tracciato-a2-si-decide-in-che-direzione-andare
L'A2 divide il territorio a sud. C'è chi vorrebbe un altro panorama (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
7 ore

Valle di Muggio: spazio pubblico, benessere degli anziani

Summer School, studenti e architetti all’opera: un passo in più a favore dell’interazione degli abitanti di Campora, Casima, Muggio, Cabbio e Bruzella.
Mendrisiotto
9 ore

Arzo ritrova la ‘Fontana dei pesci’. Senza le carpe di Rossi

La Città si appresta a posare di nuovo in paese la vasca in marmo. Ma della scultura dell’artista si sono perse le tracce
Bellinzonese
10 ore

Giorgio Lotti nuovo presidente del Lions Club Bellinzona e Moesa

Sostituirà l’uscente Sergio Pedrazzini. Negli ultimi due anni la fondazione ha potuto svolgere un’intensa attività benefica, nonostante la pandemia
Ticino
10 ore

‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’

La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Bellinzonese
10 ore

‘Un problema’ ferma la funicolare del Ritom

L’impianto resterà chiuso fino al 5 luglio. Per i viaggiatori ancora presenti nella regione sarà a disposizione un servizio di bus navetta
Luganese
10 ore

Cadempino, gli aumenti di stipendio tornano in Municipio

Il Consiglio comunale rinvia all’esecutivo la proposta di modifica dell’articolo del Regolamento organico dei dipendenti. Approvato il consuntivo.
Locarnese
11 ore

Bosco Gurin, quei tesori spesso nascosti

Da sabato il via alla stagione estiva, con una ricca offerta di svaghi per il tempo libero. In funzione la seggiovia e la slittovia
Ticino
11 ore

Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’

L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
11 ore

Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura

Alla vigilia della Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Bellinzonese
11 ore

Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 6 dalle 11 alle 17. A seguire letture di racconti sulla Beat Generation al Bar Cervo
Mendrisiotto
11 ore

A Chiasso le opere dell’artista ucraino Ivan Turetskyy 

Fino al 24 luglio quattro oli e acrilico su tela saranno esposti a m.a.x. museo, Spazio Officina, Biblioteca e in Municipio
Locarnese
11 ore

‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’

Il capodicastero Sicurezza Zanchi e il comandante della Polcomunale di Locarno Bossalini difendono il proprio operato e quello dei loro agenti.
Luganese
11 ore

Pavimentazione fonoassorbente a Montagnola

I lavori si terranno nelle notti tra il 4 e il 9 luglio nella zona del nucleo, lungo un tratto di 300 metri
Bellinzonese
11 ore

La camminata Bellinzona-Locarno per celebrare Leonardo da Vinci

Il ‘Tour Leonardesco del Canton Ticino’ sarà inaugurato domenica 17 luglio con un facile percorso a piedi nel verde
Ticino
12 ore

‘Alla guida nessuna distrazione!’

Dipartimento istituzioni e Polizia cantonale rinnovano la raccomandazione
Mendrisiotto
12 ore

Coldrerio, in vigore l’ordinanza per gli incentivi energetici

Il documento segue l’approvazione del Regolamento. Un unico documento che permette al cittadino di farsi un’idea chiara sulle facilitazioni comunali.
Bellinzonese
12 ore

Airolo, visitabile il cantiere del secondo tubo del San Gottardo

Diverse possibilità per chi volesse saperne di più su questa ‘opera monumentale’ che trasformerà in parte il territorio comunale
Luganese
13 ore

Birra protagonista nel fine settimana in Capriasca

La quarta edizione di Birra in Capriasca si terrà l’1 e 2 luglio sul piazzale delle scuole elementari di Tesserete
laR
 
01.09.2020 - 06:00
Aggiornamento: 08:20

Tracciato A2: si decide in che direzione andare

Nell'agenda di settembre degli enti locali due incontri con Ustra e autorità cantonali per discutere di terza corsia dinamica e appendice sud

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Il Mendrisiotto deciso a battersi per non perdere il treno (a lunga distanza), è combattuto sul futuro del 'suo' tratto autostradale. Da tempo l'appendice estrema dell'A2 non ce la fa più a reggere il viavai dei pendolari che, mattina e sera, attraversano il Distretto. Così, da un lato, c'è chi confida di poter potenziare il collegamento fra Mendrisio e Lugano o addirittura sogna (come a Chiasso) di spostarne il percorso, e dall'altro vi è chi frena e chiede di ridurre (e non moltiplicare) gli spostamenti casa-lavoro. Sta di fatto che, alla pari della rete ferroviaria, il destino dell'arteria nazionale sulla 'Via delle genti' resta un tema che... scotta. Tanto da ricorrere due volte sull'agenda di settembre degli enti locali.

Terza corsia autostradale al dunque

Sul tavolo a inizio mese si metterà, innanzitutto, il tracciato (con l'annesso finanziamento) che farà posto alla terza corsia dinamica (ovvero da aprire nelle ore di punta). Ancora non c'è il sigillo ufficiale, ma presto Ustra, l'Ufficio federale delle strade, e Cantone comunicheranno alla Commissione regionale dei trasporti (Crtm) e ai Comuni attraversati su quale variante si opterà per realizzare un progetto che rinvia (nelle stime temporali della Confederazione) al 2040. Se ne saprà di più, come detto, all'incontro in programma per martedì 8 settembre a Melano. E non è detto che le autorità federali e cantonali, concluse le trattative, possano sorprendere (in positivo) i responsabili comunali. Da queste parti, del resto, nei mesi scorsi ci si era dimostrati intransigenti sulla direzione da imboccare. Il Distretto è disposto, infatti, a sottoscrivere l'intervento solo - la condizione è chiara - se si attuerà la soluzione denominata 4/2, più complessa sul piano tecnico e più costosa (se paragonata all'altra variabile, la 4/1), ma più vantaggiosa a livello paesaggistico. In effetti, sulla carta questo percorso mette in galleria l'autostrada e trasla letteralmente la strada cantonale su una delle due carreggiate attuali dell'A2, aggirando il nucleo di Bissone. Una operazione che, certo, potrebbe superare il miliardo di franchi previsto dall'autorità federale. Per la Crtm guidata da Andrea Rigamonti resta, comunque, un'occasione da cogliere. D'altro canto, come ci ricordava il gennaio scorso, uno studio commissionato da Ustra indica la versione prediletta a livello regionale come la migliore.

Dinamica e virtuosa

Vista da Mendrisio la terza corsia dell'A2 oltre che dinamica potrebbe, d'altro canto, essere anche un esempio di virtù. Il Municipio la sua idea l'ha lanciata già qualche tempo fa. In più a dar man forte a questa proposta c'è l'atto parlamentare presentato da Marco Romano, quale Consigliere nazionale, l'ottobre scorso. La suggestione? Non aprire la corsia unicamente al traffico dei momenti più congestionati della giornata, ma altresì a chi viaggia in 'car pooling' o con un'auto elettrica. Certo, andrebbe incardinato il principio in una base legale ad hoc, ma l'opportunità trova ben disposto pure il presidente della Crtm Rigamonti. «Ciò - ci conferma - renderebbe l'opera molto più interessante».

'Cittadini' e Ata: 'Congelate il progetto'

L'apertura a una mobilità alternativa, di sicuro, non basta a convincere chi preferirebbe vedere finire in un cassetto il dossier sul potenziamento dell'A2. Nelle scorse settimane i 'Cittadini per il territorio' e l'Ata, l'Associazione traffico e ambiente, sono tornati alla carica e hanno scritto ai deputati in Gran Consiglio per fare memoria della mozione presentata nel marzo del 2019 - primo firmatario Ivo Durisch (Ps) -, determinata a chiedere un intervento presso il Consiglio federale. L'obiettivo? Perorare la causa del prolungamento di AlpTransit a sud di Lugano e congelare, di converso, il progetto per la terza corsia fra Lugano sud e Mendrisio. La prospettiva di ridurre il traffico parassitario, fluidificando i flussi nelle ore di punta, resta ipotetica agli occhi di 'Cittadini' e Ata.

Avere sei corsie dinamiche (tre per direzione di marcia), si motiva nella missiva, 'significa aumento della capacità che, come l'esperienza insegna, ha sempre portato a un aumento del traffico'. Per le due associazioni, poi, 'non è da escludere che utenti della ferrovia tornino a spostarsi in automobile'. Il risultato? 'In breve tempo ci si ritroverebbe nella situazione di congestione stradale anteriore al progetto, se non in una situazione addirittura peggiore'. Tanto più che non tutti i Comuni, si rendono attenti i parlamentari, ne avrebbero dei vantaggi. Alcuni 'risulterebbero pesantemente penalizzati', ritrovandosi a mettere 'a disposizione significative porzioni di territorio per nuovi svincoli autostradali' (a Grancia e a Melano).

'Cittadini' e Ata hanno, però, una controproposta: insistere con delle 'politiche incisive volte a favorire l'utilizzo del trasporto pubblico e aziendale e la condivisione dell'auto'. Insomma, l'invito è a propendere per 'una visione lungimirante della mobilità e della lotta ai cambiamenti climatici', che quindi 'non deve più andare nella direzione di facilitare gli spostamenti di persone e di merci su strade e autostrade, ma di ridurli al contrario al minimo indispensabile'. La stessa pandemia da Covid-19, si fa notare ai gran consiglieri, dovrebbe indurre dei 'ripensamenti' a fronte dell'introduzione del telelavoro, sperimentato nel pubblico come nel privato. Tant'è che, si fa sapere, 'grosse imprese stanno addirittura pensando di vendere o affittare spazi che si libereranno grazie al telelavoro'.

A2 al Penz: al tavolo con Zali

Spostandosi ancora più a sud, da Mendrisio a Chiasso, pure nel Basso Mendrisiotto si coltiva l'aspirazione di ripensare il tracciato dell'autostrada. L'idea frulla in testa a cinque Comuni - con Chiasso, Balerna, Morbio Inferiore, Vacallo e Novazzano - dopo che l'architetto Elena Fontana ha presentato il suo progetto, visionario nella sua essenza ma concreto nell'interesse suscitato nella regione. Ebbene adesso l'incarto - con annessa la proposta di trasferire il percorso dell'A2 sul lato dove corre la ferrovia, mettendolo in galleria - uscirà dai confini distrettuali. Il 29 settembre gli enti locali ne discuteranno, infatti, con il direttore del Dipartimento del territorio Claudio Zali. Il sindaco di Chiasso Bruno Arrigoni è «abbastanza fiducioso» sull'esito. Di certo è un passo avanti per capire se si potrà concretizzare uno studio di fattibilità.

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved