terza-corsia-autostradale-il-cantone-sta-con-i-comuni
Tema dibattuto (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Che cosa ci dice il lavoro? Risponde Marazzi

La lectio magistralis dell’economista Supsi è un’occasione per fare il punto con lui su senso e cambiamenti della realtà locale e globale
Mendrisiotto
3 ore

‘Mettiamo un tetto alle auto sulle strade trafficate’

L’Ata dice ‘no’ a PoLuMe e corsia per i Tir e rilancia proponendo di trasferire i pendolari sul trasporto pubblico. Come si è fatto con i camion
Luganese
10 ore

Archibugieri ticinesi agli onori in Italia

Importanti risultati anche per i ticinesi Denys Gianora di Pregassona e Giordano Rossi di Brusino Arsizio
Mendrisiotto
10 ore

Il Camping Monte Generoso di Melano amico dei cani

Riconosciuto come ‘the best campsite for your dog’ di tutta la Svizzera da parte dell’Acsi, il maggior specialista europeo dei campeggi
Bellinzonese
10 ore

Depurazione a Giubiasco, nel Ticino acqua sei volte più pulita

È il risultato del nuovo sistema di filtrazione attivo da otto mesi presso l’impianto dell’Azienda multiservizi Bellinzona
Mendrisiotto
12 ore

Presenza insolita fuori scuola ad Arzo: ‘Situazione monitorata’

Istituto e Polizia sono al corrente e restano vigili. Aperto dialogo con gli alunni. L’invito è a non creare allarmismo
Ticino
12 ore

Torna la Giornata mondiale senza tabacco, #maforselosaigià

Lo slogan della campagna vuol stuzzicare l’attenzione del pubblico e farlo riflettere sui molteplici danni che l’industria del tabacco arreca all’ambiente
Mendrisiotto
13 ore

Balerna festeggia il suo concittadino Mattia (Crus) Croci-Torti

Incontro con la popolazione giovedì 2 giugno alle 18.30 per celebrare il successo di Coppa dell’allenatore del Lugano
Luganese
13 ore

Corsi di italiano per stranieri: iscrizioni aperte a Lugano

Li organizza nell’ambito delle proprie attività in favore dell’integrazione l’Associazione Il Centro
22.02.2020 - 14:45

Terza corsia autostradale, il Cantone sta con i Comuni

In una lettera all’Ustra si sostiene l’opzione che mette l’A2 in galleria. La Confederazione propende per la variabile meno costosa

L’interrogativo è di quelli amletici: potenziare o no il tratto autostradale fra Lugano Sud e Mendrisio? Al di là delle etichette di partito, il dossier fra i candidati alle prossime Comunali è controverso. Comuni e Commissione regionale dei trasporti da queste parti non hanno dubbi: se c’è da creare una terza corsia dinamica (quindi da aprire all’occorrenza) lungo l’A2, allora si scelga la variante più efficace quanto a effetti per traffico, ambiente e paesaggio (come riferito da ‘laRegione’ del 15 gennaio). L’opzione 2 (anzi la 4/2, così è stata ribattezzata), certo, è anche la più costosa: si parla di un miliardo e 355 milioni di franchi (contro il miliardo e 140 milioni della prima possibilità). Tant’è che la Confederazione appare orientata verso l’altra soluzione (la 4/1).

'La variante 2 è la migliore'

Un mese fa, però, come ci era stato confermato, erano ancora in corso trattative riservate con il Consiglio di Stato. Governo che, a inizio febbraio, in una missiva indirizzata all’Ufficio federale delle strade (Ustra), ha sciolto le sue riserve: a Palazzo delle Orsoline si schierano dalla parte delle istituzioni locali. Da subito, del resto, le ‘simpatie’ del Cantone erano andate alla variante due, per potenzialità e pregi. Gli approfondimenti e, soprattutto, la comparazione delle proposte non hanno fatto altro che suffragare la prima idea. Il lessico cantonale è chiaro: “Il confronto mostra in modo inequivocabile come la variante 4/2 sia decisamente la migliore”. La richiesta nitida: imboccare questa direzione e avviare l’iter per dare via libera al progetto generale da parte del Consiglio federale. Il CdS, quindi, non si è lasciato convincere dalle ragioni con cui l’Ustra perora la causa della prima variabile. “Non concordiamo – scrive il governo per mano del presidente Christian Vitta – sul fatto che la variante 4/1 soddisfi pienamente gli obiettivi richiesti al progetto: dal profilo paesaggistico e ambientale tale soluzione non risolve le problematiche del comparto”. Con il risultato, si rincara, “di perdere un’occasione privilegiata per rimediare a errori del passato da tutti riconosciuti”.

In gioco anche l'aggiramento di Bissone

Ma c’è di più: a fronte di benefici che si ritengono “limitati” e comunque “nettamente inferiori” rispetto all’alternativa messa sul tavolo, in gioco c’è anche l’aggiramento di Bissone. E mantenere anche solo una corsia dell’A2 sul tracciato odierno, non darebbe modo di restituire qualità di vita a uno dei villaggi lacustri verso il quale la Confederazione, sottolinea il CdS, ha delle “chiare responsabilità” in linea con le sue politiche di valorizzazione dei beni patrimoniali e paesaggistici. E ambiente e paesaggio sono, agli occhi del Cantone, criteri ineludibili. Come non è “assolutamente accettabile” l’orizzonte temporale, il 2060, ventilato, subordinando la soluzione auspicata ad altri interventi. Non solo: spetta all’autorità federale farsi carico per intero dell’operazione. Dunque il CdS non è disposto (come da proposta di partecipazione) a mettere mano alla cassa.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved