l-inferno-in-casa-loro-chiesti-11-anni-di-carcere
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
39 min

Quasi 500 abitanti in più a Bellinzona in un anno

Il 31 dicembre 2021 si contavano in totale 44’530 residenti nella città aggregata, ovvero 474 in più rispetto a un anno prima
Ticino
1 ora

In Ticino 2 decessi e -4 pazienti Covid (-1 in cure intense)

Resta sostanzialmente stabile il livello dei contagi. Nelle case anziani un decesso e ben 33 ospiti dichiarati guariti in 24 ore: 85 ad oggi i positivi
Luganese
1 ora

A Pura diatriba sulle campane a suon di... petizioni

Dopo una raccolta di firme per far ridurre i rintocchi il Municipio ha disposto alcune concessioni, che ‘non soddisfano’. E ora c’è una contropetizione
Bellinzonese
1 ora

Colline antirumore fattibili ma solo in un parco fluviale

Bellinzona-Riviera: lo studio piace al Cantone ma pone alcuni vincoli per una valorizzazione paesaggistica, naturalistica e fruitiva del fiume Ticino
Locarnese
1 ora

Cugnasco-Gerra, il ‘verde’ dei vicini è diventato oramai troppo

La piazza di raccolta da tempo accoglie scarti vegetali dalla regione. Valutate contromisure al problema, che determina costi maggiori per lo smaltimento
Locarnese
1 ora

Soccorso alpino, più interventi lungo i corsi d’acqua

Bilancio d’attività 2021 della Colonna di soccorso regione di Locarno. Casistica sui livelli degli scorsi anni, si avvicina la realizzazione della sede
Mendrisiotto
2 ore

Ricetta anti-decrescita a Chiasso, il bonus famiglia divide

Fa discutere la proposta dal Ppd. Nel frattempo, il sindaco Arrigoni prospetta uno studio a tutto campo
Mendrisiotto
5 ore

Attraverso i boschi di Stabio, in cerca della salvezza

Bruna Cases è fuggita da Milano con la famiglia per scappare ai rastrellamenti. Il diario dove racconta il passaggio da Montalbano è stato pubblicato
Luganese
13 ore

Pestaggio di Cadempino, slitta ancora il processo

Si sarebbe dovuto aprire domani alle 9.30. Il motivo è il medesimo del primo rinvio: uno dei sei imputati è risultato positivo al Covid.
Luganese
14 ore

Lugano, ‘i giovani vengono ascoltati’

Il Municipio assicura il loro coinvolgimento, mantiene attivi i canali di comunicazione e annuncia la possibile riattivazione del Parlamento
Mendrisiotto
14 ore

Mendrisio riapre lo Sportello energia

In presenza o a distanza per saperne di più su vettori e impianti efficienti e sul mercato
Bellinzonese
15 ore

‘Pensare in grande altrimenti la Bassa Leventina resterà debole’

Il sindaco di Pollegio Igor Righini ribadisce la contrarietà alla fusione. ‘Per contare davvero qualcosa serve un Comune unico delle Tre Valli’
Luganese
15 ore

Campione d’Italia, il casinò apre ai residenti

Venerdì pomeriggio alle 16 i residenti del Comune e i cittadini Aire potranno accedere alla casa da gioco che riaprirà mercoledì
Ticino
16 ore

‘BancaStato abbandoni gli investimenti nelle energie fossili’

Lo chiede il collettivo Campo Climatico che questa sera ha tenuto una breve manifestazione a Bellinzona davanti a Palazzo delle Orsoline
09.07.2020 - 17:200
Aggiornamento : 18:10

‘L'inferno in casa loro’, chiesti 11 anni di carcere

È questa la richiesta di pena della Pp Marisa Alfier nei confronti del siriano a processo per tentato omicidio intenzionale

È «un regime del terrore e del controllo fatto di impedimenti» quello vissuto nell'abitazione di Novazzano dove il 48enne siriano a processo da stamattina davanti alla Corte delle Assise criminali di Mendrisio ha commesso cinque tentati omicidi intenzionali. Per l'uomo la Procuratrice pubblica Marisa Alfier ha proposto una condanna di 11 anni di detenzione (8 qualora la corte dovesse optare per il reato di ripetuta esposizione a pericolo della vita altrui) e 10 anni di espulsione dalla Svizzera. Le violenze hanno interessati i figli dell'uomo, due gemelli oggi 20enni, e la moglie. Solo l'arresto dell'uomo, il 26 dicembre 2018, «ha finalmente aperto il vaso di pandora su quello che è successo a questa famiglia», ha detto Alfier. L'imputato è stato raggiunto dalla famiglia in Svizzera nel 2015. L'anno successivo sono iniziati i maltrattamenti. Anni, ha aggiunto Alfier, «di violenza gratuita. Per lui era importante far male ai suoi figli che diceva non essere suoi e che gli avevano rovinato la vita sin dalla loro nascita». Quanto vissuto dalla famiglia è stato insomma un «inferno in casa loro, nel luogo dove dovevano sentirsi protetti».

Botte per un anello

Il 48enne è stato arrestato al culmine di una giornata di violenza. «Sei ore e 35 minuti – ha sottolineato ancora Alfier –. Posso capire la perdita del controllo, ma in questo caso non si tratta di un raptus improvviso. La sua azione è stata continua e controllata: la figlia doveva essere punita e doveva morire». Il 26 dicembre di due anni fa l'imputato ha scoperto che la figlia, allora 18enne, si era fidanzata a sua insaputa. Solo per questo specifico episodio l'uomo ha fornito qualche parziale ammissione dopo innumerevoli «non è vero» e «non so perché mia moglie e i miei figli mentano» quando è stato interrogato sugli altri episodi di violenza. «Abbiamo discusso – ha ammesso il 48enne ricordando quel giorno –. Ero molto arrabbiato perché mi hanno nascosto tutto». Dopo la telefonata del fidanzato, «le ho dato delle sberle in salotto. L'ho colpita sul naso, non ricordo se con una sberla o un pugno, e le è uscito sangue, ma non l'ho presa a calci». Quando la mamma e il fratello della ragazza sono intervenuti «per farmi smettere siamo caduti a terra. Forse in quel momento l'ho colpita con un calcio». L'imputato, «un aguzzino della peggiore specie», così lo ha definito Alfier, ha negato di avere colpito i figli con calci al volto. «È pericoloso», si è giustificato l'imputato, ammettendo di avere picchiato i figli una volta nel 2016, una nel 2017 e una nel 2018. La perizia medica alla quale la giovane è stata sottoposta, ha aggiunto la rappresentante dell'accusa, «dimostrano che è stata picchiata dappertutto, soprattutto al volto». A mente dell'imputato, la figlia «aveva disonorato la famiglia perché andava con gli uomini e ha ammesso che, fossero stati in Siria, la ragazza poteva essere uccisa». A preoccupare la rappresentante dell'accusa è «il grado di recidiva piuttosto elevato all'interno della famiglia» emerso dalla perizia psichiatrica a cui l'uomo è stato sottoposto.

‘Solo sberle sulle braccia’

Tre episodi contestati all'imputato riguardano il figlio. A scatenare la furia del padre sono stati futili motivi: una chiave dimenticata nella toppa, un prelevamento di 30 franchi per offrire un caffè ai colleghi (che prima di allora avevano sempre pagato per lui) o una fattura telefonica troppo elevata. «Ho picchiato i miei figli quando facevano qualcosa che non andava bene – ha spiegato l'uomo –. Picchiare è qualcosa di sbagliato, ma dopo che davo consigli e alla terza volta non mi capivano, davo delle sberle sulle spalle e sulle braccia. In faccia no perché è pericoloso». Interrogato dal giudice, il giovane ha ricordato di «avere avuto paura delle minacce di morte pronunciate da mio padre quando mi picchiava». In un'occasione, a seguito della violenza, il ragazzo ha tossito sangue. «Sembrava stesse picchiando qualcuno che gli ha fatto del male». Un timore talmente elevato da portarlo a «dormire con la luce accesa per paura di mio padre». A lasciare più di una perplessità nel giudice e nella Procuratrice è stato il fatto che diverse persone sapevano quello che succedeva in quella casa ma, nonostante l'obbligo di segnalazione (a confidarsi con gli insegnanti è stata anche la sorellina delle due vittime) nessuno ha denunciato la situazione.

La prima giornata di dibattimento si è conclusa con l'intervento dell'avvocato Sandra Xavier, legale della moglie dell'imputato. Domattina la parola passerà alle legali Clarissa Torricelli (legale della ragazza) e Isabelle Schweri. Toccherà poi all'avvocato Maria Galliani, avvocato difensore del 48enne. La sentenza è attesa nel tardo pomeriggio.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved