave' (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo

Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Locarnese
7 ore

Gordola, ‘Littering: quando si passerà dalle parole ai fatti?’

Con un’interrogazione al Municipio, il Plr chiede se quanto pianificato per combattere il fenomeno sia stato attuato, altrimenti quando
Ticino
7 ore

Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero

Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
8 ore

È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc

Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Ticino
8 ore

Il futuro energetico al centro dell’assemblea dei fiduciari

I lavori inizieranno domani alle 16 presso Villa Negroni di Vezia, sede dell’istituto di formazione professionale del settore
Locarnese
8 ore

Orselina, i maggiorenni festeggiati dal Municipio

Dopo due anni di attesa, l’esecutivo ha potuto tornare a omaggiare i 18enni del Comune con una visita alla Madonna del Sasso
Luganese
9 ore

Il tempo libero lungo la Tresa

Analizzato da uno studio della Supsi, presentazione a Ponte Tresa
Locarnese
9 ore

Verzasca e Piano, torna la rassegna gastronomica

Dallo scorso 20 maggio, è partita la manifestazione mangereccia dedicata a prodotti locali e piatti della tradizione. Coinvolti undici ristoranti.
Luganese
9 ore

Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno

Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Bellinzonese
9 ore

Malattie genetiche rare, ‘La cucina di Manu’ dona 30mila franchi

La pubblicazione del ricettario in memoria di Manuela Righetti ha permesso di raccogliere l’importante somma per l’Associazione malattie genetiche rare
Luganese
10 ore

Besso pulita! in assemblea

Si parlerà anche dei disagi provocati dai lavori alla stazione Ffs di Lugano
Locarnese
10 ore

Locarno, Ps: ‘Accuse spiacevoli, pretestuose e imbarazzanti’

Bocciatura mozione contro il tabagismo nei parchi giochi: il Ps locale risponde alle insinuazioni della presa di posizione dell’associazione non fumatori
Luganese
10 ore

Molestie all’Unitas, assemblea tesa

Allontanati i giornalisti, trapela malcontento; il Comitato attende l’esito dell’inchiesta
Locarnese
12 ore

San Nazzaro, annegamento al bagno pubblico

Si tratterebbe di un turista. Sul posto sono intervenuti i soccorritori e gli agenti della Polizia cantonale e della Polizia lacuale
Grigioni
1 gior

Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti

L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
1 gior

Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga

L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
15.09.2020 - 14:15
Aggiornamento : 23:36

Bagni di Arzo, il Patriziato contesta il Municipio

Depositata a Mendrisio una opposizione al progetto che prevede di creare un anfiteatro. 'Non è nello spirito di questo bene culturale'

Sulla via del recupero architettonico del Bagno spiaggia di Arzo di sicuro il Municipio di Mendrisio non avrebbe mai immaginato di ritrovarsi quale antagonista il Patriziato locale. Invece, è successo. Il progetto tradotto di recente in una domanda di costruzione (in pubblicazione fino a domani, mercoledì) proprio non è piaciuto, ai patrizi ma anche ad altri abitanti del Quartiere e della Montagna. Quanto basta per convincere l'Ufficio patriziale - all'unanimità - a firmare una opposizione depositata questa mattina, martedì, in Comune. Il presidente Aldo Allio non usa giri di parole: «Questa volta - conferma a 'laRegione' - non potevamo tacere. Anche a difesa di ciò che il Patriziato ha realizzato in questi anni». Il riferimento, per nulla casuale, è alla riqualifica delle vicine Cave di marmo, alle quali si è saputo trovare una nuova vocazione. Il punto, infatti, non è tanto il restauro - peraltro urgente  e previsto - dei Bagni, un bene culturale di interesse locale, bensì la destinazione che, in prima battuta, si è scelta per questo sito della memoria. L'autorità comunale ha deciso, infatti, di farne un anfiteatro, oltre che un luogo di aggregazione, per manifestazioni capaci di accogliere fino a 300 persone. Un indirizzo - costo 180mila franchi - che agli occhi del Patriziato e del suo presidente cozza, entrando in concorrenza, con l'altro anfiteatro creato tre anni orsono alle vecchie cave. Un'opera, ricorda Allio, riconosciuta a livello nazionale e che ha richiesto un investimento di oltre 1,3 milioni. Insomma, dalle parti di Arzo la mossa dell'esecutivo risulta essere incomprensibile e persino contraddittoria. Neanche il fatto che a firmare la proposta di riqualifica sia lo stesso architetto autore delle Cave, Enrico Sassi, ha mitigato le contrarietà. Anzi.

Il Bagno spiaggia divide in Montagna

Chi passa da quelle parti oggi la tensione la sente nell'aria: il tema sta surriscaldando il clima. Allio, dal canto suo, si dice amareggiato: mettere l'un contro l'altro due enti pubblici non era certo nell'intenzione dei patrizi («con il Municipio abbiamo sempre avuto un ottimo rapporto»). La censura, che rischia di diventare una cesura, era, però, inevitabile, si fa capire. «Il Piano regolatore per quell'area - in località Liné, ndr - è chiaro: si tratta di un fondo in una zona destinata alle attrezzature di interesse pubblico, che contempla pure la presenza di un bagno pubblico». Quella di Arzo, del resto, nel 1932 è stata una delle prime piscine realizzate in Ticino. «Ebbene - ci spiega il presidente - il progetto parte integrante della domanda di costruzione non ha nulla a che vedere con un bagno pubblico». E questo non solo non convince ma neppure piace. «In effetti, ci aspettavamo un intervento di altro tipo, graduale, di ripristino delle strutture, togliendo di mezzo le brutture attuali. Con l'obiettivo di riportare i Bagni alla loro vocazione originaria, ritrovando così il gioiello inaugurato il primo agosto del '32. Che è l'idea di tanti qui». Un sentire popolare di cui, nella riunione di lunedì, ha voluto farsi portavoce il Patriziato e sfociato, come detto, nell'opposizione alla procedura edilizia.

Allio: 'Non ci hanno interpellato'

C'è poi un altro aspetto su cui all'interno dell'Ufficio patriziale non si è voluto soprassedere. Giovedì scorso i rappresentanti del Municipio - il capo dicastero Daniele Caverzasio e l'architetto Mitka Fontana dell'Ufficio tecnico - sono andati ad Arzo a presentare il dossier, ma dopo aver pubblicato la domanda. Il che ha spiazzato. «E poi - rincara Allio - come Patriziato non siamo mai stati interpellati».  Va detto che la Città per i Bagni ha scelto la politica dei piccoli passi, un occhio alle finanze, non escludendo, come riferito dallo stesso Caverzasio su 'laRegione', la possibilità di riflettere sul ripristino futuro della piscina. Inoltre, l'anfiteatro ai Bagni, diverso per caratteristiche e dimensioni, è considerato una struttura complementare alle Cave. Questo non ha convinto il Patriziato? «No», è la laconica risposta di Allio. Il confronto, quindi, è solo all'inizio.

Bianchi: 'Se ne discuterà in Consiglio comunale: e questo ci basta'

D'altro canto, il recupero del Bagno spiaggia è sul tavolo da anni. Lo sanno bene alla Commissione di quartiere. Non a caso, già il luglio scorso il suo presidente Orio Bianchi si era sbilanciato, manifestando il suo pensiero. Tra i sostenitori (esterni) dell'interrogazione firmata da consiglieri di Insieme a Sinistra e Verdi, oltre che da esponenti (di Arzo) di Plr e Ppd - 15 in totale -, a favore di una biopiscina, c'è anche lui. Se gli chiedete un parere, confermerà di essere a favore del mantenimento dei vecchi Bagni di Arzo. Senza spingersi oltre. «Su questo punto - ci dice - siamo tutti d'accordo». La destinazione del complesso, però, nel Quartiere sta surriscaldando gli animi e dividendo i cittadini. «Adesso urgono i lavori di sistemazione e risanamento. Sulla necessità di abbattere gli spogliatoi - come prevede il Municipio: il corpo è stato aggiunto in un secondo tempo, ndr -, resta ancora tutto da vedere. Dobbiamo capire, ragionando come Città, se è il caso o meno di andare oltre». Bianchi non si vuole sbilanciare adesso e si limita a prendere atto del progetto pubblicato. Non nasconde, comunque, che il cambiamento di destinazione della struttura ha colto di sorpresa. Conforta il fatto, ci fa capire, che il tema per finire sarà discusso davanti al Consiglio comunale.

 

Leggi anche:

Il Bagno spiaggia di Arzo torna alle origini

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
arzo bagni opposizione patriziato
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved