a-chiasso-la-villa-liberty-sara-bene-protetto
La villa liberty di via Alighieri a Chiasso (Foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

Nell’ex Arsenale di Biasca un maxi deposito d’arte

Il Municipio conferma le valutazioni fatte con gli specialisti e chiede al Cc il credito di progettazione per un Centro di competenza pubblico-privato
Grigioni
4 ore

Ferme alcuni giorni le due teleferiche della Calanca

Lavori di manutenzione a inizio luglio per gli impianti Selma-Landarenca e Arvigo-Braggio
Mendrisiotto
4 ore

Un Centro di competenze per reagire ai cambiamenti climatici

La Supsi dà vita a una unità di lavoro che farà leva sulle conoscenze della Scuola e l’intesa con enti pubblici e privati
Bellinzonese
4 ore

Serata mondana per la classe 1962 di Bellinzona

Il 15 giugno alla capanna dei canoisti si mangia, si beve e si danza
Luganese
4 ore

‘Troppi indizi’, due rapinatori condannati alle Criminali

Gli imputati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere sul tentato colpo alla Raiffeisen di Monteggio del 2016 e sulla rapina a un distributore
Grigioni
4 ore

Altri tagli alla casa anziani Mater Christi di Grono

Personale: dopo i 5 del gennaio 2021, se ne aggiungono ora 4 e mezzo. I letti occupati rimangono 35 su 50. Parla il nuovo presidente Mantovani
Mendrisiotto
4 ore

Mountain bike sul San Giorgio? Stan e Pro Natura pedalano contro

Le due associazioni hanno deciso di ricorrere contro l’autorizzazione municipale alla trasformazione di 36 km di sentieri in piste per Mtb
Luganese
5 ore

Rissa in centro Lugano, 22enne autore e vittima: condannato

Il giovane, accoltellato da un coetaneo tre anni fa, ha chiesto l’assoluzione. La Corte ha confermato il decreto d’accusa, pur dimezzando la pena
Bellinzonese
6 ore

Tassa rifiuti più salata a Bellinzona: ‘La legge è legge’

Il Municipio risponde alle critiche della Lega che in un’interpellanza chiedeva se fosse il momento giusto per applicare il balzello
Bellinzonese
6 ore

In colonna di buon mattino per il ponte dell’Ascensione

Ancora prima di mezzogiorno la colonna al portale nord della galleria del San Gottardo ha toccato i 9 km. Controesodo da domenica pomeriggio
Luganese
7 ore

Carona, si rovescia con la ruspa e finisce in una scarpata

Il 45enne alla guida del mezzo ha riportato ferite serie. Non sono chiare le cause dell’incidente.
06.04.2019 - 14:35

A Chiasso la villa liberty sarà bene protetto

Il Municipio è intenzionato a inserire la residenza tra gli stabili degni di attenzione. La variante di Piano regolatore arriverà entro l'estate

di Daniela Carugati

A Chiasso è bastato allungare l’ombra delle ruspe su villa Camponovo per mobilitare la politica e far parlare la piazza. Il rischio di veder demolire la residenza liberty, in effetti, è reale. Come lo è il progetto di complesso abitativo recapitato in Comune. A spegnere motori (dei macchinari) e ambizioni (dei promotori) vi è, però, una decisione del Municipio cittadino. L’edificio, costruito nel 1927 e affacciato su via Alighieri – a due passi da Cinema Teatro e m.a.x.museo –, sarà inserito nel catalogo dei beni culturali di interesse locale. Solo l’ente comunale, in effetti, ha questo potere. A farlo capire, e senza tante perifrasi, è stato il Consiglio di Stato (CdS). Occorre, insomma, un intervento del Comune. Anche perché a livello cantonale, chiarisce il governo rispondendo agli interrogativi del Ppd – primo firmatario il deputato Giorgio Fonio –, lo stabile non gode di protezione. A fare la differenza a Chiasso sarà, dunque, lo strumento del Piano regolatore (Pr): in cantiere, infatti, c’è una variante pianificatoria. «Ci stiamo lavorando dall’anno scorso – conferma il capodicastero Pianificazione Davide Lurati –. E per quanto riguarda villa Camponovo, l’intenzione dell’esecutivo è quella di includerla tra i beni locali degni di tutela». Un orientamento che dà modo di rassicurare i chiassesi e reagisce, altresì, alle richieste a cui ha dato voce pure una mozione interpartitica consegnata a Palazzo civico. «La variante in fase di allestimento – spiega ancora Lurati – avrà in sé l’aggiornamento di tutti gli edifici di pregio che rientrano sotto il cappello dei beni locali. A che punto siamo? Direi a tre quarti dell’opera. Riusciremo a ultimare il documento definitivo entro l’estate, quindi la prima parte del 2019». La procedura, fa capire il municipale, risulta essere complessa, i criteri in campo diversi. In ogni caso la decisione è presa. Resta aperto, invece, il dossier presentato dai promotori immobiliari. Nei loro progetti, lì al posto della magione liberty, continua a esserci una struttura di sette piani, 24 appartamenti e 42 posti auto. Il responso sulla domanda di costruzione?, chiediamo a Lurati. «Sul progetto non ci siamo ancora pronunciati», ci dice. Nell’iter non si potrà non tenere in considerazione il parere degli specialisti. Lo stesso Cantone definisce la villa progettata da Euticchio Butti “un buon esempio di architettura eclettica, caratterizzato da elementi architettonici e decorativi neorinascimentali e neobarocchi”. Virtù che, per la Legge sulla protezione dei beni culturali, non sono state sufficienti a garantirle una tutela cantonale. Questo non ha impedito di ritagliare per questa abitazione un posto nel censimento dei beni culturali e di dedicarle una scheda. Non a caso l’Isos, Inventario federale degli insediamenti svizzeri da proteggere d’importanza nazionale, come hanno ricordato anche i granconsiglieri del Ppd, la considera “un oggetto particolare da conservare integralmente”. Ora, informa il CdS, giusto due anni orsono l’Ufficio beni culturali ha consegnato il censimento alle autorità chiassesi, mettendo nelle loro mani “lo strumento indispensabile per l’individuazione dei beni immobili di cui valutare la protezione”. E il Municipio ha avviato una riflessione sulla variante di Pr. Se è vero, ribadisce il governo, che lo Stato può agire in favore di beni non protetti che corrono un pericolo; è altresì un dato di fatto che “spetta al Municipio chiedere al Consiglio di Stato l’adozione di misure provvisionali, dal momento – si insiste – che la decisione di istituire formalmente la protezione dei beni locali – così come, in altri casi, di una zona di pianificazione, ndr – compete agli organi comunali”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved