la-cultura-di-chiasso-mantiene-la-sua-qualita
Tempo di bilanci (Ti-Press/Bianchi)
+2
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
4 ore

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
8 ore

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà ch si è rivelato fondamentale’
Luganese
8 ore

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
9 ore

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
10 ore

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
10 ore

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
17 ore

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
17 ore

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
17 ore

Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’

Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
18 ore

Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo

Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
Mendrisiotto
18 ore

Aggregazione Basso Mendrisiotto, una serata per parlarne

La sezione momò del Ps organizza un evento che avrà luogo a Balerna il 1° giugno, con ospiti i vicesindaci di Chiasso e Vacallo
Luganese
18 ore

Taverne: liberato un capriolo dalla vasca di contenimento

L’animale è stato soccorso dai guardiacaccia e dalla Società di protezione animali di Bellinzona, dileguandosi nel bosco
Luganese
18 ore

Lugano, estate in arrivo: che sicurezza alla Foce?

Un’interrogazione socialista domanda al Municipio cosa è stato messo in campo per la stagione balneare alle porte
Luganese
18 ore

Lugano, per il Municipio con la Gipi Sa tutto in regola

L’esecutivo sottolinea di non essere a conoscenza di criticità riguardo all’operato e agli immobili in mano alla Gestioni Immobiliari per Istituzionali
28.07.2020 - 16:05

La cultura di Chiasso mantiene la sua qualità

Nonostante il budget ridimensionato, i risultati del Centro culturale sono positivi. Oltre 40mila i visitatori

Il Centro culturale Chiasso ha vinto la sua scommessa. Anche se lo scorso anno è infatti stato confrontato con una riduzione di budget pari a 200mila franchi a seguito delle misure di contenimento delle spese volute dal Municipio, i risultati ottenuti, e presentati questa mattina in conferenza stampa, indicano «dati decisamente positivi». Lo ha spiegato il capodicastero Attività culturali Davide Dosi, ricordando che il m.a.x. museo ha realizzato una mostra in meno (con un conseguente impatto sul numero di visitatori) e il Cinema Teatro ha dovuto adattare la programmazione dei propri spettacoli. «Ci siamo comunque prefissati l'obiettivo di mantenere alta la qualità di quanto offerto a Chiasso», ha precisato Dosi. La prima conferma della riuscita dell'esercizio è arrivata con l'ottenimento del prestigioso premio della Fondazione Svizzera per il Premio Doron per “l'eccellente offerta culturale” promossa; la seconda dalle cifre. Lo scorso anno il centro culturale è stato frequentato da oltre 40mila visitatori, cinque volte il numero degli abitanti della cittadina di confine. A livello culturale il nome di Chiasso, si sta facendo strada anche a livello mondiale: la rassegna di spettacoli online proposta durante il periodo di chiusura forzata a causa del coronavirus ha raggiunto spettatori in 32 Paesi. Sempre restando alla rete, i dati del web dello scorso anno registrano una lieve crescita, con 162'909 visualizzazioni di pagina. I nuovi visitatori (82,4%) sono provengono per la maggior parte da Svizzera (55,52%), Italia (32,05%), Stati Uniti (5,8%) e da altri Paesi (120 utenti si sono per esempio collegati dal Giappone). Numeri destinati ad aumentare grazie alla strategia social avviata lo scorso mese di settembre. Il team del centro culturale – «un piccolo staff di una decina di persone per una struttura articolata», – non ha intenzione di fermarsi.

Le collaborazioni museali pagano

Per compensare la perdita di un'esposizione, lo scorso anno il m.a.x museo ha ulteriormente sviluppato le partnership con enti e istituzioni museali a livello internazionale. Queste attività, ha spiegato la direttrice Nicoletta Ossanna Cavadini, «si configurano per specifiche ricerche su temi di interesse comune o come mezzi per l'accrescimento del prestigio scientifico e/o delle risorse economiche del museo. In particolare, l'attuazione del ‘progetto integrato’ permette di condividere progetti in sinergia e complementarietà con altri musei, suddividere le spese comuni e raddoppiare la visibilità». Grazie a questi progetti integrati, la mostra ‘Auto che passione! Interazione tra grafica e design’ è sbarcata al Mauto-Museo nazionale dell'automobile di Torino, mentre quelle dedicate a Franco Grignani e a Marcello Dudovich (ospitata nell'ambito della Biennale dell'Immagine) sono tuttora allestite al Museo di fotografia contemporanea di Milano e, rispettivamente, al Museo storico e Parco del Castello di Miramare di Trieste.  Il rendiconto tra m.a.x. museo e Spazio Officina – l'anno scorso ha ospitato le esposizioni dedicate a Paolo Bellini e alla Biennale e il Premio Giovani artisti – non ha suddivisione gestionale, ma è normalmente suddiviso tra uscite per l'organizzazione d mostre (301'322 franchi) ed entrate di sussidi, sponsorizzazioni, vendite di biglietti e cataloghi (176mila franchi). L'importo di spesa per la gestione corrente di mostre ed eventi correlati ammonta a 298'774 franchi. 

Al Cinema Teatro 51 eventi

I 51 eventi che hanno composto il cartellone del Cinema Teatro – a cui vanno aggiunte iniziative di enti privati, conferenze e presentazioni, per un totale di 183 giornate – sono stati, come ha spiegato il direttore Armando Calvia, «il risultato di un percorso culturale ampio, diversificato e di alto profilo qualitativo che hanno avuto l'obiettivo di coinvolgere pubblici diversi, facendoli interagire tra loro». La nostra, ha aggiunto il direttore, «è una piccola struttura in grado di ospitare anche spettacoli complessi: gli artisti vengono sempre messi nelle condizioni ideali per poter esprimere il loro talento». Tra gli obiettivi, c'è l'incremento del numero di abbonati (confermati a 300 lo scorso anno). Numero che «vorremmo incrementare per le prossime stagioni teatrale attraverso l'attivazione di canali preferenziali come offerte speciali, omaggi e serate dedicate». Un primo cambiamento che, a detta di Armando Calvia, ha incontrato il favore del pubblico, è stata la revisione dei prezzi di biglietti e abbonamenti, con una riduzione generale dei costi e una nuova ristrutturazione dei posti in sala, ampliando le varie fasce di costo. Cifre alla mano, il consuntivo del Cinema Teatro ha chiuso con un utile di 34'373 franchi.

Tanti lavori in biblioteca

La biblioteca ha registrato una leggera flessione degli utenti (4'660 a fronte dei 4'931 del 2018), verosimilmente riconducibile all'apertura del centro culturale LaFilanda di Mendrisio. Il numero di documenti prestati è rimasto sostanzialmente invariato. «Abbiamo avuto un netto aumento di richieste (oltre 330) di nostri volumi da parte delle altre biblioteche ticinesi – ha spiegato il bibliotecario Augusto Torriani –. Lo scorso anno sono proseguiti i lavori per riportare la biblioteca alla sua piena funzionalità». Da inizio anno, la struttura ha prolungato fino alle 19.30 l'orario di apertura del giovedì.

Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved