(Ti-Press)
Mendrisiotto
22.06.2019 - 14:450
Aggiornamento : 23.06.2019 - 08:24

Casa anziani, a Coldrerio si inizia a scavare

Il centro del paese cambierà forma con l’edificazione del Quartiere intergenerazionale. Il sindaco Solcà: 'Sensazioni positive'

L’attesa è finita: a Coldrerio sono iniziati i lavori per l’edificazione del Quartiere intergenerazionale che ridisegnerà il centro del paese. Ultimati gli interventi preliminari, da inizio luglio si comincerà a fare sul serio. Venerdì prossimo, alla presenza del consigliere di Stato e direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa, ci sarà il primo simbolico colpo di pala. Come indicato dal CdS nel messaggio per la concessione del contributo a fondo perso di 11,9 milioni, poi stanziato dal Gran Consiglio, l’apertura è attesa entro il 2022. La tempistica da sempre indicata dal Municipio per l’avvio del cantiere – la tarda primavera – è quindi stata rispettata. «Le sensazioni sono estremamente positive, e non potrebbe essere altrimenti – spiega il sindaco di Coldrerio Corrado Solcà –. La delibera all’impresa di scavo è avvenuta nei tempi previsti e il 3 giugno la ditta è entrata nel cantiere per allestirlo e mettere in sicurezza l’area». Nelle ultime due settimane è già stata effettuata «una serie di operazioni che permetteranno al cantiere di entrare in opera». Tra queste anche «lavori preliminari di scavo e spostamento di tubazioni e del teleriscaldamento». Da settimana prossima, come detto, inizierà lo scavo che, come precisa il sindaco di Coldrerio, «permetterà di svolgere nel corso dell’estate la gran parte dello spostamento di terra di modo che da settembre, alla ripresa delle scuole, ci sarà un movimento minimo di camion sulla strada che scende verso Coldrerio». Dopo il centro polivalente, nei mesi scorsi è stato demolito anche il magazzino comunale. «Gli operai si sono trasferiti nel nuovo magazzino presso l’Azienda cantonale dei rifiuti – continua Solcà –. Questo intervento terminerà a fine anno con l’allestimento esterno di un centro raccolta di rifiuti riciclabili».

La prima parte in parallelo

Il Quartiere intergenerazionale ospiterà come noto la casa anziani con 79 posti letto, il centro polivalente e la palazzina di appartamenti a misura d’anziano finanziata dalla Fondazione Croci. «La prima parte dell’opera, la parte sotterranea, crescerà insieme – anticipa Solcà –. Il concorso per le opere da capomastro è unico, ma con possibilità di affidare le opere dai due committenti, così da poter ragionare con un’unica ditta». Il cantiere per gli otto appartamenti della Fondazione Croci procederà invece separato. «Dovremmo partire a breve dato che abbiamo sia il progetto architettonico che la licenza edilizia – specifica il sindaco –. Il Consiglio di fondazione valuterà se affidarsi a determinate ditte già incaricate da Municipio e Fondazione San Rocco». Con ogni probabilità gli appartamenti potranno essere affittati prima dell’apertura degli altri due edifici. Dopo anni di attesa, il conto alla rovescia è ufficialmente iniziato. «Il cantiere è importante, potrà creare qualche fastidio e ci sarà qualcuno che avrà qualche mal di pancia, ma è comprensibile – ammette il sindaco –. Ci vorrà un po’ di tolleranza: la popolazione si informa perché ha a cuore lo sviluppo di questo quartiere e anche le ultime parentesi, legate per esempio alla cucina della scuola dell’infanzia, vanno messe da parte». Non resta quindi che aspettare il nuovo volto del centro civico di Coldrerio. «I crediti ci sono e i presupposti per il loro rispetto pure: le aperture dei primi bandi dimostrano che i prezzi allestiti a preventivo sono adeguati – conclude Corrado Solcà –. Vedremo se con lo scavo emergeranno difficoltà legate alla presenza, comunque già nota alla direzione lavori e alla ditta appaltatrice, di acqua».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved