laRegione
commercianti-dobbiamo-consolidare-gli-aiuti-servono-in-estate
Iniziative per il rilancio dei commerci e dei centri cittadini (archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 ore

Lugano, una doppia seduta da quasi 40 milioni

Tutelata l'ex autorimessa Arl di Viganello e ok al sottopasso di Besso. A sette anni dalle promesse preaggregazione, via libera al nuovo asilo di Cadro
Luganese
6 ore

Ex Macello di Lugano, la convenzione può essere disdetta

Interpellanza sulla manifestazione indetta dal centro sociale, il vicesindaco Michele Bertini ha evocato ragioni di interesse pubblico per revocare l'accordo
Luganese
8 ore

Spazio 1929 lascia il posto a Impact Hub Ticino

Nato come luogo di coworking, passa il testimone a una organizzazione internazionale riconosciuta dalla Nazioni Unite
Ticino
8 ore

Preventivo, in Gestione un sì che divide

Firmato il rapporto. Confermata e formalizzata la richiesta al Consiglio di Stato di presentare misure entro giugno per un autofinanziamento non negativo
Luganese
9 ore

Lugano, 'si acceleri sul Polo sportivo'

Alcuni consiglieri comunali Plr presentano una mozione d'ordine all'inizio della seduta appena cominciata al Palazzo dei congressi.
Luganese
10 ore

TE Connectivity di Bioggio: si chiude a fine 2021

Lo stabilimento di Bioggio - come preannunciato già a ottobre - chiuderà definitivamente i battenti. Un centinaio di persone senza lavoro
Gallery
Ticino
11 ore

Anche il Ticino si imbianca

Fiocchi in arrivo anche in pianura. Al momento non si registrano disagi
Locarnese
12 ore

Ascona, fermate e posteggi provvisori

Tutti i cambiamenti in vista per il cantiere di via Ferrera
Locarnese
12 ore

Maggia, Lega e Udc/Svp confermano l'unione

Alle elezioni di aprile 2021 i due schieramenti scenderanno in campo con una lista unica
Luganese
12 ore

Il Panathlon Club Lugano avvicina i club alla Berna politica

Creato nel Luganese un asse per affinare le soluzioni decise recentemente dal Consiglio federale a favore dello sport in tempid i coronavirus
Luganese
12 ore

'Circocerca', divertente spettacolo alla Supsi di Trevano

Ideato e con Luzia Bonilla e Mario Camani. Per assicurarsi dei posti è necessario riservare e presentarsi venti minuti prima dell’inizio .
Luganese
12 ore

Targhe svizzere a Campione, chiesta una (lunga) proroga

La nuova giunta comunale informa la cittadinanza sui passi intrapresi dall'elezione, lo scorso 20 settembre, nella delicata gestione dell'enclave
Luganese
12 ore

Aperture speciali per la Bottega del Mondo di Tesserete

In occasione del mese di dicembre tutti gli orari delle festività natalizie al negozio capriaschese dove trovare spunti regalo
Luganese
13 ore

In mostra le cartelle dell'artista Renato Bruscaglia

Esposizione dal 5 dicembre fino al 20 febbraio 2021 nel porticato della Biblioteca Salita dei Frati di Lugano
Locarnese
13 ore

Locarno, auguri natalizi con tecniche calcografiche

Mostra d'arte con i lavori di Aurelio Bertoni da Marnin, in Piazza Sant'Antonio
Bellinzonese
13 ore

Più bus e collegamenti nel Bellinzonese, ma anche più costi

Dal 13 dicembre sia le linee urbane, sia quelle regionali saranno potenziate. Previsti costi di oltre nove milioni di franchi per il 2021.
Locarnese
14 ore

Convenzione Papio-Comune di Ascona, le correzioni

Su richiesta del collegio, il Municipio propone l'aumento del contributo base e semplificazioni per i sussidi alle famiglie
Mendrisiotto
29.06.2020 - 21:320

Commercianti: 'dobbiamo consolidare, gli aiuti servono in estate'

Il presidente della Società del Mendrisiotto Carlo Coen: il coronavirus presenterà il conto in autunno, dilazionare troppo gli aiuti potrebbe non servire

«Gli aiuti per i commercianti devono essere concentrati nei mesi estivi per aiutarci a consolidare l'attività». Il presidente della Società commercianti del Mendrisiotto (Scm) Carlo Coen non ha dubbi. Dopo la chiusura forzata a causa del coronavirus, «i conti si faranno in autunno – spiega –. Adesso come adesso anche chi ha grosse difficoltà riesce a trascinarsi grazie alle fideiussioni e alle indennità di lavoro ridotto, che termineranno a fine settembre. Gli aiuti arrivati a livello federale sono stati mirati e stanno servendo allo scopo. Ma sarà negli ultimi tre mesi dell'anno che si faranno veramente i conti».

Parola al Cc di Chiasso

Questa sera, intanto, il Consiglio comunale – riunito alle 20.30 al Palapenz per garantire il rispetto delle distanze sociali – si esprimerà sul credito quadro straordinario di 2'110'000 franchi per contrastare gli effetti negativi della pandemia tramite misure a breve e medio-lungo periodo, investimenti a favore dell'economia locale, nonché incentivi a favore dell'efficienza energetica e lo sfruttamento delle energie rinnovabili negli edifici. «Per quanto riguarda i commerci – sottolinea Coen – gli aiuti non dovranno essere distribuiti troppo in là: abbiamo perso una stagione importantissima che può equivalere a sei mesi di incasso. Ci ritroviamo in estate, stagione per noi transitoria dato che non siamo in una zona turistica, a dover capitalizzare e consolidare i negozi». Proprio per questo, precisa ancora il presidente, «è importantissimo che gli aiuti siano concentrati nei mesi di luglio, agosto e settembre, perché se distribuiti più avanti potrebbe anche essere troppo tardi». Un sostegno «molto importante» è quello deciso a Berna per gli affitti, un tema che ha animato la discussione tra gli addetti ai lavori a livello comunale e cantonale. «Speriamo che la base legale venga stabilita entro la fine dell'anno – è l'auspicio di Carlo Coen –. Siamo molto contenti perché ci sono venuti incontro e, per i due mesi di chiusura, il proprietario dell'attività dovrà pensare ‘solo’ al 40 per cento del canone di affitto». A fornire un aiuto ai suoi associati, è la stessa Scm. «Abbiamo deciso di condonare la quota sociale alle attività che hanno avuto la chiusura totale, mentre quelle che hanno potuto continuare a operare, ci possono versare un contributo volontario che ci aiuta nelle iniziative che stiamo organizzando per rilanciare il commercio locale». 

Un cambio di comportamento

Le attività commerciali del distretto sembrano nel frattempo non avere risentito in modo importante della riapertura delle frontiere. «Ci sono molti ticinesi che vanno oltreconfine – analizza Coen –, ma non tutta l'ondata che ci si poteva aspettare. Ci sono ancora molte persone che hanno un certo timore e per questo hanno deciso di rimanere in Ticino per i loro acquisti». Il coronavirus ha anche portato un cambiamento. «Anche se c'è meno gente nelle attività commerciali, abbiamo riscontrato che chi entra in un negozio lo fa per acquistare e non solo per curiosare. Un notevole cambio di comportamento da parte della nostra clientela». Clientela che può attualmente beneficiare di sconti e promozioni, dei buoni acquisto studiati dai Comuni e dei prezzi «assolutamente concorrenziali» che i negozianti si sono impegnati a mantenere. «Sono molte le iniziative che si stanno muovendo per incentivare il mercato locale e salvaguardare i nostri posti di lavoro. Anche noi, come associazione di categoria, stiamo preparando qualcosa di simile in collaborazione con Gastro».

Buoni a livello distrettuale

Oltre all'adesione alla campagna cantonale #riparTiamo, la Scm sta come detto elaborando una sua specifica iniziativa. «Stiamo lavorando con i comuni e i vari partner per avviarla nel più breve tempo possibile e metterla a disposizione di associati e partner durante l'estate cioè, come detto, il periodo dove i commerci hanno bisogno di aiuto – aggiunge ancora Coen –. Si tratta di un'iniziativa distrettuale che porterà alla creazione di un libretto con buoni sconto che verranno distribuiti ai fuochi. È qualcosa di importante che potremo realizzare dove ci sarà l'aiuto dei comuni perché con più partecipazione ci sarà, più sarà interessante». Questi buoni andranno ad aggiungersi alle varie iniziative comunali, già votate o al vaglio degli esecutivi. «Ringraziamo i comuni che si sono attivati – premette Coen –. Ma in un momento così delicato e importante sarebbe stato meglio, per essere più incisivi, avere un coordinamento distrettuale per questi aiuti ai commerci. Non siamo un grande poco, siamo in pochi: un'azione coordinata avrebbe potuto aiutare di più i commerci». Ecco perché la Scm, «come associazione di categoria, vuole spingere su questo concetto – analizza il presidente –. Se rimaniamo limitati al nostro angolino non andiamo da nessuna parte: è solo con i numeri che riusciamo ad avere vantaggi per tutti».

La Scm del futuro

Oltre che sulle incognite lasciate in eredità dalla pandemia, la Scm sta anche lavorando per il futuro. «Abbiamo creato un gruppo di lavoro che sta elaborando uno statuto più aggiornato – annuncia il presidente –. Vogliamo portare la Scm nel nuovo millennio con uno statuto moderno che ripercorra quelle che sono le attuali necessità». Allo studio ci sono anche «le nuove quote sociali – conclude Carlo Coen –. L'obiettivo, che speriamo di raggiungere per l'anno prossimo, è quello di avere una quota base più bassa di quella attuale, per venire incontro ai commerci più piccoli e soprattutto riuscire a coinvolgerli».

© Regiopress, All rights reserved