tracciato-a2-si-decide-in-che-direzione-andare
L'A2 divide il territorio a sud. C'è chi vorrebbe un altro panorama (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 min

Sementina, accademia di fine stagione della Sfg

Dopo due anni di assenza, sabato 28 maggio ritorna la manifestazione nella palestra del Centro Ciossetto
Ticino
46 min

Nessun paziente Covid nei reparti di cure intense in Ticino

Non si registrano decessi da una settimana. Quello odierno è l’ultimo report quotidiano: i dati pandemici cantonali saranno ora diffusi ogni mercoledi
Locarnese
56 min

Rivapiana Rivasana a Minusio, e l’ambiente ringrazia

Un’ottantina di partecipanti all’operazione di ripulitura organizzata dall’Agis in collaborazione con l’Istituto scolastico e il Comune
Bellinzonese
2 ore

Sarà abbattuto il cedro secolare della Chiesa evangelica

Bellinzona: una malattia ha compromesso la stabilità della pianta secolare divenuta negli anni simbolo per i fedeli. Il pastore: ‘Non facile convincerli’
Mendrisiotto
5 ore

I momò si preparano al Tour de Suisse e aspettano il ‘loro’ Gino

Nel Distretto è presente l’unico fans club di Gino Mäder. ‘Siamo nati per caso a Innsbruck’. E per il 16 giungo si pensa a una ‘Casa Gino’.
Gallery
Locarnese
5 ore

Tegna: quel tesoro verde da valorizzare

Il querceto nei pressi del campo sportivo, un unicum dal profilo naturalistico, è al centro di un progetto selvicolturale di recupero e sfruttamento
Luganese
5 ore

Polizia del Vedeggio: un terzo degli agenti sotto inchiesta

Aperta un’indagine amministrativa, coinvolto il vicecomandante, ora sospeso. Si parla di violazioni ai regolamenti di servizio.
Mendrisiotto
12 ore

Corsia per i Tir, ‘non si accettano compromessi’

Il Consiglio comunale di Novazzano mette nero su bianco la sua ‘ferma opposizione’ al progetto firmato dall’Ustra
Ticino
13 ore

Refezione scuola infanzia, facoltativa per alcuni allievi

La maggioranza commissionale con il rapporto di Ghisletta
Ticino
14 ore

Ermotti-Lepori: ‘Calcoli fuorvianti’. Filippini: ‘No, legittimi’

È polemica per il rapporto sull’iniziativa che chiede al Cantone un abbonamento Arcobaleno per i deputati che rinunciano al rimborso spese per trasferte
Ticino
14 ore

Preture di protezione, sì al voto preliminare dei cittadini

Riorganizzazione tutorie: la commissione parlamentare firma il rapporto stilato da Luca Pagani e Sabrina Aldi. Sei i correlatori
Ticino
15 ore

‘La lotta al riciclaggio è pane quotidiano per i fiduciari’

Cristina Maderni, presidente della Ftaf, ricorda che la legge è vincolante per chi opera nella gestione dei patrimoni. ‘Ma il tema è di tutta l’economia’
Bellinzonese
16 ore

Bellinzona, Castles & Go pronta a scattare

Domenica 29 maggio si terrà la prima edizione della corsa podistico-culturale in stile medievale
Mendrisiotto
16 ore

Marito violento condannato anche in Appello

La Corte riduce, però, la pena di tre anni e infligge tre anni e sei mesi. Caduta l’accusa di tentato omicidio
Ticino
16 ore

Nuove tecnologie, la ticinese Arca24 vince un premio in America

Vinta l’edizione 2022 dell’HR Tech Award, organizzato da una società di analisi degli Stati Uniti
Locarnese
17 ore

Il mercato dell’artigianato anima il villaggio di Avegno

Giovedì 26 maggio grazie all’Associazione Artigiani di Vallemaggia. A pranzo risotto e luganighe. Musica con i Gyrumetha
Ticino
17 ore

Allerta temporale, da Russo a Malvaglia (e a Nord del Gottardo)

Il fronte del maltempo dovrebbe portare con sé grandine, piogge torrenziali e raffiche burrascose. Allarme di intensità rossa
Ticino
17 ore

Pensioni statali e risanamento, ‘rischi dal calo delle Borse?’

Interpellanza di Raoul Ghisletta (Ps): ‘Gli indici sono al ribasso sia in America sia in Europa, cosa fa il governo per evitare perdite enormi?’
laR
 
01.09.2020 - 06:00
Aggiornamento : 08:20

Tracciato A2: si decide in che direzione andare

Nell'agenda di settembre degli enti locali due incontri con Ustra e autorità cantonali per discutere di terza corsia dinamica e appendice sud

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Il Mendrisiotto deciso a battersi per non perdere il treno (a lunga distanza), è combattuto sul futuro del 'suo' tratto autostradale. Da tempo l'appendice estrema dell'A2 non ce la fa più a reggere il viavai dei pendolari che, mattina e sera, attraversano il Distretto. Così, da un lato, c'è chi confida di poter potenziare il collegamento fra Mendrisio e Lugano o addirittura sogna (come a Chiasso) di spostarne il percorso, e dall'altro vi è chi frena e chiede di ridurre (e non moltiplicare) gli spostamenti casa-lavoro. Sta di fatto che, alla pari della rete ferroviaria, il destino dell'arteria nazionale sulla 'Via delle genti' resta un tema che... scotta. Tanto da ricorrere due volte sull'agenda di settembre degli enti locali.

Terza corsia autostradale al dunque

Sul tavolo a inizio mese si metterà, innanzitutto, il tracciato (con l'annesso finanziamento) che farà posto alla terza corsia dinamica (ovvero da aprire nelle ore di punta). Ancora non c'è il sigillo ufficiale, ma presto Ustra, l'Ufficio federale delle strade, e Cantone comunicheranno alla Commissione regionale dei trasporti (Crtm) e ai Comuni attraversati su quale variante si opterà per realizzare un progetto che rinvia (nelle stime temporali della Confederazione) al 2040. Se ne saprà di più, come detto, all'incontro in programma per martedì 8 settembre a Melano. E non è detto che le autorità federali e cantonali, concluse le trattative, possano sorprendere (in positivo) i responsabili comunali. Da queste parti, del resto, nei mesi scorsi ci si era dimostrati intransigenti sulla direzione da imboccare. Il Distretto è disposto, infatti, a sottoscrivere l'intervento solo - la condizione è chiara - se si attuerà la soluzione denominata 4/2, più complessa sul piano tecnico e più costosa (se paragonata all'altra variabile, la 4/1), ma più vantaggiosa a livello paesaggistico. In effetti, sulla carta questo percorso mette in galleria l'autostrada e trasla letteralmente la strada cantonale su una delle due carreggiate attuali dell'A2, aggirando il nucleo di Bissone. Una operazione che, certo, potrebbe superare il miliardo di franchi previsto dall'autorità federale. Per la Crtm guidata da Andrea Rigamonti resta, comunque, un'occasione da cogliere. D'altro canto, come ci ricordava il gennaio scorso, uno studio commissionato da Ustra indica la versione prediletta a livello regionale come la migliore.

Dinamica e virtuosa

Vista da Mendrisio la terza corsia dell'A2 oltre che dinamica potrebbe, d'altro canto, essere anche un esempio di virtù. Il Municipio la sua idea l'ha lanciata già qualche tempo fa. In più a dar man forte a questa proposta c'è l'atto parlamentare presentato da Marco Romano, quale Consigliere nazionale, l'ottobre scorso. La suggestione? Non aprire la corsia unicamente al traffico dei momenti più congestionati della giornata, ma altresì a chi viaggia in 'car pooling' o con un'auto elettrica. Certo, andrebbe incardinato il principio in una base legale ad hoc, ma l'opportunità trova ben disposto pure il presidente della Crtm Rigamonti. «Ciò - ci conferma - renderebbe l'opera molto più interessante».

'Cittadini' e Ata: 'Congelate il progetto'

L'apertura a una mobilità alternativa, di sicuro, non basta a convincere chi preferirebbe vedere finire in un cassetto il dossier sul potenziamento dell'A2. Nelle scorse settimane i 'Cittadini per il territorio' e l'Ata, l'Associazione traffico e ambiente, sono tornati alla carica e hanno scritto ai deputati in Gran Consiglio per fare memoria della mozione presentata nel marzo del 2019 - primo firmatario Ivo Durisch (Ps) -, determinata a chiedere un intervento presso il Consiglio federale. L'obiettivo? Perorare la causa del prolungamento di AlpTransit a sud di Lugano e congelare, di converso, il progetto per la terza corsia fra Lugano sud e Mendrisio. La prospettiva di ridurre il traffico parassitario, fluidificando i flussi nelle ore di punta, resta ipotetica agli occhi di 'Cittadini' e Ata.

Avere sei corsie dinamiche (tre per direzione di marcia), si motiva nella missiva, 'significa aumento della capacità che, come l'esperienza insegna, ha sempre portato a un aumento del traffico'. Per le due associazioni, poi, 'non è da escludere che utenti della ferrovia tornino a spostarsi in automobile'. Il risultato? 'In breve tempo ci si ritroverebbe nella situazione di congestione stradale anteriore al progetto, se non in una situazione addirittura peggiore'. Tanto più che non tutti i Comuni, si rendono attenti i parlamentari, ne avrebbero dei vantaggi. Alcuni 'risulterebbero pesantemente penalizzati', ritrovandosi a mettere 'a disposizione significative porzioni di territorio per nuovi svincoli autostradali' (a Grancia e a Melano).

'Cittadini' e Ata hanno, però, una controproposta: insistere con delle 'politiche incisive volte a favorire l'utilizzo del trasporto pubblico e aziendale e la condivisione dell'auto'. Insomma, l'invito è a propendere per 'una visione lungimirante della mobilità e della lotta ai cambiamenti climatici', che quindi 'non deve più andare nella direzione di facilitare gli spostamenti di persone e di merci su strade e autostrade, ma di ridurli al contrario al minimo indispensabile'. La stessa pandemia da Covid-19, si fa notare ai gran consiglieri, dovrebbe indurre dei 'ripensamenti' a fronte dell'introduzione del telelavoro, sperimentato nel pubblico come nel privato. Tant'è che, si fa sapere, 'grosse imprese stanno addirittura pensando di vendere o affittare spazi che si libereranno grazie al telelavoro'.

A2 al Penz: al tavolo con Zali

Spostandosi ancora più a sud, da Mendrisio a Chiasso, pure nel Basso Mendrisiotto si coltiva l'aspirazione di ripensare il tracciato dell'autostrada. L'idea frulla in testa a cinque Comuni - con Chiasso, Balerna, Morbio Inferiore, Vacallo e Novazzano - dopo che l'architetto Elena Fontana ha presentato il suo progetto, visionario nella sua essenza ma concreto nell'interesse suscitato nella regione. Ebbene adesso l'incarto - con annessa la proposta di trasferire il percorso dell'A2 sul lato dove corre la ferrovia, mettendolo in galleria - uscirà dai confini distrettuali. Il 29 settembre gli enti locali ne discuteranno, infatti, con il direttore del Dipartimento del territorio Claudio Zali. Il sindaco di Chiasso Bruno Arrigoni è «abbastanza fiducioso» sull'esito. Di certo è un passo avanti per capire se si potrà concretizzare uno studio di fattibilità.

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved