ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
2 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
2 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
3 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
3 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
4 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
4 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
5 ore

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
6 ore

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
6 ore

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
Bellinzonese
6 ore

Il Soccorso alpino fra i banchi delle Scuole Nord di Bellinzona

Un centinaio di allievi sono stati informati sul ruolo dei soccorritori, sull’attrezzatura che viene utilizzata e sui rischi degli sporti invernali
04.11.2019 - 06:20

Monte Generoso, una cremagliera per la vetta

Dopo 130 anni di attività, i 9 chilometri di rotaia verranno sostituiti. Stagione conclusa al ‘Fiore’, che ha registrato numeri ‘migliori del previsto’

di Stefano Lippmann
monte-generoso-una-cremagliera-per-la-vetta

Centotrent’anni di ‘lavoro’ instancabile. Quei 9 chilometri di cremagliera – da Capolago sino alla vetta del Generoso – hanno visto scorrere sopra di sé tanti, tantissimi convogli. E quindi, di riflesso, un numero enorme di turisti e di amanti della montagna. Dal 18 novembre, però, la cremagliera del 1890, poco per volta, andrà in pensione. Con un investimento da 22 milioni di franchi, infatti, Migros (grazie al Percento culturale) sostituirà il binario completo che conduce in vetta. All’incirca 2,2 chilometri all’anno per una scaletta che prevede, nel giro di quattro inverni (un quinto è di riserva nel caso il meteo facesse le bizze) il rifacimento della rotaia. E sabato, per suggellare l’importante progetto, il direttore della Ferrovia del Monte Generoso Lorenz Brügger, la vicedirettrice Samantha Martinelli, il capomovimento Massimo Bosisio e il sindaco di Mendrisio, Samuele Cavadini, hanno dato il primo simbolico colpo di zappa, interrando un pezzo della ‘vecchia’ cremagliera. Dopo i 25 milioni spesi per creare il Fiore di Pietra firmato Mario Botta, eccone ora altri 22 per giungere in vetta. E pensare che, se nel 1941, il fondatore di Migros Gottlieb Duttweiler non avesse acquistato la Ferrovia, quest’ultima sarebbe probabilmente stata smantellata. Il convincimento, dunque, è quello «di scrivere un’altra pagina della storia iniziata negli anni 40» ha commentato Brügger.

Una storia che ha portato la Ferrovia ad essere, oggi, «un fattore economico importante per il Mendrisiotto, anche per l’offerta turistica». Il direttore non esita a definirlo «un dono non solo al Mendrisiotto ma anche al Cantone e a tutta la Svizzera». D’altronde, gli ha fatto eco il sindaco di Mendrisio, «il Monte Generoso è un luogo molto amato da tutti gli abitanti della regione ed è splendido sapere che questi lavori permetteranno alle generazioni future di godere, ancora a lungo, della sua bellezza panoramica».

Una buona stagione (nonostante il meteo)

Il 18 novembre, come detto, cominceranno i lavori alla tratta. Questo fine settimana, invece, è terminata la stagione al Fiore di Pietra. Chiusi i battenti, sabato si è anche potuto stilare un bilancio dell’annata in vetta. Per Brügger, dati alla mano, «la stagione è andata benissimo. Molto meglio del previsto». Quella appena trascorsa, di fatto, è stata una «stagione molto ricca di esperienze, tanti test per capire cosa funziona e cosa no». Un periodo anche di analisi per prepararsi al meglio al prossimo anno che, per la Ferrovia e il ‘Fiore’, avrà inizio il 28 marzo. Proprio dai dati, un termine importante per stabilire la positività dell’esercizio, è stata l’affluenza. Inarrivabile, ovviamente, il numero di persone in vetta raggiunto due anni or sono, alla riapertura della vetta. Ma, rispetto al 2018, le cifre attestano una media giornaliera «del 5% superiore». Questo nonostante il tempo atmosferico abbia giocato la sua parte: «Ci sono stati diversi giorni brutti in corrispondenza delle festività, come ad esempio all’apertura, a Pasqua e a Pentecoste». A godere maggiormente della montagna sono i turisti della Svizzera interna (65-70%), poi i ticinesi (15%), gli svizzero romandi e gli italiani. Percentuali che daranno la linea guida, a livello di promozione, per i prossimi quattro anni: «Lavoreremo in primis sul mercato locale regionale, vale a dire Mendrisiotto e Ticino, senza dimenticare quello nazionale». Fuori dai confini elvetici «ci concentreremo ‘solo’, tra virgolette, su quello della Lombardia e della Germania del Sud». Il potenziale, di fatto, non manca.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved