ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 ore

A Tresa nasce un progetto di reinserimento sociale

Municipio e servizio sociale coinvolgono le aziende per creare opportunità di stage, lavori temporanei o di lunga durata per i giovani in assistenza
Ticino
8 ore

Formazione bilingue, studenti friburghesi nei licei ticinesi

Dopo i cantoni di Berna e Vaud, un nuovo progetto per rafforzare il plurilinguismo
Ticino
9 ore

Si torna a fare il pieno in Ticino

Prezzi benzina: dopo il taglio delle accise in Italia, i frontalieri, e non solo loro, riappaiono nei distributori al di qua del confine
Luganese
9 ore

Bioggio, scontro tra due auto alla rotonda

Un ferito leggero e ingenti danni materiali ai due veicoli coinvolti il bilancio del sinistro tra via Strada Regina e via Longa
Luganese
9 ore

Ricerca di persona sopra Caslano, operazione conclusa

Nelle ricognizioni era stata impegnata la Rega, intervenuta anche con un elicottero con termocamera e visore notturno
Locarnese
9 ore

Corsi 2023 dell’Associazione per l’infanzia e la gioventù

Nella sede di Locarno, tedesco e inglese. Ma anche tutoring per dislessia e discalculia
Locarnese
9 ore

Scuola medico-tecnica a Locarno, pomeriggio informativo

Per aspiranti assistenti di studio medico o studio veterinario e per i futuri guardiani di animali
Grigioni
10 ore

Il Parco Val Calanca è realtà

Le assemblee comunali di Rossa, Calanca, Buseno e Santa Maria hanno detto di sì con rispettivamente il 100%, il 76%, il 90% e il 100% dei voti
Bellinzonese
11 ore

‘L’unico neo di una tre-giorni riuscita’

L’alterco della serata d’apertura non rovina i bagordi carnascialeschi di Cadenazzo. Bottinelli: ‘Pienone nella ‘replica’, andata liscia come l’olio’
Gordola
11 ore

Aumentare i contributi per gli abbonamenti ai trasporti pubblici

Una mozione per chiedere al Municipio d’introdurre un regolamento con sussidi dal 20 al 50 per cento
Mendrisiotto
12 ore

Torna il corso per giovani tiratori dell’Aurora Stabio

Si svolgerà in marzo a Maroggia, per i ragazzi nati fra il 2003 e il 2008, il 7 febbraio una serata informativa
Bellinzonese
13 ore

La cultura previene o alimenta le violenze fondate sul genere?

A queste e altre domande si cercherà di dare risposta lunedì 30 gennaio alle 19.45 alla Scuola Media Bellinzona 1
Luganese
13 ore

Persona dispersa sul Monte Sassalto, sopra Caslano

Le operazioni di ricerca sono scattate nella serata di ieri. Impegnata la Rega, prima con il visore notturno e poi in volo a vista
Grigioni
14 ore

Grono ha 66 abitanti in più

Nel Comune grigionese, al 31 dicembre 2022, abitavano 1’493 persone. Registrati 155 arrivi contro 88 partenze, 13 nascite e 14 decessi
Ticino
1 gior

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
1 gior

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
19.02.2020 - 17:51

Le Processioni di Mendrisio entrano nell'era digitale

La Fondazione è pronta per la prima edizione targata Unesco (e anche a reclutare volontari online). Tre guide e due progetti per le scuole

le-processioni-di-mendrisio-entrano-nell-era-digitale
La tradizione continua a vivere, sotto svariate forme (Ti-Press)
+4

Secolari e contemporanee: le Processioni della Settimana Santa di Mendrisio sanno attraversare il tempo che passa. E proprio il loro essere tradizione vivente ha spalancato le porte del patrimonio culturale immateriale dell’umanità. A renderle uniche i quadri di luce – i Trasparenti – che illuminano le rappresentazioni del Giovedì e del Venerdì santi. Citate fin dal 1’600, non temono, però, l’era digitale. Tant’è che quest’anno, in coincidenza con la prima edizione targata Unesco, figuranti e aspiranti partecipanti potranno annunciarsi via posta elettronica. Basterà inviare una e-mail a volontari@processionimendrisio.ch e si sarà parte di un evento storico: scolari, studenti e adulti.

«Nel 2020 siamo alla versione 1.0», annuncia il presidente della Fondazione Processioni storiche Gabriele Ponti. L’orgoglio del riconoscimento, del resto, carica di responsabilità gli organizzatori. «Ci mette un po’ di pressione – ammette –: ci dà l’onere di tramandare, preservare e innovare queste tradizioni viventi». L’impegno, ribadisce, è quello di riuscire a «far parlare di Processioni tutto l’anno e di appassionare la gente». E allora, si sa, è importante coltivare la passione fin da piccoli. Da qui la sfida raccolta da tutti gli attori in campo e l’alleanza stretta con la scuola. Un’intesa che si è rivelata particolarmente feconda, con due pubblicazioni-guida – diventate di recente tre a vantaggio dei più piccoli – e altrettanti progetti didattici, che potrebbero uscire dai confini scolastici cittadini (questo, almeno, è l’intento). Nessuno nasconde (per primo il presidente) che accanto allo spirito divulgativo c’è la speranza di ‘arruolare’ giovanissimi volontari: sono centinaia, infatti, le persone coinvolte ogni anno nelle Processioni.

Trentamila iscritti in 40 anni

Sino ad ora ci pensava Mario Tettamanti, custode (oggi in pensione) all’istituto scolastico comunale nonché responsabile del Venerdì santo, che gli alunni andava a contattarli quasi uno ad uno. Da uomo della scuola sa bene che gli insegnanti sono un ‘gancio’ formidabile. «Le premesse fanno ben sperare – dice fiducioso –. In ogni caso in questi anni mi sono tolto delle belle soddisfazioni. Negli armadi, a testimoniarlo, vi sono 30mila nominativi di piccoli volontari reclutati in 40 anni. E fra loro – tiene a far sapere – anche quelli degli attuali docenti, di ex alunni adesso genitori, magari andati all’estero per lavoro, che, rientrati, iscrivono i loro figli, o ancora di bambini islamici, che anno dopo anno rinnovano la loro presenza, espressione di classi sempre più multietniche, approcciate con la giusta sensibilità». Perché alla fine le Processioni e i Trasparenti trasmettono cultura. «Il nostro patrimonio ci rende riconoscibili – osserva Nadia Lupi, direttrice dell’Organizzazione turistica regionale (Otr) –, e le Processioni restituiscono anche l’opportunità, non a caso, di fare del turismo intelligente e di qualità che lascia una traccia nel territorio».

‘Quando si lasciavano i lampioni erano sul prato’

«Proseguire l’enorme lavoro fatto in questi anni da Mario Tettamanti sarà, certo, difficilissimo – riconosce Ponti –: da un po’ ci interrogavamo su come poter sostituire una figura così importante, artefice, lui stesso, di una evoluzione nelle modalità di reclutamento dei volontari. Ma la società cambia e anche la tradizione gradualmente si trasforma». Sono lontani, insomma, i tempi in cui, come ricorda lo stesso presidente, bastava sistemare i lampioni sui cavalletti, lì nel prato di San Giovanni, e attendere che i partecipanti, per moto spontaneo, venissero a prenderli. Compenso: 50 centesimi per uno piccolo, 1 franco per uno grande. «Oggi – ribadisce – dobbiamo essere noi a proporci».

I Trasparenti e la matematica

E quali veicoli di diffusione migliori se non le guide a misura di ragazzi e il contatto diretto. Tutto, fa memoria Ponti, è nato dalla creazione di un Gruppo di lavoro legato alla scuola, deciso a rivolgersi ai bambini dalla materna alle medie superiori. E sempre in questo gremio si è sentita la necessità di realizzare una pubblicazione adatta agli allievi da i 3 ai 7 anni. Base ‘Racconto di una notte’ di Mauro Paolocci, Anna Rossi Bernardi e Sibilla Sassi hanno curato un’edizione per i piccoli. «L’idea dei docenti è stata quella di arricchire l’operato di Mario Tettamanti e di stimolare gli alunni della scuola dell’infanzia, avvicinandoli alla storia delle Processioni e dei Trasparenti», spiegano. Codice le illustrazioni, parole semplici e la mascotte dell’Otr Morsetta. «La speranza è che pure i più piccoli guardino con occhi diversi questa nostra tradizione». Il libretto sarà distribuito nelle classi dell’istituto cittadino e inviato, con il racconto originario e la guida firmata da Anastasia Gilardi, ai maestri delle sedi del Mendrisiotto e Basso Ceresio.

La Fondazione sta facendo breccia poi attraverso altri due progetti didattici. Il primo, destinato alle prime e quarte medie della Città, porta sui luoghi delle Processioni e apre le porte del Museo del Trasparente. Il secondo, grazie a un’intuizione di Tettamanti e Beatrice Poma, ha ideato la matematica dei Trasparenti. Si fa la conoscenza dei quadri luminosi, dalle forme diverse, calcolandone area e perimetro. L’entusiasmo per le Processioni fa anche questo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved