Sul sentiero si incontreranno dei pannelli informativi (Ti-Press)
Mendrisiotto
02.04.2020 - 19:000

Si recupera la 'via del contrabbando' da Erbonne

Si concretizza il progetto transfrontaliero che intende dare valore a un territorio tutto da scoprire

«Il nostro obiettivo è quello di promuovere lo sviluppo del territorio attraverso la conoscenza di tutte le bellezze che lo compongono. Il drammatico momento che stiamo vivendo necessita di unità e condivisione anche attraverso progetti di cooperazione come quello che abbiamo messo in cantiere».  A parlare è Mario Pozzi, sindaco del Comune Centro Valle Intelvi. Presenta così l'iniziativa che passa dal recupero della 'via del contrabbando', un percorso pedonale lungo una ventina di chilometri, al centro del quale c'è Erbonne, borgo in cui attualmente vivono sette persone con stretti legami con il Canton Ticino. Non a caso infatti il cognome ricorrente è Cereghetti.

Erbonne è collegato a Scudellate, grazie a un ponte pedonale. In questi giorni il comune di Centro Valle Intelvi ha affidato a un tecnico l'incarico di allestire il progetto esecutivo che prevede una spesa complessiva di 120mila euro. Di 86mila euro lo stanziamento da parte del gruppo intelvese di azione locale (Gal) composto da soggetti pubblici e privati allo scopo di favorire lo sviluppo locale di un'area rurale attraverso fondi europei. La somma residua, invece, è a carico dello stesso Comune di Centro Valle Intelvi. La 'via del contrabbando' da Erbonne attraversa boschi, radure e pascoli e arriva a Ermogno, nel territorio di Cerano Intelvi, da dove il sentiero si snoda in due biforcazioni: la prima raggiunge Pian delle Alpi, l'altra l'abitato di Casasco, che ha già provveduto a realizzare il percorso di sua competenza.

Lungo la 'via del contrabbando' saranno poi installati dei pannelli didattici e divulgativi per raccontare la storia  di questi luoghi: dalle bellezze storiche e paesistiche alla flora e alla fauna che popola la vasta area. Questa iniziativa rappresenta un'occasione per rilanciare le potenzialità di un territorio di montagna che si estende anche in Ticino.

© Regiopress, All rights reserved