laRegione
Nuovo abbonamento
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Lugano
6 foto
Blocco serale alla Foce, ma non c'è nessuno
La spiaggia era già stata 'sgomberata'... dalla pioggia, ingente dispositivo di agenti della cantonale e di un'agenzia di sicurezza
Mendrisiotto
3 ore
Padre violento condannato. Ma 'chi sapeva non ha parlato’
Il giudice Amos Pagnamenta auspica che la posizione dei docenti informati sui maltrattamenti venga approfondita
Ticino
4 ore
Col lockdown più tele e meno radio. Radio3iii supera Rete Tre
L'assenza degli spostamenti in auto ha fatto calare il pubblico radiofonico. Vanetti, RadioTicino: 'Nel post pandemia impennata di pubblico'
Ticino
5 ore
Tutti i radar di settimana prossima
Spoiler: nelle valli dell'Alto Ticino, l'unico controllo sarà ad Airolo.
Mendrisiotto
5 ore
Al m.a.x. museo di sera. Lo spazio apre fuori orario
Da vedere a Chiasso la mostra dedicata ad Alberto Giacometti. Trieste invece ospita l'esposizione su Dudovich
Luganese
5 ore
'Una grande opportunità per la Val Mara'
I sindaci di Maroggia e Rovio sulla campagna per l'aggregazione nel Basso Ceresio: occhio al sito web
Mendrisiotto
5 ore
‘Ha ignobilmente infierito su moglie e figli’, 8 anni di carcere
Condannato il siriano a processo per tentato omicidio. Tre i casi riconosciuti dalla Corte delle Assise criminali
Ticino
6 ore
I derby di hockey tornano alla Rsi
La radiotelevisione pubblica trasmetterà le partite tra Hcap e Hcl per i prossimi due anni
Ticino
7 ore
Cliniche e ospedali attendono ancora il lavoro ridotto
L'allarme è stato lanciato dall'Associazione delle cliniche private ticinese. Senza copertura pubblica, si rischiano licenziamenti
Grigioni
7 ore
Ferrovia, riappare il miraggio della ‘Porta Alpina’
Anche l'investitore egiziano Samih Sawiris vorrebbe l'immediata costruzione della stazione sotterranea nel tunnel di base del San Gottardo
Ticino
7 ore
Si rinnovano anche le amministrazioni patriziali
In concomitanza con le elezioni comunali, domenica 18 aprile 2021 si terranno anche quelle dei patriziati
Ticino
7 ore
Oltre 14 milioni per la riqualifica dei corsi d'acqua
È l'ammontare totale dei crediti chiesti dal Consiglio di Stato al Gran Consiglio per opera da realizzare entro i prossimi cinque anni
Bellinzonese
8 ore
Bellinzona, 'incompleta la lista dei mandati diretti'
Con un'interpellanza bis, il Ppd esprime insoddisfazione e chiede che il documento pubblicato sul sito online della Città venga completato
Mendrisiotto
12.11.2019 - 07:300

Dal 2022 la stazione di Chiasso avrà vocazione 'regionale'

Le Ffs hanno pianificato tutto. I treni a lunga percorrenza non fermeranno più. Ma l'Astuti rivendica per il Distretto più collegamenti verso nord

In questi anni il Mendrisiotto della politica e della società civile ci ha provato in tutti i modi a fermare i treni internazionali a Chiasso. Si sono scritte missive; si sono raccolte firme (oltre 2’500 solo nel 2018). Ai tempi del Cisalpino – correva l’anno 2009 – si sono anche occupati i binari. Eppure non si è ottenuto molto, o comunque non a sufficienza agli occhi dei pendolari. Oggi, a distanza di tempo, il destino della stazione ferroviaria sembra essere ormai segnato, almeno come sosta dei convogli a lunga percorrenza. Sono le stesse Ferrovie federali a farci memoria di un accordo che riporta proprio a quel 2009; a sottoscriverlo le Ffs, appunto, «congiuntamente con il Cantone». La morale è presto fatta. Chiasso vedrà fermare gli Eurocity (a scopi commerciali e non tecnici) fino al cambio d’orario del dicembre 2021. Da quel momento, ci conferma il portavoce delle Ffs Patrick Walser, «la fermata sarà servita unicamente dal traffico regionale, in virtù del suo potenziamento in seguito all’apertura della galleria di base del Monte Ceneri a dicembre 2020».

L’Astuti, l’Associazione ticinese utenti dei trasporti pubblici, non smette quindi di essere preoccupata, ma non intende neppure demordere. Tant’è che il 2 ottobre scorso una sua delegazione ha incontrato (seppur in modo informale) i sindaci di Chiasso Bruno Arrigoni e di Mendrisio Samuele Cavadini. Un abboccamento preludio a una lettera recapitata la settimana scorsa ai due Municipi e alla Commissione regionale dei trasporti. Quella Crtm che, a sua volta, ci assicura il suo presidente Andrea Rigamonti, è determinata a tornare alla carica con le Ffs. L’appello dell’Astuti guidata da Fabio Canevascini è quasi accorato: rivendicare più collegamenti diretti tra i due poli del distretto e i centri d’Oltregottardo. Oggi, motiva l’Associazione, sono “limitati a pochi treni il mattino verso nord e la sera in direzione sud”. È vero, riconoscono gli utenti dei trasporti pubblici, qualche miglioria è stata apportata e dal dicembre 2020 gli Eurocity aumenteranno la cadenza (che sarà ogni ora). Ma le risposte fornite sin qui dalle Ferrovie, rilanciano, “non sono per nulla convincenti”. Ecco perché la politica, corrobora l’Astuti, non può lasciare certi problemi solo nelle mani dei tecnici.

L’impressione, esterna ancora l’Associazione, è che la scelta di mantenere il capolinea degli Intercity a Lugano “sia dettata essenzialmente da motivi di risparmio sul materiale rotabile e sul personale”. E d’altra parte, “non è chiaro se già nell’immediato futuro i treni Eurocity effettueranno a Chiasso una fermata commerciale o solo tecnica”. Le Ffs, in effetti, puntano dal 2022 a ridurre i tempi di percorrenza fra Zurigo e Milano a poco più di 3 ore. Un obiettivo che le nuove soluzioni tecnologiche – come non doversi più fermare al confine per commutare sistemi di alimentazione e di sicurezza dei convogli –, con l’arrivo dei treni Giruno, agevoleranno, rendendo, però, altresì più facile cancellare delle fermate intermedie. Non a caso i due sindaci non nascondono, l’uno (Arrigoni), di condividere le conclusioni di Astuti, l’altro (Cavadini) di aderire alle sue preoccupazioni. L’impegno degli esecutivi è preso: si discuterà della questione nelle prossime sedute. L’argomento è già nell’agenda pure della Crtm (che si riunirà a inizio dicembre). «Il tema è noto – ribadisce il presidente –. Siamo intervenuti con più di uno scritto all’indirizzo delle Ferrovie chiedendo di spiegarci certe scelte. Purtroppo le Ffs non hanno voluto, sinora, dare informazioni certe sui costi economici relativi al mantenimento in esercizio dei convogli Eurocity, attestati a Lugano ma che circolano vuoti (fuori servizio, ndr) fino a Melide e a Chiasso.

Tanto che abbiamo chiesto di aprire quelle corse ai passeggeri». Rigamonti non si capacita, poi, di come accorciare di 15 minuti la distanza fra Zurigo e Milano possa andare «a discapito di un agglomerato di circa 60mila abitanti (il secondo del cantone, ndr) come il Mendrisiotto e Basso Ceresio». Insomma, «una fermata a Chiasso non pregiudica l’obiettivo finale». Se no, rincara l’Astuti, non si capiscono gli investimenti riversati sulle stazioni di Chiasso e Mendrisio. O resteranno una “mera operazione di natura urbanistica”?

© Regiopress, All rights reserved