l-inferno-in-casa-loro-chiesti-11-anni-di-carcere
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

Pandemia, sette persone in più negli ospedali ticinesi

Due in più nei reparti di cure intensive. Stabile il numero di nuovi casi nelle ultime 24 ore: aumentati di quattro unità (1’266)
Luganese
4 ore

‘Campione era un deserto. Ora è tornato il sorriso in paese’

Reportage dall’enclave a due giorni dalla riapertura del casinò. E intanto l’amministratore delegato Ambrosini: ‘Debiti rimborsati entro cinque anni’.
Mendrisiotto
8 ore

Il sacerdote denunciato torna a dire messa

Anche se l’inchiesta è ancora in corso, il vescovo Lazzeri ha ritenuto che ci sono i presupposti per il ritorno, nel fine settimana, in parrocchia
Locarnese
8 ore

Ronco s/Ascona: e vissero tutti felici e contenti

Col progetto ‘Comune sano’ lanciato dalla Confederazione, il Municipio intende migliorare la qualità della vita e soddisfare le aspettative dei cittadini
Ticino
8 ore

Sergi: ‘Livelli, il no all’emendamento è stato coerente’

I tre voti contrari alla sperimentazione dell’Mps sono stati decisivi. Il coordinatore ribatte colpo su colpo alle accuse da sinistra: serve vera riforma
Ticino
15 ore

Antonini colpevole di uno solo dei tre reati prospettati

L’ex comandante delle Guardie di confine, ‘licenziato prima che si giungesse a una sentenza’, è stato condannato per falsità in documenti
Ticino
18 ore

La Lega: è giunta l’ora di abolire le restrizioni

‘La situazione pandemica è sotto controllo, quella economica è invece preoccupante’. Mozione urgente al Consiglio di Stato
Ticino
18 ore

Sciopero dei ferrovieri in Italia

Da domenica 30 gennaio alle ore 3 fino a lunedì 31 gennaio alle ore 2. Sono previsti disagi nei collegamenti transfrontalieri Tilo
Mendrisiotto
18 ore

Centro storico a Mendrisio, controlli e sensibilizzazione

Questa la strategia della Città per richiamare al rispetto delle regole della circolazione all’interno delle zone pedonali
Ticino
18 ore

‘Il centro educativo chiuso di Arbedo è una necessità’

Per il magistrato dei minori Reto Medici la struttura permetterebbe di recuperare decine di giovani l’anno. Incarti stabili, ma reati violenti in aumento
Lugano
19 ore

Da revisione interna a controllo finanze

La Commissione petizioni cittadina approva l’operazione
Ticino
19 ore

Cresce l’interesse per la Città dei mestieri

Nel secondo anno di attività sono state oltre 7’600 le persone (+70%) che si sono rivolte alla sede bellinzonese che ora è nella rete internazionale
Bellinzonese
19 ore

Finisce al Tram l’ampliamento scolastico di Castione

Confinanti e Amica impugnano la decisione governativa ritenendo eccessiva l’altezza di 12 metri e irrisolta la questione viaria
Mendrisiotto
20 ore

Chiasso festeggia i 100 anni di Celestina Varallo

La neocentenaria, ospite di Casa Giardino, ha ricevuto anche gli auguri del sindaco di Chiasso
09.07.2020 - 17:200
Aggiornamento : 18:10

‘L'inferno in casa loro’, chiesti 11 anni di carcere

È questa la richiesta di pena della Pp Marisa Alfier nei confronti del siriano a processo per tentato omicidio intenzionale

È «un regime del terrore e del controllo fatto di impedimenti» quello vissuto nell'abitazione di Novazzano dove il 48enne siriano a processo da stamattina davanti alla Corte delle Assise criminali di Mendrisio ha commesso cinque tentati omicidi intenzionali. Per l'uomo la Procuratrice pubblica Marisa Alfier ha proposto una condanna di 11 anni di detenzione (8 qualora la corte dovesse optare per il reato di ripetuta esposizione a pericolo della vita altrui) e 10 anni di espulsione dalla Svizzera. Le violenze hanno interessati i figli dell'uomo, due gemelli oggi 20enni, e la moglie. Solo l'arresto dell'uomo, il 26 dicembre 2018, «ha finalmente aperto il vaso di pandora su quello che è successo a questa famiglia», ha detto Alfier. L'imputato è stato raggiunto dalla famiglia in Svizzera nel 2015. L'anno successivo sono iniziati i maltrattamenti. Anni, ha aggiunto Alfier, «di violenza gratuita. Per lui era importante far male ai suoi figli che diceva non essere suoi e che gli avevano rovinato la vita sin dalla loro nascita». Quanto vissuto dalla famiglia è stato insomma un «inferno in casa loro, nel luogo dove dovevano sentirsi protetti».

Botte per un anello

Il 48enne è stato arrestato al culmine di una giornata di violenza. «Sei ore e 35 minuti – ha sottolineato ancora Alfier –. Posso capire la perdita del controllo, ma in questo caso non si tratta di un raptus improvviso. La sua azione è stata continua e controllata: la figlia doveva essere punita e doveva morire». Il 26 dicembre di due anni fa l'imputato ha scoperto che la figlia, allora 18enne, si era fidanzata a sua insaputa. Solo per questo specifico episodio l'uomo ha fornito qualche parziale ammissione dopo innumerevoli «non è vero» e «non so perché mia moglie e i miei figli mentano» quando è stato interrogato sugli altri episodi di violenza. «Abbiamo discusso – ha ammesso il 48enne ricordando quel giorno –. Ero molto arrabbiato perché mi hanno nascosto tutto». Dopo la telefonata del fidanzato, «le ho dato delle sberle in salotto. L'ho colpita sul naso, non ricordo se con una sberla o un pugno, e le è uscito sangue, ma non l'ho presa a calci». Quando la mamma e il fratello della ragazza sono intervenuti «per farmi smettere siamo caduti a terra. Forse in quel momento l'ho colpita con un calcio». L'imputato, «un aguzzino della peggiore specie», così lo ha definito Alfier, ha negato di avere colpito i figli con calci al volto. «È pericoloso», si è giustificato l'imputato, ammettendo di avere picchiato i figli una volta nel 2016, una nel 2017 e una nel 2018. La perizia medica alla quale la giovane è stata sottoposta, ha aggiunto la rappresentante dell'accusa, «dimostrano che è stata picchiata dappertutto, soprattutto al volto». A mente dell'imputato, la figlia «aveva disonorato la famiglia perché andava con gli uomini e ha ammesso che, fossero stati in Siria, la ragazza poteva essere uccisa». A preoccupare la rappresentante dell'accusa è «il grado di recidiva piuttosto elevato all'interno della famiglia» emerso dalla perizia psichiatrica a cui l'uomo è stato sottoposto.

‘Solo sberle sulle braccia’

Tre episodi contestati all'imputato riguardano il figlio. A scatenare la furia del padre sono stati futili motivi: una chiave dimenticata nella toppa, un prelevamento di 30 franchi per offrire un caffè ai colleghi (che prima di allora avevano sempre pagato per lui) o una fattura telefonica troppo elevata. «Ho picchiato i miei figli quando facevano qualcosa che non andava bene – ha spiegato l'uomo –. Picchiare è qualcosa di sbagliato, ma dopo che davo consigli e alla terza volta non mi capivano, davo delle sberle sulle spalle e sulle braccia. In faccia no perché è pericoloso». Interrogato dal giudice, il giovane ha ricordato di «avere avuto paura delle minacce di morte pronunciate da mio padre quando mi picchiava». In un'occasione, a seguito della violenza, il ragazzo ha tossito sangue. «Sembrava stesse picchiando qualcuno che gli ha fatto del male». Un timore talmente elevato da portarlo a «dormire con la luce accesa per paura di mio padre». A lasciare più di una perplessità nel giudice e nella Procuratrice è stato il fatto che diverse persone sapevano quello che succedeva in quella casa ma, nonostante l'obbligo di segnalazione (a confidarsi con gli insegnanti è stata anche la sorellina delle due vittime) nessuno ha denunciato la situazione.

La prima giornata di dibattimento si è conclusa con l'intervento dell'avvocato Sandra Xavier, legale della moglie dell'imputato. Domattina la parola passerà alle legali Clarissa Torricelli (legale della ragazza) e Isabelle Schweri. Toccherà poi all'avvocato Maria Galliani, avvocato difensore del 48enne. La sentenza è attesa nel tardo pomeriggio.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved