investi-il-vicino-con-l-auto-fu-tentato-omicidio
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
40 min

Resega e dintorni, un ‘regalo’ all’Hcl?

Fa discutere la concessione di un diritto di superficie per una palazzina attigua alla pista
Luganese
40 min

Conferenza Ucraina: ‘Simbolica? Direi piuttosto solidale’

Artem Rybchenko, ambasciatore ucraino a Berna, sulla Ukraine Recovery Conference di Lugano: ‘Preziosa opportunità di incontro coi partner internazionali’
Ticino
8 ore

L’economia dei lavoretti da noi è ‘poco diffusa’

Lo rileva il Consiglio di Stato rispondendo a un’interrogazione di Sirica (Ps) in seguito al ‘caso Divoora’. Attesi approfondimenti a livello nazionale
Locarnese
9 ore

JazzAscona 2022, organizzatori molto soddisfatti

Sotto il segno del gemellaggio con New Orleans la maratona musicale ticinese, giunta alla 38esima edizione, ha registrato un ottimo successo
Locarnese
9 ore

Salvataggio Sub Gambarogno, dati due nuovi brevetti

 Mattia Ferrari e Roberto Plebani hanno ottenuto il brevetto per i salvataggi nelle acque libere
Locarnese
10 ore

Mortale di Broglio, ‘Daniele amava la valle e la sua libertà’ 

Il 20enne è deceduto nell’incidente stradale avvenuto stanotte. Nato al ‘piano’ ma col cuore fra le montagne. Il ricordo di parenti e amici.  
Gallery
Mendrisiotto
10 ore

Cavea Festival ad Arzo, grande musica e buoni numeri

Organizzatori soddisfatti. Alla manifestazione alle cave tutto è filato liscio anche sul fronte della sostenibilità e della sicurezza
Luganese
11 ore

Lugano, Harley Days di successo con... fuochi inattesi

Folta partecipazione all’evento che si chiude oggi. Ma a far discutere sono i fuochi d’artificio non annunciati di sabato sera. Badaracco: ‘Malinteso’.
Gallery
Luganese
12 ore

Ukraine Recovery Conference, Shmyhal atterrato ad Agno

Il Primo ministro, che guiderà la delegazione ucraina è arrivato in città. Accolto dal presidente Cassis e dal sindaco Foletti
Mendrisiotto
13 ore

Morta sull’A2, gli amici del ritrovo: ‘Una bellissima persona’

Nella regione ha lasciato increduli la morte della 36enne travolta nella notte a Rancate. La giovane donna era mamma di due bambine
Luganese
14 ore

Risparmio energetico, i Verdi: ‘Lugano faccia la sua parte’

Un’interrogazione ecologista chiede al Municipio di adeguarsi alle raccomandazioni dell’Agenzia internazionel dell’energia
Bellinzonese
14 ore

Diaporama di Giuseppe Brenna sugli alpi di Leventina

L’alpinista giovedì 7 luglio presso il Dazio Grande presenterà in conferenza la sua ultima fatica editoriale
Ticino
14 ore

Mafie in Ticino, ‘il pool cantonale non serve’

Risposta del Consiglio di Stato alla mozione di Quadranti (Plr). Il deputato insoddisfatto replica: ‘Porterò il dossier nella commissione competente’
Stabio
09.06.2020 - 17:58
Aggiornamento: 20:19

Investì il vicino con l'auto, fu tentato omicidio

Tre anni e 9 mesi di carcere al 75enne che, nel marzo del 2018, con la propria auto investì il vicino di casa

Dallo sporco lasciato dal cane alla gestione dei parcheggi. Passando dai comportamenti che, per diversi condomini, non facevano parte delle ‘regole del buon vicinato’. ‘Beghe’ che, in una realtà di edifici residenziali con numerosi appartamenti, possono presentarsi. Ma un epilogo di questo genere nessuno lo avrebbe mai pensato. Per regolare i ‘conti’, infatti, il 9 marzo del 2018 si è passati dalle parole ai fatti (gravi). È questo il preludio a quanto accaduto a Stabio. “Non ragionavo più”, ha risposto oggi in aula l’imputato, un 75enne italiano da decenni residente in Svizzera che, in quel condominio, ha deciso di vivere, comprandosi un appartamento. Imputato, difeso dall’avvocato Gaia Zgraggen, che ha deciso di farsi giustizia da solo. In che modo? Investendo con la propria auto il vicino di casa che “creava problemi”. E per questo la Corte delle assise criminali di Mendrisio, presieduta dal giudice Mauro Ermani, lo ha condannato a 3 anni e 9 mesi per ripetuto tentato omicidio. Quel pomeriggio si è dunque arrivati al gesto che nessuno avrebbe mai voluto vedere. Ma che, in realtà, è stato ben ripreso dalle telecamere della videosorveglianza presenti e dal telefonino della moglie della vittima. La vittima – un 46enne – che fortunatamente, una volta investito, non ha riportato conseguenze fisiche gravi. Ma i filmati, rivisti in aula, non lasciano spazio ai dubbi. I fatti, il 9 marzo, sono cominciati con un alterco. Dalle parole si è passati a un contatto fisico durante il quale l’imputato ha avuto la peggio (cadendo a terra, si scoprirà a distanza di giorni, ha riportato la frattura di una vertebra). Lo scontro, però, non si è esaurito. Meno di due minuti dopo, infatti, il 75enne alla guida della propria auto prova a investire il 46enne. Tentativo fallito al quale la vittima risponde colpendo con un calcio l’auto dell’imputato. Una breve retromarcia ed ecco il secondo tentativo, ancora andato a vuoto. Poi il terzo: altra retromarcia e, questa volta, il 75enne investe la vittima, schiacciandola tra la propria auto e quella parcheggiata dell'antagonista. Tutto, come detto, ripreso da telecamere e telefonino.

Ripetuto tentato omicidio. ‘No, lesioni semplici’

Per l’accusa, rappresentata dalla procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis (che ha ereditato l’inchiesta dal procuratore pubblico Antonio Perugini), non ci sono dubbi, si è trattato di ripetuto tentato omicidio.  L'imputato «voleva eliminare l'inquilino», ha rimarcato durante la requisitoria. Un’azione che vale, secondo l’accusa, una condanna a 5 anni di carcere. Il tutto, tenendo conto dell’incensuratezza dell’uomo e della scemata imputabilità di grado lieve-medio ravvisata dal perito psichiatrico (“reazione acuta da stress di lieve gravità”, la diagnosi). 

Di diverso avviso la difesa. L’avvocato Zgraggen, infatti, ha cominciato la propria arringa difensiva riportando numerosi esempi comprovanti la difficoltà (da parte di numerosi inquilini dello stabili) di convivenza che si erano palesati nei confronti della vittima e di sua moglie. «Agli atti i filmati dimostrano quanto accaduto – ha sottolineato la legale –. Quello che non emerge è la situazione di esasperazione che la vittima aveva creato. Un comportamento molesto e provocatorio. Non siamo in presenza di un imputato che un bel giorno si è svegliato e ha tentato di investirlo – ha proseguito –. Siamo di fronte a una reazione, spropositata ad una serie di angherie». Riconosciuti i fatti – una collaborazione accertata anche dalla pp –, Zgraggen si è comunque battuta per una pena di 12 mesi sospesi condizionalmente, puntando sul reato di lesioni semplici qualificate. Questo perché, alla luce dei fatti, la vittima «ha riportato 'solo' leggere contusioni alle gambe».

Perla Corte, invece, si è trattato di «triplice tentato omicidio – ha sentenziato il giudice Mauro Ermani nel motivare la condanna a 3 anni e 9 mesi di carcere –. Il tentare di investire ripetutamente un pedone è un agire che configura gli elementi costitutivi per il ripetuto tentato omicidio. È infatti evidente che – ha proseguito – la vettura è un’arma potenzialmente molto pericolosa. Capace di causare ferite potenzialmente letali. Se in concreto ciò non è avvenuto è stato solo per una buona dosa di fortuna. L’imputato – ha chiosato infine – ha dimostrato di essere pronto a sacrificare una vita umana pur di dar sfogo alle proprie frustrazioni».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved