ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
6 ore

A Riazzino si discute della ‘metafisica dopo Kant’

Orizzonti filosofici propone una conferenza con Massimo Marassi, professore di Filosofia teoretica dell’Università Cattolica di Milano
Ticino
6 ore

Alleanza Lega-Udc: Zali attacca, Marchesi imperturbabile

Alla festa elettorale leghista volano parole roventi. Ma il presidente democentrista replica: ‘Non intendo alimentare sterili polemiche’
Mendrisiotto
8 ore

Il Nebiopoli 2023? ‘Un Carnevale da grandi numeri’

Il presidente Alessandro Gazzani tira le somme di quest‘ultima edizione chiassese. ’Il villaggio è diventato troppo stretto’
Locarnese
9 ore

Per la Stranociada un successo… incontenibile

Organizzatori soddisfatti per le 10mila persone sulle due serate, ma qualcuno lamenta ‘caos organizzativo’ alla risottata della domenica
Ticino
12 ore

Interpellanza sul caso del pianista ucraino sostituito

Ay e Ferrari (Pc) chiedono fra l’altro al governo se ‘simili misure dal sapore censorio non giovino alla credibilità della politica culturale del Cantone’
Locarnese
13 ore

Plr e Verdi Liberali di Gordola: ‘Moltiplicatore fisso all’84%’

Il gruppo in Cc si esprime in vista della seduta di martedì sostenendo il rapporto di maggioranza. Municipio e minoranza propongono un aumento
Bellinzonese
13 ore

Valle di Blenio, ultime settimane per distillare a Motto

Il Consorzio Alambicco comunica che l’attività terminerà il 28 febbraio
Bellinzonese
15 ore

Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla

Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Mendrisiotto
15 ore

Castel San Pietro celebra i 100 anni di Elena Solcà

Per sottolineare l’importante traguardo familiari e comunità della casa anziani don Guanella si sono stretti attorno alla festeggiata
Luganese
17 ore

Consegnato alla Fondazione Vanoni l’incasso della riffa

L’iniziativa benefica delle sezioni Plr Centro+Loreto e Molino Nuovo ha permesso di sostenere il progetto ‘Appartamento protetto’ con 900 franchi
Luganese
17 ore

Una serata per parlare di inclusione scolastica

L’appuntamento è per martedì 14 febbraio al cinema Lux di Massagno. Verrà inoltre proiettato il film ‘Tutto il mio folle amore’
Locarnese
19 ore

Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita

Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
1 gior

La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023

Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista

L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
1 gior

Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico

La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
1 gior

Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista

L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
1 gior

A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa

Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
05.09.2020 - 06:00

'La terza corsia dinamica sull'A2 non è l'antidoto alle colonne'

Da Melano consiglieri e municipali indirizzano un 'Appello' al Gran Consiglio. Il progetto federale è 'tardivo e inefficace'. Va ripensato il territorio

la-terza-corsia-dinamica-sull-a2-non-e-l-antidoto-alle-colonne
Il tema è sempre 'caldo' (Ti-Press)

Chi convive gomito a gomito con l'autostrada a sud del Ponte diga di Melide ci ha fatto (quasi) l'abitudine. Ora però che l'Ustra (l'Ufficio federale delle strade) e il Cantone si sono accordati sulla strada da imboccare per rendere l'A2 più scorrevole tra Lugano e Mendrisio - quale lo si saprà martedì prossimo durante l'incontro a Melano con la Commissione regionale dei trasporti (Crtm) e i Comuni -, l'idea che tutte le decisioni passino sopra la testa dei cittadini a qualcuno non va giù. Soprattutto perché c'è il rischio che l'operazione della creazione di una terza corsia dinamica (per senso di marcia), rimedio al traffico delle ore di punta (con i suoi interventi strutturali), faccia evaporare la possibilità di ripensare davvero il territorio. Il timore è tale che proprio i consiglieri comunali e i municipali di Melano - in testa il sindaco Daniele Maffei - hanno lanciato un 'Appello' al Gran consiglio, dal presidente - Daniele Caverzasio, del Mendrisiotto - ai deputati con la speranza che, questa volta, si intercettino le soluzioni capaci di 'apportare un reale miglioramento alla rete dei trasporti tra Lugano e Chiasso' (quindi oltre il capoluogo). Negli ultimi anni la politica e la popolazione locali, del resto, l'hanno fatto capire in tutti i modi, con risoluzioni, interpellanze e persino promuovendo (anche durante il confinamento per la pandemia da Covid-19) per mano del Gruppo Melano a misura d'uomo una petizione rivolta, in questo caso, al Municipio, con l'intento di saperne di più su questo dossier. Staccata la promessa di una serata informativa pubblica, c'è da credere che gli abitanti del paese torneranno a far sentire la loro voce.

'Coordinate opere stradali e ferroviarie'

Per i firmatari dell''Appello', determinati a trovare alleati anche in altri Comuni, enti, associazioni e partiti come con ProGottardo ed EspaceSuisse, oggi 'la soluzione non può essere la terza corsia tra Lugano e Mendrisio'. E lo fanno capire subito. L'orizzonte temporale del 2040, indicato dal Consiglio federale, è vicino e al contempo lontano. Dietro l'angolo per pianificare e concretizzare la nuova strategia; troppo in là per prendere le misure di una mobilità che sta cambiando.

Senza essere 'drastici' come i 'Cittadini per il territorio' e Ata (l'Associazione traffico e ambiente) - che senza mezzi termini chiedono ai deputati di perorare la causa di AlpTransit a sud di Lugano e congelare la terza corsia dinamica -, le istituzioni di Melano rivendicano una progettazione coordinata delle opere stradali e ferroviarie, prendendo in seria considerazione una 'ricomposizione urbanistica a sud di Lugano (Paradiso-Mendrisio-Chiasso)'. Una linea, esortano consiglieri e municipali, da sostenere con forza per cambiare davvero qualcosa. Gli obiettivi? Tre: primo, 'liberare prezioso territorio e permettere ricomposizioni urbanistiche nei Comuni toccati'; secondo, 'accelerare il prima possibile la realizzazione di queste soluzioni', terzo, 'migliorare la capacità per i mezzi di trasporto pubblico'.

'Non è penalizzato solo Bissone'

Il primo passo, si fa capire nel documento, potrebbe essere l'adesione alla mozione interpartitica del marzo 2019 - primo firmatario Ivo Durisch - ancora sul tavolo, nonostante il Cantone si accinga a indicare la direzione del futuro tracciato autostradale. Quel governo, si ricorda ancora nell''Appello', che nel rapporto sulla mozione si dice 'consapevole' della situazione viaria e ambientale del Mendrisiotto e ribadisce la necessità di andare al di là della terza corsia dinamica, cogliendo altresì l'occasione 'per migliorare l'inserimento di questa infrastruttura nel paesaggio del Basso Ceresio'. Il riferimento è all'aggiramento del nucleo di Bissone, intervento sul quale l'autorità cantonale si è impegnata in prima persona mettendo sul tavolo il suo progetto. Intento condiviso dall'autorità di Melano, con una postilla: 'non è solamente il Comune di Bissone a essere penalizzato dall'autostrada e dalla ferrovia'. A pagare pegno, si rammenta, ci sono anche Maroggia e Melano, che 'dovranno subire le conseguenze dello spostamento dei semi svincoli' di Bissone e Melide', e Capolago, quartiere di Mendrisio, 'soffocato dalle vie di trasporto'. Senza trascurare che pure nel resto del Distretto il territorio risulta in buona parte 'occupato' da insediamenti e infrastrutture.

Due varianti, nessuna convincente

Ecco perché la Commissione regionale dei trasporti, guidata da Andrea Rigamonti, non accetta più operazioni-cerotto. Tanto da porre una condizione: o si opta per la variante più costosa ma più efficace sul piano territoriale - ribattezzata 4/2 -, con lo spostamento dei tracciati (autostradale e cantonale) e una parte dell'A2 in galleria, o niente. D'altro canto, pure consiglieri e municipali firmatari dell''Appello' tra le due proposte in campo - delle sei presentate all'inizio -, se dovessero scegliere, di sicuro non avallerebbero la prima (la 4/1 che sulle prime piaceva all'Ustra), alla quale, invitano, bisogna opporsi con fermezza. Anche se la seconda 'impatta comunque fortemente sul territorio senza risolvere il problema del traffico'. Per dirla tutta in entrambi i casi non si prevede lo spostamento della strada cantonale a Melano. Ma c'è di più: questa operazione da oltre 1 miliardo di franchi ai loro occhi sarà comunque tardiva e inefficace. Insomma, potenziare il tratto sud dell'A2 'non permetterà di soddisfare l'obiettivo posto dalla Crtm di un uso parsimonioso del territorio'. In effetti, esplicita il documento, 'il semi svincolo di Bissone sarà spostato a Melano: si migliora l'impatto da una parte per peggiorarlo da un'altra'.

Qual è l'antidoto? Che il Cantone, sollecitano i firmatari, 'si faccia portavoce affinché il Datec (il Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni) affronti in modo lungimirante, completo e coordinato a livello regionale una progettazione della mobilità globale e una ricomposizione urbanistica a sud di Lugano'. E martedì sarà il giorno della svolta.

Leggi anche:

Tracciato A2: si decide in che direzione andare

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved